Viaggio a Ixtlan

Viaggio a Ixtlan Le lezioni di don Juan

Scegliamo una sola volta. Scegliamo o di essere guerrieri oppure di essere uomini comuni.

Una seconda scelta non esiste. Non su questa terra.

Finalmente viene ristampato un libro attesissimo da anni e che migliaia di persone attendevano.

Viaggio a Ixtlan è il capitolo finale della trilogia dedicata agli insegnamenti di don Juan Matas, l’indio yaqui che ha svelato a Castaneda i misteri della sua antica cultura. Un racconto illuminante, che ci permette di ripercorrere l’ultimo apprendistato dell’autore: il viaggio destinato a portarlo – attraverso lezioni, esercizi corporali e spirituali, prove, visioni – a percepire finalmente l’universo quale è, senza il filtro delle convenzioni.

“La produzione di Castaneda ha un’indiscutibile qualità letteraria: è piena di poesia, magia e bellezza. E i suoi libri hanno grandemente superato la categoria del bestseller” – la Repubblica

Viaggio a Ixtlan è il terzo libro in cui Castaneda racconta la sua iniziazione ai misteri dello sciamanesimo messicano, grazie a don Juan.

In questo libro si precisano e si sviluppano temi chiave come il vedere dello sciamano, tanto più profondo del guardare quotidiano; o, condizione necessaria per vedere, la capacità di fermare il mondo, di interrompere, cioè, il flusso di immagine che costituisce la nostra ordinaria interpretazione delle cose; o, ancora, il potere che consente all’iniziato di controllare il mondo nelle sue manifestazioni più profonde.


Ogni strada è soltanto una tra un milione di strade possibili. Perciò dovrai sempre tenere presente che una via è soltanto una via. Se senti di non doverla seguire, non sentirti obbligato a farlo in nessun caso. Ogni via è soltanto una via. Non è un affronto a te stesso o ad altri abbandonarla, se è questo che ti suggerisce il cuore. Ma la decisione di continuare per quella strada, o di lasciarla, non deve essere provocata dalla paura o dall’ambizione. Ti avverto: osserva ogni strada attentamente e con calma. Prova a percorrerla tutte le volte che lo ritieni necessario. Poi rivolgi una domanda a te stesso, e soltanto a te stesso. Questa strada ha un cuore? Tutte le strade sono eguali. Non conducono in nessun posto. Ci sono vie che passano attraverso la boscaglia, o sotto la boscaglia. Questa strada ha un cuore? E’ l’unico interrogativo che conta. Se ce l’ha è una buona strada. Se non ce l’ha, è da scartare. (Carlos Castaneda)

Viaggio a Ixtlan
Le lezioni di don Juan

Voto medio su 18 recensioni: Da non perdere

Articoli correlati….

L’Isola del Tonal –  Il sapere degli stregoni, il corpo, la mente

Gli Insegnamenti di Don Juan – Liberare la mente per scoprire se stessi

Lascia il tuo commento:
Precedente Riprogramma la tua Mente Successivo Affermazioni - Affermazione di Fede