Crea sito

Spiritismo

Spiritismo – Lo spiritismo è una dottrina filosofica apparsa nel 1857 in Francia, codificata da Allan Kardec (pseudonimo del pedagogista francese Hippolyte Léon Denizard Rivail) all’interno di cinque libri: Il libro degli Spiriti, Il libro dei medium, Il Vangelo secondo gli Spiriti, Il Cielo e l’Inferno e La Genesi, Il termine “spiritismo” fu adottato per evidenziare i nuovi postulati rispetto alle altre visioni spiritualiste della vita. Nelle sue ricerche egli osservò una serie di fenomeni e formulò l’ipotesi che tali fenomeni potessero essere attribuiti solamente a intelligenze incorporee (spiriti).

Le comunicazioni spiritiche avverrebbero “grazie all’intervento di un medium”, ossia una persona con particolari doti che fungerebbe da mediatore fra spiriti e viventi, durante la cosiddetta seduta spiritica.

Salone parigino con tavolini girevoli (tables tournantes), la pratica spiritica più nota, dalla rivista L’Illustration nel 1853

Tables tournantes 1853

La sua ipotesi di comunicazione con gli spiriti fu inoltre oggetto di studio da parte di alcuni istituti privati di ricerca parapsicologica[1] che hanno studiato tali fenomeni e che ne continuano le ricerche tuttora in vari paesi del mondo. La sua opera fu successivamente proseguita da Leon Denis, Sir Arthur Conan Doyle, Ernesto Bozzano, Chico Xavier, Divaldo Pereira Franco, Raul Teixeira, Emídio Brasileiro, Aleksandr Nikolaevič Aksakov e altri. Lo Spiritismo ha decine di milioni di seguaci in molti paesi del mondo, inclusa Francia, Spagna, Stati Uniti, Giappone, Germania, Inghilterra, Argentina, Portogallo e soprattutto Brasile, dove ha la diffusione maggiore che in ogni altro Stato.

Il termine spiritismo (fr. spiritisme) fu utilizzato da Allan Kardec nella sua introduzione de Il libro degli spiriti (Le Livre des Esprits), pubblicato il 18 aprile 1857, nel quale egli riportò i risultati di due anni delle sue investigazioni sui cosiddetti fenomeni paranormali e di interviste nelle quali Kardec e il suo gruppo dialogavano con gli spiriti, attraverso svariati medium francesi.

Le questioni contenute nel libro riguardano Dio, cosa accade prima della nascita e dopo la morte, le leggi alla base dei fenomeni paranormali, il messaggio del Cristo, la responsabilità per le azioni degli uomini, la descrizione del mondo dell’aldilà, l’evoluzione morale e spirituale dell’uomo. Tuttavia, proprio come il termine demone (il quale nella mitologia greca indicava semplicemente entità sovrannaturali e spiriti, senza nessuna connotazione maligna), la parola “spiritismo” fu adottata dai non spiritisti come un termine dispregiativo per tutti i movimenti e religioni che praticavano la medianità attribuendo loro il concetto del male, nel tentativo di demonizzare lo Spiritismo e le altre religioni, come Candomblé, Cao Dai, Santería, Quimbanda, Santo Daime.

Lo spiritismo iniziò come parte del movimento spiritualista che sorse nella metà del 1800. In senso lato, spiritualismo è un qualsiasi movimento filosofico o religioso che si oppone al materialismo. In senso stretto, è un qualsiasi movimento che crede all’esistenza di entità spirituali e che gli esseri umani possano comunicare con loro e avere facoltà medianiche.

Perciò lo Spiritismo è Spiritualista. Kardec e Sir Arthur Conan Doyle] confermarono che lo Spiritismo è Spiritualista (ma non viceversa). Come conseguenza, molti studi sullo spiritualismo furono largamente accettati nello spiritismo, in particolare gli studi dei fisici Sir William Crookes, Sir Oliver Lodge e altri.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.


Il Libro degli Spiriti – Questo è il primo libro pubblicato sullo spiritismo; è il monumentale testo-chiave della corrente filosofica sistematizzata da Hippolyte Leon Denizard Rivaii, al secolo Allan Kardec.

In esso il codificatore dello spiritismo ha raccolto e coordinato la dottrina spiritica quale a lui e ad altri medium fu dettata dagli stessi spiriti.

Il libro contiene oltre 1000 domande e 1000 risposte sulla vita degli spiriti incarnati e disincarnati, un metodo, questo, che lascia intravedere la lunga esperienza di Kardec come pedagogo ed educatore. A ogni possibile interrogativo le entità rispondono con chiarezza, enunciando i principi della dottrina spiritica sull’immortalità dell’anima, la natura degli spiriti e i loro rapporti con gli uomini, la vita presente, la vita futura e l’avvenire dell’umanità.

Contiene una speciale tabella per comunicare con gli spiriti.

Il Libro degli Spiriti

Voto medio su 8 recensioni: Buono

Allan Kardec (1804-1869) – Animatore entusiasta e instancabile della filosofia spiritualista e della pratica spiritica, dedicò tutto se stesso e gran parte della vita allo spiritismo. In pochi anni raccolse intorno a sé migliaia di seguaci: da allora lo spiritismo si è diffuso ovunque e i testi di Kardec su quest’argomento sono oggi i più venduti in tutto il mondo..

(Allan Kardec Amazon)

(Allan Kardec Macrolibrarsi)

(Allan Kardec Giardino dei libri)

Articolo correlato… Che cosa ci Attende Dopo la Morte ? – Il capolavoro del successore di Allan Kardec. Un libro che ci illumina su che cosa succede al momento della morte, in quale modo lo spirito si stacca dalla sua prigione di carne, quali impressioni e quali sentimenti lo attendono in quel temuto istante

Lascia il tuo commento:
CHIUDI
CHIUDI
shares
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On InstagramVisit Us On Youtube