Povera ma Bella

Povera ma Bella La scuola fabbrica di futuro.

Studente inglese di 15 anni che ha manifestato a Londra contro l’aumento delle tasse il 10 novembre 2010 manda a quel paese l’establishment: Siamo la generazione che resiste e daremo battaglia.

Povera ma Bella. La scuola fabbrica di futuro. Nel primo decennio del Ventunesimo secolo la scuola del nostro Paese è stata progressivamente smantellata nei suoi tre pilastri portanti da un Governo neoliberista e populista.

Via la scuola democratica per dare palcoscenico a una scuola meritocratica: non più il diritto di tutti all’istruzione, ma l’ingresso di selettive logiche di mercato; via la scuola che libera il pensiero plurale (tramite la lettura, la scrittura, la parola, l’arte) per dare palcoscenico a una scuola inginocchiata all’altare dell’incultura mediatica: i quiz spacciati per cultura; via la scuola della cooperazione per dare palcoscenico a una scuola della competitività: una sorta di terra bruciata dove non cresce più la pianta del dialogo, dell’amicizia e della solidarietà.

Di fronte a questo scenario di macerie istituzionali e curricolari, il volume suggerisce agli insegnanti la bussola per ritrovare, con gli studenti, i genitori, gli enti locali, i sindacati, il privato sociale, la scuola che c’era e ora non c’è più! Una scuola italiana «medagliata» all’alba del Duemila dall’Unione europea.

Anzitutto, per il suo nobile modello pedagogico dove alla sua rotonda stanno un’infanzia e un’adolescenza libere di pensare con la propria testa e di sognare con il proprio cuore.

Poi, per il suo innovativo modello didattico dove alla sua rotonda stanno la conoscenza e la relazione: l’apertura all’ambiente, l’inclusione-integrazione delle diversità, l’alternanza classe-interclasse, la pratica della ricerca e del lavoro di gruppo e l’identità di comunità educante.

Povera ma Bella
La scuola fabbrica di futuro
Ordina su Il Giardino dei Libri

Un’altra Scuola è Possibile? –  Percorsi, esperienze e prospettive educative verso percorsi scolastici in ascolto dei bambini

Partendo dall’esperienza personale di insegnante, l’autrice fa un quadro chiaro e spietato delle carenze presenti nella scuola italiana, denunciando le lacune e gli abbandoni di cui la scuola e le istituzioni devono rispondere!

Sulla base di una critica alla scuola convenzionale, il libro intende offrire un ventaglio di proposte alternative, prospettando per ciascuna sia gli assunti teorici sia le effettive realizzazioni.

Da Rudolf Steiner a don Lorenzo Milani, da Maria Montessori a Mario Lodi fino all’istruzione famigliare, ogni capitolo prende in esame una visione pedagogica e ne presenta la relativa traduzione pratica.

È così offerto un panorama di scelte possibili a chi stenta a riconoscere nei sistemi scolastici convenzionali una risposta adeguata ai reali bisogni di apprendimento, crescita e sviluppo di ciascun bambino.

Un'altra Scuola è Possibile?
Percorsi, esperienze e prospettive educative verso percorsi scolastici in ascolto dei bambini
Ordina su Il Giardino dei Libri

Corsi di Lingue Straniere. 

Corsi di Lingue Straniere Amazon 

Lascia il tuo commento:
Precedente The Deeper Secret - Il Segreto più Profondo Successivo Spirited