Crea sito

Sviluppare un’immagine positiva di se stessi

Sviluppare un’immagine positiva di se stessi.

I rapporti e le interazioni con gli altri sono fondamentali per condurre un’esistenza appagante, ma la priorità assoluta è avere una buona relazione con noi stessi.

Senza autostima, non abbiamo la minima possibilità di proiettare un’immagine credibile di noi ed essere qualcuno che gli altri vorrebbero conoscere. Creare un’immagine positiva e offrirla al mondo è al primo posto nell’ordine del giorno per il successo e la felicità.

L’amore per noi stessi

“Ama il tuo prossimo come te stesso.” Questo comandamento o altri simili sono stati enunciati nell’Antico e nel Nuovo Testamento e, nel corso dei secoli, negli scritti e nelle dottrine della maggior parte delle religioni e delle filosofie.

Tuttavia, i sermoni e i dibattiti su questo principio quasi sempre ruotano intorno alle prime quattro parole in esso contenute: si concentrano sul modo in cui trattiamo gli altri, dando per scontato l’amore per noi stessi.

Sfortunatamente, non sempre è così: ci sono troppe persone che non si vogliono bene, che sono scontente del loro aspetto esteriore, della loro personalità, delle loro capacità e di tantissimi aspetti della loro vita.

Per condurre un’esistenza soddisfacente e gratificante, dobbiamo innanzitutto imparare ad amarci davvero: è il primo gradino sulla scala che conduce alla felicità.

Amare noi stessi, però, non significa essere egocentrici: al contrario, è la base di partenza per determinare il modo in cui ci relazioniamo con tutte le persone con cui entriamo in contatto nella vita. L’amor proprio conduce alla fiducia in se stessi, all’autostima e a un’immagine positiva da trasmettere agli altri. Amarci, insomma, ci consente di amare gli altri.

Nell’antichità, il filosofo ebreo Hillel il Vecchio sintetizzò così tale concetto: “Se io non sono per me, chi è per me? E se io sono solo per me stesso, che cosa sono?”

Amarsi aiuta a sviluppare e a mantenere la fiducia in se stessi. Per ottenerla sono necessari i seguenti elementi.

Imparare ad accettarsi

L’accettazione di sé deriva dalla capacità di accettarsi come esseri umani concentrandosi sui propri lati positivi: i nostri punti di forza, le qualità positive e le caratteristiche che fanno di noi ciò che siamo. Quando ci concentriamo su questi aspetti, sia la fiducia sia l’autostima ne subiscono un’influenza positiva. Tantissime persone si concentrano sulle proprie debolezze invece che sui propri punti di forza, ed è un atteggiamento più dannoso che proficuo. Dobbiamo aiutare noi stessi e gli altri a porre l’attenzione sulle qualità positive che ognuno di noi possiede.

Il rispetto per se stessi

La chiave per sviluppare il rispetto per se stessi è concentrarsi sui successi e i risultati passati e rispettarsi per le cose che abbiamo fatto bene. È assai più facile rimuginare sui fallimenti, che del resto gli altri non vedono l’ora di farci notare. Quando passiamo del tempo a contemplare le nostre vittorie, cambiamo prospettiva e fortifichiamo la fiducia in noi stessi.

Un esercizio prezioso da eseguire consiste nel creare un Inventario dei Successi, ovvero una lista degli obiettivi e dei traguardi che abbiamo raggiunto nel corso della nostra vita. All’inizio può risultare difficile stendere una lista, ma insistendo riusciremo ad allungare l’elenco e a rafforzare la nostra autostima.

Procuriamoci un raccoglitore e riempiamolo con le testimonianze dei nostri successi: potremo metterci lettere di insegnanti che elogiano i nostri compiti, relazioni dei nostri datori di lavoro sulla dedizione mostrata verso l’azienda, e-mail di clienti che esprimono gratitudine per l’ottimo servizio ricevuto, lettere di ringraziamento da parte di organizzazioni non profit a cui abbiamo dato un contributo in termini di tempo e impegno, e altri documenti simili. Inoltre, elenchiamo i traguardi e le azioni di cui andiamo particolarmente fieri.

Quando ci sentiamo giù di corda o inadeguati rispetto a una situazione che stiamo vivendo, possiamo andare a rileggerci questo schedario per ricordarci che abbiamo già raggiunto dei successi in passato e possiamo tornare a raggiungerli.

Il dialogo interiore costruttivo Tutti ci dedichiamo al “dialogo interiore”: sono le cose che ripetiamo nella nostra mente. Arricchendo questo discorso con noi stessi con gli elementi appena menzionati, daremo vita a un dialogo interiore costruttivo supportato dai fatti, un ragionamento in grado di superare il più severo degli esami.

Più la dimostrazione/prova è solida e persuasiva, più il messaggio sarà credibile e potente. Questo dialogo interiore costruttivo è uno strumento utile per riprendere il controllo dell’unica cosa su cui lo abbiamo davvero: il pensiero.

Assumersi i rischi

La fiducia in se stessi si costruisce anche con la disponibilità ad assumersi dei rischi. Le nuove esperienze possono essere delle opportunità per imparare piuttosto che delle occasioni per vincere o perdere. È una prospettiva che ci apre nuove possibilità e sviluppa l’autostima, mentre un atteggiamento opposto può inibire la crescita personale e rafforzare l’errata convinzione che una novità sia un’occasione per fallire.

Certe persone non rischiano mai. Giocano ogni volta sul sicuro. Probabilmente saranno sempre dei giocatori mediocri e non otterranno mai un vero successo. Senza correre il rischio che qualcosa in cui hanno creduto non funzioni, eviteranno l’“agonia della sconfitta”, ma non sperimenteranno mai il “brivido della vittoria”.

La tartaruga è una fortezza in carne e ossa, un guscio resistente la protegge da tutti i mali. Tuttavia, se vuole muoversi, deve tirare fuori la testa e il collo dal carapace ed esporsi ai pericoli esterni. Anche noi, come la tartaruga, se vogliamo proseguire non possiamo sempre proteggerci sotto una corazza perfetta, ma dobbiamo tirare fuori il collo per andare avanti.

Assumersi dei rischi non significa essere temerari. Le persone ragionevoli assumono rischi ragionevoli, ma, per definizione, quando c’è un rischio le cose possono andare storte. I manager di successo corrono dei rischi ogni volta che prendono una decisione. Prima di decidere, massimizzano le loro possibilità di riuscita con ricerche e analisi scrupolose. Ma alla fine, quando è il momento di fare una scelta, devono essere disposti a rischiare denaro, tempo, energie e coinvolgimento emotivo. Senza rischio, non c’è possibilità di guadagno. Cogliendo le occasioni, anche se il risultato non è quello che ci aspettavamo, mostriamo sia agli altri sia a noi stessi che abbiamo fiducia nelle nostre capacità.

Aspettarsi il meglio

Non esiste abitudine più edificante di avere un atteggiamento ottimistico, di credere che le cose andranno bene e non male, che avremo successo e non falliremo. Non importa cosa può succedere: affrontando le cose in questo modo saremo felici.

Nel costruire la fiducia in noi stessi, non c’è niente di più utile che portare avanti questo atteggiamento ottimista e fiducioso – un atteggiamento che cerca e si aspetta sempre il meglio, il massimo, la felicità, e non ci permette mai di lasciarci andare a uno stato d’animo pessimista e negativo.

Dobbiamo credere con tutto il cuore che faremo ciò per cui siamo fatti. Non dobbiamo dubitarne nemmeno per un istante e accogliere solo “pensieri amici”, immaginare quello che siamo determinati a raggiungere. Dobbiamo respingere tutti i “pensieri nemici”, gli stati d’animo negativi, tutto ciò che potrebbe implicare fallimento e infelicità.

Non importa che cosa cerchiamo di fare o di essere, purché assumiamo sempre un atteggiamento ottimistico, di attesa e di speranza che ci metta sulla buona strada per crescere in tutti i nostri aspetti e migliorarci costantemente.

Le Dieci Regole per una Vita Gratificante

Dale Carnegie 

A volte VIP, amici, colleghi o conoscenti ti sembrano esseri cosi diversi da noi: sono fortunati, con una vita ritta e piena, brillanti, allegri e affascinanti. A volte quando li vediamo ottenere dei risultati, condurre una… Più informazione su Le Dieci Regole per una Vita Gratificante

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Lascia il tuo commento:
CHIUDI
CHIUDI
shares
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On InstagramVisit Us On Youtube