Vocabolario Le parole dei mondi più grandi

Vocabolario. Le parole dei mondi più grandi. Il modo più semplice di cambiare il mondo è scoprire il vero senso delle parole con cui ne parli. Ciò vale sia per il mondo concreto, sia – ancor di più – per l’Aldilà: per le dimensioni della mente, dell’anima, dei desideri e delle possibilità ancora da sco-prire. In questo Vocabolario, appassionante come un romanzo, ogni parola diventa come la lampada di Aladino: sprigiona novità, rivelazioni, poteri

«Tutto ciò che sappiamo può essere superato, se ne abbiamo il coraggio»: su questo principio, Igor Sibaldi fonda la sua nuova psicologia, in cui il meraviglioso, il prodi-gioso non viene escluso come «non-scientifico», e diventa invece il principale crite-rio per la scoperta e l’analisi della nostra realtà quotidiana.

Di questa nuova psicolo-gia, Sibaldi dà nel Vocabolario l’esposizione più completa, le chiavi del sistema


Estratto da Vocabolario di Igor Sibaldi

Chiedete e vi sarà dato…

Igor Sibaldi ci parla del “chiedere” e di come imparare a farlo (non tutti hanno il coraggio necessario per chiedere quel che va chiesto) e ci descrive la sua famosa tecnica dei “101 desideri”. Estratto dal suo libro Vocabolario (per gentile concessione di Anima Edizioni).

«Chiedete e vi sarà dato», raccomandano i Vangeli: cioè, se non chiedete non vi sarà dato nulla.

Occorre il CORAGGIO di chiedere, e non è da tutti: chiedere significa infatti accorgerci che ci manca qualcosa, che in qualcosa non siamo ancora riusciti (desiderare, in latino, significava appunto «non disporre ancora di astri – sidera – favorevoli a qualche nostro scopo») e che la vita come la stiamo vivendo ora non ci basta; non conosco molte persone capaci di ammettere di trovarsi in una situazione del genere e di spiegarsi chiaramente perché, così da poter appunto individuare, chiedere e ottenere ciò che davvero potrebbe migliorarla.

Chiedete e vi sarà dato

Alcuni di quelli che «stanno bene così come stanno» adducono ragioni religiose o moralistiche, a giustificazione del proprio non-chiedere: per esempio, «bisogna accontentarsi di quel che si ha», «chiedere è da egoisti», ecc. In tal modo, tuttavia, non fanno che confessare il proprio egoismo: in primo luogo, perché escludono stranamente che si possa chiedere non per proprio immediato vantaggio ma per il bene altrui; in secondo luogo, perché nulla è più egoista del sentirsi soddisfatti del presente in un mondo tanto orribile e ingiusto come quello in cui viviamo. Viceversa, si ricordi: «Beato chi ha fame e sete di giustizia…E guai a voi che ora siete sazi» (Luca 6,21.25).

Per chiedere è inoltre necessaria una considerevole dose di immaginazione e di sincerità – qualità queste di cui un egoista è solitamente sprovvisto.

Raccomando in proposito il seguente passo di Giacomo (II sec. d.C.):

Da che cosa derivano i conflitti che ci sono in voi? Non vengono forse dai desideri che combattono gli uni contro gli altri, nel chiuso dei vostri corpi? Voi bramate di possedere, ma non ne siete capaci: ed è allora che vi viene voglia di uccidere; invidiate e non siete capaci di ottenere quel che invidiate: ed è allora che sorgono i conflitti. Ma voi non avete perché non chiedete; e se chiedete e non ottenete, è perché chiedete male. (Lettera di Giacomo, 4,1)

Da notare che per «chiedere male» non si intende affatto chiedere l’impossibile: anzi, chiedere di veder realizzato un nostro autentico desiderio che ci sembra del tutto impossibile è non soltanto una splendida avventura spirituale e pratica al tempo stesso, ma sembra esser stato addirittura la regola per Gesù, il quale esortava a chiedere appunto cose irreali – come far sì che un albero o un monte si spostassero – proprio per verificare di persona che «ciò che è impossibile per gli uomini, è possibile con Dio» (Luca 18,27).

Per sviluppare le facoltà necessarie al chiedere, consiglio in alcuni miei libri di sperimentare la «tecnica dei 101 desideri», un esercizio di meditazione orientale che trovai accennato nel volume The Aladdin Factor di Jack Canfield (Chicago 1995) e che ho poi sviluppato per mio conto. È una procedura molto semplice da spiegare, ma che richiede pazienza e notevole CORAGGIO per venire attuata. Si tratta di scrivere dapprima centocinquanta desideri che rispettino le seguenti regole:

  1.  la formula giusta è «Io voglio…»;
  2. non scrivere né la parola «non» né alcuna negazione (evitare, per esempio, le parole «intatto» o «incolume», che sono negazioni);
  3. ogni desiderio può avere al massimo 14 parole, cioè non può durare più di una singola emissione di fiato (se lo si scrive in italiano, s’intende; in inglese o francese avrebbe più parole, in russo o in tedesco meno);
  4. vanno chiesti soltanto obiettivi, e non i mezzi per raggiungerli (cioè non si possono chiedere SOLDI, in alcuna forma);
  5. vanno evitati i paragoni: per esempio «voglio essere famosa come la tale»;
  6. vanno esclusi i desideri seriali: per esempio la serie «voglio un appartamento a Berlino», «voglio un appartamento a Madrid», «voglio un appartamento a Parigi» ecc.;
  7. vanno scritti solo desideri il cui esaudimento sia precisamente verificabile – e dunque non desideri del tipo «voglio essere felice» o «voglio essere molto ricco» (felice in che senso? Molto ricco quanto?);
  8. vanno evitati diminutivi o vezzeggiativi: ciascun desiderio deve essere descritto nella forma più oggettiva, più netta possibile;
  9. non si possono esprimere desideri per conto altrui: troppo facile! Se si vuol giovare ad altri, occorre assumersi la responsabilità e le spese energetiche del giovamento: per esempio, non «Io voglio che mio zio torni a essere sano» ma «Io voglio fare in modo che mio zio torni a essere sano» (nel primo caso, si tratterebbe infatti non di un desiderio ma di un comando, a cui il suddetto zio dovrà obbedire);
  10. è bene evitare di chiedere storie d’amore o di sesso con persone precise, o legami eterni con qualcuno – anche perché ci si potrebbe pentire, poi, d’averlo chiesto.

Una volta ultimati i centocinquanta desideri – operazione che solitamente richiede diversi mesi – ne vanno scelti centouno: li si trascrive su un apposito quaderno, li si rilegge una volta al giorno per un anno intero e, quando uno di essi si realizza, lo si sostituisce con uno dei quarantanove rimasti sul quaderno di brutta, o con un altro desiderio che si sia riusciti a formulare nel frattempo.

Il risultato di questa tecnica è davvero prodigioso, sia per il numero di desideri che si realizzeranno nell’arco del primo anno (e inevitabilmente si rimpiangerà di non aver chiesto cose più audaci), sia per le trasformazioni che si producono nell’animo e nel rapporto con la realtà già durante l’iniziale compilazione dei centocinquanta desideri. Si destano infatti emozioni di cui avevamo perduto il ricordo: antiche e vivaci curiosità, antichi e magnifici sogni, talenti, speranze; si alimenta una straordinaria fiducia nel mondo e nell’universo; si ritrova il gusto di camminare per strada domandandosi «Mi piace questo?

E quest’altro? Lo vorrei per me? Ha un futuro per me?» proprio come lo potrebbe pensare un bambino. Tutto ciò che ci circonda comincia ad assomigliare a una promessa di felicità, che chiede di essere considerata e accolta. Estratto da Vocabolario di Igor Sibaldi. Copyright © Anima Edizioni. Milano, 2009. Tratto da nonsoloanima.tv

Nota: Le parole in maiuscolo sono approfondite nelle altre sezioni del libro Vocabolario di Igor Sibaldi, Anima Edizioni.


Igor Sibaldi presenta il suo libro “Vocabolario, Le Parole dei Mondi più Grandi

Vocabolario
Le parole dei mondi più grandi

Voto medio su 11 recensioni: Da non perdere

Ordina su Il Giardino dei Libri

Introduzione alla tecnica dei 101 desideri – Igor Sibaldi

Il Mondo dei Desideri 


Per approfondire…

Metodo dei 101 desideri. E’ un metodo che permette di cambiare, con leggerezza e dolcezza, la propria visione del mondo. Ogni istante della nostra vita ci troviamo di fronte ad un fiume di occasioni che non siamo abituati a vedere, perchè guardiamo verso il basso (per evitare i problemi). A fare questo riusciamo molto bene, ma nel frattempo ci perdiamo le occasioni che erano state fatte per noi, ma che pensiamo di non meritarci. Questo metodo permette di continua a leggere.. »

( Spiegazione completa) di Igor Sibaldi » Tecnica dei 101 Desideri

Oltre i 101 desideri – Il seminario sul più potente strumento di autoanalisi e riprogrammazione Igor Sibaldi “Desiderare è una parola coraggiosa” Molti di noi vivono con l’ansia di trovare qualcosa di indefinito, nell’impazienza di un’occasione mai arrivata


Leggi anche…

Vocabolario: Soldi – Il denaro è un aspetto fondamentale e controverso della nostra società, ma è anche una chiave per imparare a dare il giusto valore alle cose… indipendentemente da esso.  continua a leggere.. »

Vocabolario: Altri – Il testo che Igor Sibaldi dedica alle “parole dei mondi più grandi”. Qui un estratto, dedicato al termine ALTRI. continua a leggere.. »

A chi ha sarà dato – Le leggi dell’abbondanza in tempo di crisi” “Chiunque ha qualcosa in mano riceverà di più, e chiunque non ha nulla sarà privato anche del poco che ha. E’ importante capire questi concetti per attirare l’abbondanza nella propria vita. Gesù già a suo tempo ci parlava di legge d’attrazione con semplici parabole ed esempi.  continua a leggere.. »


Articoli correlati…

Il Libro dei Desideri – 7 regole d’oro per trasformare i sogni in realtà

Il Mondo dei Desideri – 101 progetti di libertà. Ti parlerò dei desideri, ma tu, per favore, dammi torto. Ti dimostrerò che senza desiderio non si vive, si finge soltanto di vivere, e che la maggior parte delle persone non lo sa, o l’ha dimenticato. Ma tu convincimi che non è vero.

Lascia il tuo commento:
Precedente Guarire la Presbiopia con il Metodo Bates Successivo Aura - Sviluppa il tuo potenziale energetico e ottieni Salute, Forza, Protezione