Il Meraviglioso Mondo del Processo Creativo

Il Meraviglioso Mondo del Processo Creativo.

Fra le tante cose che impariamo, saper vivere è certamente la più importante. Veniamo al mondo assolutamente privi di un manuale di istruzioni e siamo portati a diventare ciò che dettano l’ambiente, l’educazione e le esperienze che viviamo. Ma spesso nutriamo dei desideri diversi, delle esigenze che non sappiamo tradurre in realtà e che finiscono per generare in noi frustrazione e disagio.

Allora abbiamo bisogno di trasformare radicalmente il nostro approccio alla vita!

Ogni persona possiede in sé le risorse per migliorare la propria vita. Ciò che spesso non sappiamo è come utilizzarle! I tempi che stiamo vivendo ci inducono a compiere grandi e continui cambiamenti, ma non sempre siamo in grado di affrontarli e superarli come vorremmo perchè ci ostiniamo a far uso di vecchie abilità e abitudini, giuste in passato, inadeguate per il presente, fatali per il futuro di prosperità al quale ciascuno di noi aspira. Ognuno può risvegliare l’eccellenza della mente  inconscia, utilizzare le intelligenze percettive e sfruttare in modo pieno e consapevole le molte virtù del potenziale umano, ponendole al proprio servizio.

I percorsi più efficaci da sperimentare sono: Legge di attrazione Programmazione Neurolinguistica Pensiero Positivo

” Edison ha fallito 10.000 volte prima di perfezionare la lampadina elettrica. Non preoccuparti se sbagli una volta”.

Il segreto della vita è la continua realizzazione personale …. Abbiamo successo quando approfittiamo della vita con gioia.

La mente umana può REALIZZARE tutto quanto può CONCEPIRE e CREDERE.

Inzio … Legge di Attrazione in 6 Passi – Tratto dal Manuale di Andrea Doria

Il Meraviglioso Mondo del Processo Creativo. Esperienze Personali nell’Applicazione della Legge dell’Attrazione – I edizione Giugno 2007 Per maggiori informazioni su questo autore visita il sito: www.automiribelli.org

“Tutto ciò che siamo, è il risultato di ciò che pensiamo.” – Buddha

PREMESSA

La strada che mi ha condotto alla scrittura di questo ma-nuale è la conferma stessa del rispetto che ho nei confronti della Legge dell’Attrazione. Fin dal giorno in cui ne ho avuto coscienza, ho sempre cercato una via per aiutare qualsiasi persona avesse avuto bisogno di un minimo di conforto, o di un sostegno morale che andasse oltre il sem-plice ascoltare. Quando alcuni amici mi introdussero a questa pratica, nel 1998 o giù di lì, non gli diedi molto credito poiché di de-fault molti di noi sono portati a rifiutare quelle che posso-no apparire come strane pratiche magiche, e in più la società in cui viviamo oggi non aiuta di certo ad aprirsi all’ignoto.Successivamente però mi accorsi che la Legge dell’Attrazione non aveva nulla a che fare con la magia, ma si trattava in una Legge naturale vera e propria come la Legge di Gravità. Basandomi semplicemente sulle mie e-sperienze, capii che la Legge dell’Attrazione esisteva per davvero. Solo recentemente una carissima amica inglese, di Bir-mingham, con la quale condivido le stesse esperienze di “abduction” (rapimento da parte di una razza aliena), mi invitò a scrivere questo manuale che avrebbe potuto aiutare molte persone a capire di più su chi siamo, perché siamo qui, dove stiamo andando e sul perché nonostante tutte le cose che possediamo, siamo sempre così eternamente infelici e incontentabili.

Ovviamente questo manuale non ha assolutamente la pretesa di rispondere a tutti quegli enigmi che tormentano la razza umana fin dall’avvento della saggezza, ma vuole rappresentare una via di confronto tra quelle che sono state le mie esperienze personali, e gli insegnamenti di alcune persone che la sanno davvero lunga su come si diventa felici e vincenti. Vorrei infine aggiungere, che il mio intento, scrivendo questo manuale, non era quello di ricercare una perfetta dialettica per illustrare la Legge dell’Attrazione, tipo quella adatta agli studenti universitari tanto per intenderci, ma bensì di utilizzare la solita semplicità di linguaggio e di e-spressione a cui sono abituato quando espongo queste cose durante le sessioni di training che organizzo nell’area di Ravenna.Tutti devono capire di cosa sto parlando e non soltanto una ristretta cerchia di persone. Premesso questo, spero che questo manuale possa portarti tutta la felicità che meriti, la dove senti che i metodi tradi-zionali hanno fallito. Andrea Doria

UN DONO INNATO – Non vivi per scoprire cosa ti porta di nuovo ogni giorno, bensì per crearlo. Crei la tua realtà minuto per minuto, con ogni probabilità senza saperlo. – Neale Donald Walsh

Descrivere la Legge dell’Attrazione (o LDA) alle altre persone, è molto più complesso che mettere in pratica la legge stessa. Vedrò comunque di fare il possibile per cercare di spiegarti nel modo più semplice e pratico i suoi principi, come usarla e perché non v‟è assolutamente alcun dubbio sulle sue reali influenze nella nostra vita quotidiana Mi preme farti notare, prima di andare a incominciare, che chi pensa di possedere tra le mani la verità assoluta sulla Legge dell’Attrazione, è completamente fuori strada. In realtà il cammino che introduce ad essa è del tutto personale, e ognuno di noi la scopre e l’adatta a modo suo e secondo le proprie esigenze. Non esiste una ricetta specifica da indicare per utilizzare la Legge nel migliore dei modi e trarne subito benefici, ma esistono le esperienze che possono aiutarci a capirla e ad affrontarla, primo perché la Legge è sempre operativa, anche adesso mentre stai leggendo queste parole; secondo, essa richiede comunque un minimo d’impegno da parte nostra per sviluppare alcune piccole abitudini di auto-disciplina e auto-determinazione.Attenzione però, non mi sto riferendo a quel tipo di auto-disciplina, tediosa e snervante che rende l’espansione di sé stessi una fase monotona e priva di divertimento. In realtà il processo creativo può essere anche un momento di relax e di gioia, dove creare potrà diventare un bellissimo gioco, che migliorerà sicuramente l’arco della tua giornata, nonché della tua intera vita come mai hai potuto sperimentarla pri-ma d’ora!

Il presente “micro-manuale del provetto creativo” è il frutto di diversi anni d‟osservazione delle mie esperienze, in qualità di musicista e operatore nel campo del music business, e del mio rapporto d’amicizia instaurato con molte persone già da tempo istruite su questa pratica, con i quali entrai in contatto appena mi accorsi che la Legge dell’Attrazione aveva già cominciato ad aiutarmi ancor prima che mi accorgessi della sua esistenza. Come l’ho scoperta? Come molti altri probabilmente, per puro caso. Me ne sono accorto esattamente quando ho cominciato a pormi qualche domanda riguardo a strane “coincidenze” che mi erano capitate durante il mio percorso formativo e che, chissà per quale magica combinazione, mi venivano incontro e mi agevolavano in qualche modo. Come si suole dire nel posto giusto al momento giusto! Ciò che scoprii in realtà, fu che queste coincidenze possedevano una vera e propria Autonomia Universale. Una sorta di Legge Naturale in pratica. Con più notavo queste casualità intorno a me, con più mi accorgevo che erano parte integrante di me e dell’Universo intorno a me.

Le cose che mi capitavano non erano affatto casuali o separate da me, disegnate da chissà quale intervento esterno del destino, ma erano una chiara manifestazione fisica di ciò che io desideravo nel più profondo della mia anima. Attraverso lo strumento della domanda mi ero semplicemente accorto che ciò che desideravo con tutto me stesso, veniva a manifestarsi nella mia vita anche senza il bisogno di un mio intervento fisico, ed ecco il resoconto di ciò che ho compreso sulla Legge dell’ Attrazione: La Legge dell’Attrazione è il potere supremo dell’Universo che regola il tuo potenziale creativo, la tua immaginazione, attraverso i quali potrai avere tutto ciò che vuoi: Felicità, Salute e Benessere; potrai essere o diventare tutto ciò che desideri sperimentare; avere qualsiasi cosa tu chiedi, non importa quanto grande o irraggiungibile essa possa sembrarti; per mezzo della Legge dell’Attrazione, e con la dovuta autostima e disciplina, l’otterrai, e rimarrai sconcertato/a non solo dalla perfetta riuscita del tuo intento, ogni qualvolta ti pronuncerai per attivarne uno nuovo, ma persino dalla sua precisione che oserei definire assolutamente “matematica”. La Legge dell’Attrazione insegna che nella vita Attrai a te e Sperimenti tutte le cose a cui pensi di più. La Legge dell’Attrazione gestisce la manifestazione nel mondo fisico di tutti i tuoi desideri.

Prima di introdurti al meccanismo che ti permetterà di utilizzare la Legge dell’ Attrazione a tuo beneficio, è necessario che t’illumini su alcuni concetti vitali per la riuscita dei tuoi intenti (desideri). Come ho già detto, mi sono accorto della sua esistenza quasi per caso, attraverso le mie esperienze, e spero che attraverso la lettura di alcune delle mie, tu possa capire il perché di certe strane coincidenze, che probabilmente ti sono capitate ma che non sei riuscito/a ancora a spiegarti.

Lascia che ogni tuo desiderio diventi la tua piccola dolce ossessione.

Quando ho incominciato la mia carriera di musicista, sono partito come molti altri oggigiorno si apprestano ad avvicinarsi ad essa: facendo il DJ. In realtà essere un DJ è un lavoro che “contrasta” alquanto con il concetto di musica così come ancora viene insegnato in maniera antiquata e ortodossa da quei fossili rinchiusi dentro ai conservatori, poiché per il DJ non esistono regole musicali. Per me non esistono “note”, ma esiste la miscelazione di una o più armonie o suoni, o meglio ancora frequenze armoniche, che possono alterare lo stato emozionale di un individuo e provocargli determinate sensazioni come gioia, tristezza, esaltazione o quant’altro. Molti DJ infatti, del tutto ignari che stanno di-cendo una sacra verità, definiscono questo processo creati-vo per quello che è in realtà: fare musica significa Trasmettere Energie. Io ho incominciato molto presto a fare il DJ, avevo appena tredici anni, e come quasi tutti i giovani DJ, all’inizio della loro carriera, l’impeto creativo è una componente molto forte ed è altrettanto molto facile trovarsi a sognare ad occhi aperti. E’ stato allora che ho incominciato a notare che c’era qualcosa di magico nelle piccole esperienze che stavo sperimentando tutti i giorni, solo che ancora non sapevo come si chiamava questa magia.

Ricordo che esisteva una stazione radiofonica, molto in voga in quel periodo. Si chiamava Radio Italia Network. Solo recentemente ridusse il nome a RIN, e senza farlo apposta, assieme a questa riduzione, vennero ridotti notevolmente anche il numero dei suoi ascoltatori. Alla fine con mio enorme rammarico, coloro che erano stati i pionieri della club culture italiana, sono finiti a trasmettere solamen-te online (www.rin.it). Una delle qualità di questa radio, che faceva letteralmente impazzire i DJ italiani nei primi anni 90 era data da una programmazione molto alternativa e ben distinta da tutte le altre emittenti. Molto ben curata, e soprattutto fu la prima radio a promozionare un determinato tipo di movimento musicale che stava nascendo proprio in quel periodo: la House Chicago o la Techno Detroit. Uno dei miei più grandi desideri di quel tempo, era proprio quello di entrare a far parte di questa “famiglia” di DJ e selettori, che rendevano così grande il nome di quella radio in tutto il paese. Entrare a far parte di un network come quello, non solo avrebbe potuto generare sul mio nome una grossa notorietà a livello nazionale, ma anche vedere aumentare considerevolmente il numero delle serate in cui mi sarei potuto esibire pubblicamente, e quanto questo avrebbe potuto giovare anche alla mia situazione finanziaria.

Questo desiderio, era più forte di qualsiasi ostacolo che avrei dovuto affrontare per raggiungerlo. Ricordo inoltre, che un giorno durante un evento organizzato da Italia Network, in un club dove lavoravo nelle vicinanze di casa mia, presi di nascosto da una borsa centinaia e centinaia dei loro adesivi con i quali tappezzai letteralmente tutta la mia valigetta dei dischi. Da quel giorno, mentre sedevo dietro la consolle, in attesa che un‟altro DJ finisse il suo set prima di potermi esibire nel mio, guardavo la mia valigetta sospirando tutto il tempo e sognavo di essere già un DJ promosso da Radio Italia Network. In pratica sentivo quel ruolo essere già mio, in un certo qual modo. E‟ ancora vivo in me il ricordo di questi miei sogni ad occhi aperti, nei quali “vedevo” me stesso sudatissimo ma carico di energie, a saltare e a suonare davanti a una discoteca gremita di qualche migliaio di persone, in un party organizzato da questa radio. Potevo arrivare a immaginare perfino le sensazioni, gli odori e l‟atmosfera che solo un locale colmo di persone festanti può regalare. Eh si, era davvero un gran bel sogno! Passò qualche anno, e come spesso accade quando non si è consapevoli delle forze che governano l’Universo e di come utilizzarle, finii col smettere di sognare di diventare un DJ di quella radio, perché quando qualcosa ci sembra così irraggiungibile e così fitta di ostacoli, si tende a un certo punto a fare quello che non si dovrebbe mai fare: smettere di sognare e piantare i piedi per terra. Finché un giorno, lo ricordo come se fosse adesso, erano circa le quattro del pomeriggio e stavo ancora dormendo, quando il mio telefono cellulare squillò; si sa la vita del DJ è davvero molto sregolata come si dice.

Ricordo che afferrai il telefono piuttosto infastidito, e imprecai contro chi stava disturbando il mio letargo: “Pronto?” “Pronto parlo con Andrea?” “Chi é?” risposi con un tono che sembrava davvero provenire dall’oltretomba. “Sono Michele Menegon, Responsabile Artistico e Commerciale di Radio Italia Network, ti ho svegliato per caso?” La prima cosa che viene naturale pensare in questi casi, è ovviamente a uno scherzo di qualche tuo amico idiota, uno di quelli a cui piace ridere dei sogni infranti degli altri. Ricordo però che non dissi nulla del tipo “dai smettila di prendermi per il culo e dimmi chi sei!”anche perché l‟accento del mio interlocutore risultava essere spiccatamente veneto, e a quel tempo amici veneti non ne conoscevo. Semplicemente decisi di stare al gioco, tanto per sentire come quel presunto scherzo sarebbe potuto andare a finire. “No, no… dimmi pure Michele… cosa posso fare per te?” “Ciao Andrea, piacere di conoscerti innanzitutto. Volevo parlarti di un nuovo programma musicale che vorrei sviluppare con te. Ho sentito le produzioni musicali che fai e persino i tuoi set, e penso che si sposino perfettamente con l’idea del progetto che voglio intraprendere. Ti andrebbe di venire in sede a Bologna a fare quattro chiacchiere a riguardo?” A quel punto, non appena il mio interlocutore finì di parlare, ricordo che stetti immobile ancora qualche secondo, a cercare di riordinare velocemente le idee dentro mia testa. Incominciò così un lavoro frenetico dell’archivista presente nella mia mente, per recuperare tutti i dati necessari a realizzare che non si trattava affatto di uno scherzo, ma che davvero il Responsabile Artistico di Radio Italia Network, quella Radio Italia Network che tanto avevo desiderato fin dal principio, stava chiamando ME per propormi un programma musicale in cui mi vedevo protagonista. Puoi benissimo immaginare quale fu la mia risposta.

Non me lo feci ripetere due volte. Fissai un appuntamento e da lì a qual-che settimana incominciò la mia collaborazione con loro. Anche se non fu una collaborazione duratura, poiché tutto il sistema radiofonico italiano stava già entrando in crisi, quello che importava per me era che il mio intento si era comunque avverato, in un modo o in un altro. Una casualità? Potrebbe, se non fosse che c’è dell’altro. Come DJ, ho detto, avevo finalmente visto realizzato il mio sogno, ma come produttore di dischi e musicista ne avevo completamente un’altro. In quel periodo andavano molto in voga i dischi di colui che considero il più grande produttore italiano di musica “da club” che l’Italia abbia mai visto nascere in tutta la sua storia: un certo Davide Rizzatti. Un personaggio strano, introverso, anche abbastanza difficile con cui interagire, ma l’ho sempre visto con enorme ammirazione e rispetto e che tutt’ora stimo come un vero e proprio genio “avanguardista”. A quel tempo Davide, producendo assieme a Ricky Persi, al compianto DJ Ricci e a Elvio Moratto, ottenne una raffica di successi assolutamente strabiliante, tra i quali gli allora famosissimi progetti di Ramirez e Glam, che spopolavano letteralmente nelle classifiche italiane nonché in quelle mondiali. Ricordo che quando compravo i suoi dischi, ci perdevo letteralmente le giornate ad ascoltarli, in maniera persino maniacale oserei dire, e mi trovavo a formulare ipotesi su ipotesi, su quali tipi di potenziali strumenti elettronici egli avesse potuto utilizzare per produrre determinati suoni, e quanto fosse maestro nel creare le atmosfere giuste capaci di rendere i suoi dischi così unici e davvero inconfondibili. Era come una firma.

Quando sentivi un disco di Davide Rizzatti, non importava se lo sentivi alla radio, in macchina, dentro il negozio di dischi o di sfuggita passando vicino ad un bar: lo riconoscevi tra milioni e non era un caso. Era il suo istinto che parlava attraverso i suoi suoni. Certamente per un profano, le cose di cui parlo potrebbero anche sembrare difficili da comprendere, ma per un produttore discografico spesso queste cose sono la sola chiave del suo stesso successo. In breve, senza farlo apposta, grazie a un‟altra serie “fortuita” di eventi davvero molto strani, e quando ti dico strani puoi credermi sulla parola, finii proprio a lavorare in studio con colui che tanto “adoravo” e “veneravo”. Fu un processo oserei dire automatico, ma fatto di conoscenze di alcuni personaggi che vivevano distanti addirittura centinaia di chilometri da casa mia, e piccoli eventi entrati di colpo nel-la mia vita che neanche io so spiegare come, e che mi per-misero di incontrarlo. D’accordo, magari parlare di venerazione nei suoi con-fronti potrà sembrare pure eccessivo, lo ammetto, ma per un ragazzino che voleva sfondare nel campo della musica, queste cose erano davvero più potenti di qualsiasi razionalità. La mia soddisfazione e gioia erano assolutamente indescrivibili, mentre realizzavo che mi trovavo a lavorare allo Scentific Studio, quello stesso Scentific Studio di Davide Rizzatti che centinaia di migliaia e migliaia di volte avevo letto sulle etichette dei dischi che compravo, e che aveva partorito tutte quelle grandiose hit. Eh si, credimi, sono soddisfazioni. Un‟altra casualità?! No, affatto.

Io la chiamo “manifestazione”. Per concludere, un altro caso vide impiegata la Legge dell’Attrazione nella mia vita, e fu il caso che confermò definitivamente che non mi sbagliavo affatto su quelle strane “coincidenze”. Una volta mi dovetti difendere da un‟azione legale, intentata nei miei confronti per una presunta inadempienza di un contratto d‟esclusiva che avevo con un mio vecchio editore. In pratica, come un pivello, ma capita quando si è alle pri-me armi, mi dimenticai di mandare la raccomandata di annullamento del suddetto contratto allo scadere del suo rinnovo. Ricordo che il suo avvocato mi scrisse parole davvero durissime, e io ero ancora molto giovane per supportare il peso di un’azione legale, calcolando che era anche un periodo in cui mi trovavo al verde. Un bel giorno, parlando con la madre di un mio carissimo amico, nota nella mia zona per essere una medium molto dotata, mi disse esattamente queste parole: “Vorresti risolvere questa situazione senza problemi e in pacifico accordo?” “Diamine se lo voglio!” “Allora ascolta ciò che ti dico.

Vai a casa. Siediti su una poltrona, mettiti comodo, chiudi gli occhi e comincia a pensare a questa persona con la quale ti vuoi accordare. Cerca di “vederla” dentro la tua mente, “visualizzala”, immagina proprio di trovarti di fronte a lui e ripeti in continuazione: Bruno chiamami e mettiamoci d‟accordo… Bruno chiamami e mettiamoci d‟accordo… Bruno mettiamoci d‟accordo, e mentre lo fai pensa a lui con tutto te stesso tutto il tempo.” Come ho già detto, avevo soltanto notato queste “coincidenze”, ma non sapevo ancora con cosa avevo a che fare, per cui la ringraziai infinitamente, tornai a casa e cominciai subito. Feci quanto lei mi aveva detto per le successive due settimane, due volte al giorno, per venti, venticinque minuti circa. Il risultato, lasciamelo dire, fu davvero sbalorditivo. In un momento del tutto inaspettato, Bruno mi chiamò telefonicamente, e con tono molto pacato mi offrì un accordo pacifico per risolvere la diatriba nell’interesse di entrambi.

Queste, sono solo alcune delle esperienze che mi hanno indicato la via, e potrei stare qui a raccontarti aneddoti su aneddoti, a migliaia a dire il vero, entrando perfino nei dettagli, ma penso che tu abbia già compreso a sufficienza il succo della questione. Mi preme però sottolinearti il principio base che scaturisce da tutti questi tre semplici episodi: I miei desideri, quelli più intensi, più profondi, più sentiti, dai quali ero più “ossessionato”, si sono sempre e comunque avverati senza difficoltà e senza che io mi prodigassi più di quel tanto per raggiungerli, attraverso una serie di eventi-azioni che si sono susseguiti automaticamente dopo che il mio intento era stato espresso. Visualizzare con gli occhi della mente (immaginare) ciò che si desidera è fondamentale per attrarlo a sé. Senza immaginazione non ottieni nulla. Ogni istante della mia vita, anche il più insignificante dei momenti, è stato una mia personale “creazione” motivata dai miei pensieri come conseguenza dei miei desideri. Una volta capito quindi il concetto di Legge d‟Attrazione, credimi la parola fortuna viene definitivamente rimossa dal tuo vocabolario. Persino la parola destino assume un signi-ficato totalmente inutile. Come ho già detto, non esiste la verità massima sulla Legge dell’Attrazione, ma quello che con assoluta certezza posso metterti tra le mani nero su bianco, è che non esistono cose come la fortuna o il destino.

Tu inventi te stesso ogni giorno e ogni istante della tua giornata per il resto della tua vita.

Perciò, d’ora in poi, tieni a mente che I PENSIERI DIVENTANO COSE

COME LIBERARE IL PROCESSO CREATIVO La religione non può sopportare la Spiritualità. Non la può proprio tollerare. La Spiritualità potrebbe portarvi a una conclusione diversa da quella di una particolare religione. E questo non è tollerabile. La religione vi sprona a esplorare i pensieri degli altri e ad accettarli come se fossero i vostri. La Spiritualità vi invita ad abbandonare i pensieri degli altri e a trovare i vostri. – Neale Donald Walsh

L’immaginazione è tutto. E’ la previsione di quello che attrarrete nella vostra vita. – Albert Einstein

Adesso, mi piacerebbe poter saltare quanto sto per dirti, e passare immediatamente all’introduzione del programma che aiuterà il tuo processo creativo ad evolversi e ad espandersi come naturalmente dovrebbe, donandoti ciò che desideri. Purtroppo però, dobbiamo prima andare a fare qualche “pulizia”. No, è ovvio che non ti sto chiedendo di imbracciare una scopa e di metterti a lavorare, ma quello che ti chiedo adesso, se vuoi realmente capire da dove nasce questo fantastico potere, è di sgombrare la tua mente completamente.

Coraggio, è una grossa opportunità! Non capita tutti i giorni di poterlo fare, per via della nostra vita, divenuta così densa e stracolma di appuntamenti e impegni d’ogni genere e diversità.Non abbiamo più tempo per noi stessi! Perciò anche se solo per un breve periodo di tempo, ti chiedo di dimenticare tutto quello che hai imparato a scuola, quello che hai sentito alla radio, che hai visto alla televisione e che hai letto sui libri di scuola, poiché rimarrà difficile per te familiarizzare pienamente con il concetto d’Attrazione, se continuerai a basare la tua vita sui normali parametri di conformazione del pensiero imposti da questa società. Lascia quindi che ti spieghi il “trucco”. Fin dal giorno in cui veniamo al mondo, alla maggioranza di noi viene insegnato che cosa è vero e che cosa sono solo fantasie, questo per far sì che noi ci abituiamo fin da piccoli a seguire certe regole di pensiero.

Solo successivamente crescendo, alcuni di noi, fortunatamente aggiungerei, sviluppano una predisposizione a volerci “vedere più chiaro” o più in profondità nelle cose, e a smettere di accettare determinati concetti come semplici “dogmi di fede”. Ti faccio un semplice esempio. Se parlassi della Legge dell’Attrazione ad un prete, dicendo che Noi siamo i creatori delle nostre esperienze, proprio per il suo sistema di credenze così profondamente radicato nella sua mente dai dettami della sua religione, egli probabilmente mi risponderebbe che tutto è possibile nel giardino del Signore dalle Infinite Vie, ma ciò che egli tenderà a farmi notare successivamente, sarà di certo il fatto che tutto accade per volere di Dio, e non perché Io sono il creatore della mia vita. Questo accade perché uno dei migliaia di modelli che vengono imposti dalla Chiesa, perfino ai suoi stessi pastori, è quello di farci vedere separati da Dio e non un tutt’uno con esso.

Eh si, perché se ci vediamo separati da Dio ci sentiamo automaticamente inferiori a Dio, e il complesso d’inferiorità serve a generare determinati blocchi emozionali utili a erigere barriere attorno alla nostra mente. Non hai mai trovato strano quanto la parola Dio assomigli molto alla parola d’Io? (dell’Io) Queste sono quelle che io chiamo “limitazioni indotte”, da un sistema di credenze creato “su misura”, nei confronti di un individuo che non viene mai esortato a porsi delle domande durante l‟arco della vita. Semplicemente esegue ciò che questi “blocchi” gli comunicano cos’è normale fare. Ma vediamo di capirci meglio. Attraverso questo sistema di credenze, molto radicato alle fondamenta della nostra società, e instillato nelle nostre menti da molti settori “chiave” fin da quando siamo solo dei poppanti, vengono a formarsi come conseguenza questi “blocchi emozionali” di cui parlavo poc’anzi, che fissano dei limiti ai quei normali parametri di espansione della nostra conoscenza riguardanti le nostre Infinite Possibilità. Insomma, da quando veniamo al mondo ci comunicano che abbiamo soltanto dei limiti.

Ciò che accade in futuro è che non ci espandiamo più! Il cervello smette di domandare, anzi in molti casi non comincia nemmeno, e si nutre solamente delle idee e delle risposte che altri ci danno. In altre parole, se vivo in una società dove la Chiesa mi dice che devo stare molto attento a come mi comporto agli occhi di Dio, perché dall’alto dei cieli egli mi giudicherà persino da morto; in una società dove i media continuano a ripetermi che sono grasso/a o che se mi puzza l’alito non mi rivolgeranno la parola; che se ho la macchina così “acchiapperò” un sacco di donne, mentre invece se ho il catorcio colà andrò sicuramente in bianco; se poi a tutto questo aggiungiamo un’armata di dottori, psicologi, scienziati, giornalisti e opinionisti, politici e letterati, i cosiddetti ripetitori, che supportano a pieni voti tutti questi ridicoli concetti con teorie esanimi e totalmente meccaniche, allora significherà davvero che Io sono nient’altro che “una caccola” e pertanto dovrò accontentarmi di una vita da “caccola” finché non finirò in polvere sotto due metri di terra! Non è molto eccitante vero? Eppure la triste verità è che questa, purtroppo, è l’attuale condizione a cui la razza umana è spinta a vivere. Giorno dopo giorno. Basta guardarsi intorno per capire che quello che dico ha un senso.

Questi mezzi utilizzati dalla religione, dalla politica, dallo sport e dai media in generale, non sono altro che meri strumenti di controllo mentale e che hanno un solo ed unico scopo: quello di farci sentire perennemente inadeguati, e se non peggio, inferiori ai modelli che essi ci propongono. Se ci sentiamo inferiori, inadeguati e intimoriti, faremo qualsiasi cosa pur di raggiungere quei modelli che ci facciano sentire uguali agli altri: i cosiddetti “normali”. Qualsiasi cosa.

Vengono definiti “ripetitori” coloro che ripetono ciò che gli altri gli dicono senza porre obiezioni. I “ripetitori” non pongono domande; non s’interrogano se ciò che stanno imparando o facendo è giusto o sbagliato, se quella che professano sia l’unica verità o ce ne siano altre. Eseguono solo degli ordini e sono vittime di coloro che dall’arroganza della loro scala gerarchica gli “ripetono”: “Io ti dico che si fa così, si è sempre fatto così, pertanto tu fai così perché questo è l’unico modo in cui si fa!” – vedi David Icke L’Amore Infinito è L’Unica Verità Tutto Il Resto E’ Illusione

Attraverso messaggi velenosi, sempre più frequenti e insidiosi, trasmessi alle nostre menti attraverso la pubblicità e l’informazione, spesso basati su dati assolutamente inventa-ti di sana pianta, con gli anni, essi radicano dentro la paura di quello che gli altri potrebbero pensare di noi, se noi non corrispondessimo a quei modelli mentali di cui molti fanno parte e che ci vengono imposti come “normali”. Ti è mai successo di sentirti imbarazzato/a se in pubblico, qualcuno ha notato qualcosa che non volevi fare notare? Hai mai provato una forte sensazione di disagio se, sull’autobus o sul treno, qualcuno ti stava fissando?Hai mai sentito il bisogno di andartene via da un posto affollato, semplicemente perché sentivi di non essere vestito/a in modo adeguato? Hai mai creduto di non potercela fare a reggere una certa situazione? Sei mai stato/a colto/a da certe “vampate” d’ansia quando la banca ti chiama e ti dice che sei in rosso o che la tua carta di credito è scoperta? Se nella vita ci siamo mai sentiti, anche se solo per qualche istante, inadeguati nei confronti di una certa situazione, sappi che non è come ti dicono un comportamento “umano” del tutto “normale”, ma bensì un comportamento indotto e innestato dentro la tua mente con la forza, per mezzo di una continua e perpetrata “propaganda” di paura attuata con ogni mezzo disponibile nelle mani del sistema.

In realtà tu sei di più di quello che ti dicono! Perché non te ne accorgi?

La Legge dell’Attrazione in questo ti viene in aiuto, ed è un ottimo pretesto per svegliarsi da questo torpore di falsità e menzogne, e gettarli dalla finestra una volta per tutte. Attenzione però, non ti sto dicendo di smettere di rispettare le regole e cercare in tutti i modi di fottere il sistema, non sarebbe davvero una mossa intelligente, ma ti sto dicendo di smettere di credere che tu sei meno rispetto a quello che il sistema ti dice che sei! Vuoi davvero sapere che cosa sei invece di chi sei? Allora tieniti pronto/a, il viaggio alla tua scoperta è appena cominciato: Tu non sei il tuo nome o il tuo cognome; non sei il tuo lavoro o il tuo conto in banca; non sei l‟immagine che si riflette allo specchio e se proprio lo vuoi sapere non sei neppure un’immagine!La verità è che tutte queste cose non sono altro che la manifestazione fisica dell’Esperienza che stai vivendo di te stesso in questo piano vibrazionale.

Tu, assieme a tutti noi, sei il creatore supremo della realtà che ti appartiene, e si ti farai un giretto a leggere qualcosa di Meccanica Quantistica, ti accorgerai perfino che ciò che chiamiamo “Mondo Fisico” in realtà non è nemmeno solido! Altro che filosofia! Qui parliamo di Atomi non di Platone! Ma ora non voglio confonderti le idee, per il momento ti basti sapere che tu sei di più! Sei una creatura straordinaria, dotata d’Infinita Coscienza e d’Infinito Amore. Una creatura dalle Infinite Potenzialità Creative, che vengono purtroppo continuamente limitate da un élite di persone che ha tutto l’interesse a mantenere il potere su tutti quanti noi! Per divenire un “creatore” consapevole della tua realtà, e di conseguenza della “nostra”, devi divenire prima consapevole delle tue Infinite Potenzialità. Devi riuscire a prendere le distanze da quei modelli imposti, rompere il guscio e creare finalmente il tuo! Tu sei Energia, sei fatto/a d‟Energia e convogli Energia in tutte le cose che fai o che pensi! Hai dentro un potenziale davvero straordinario, che purtroppo nessuno ti ha insegnato ad usare!

Essere inconsapevoli di qualcosa che non possiamo vedere con i nostri stessi occhi, purtroppo è una manna per coloro che vogliono farci credere che siamo degli esseri inferiori e privi di potere rispetto a loro; i nostri governanti, non tutti ma solo a certi livelli, lo sanno; conoscono la Legge dell’Attrazione. Ne sono a conoscenza di questi segreti. Puoi credermi sulla parola. La Legge dell’Attrazione non è un fenomeno inventato per dare il nome a una fantasia o a un illusione, e non è nemmeno di recente scoperta. Devi sapere che già in antica Babilonia ne erano a conoscenza. L’avevano sempre saputo. Ora senti questa: a Babilonia solamente l’1 percento della popolazione possedeva il 96 percento di tutto il denaro che era in circolazione e che era possibile guadagnare. Pensi che sia stata solo una coincidenza? Erano davvero così bravi a fare soldi? No, non c‟è nessuna coincidenza e nessuna bravura, semplicemente avevano capito qualcosa. Avevano capito come interpretare la Legge dell’Attrazione a loro favore, ma a discapito degli altri. Se vuoi approfondire, a li-vello storico, da dove proviene la conoscenza della Legge dell’Attrazione, vedi Tavolette di Smeraldo di Thoth, datate 50.000/36.000 a.C. Liberati dunque! Espandi i tuoi confini! Le potenzialità che possiedi sono già dentro di te e sono tue!

Non le devi pagare o affittare perché sono già tue, e tue di diritto! Tu sei il miglior regalo che la vita potesse farti! Perciò adesso ti chiedo, sei pronto/a a liberarti dai falsi dogmi che non hanno fatto altro che limitarti fino adesso e a conoscere come sperimentare e comandare l’intero processo creativo a tuo favore? Se credi di si, allora procedi con la lettura. Se non sei ancora pronto/a, ti suggerisco di mettere via questo documento e non pensarci più. Mi rendo conto che le cose che dico possano sembrare strane, poiché in appena sei pagine ho praticamente cercato di smontare letteralmente secoli di storia, nonché le tue attuali convinzioni. Ma non è il mio compito credimi, io rispetto ciò in cui credi, ma il mio intento attraverso la lettura di ciò che ho capito, è quello di indicarti la via migliore per apprendere appieno il concetto di Attrazione e sfruttare così tutto il tuo potenziale. Se ti sei trovato/a per le mani questo documento probabilmente è perché sei incuriosito/a da qualcosa che non riesci o non sei riuscito/a a spiegarti. Se le cose che ho asserito nei precedenti paragrafi, ti sono sembrate forse un pò troppo “buoniste” o magari “New Age?, sappi che non sono affatto stupito.

Se dentro di te avverti un certo distacco da quello che ho detto finora, significa purtroppo che uno di quei blocchi emozionali, che sono stati innestati dentro la tua mente fin dal giorno in cui sei nato/a, sta facendo esattamente il lavoro per cui è stato creato, ovvero, rigettare qualsiasi teoria che non si conformi a un determinato tipo di modello comportamentale da te scelto in passato. In realtà, la porta che ti sto indicando, quella della Legge dell’Attrazione, è soltanto il pertugio per varcare l’uscio dell’ignoranza a cui tutti siamo stati abituati fin da bambini! Siamo tutti vittime inconsapevoli di un’educazione che non vuole la nostra liberazione mentale, ma bensì la sua eterna schiavitù! Ciò che siamo veramente io, tu e tutti gli altri esseri umani di questo piccolo pianeta, è un ecosistema a sé formato da un’alta concentrazione di Campi d’Energia, capaci d’interagire in armonia tra di loro e con l’oceano di energie che lo circondano. Eh si! Perché anche se non siamo in grado di vederle con i nostri occhi, tutto intorno a noi è Energia. Perfino tu! Proprio così, non lo sapevi?

Allora lascia che ti spieghi brevemente qualcosa di davvero sorprendente sulla materia che ancora credi essere “solida”. A tutti è stato dato modo di sapere che l’Universo è un enorme spazio vuoto in cui solo la materia è solida, ma nella realtà questo è un grosso errore, e questo dovrebbe essere specificato a scuola fin dalle elementari. La scienza ci dice che la materia è composta di atomi, i quali hanno un nucleo di protoni e neutroni, attorno ai quali ruotano gli elettroni. Vi sono almeno altre duecento particelle, scoperte grazie all’uso di particolari congegni detti Acceleratori. Queste particelle hanno una durata non più lunga di frazioni di secondo, ed essendo cariche di energia, esse si comportano come una forte tempesta di onde; inoltre, in principio sembravano essere solide, ma in realtà si è scoperto che non lo sono, a parte una minuscola parte situata al centro del loro nucleo, che risulta essere leggermente più densa ma che di fatto nemmeno questa è solida!

La domanda che sorge quindi spontanea è: Come faccio ad afferrare e sollevare un oggetto con le mie mani, se entrambi non siamo solidi?

Questo accade per via del fatto che le particelle di entram-bi gli elementi, la tua mano e l’oggetto che vuoi raccogliere, possiedono una carica che collide con gli altri elettroni respingendosi a vicenda addirittura prima di toccarsi! In pratica vale a dire che niente tocca niente! La realtà che percepiamo con i nostri cinque sensi, perciò altro non è che un infinito oceano di Campi di Energie che interagiscono tra di loro influenzandosi a vicenda, dando vita così a nuove realtà. Ma veniamo allo studio della Meccanica Quantistica applicato a quello che interessa a noi. I nostri pensieri. Inutile aggiungere che anche i Pensieri sono Energia, e ogni Pensiero possiede una sua frequenza e può essere persino monitorato singolarmente.Probabilmente se adesso stai pensando che praticamente siamo come delle antenne radio-trasmittenti, che ricevono e trasmettono… sappi che è proprio così.

Tu sei una radio rice-trasmittente e di questi Pensieri, o frequenze, ne trasmetti approssimativamente 60.000 al giorno e ne ricevi altrettanti! Deve diventare logico pertanto vedere il Pensiero come una sorta di estensione “fisica” di te stesso/a, come le tue mani, con il quale raggiungere e “catturare” ciò di cui hai bisogno da questo infinito oceano di energie. Se è di una tranquillità finanziaria che hai bisogno, pensa alla tranquillità finanziaria! Se è della salute che necessiti, pensa alla salute! E‟ davvero così facile e la sua semplicità di comprensione è anche uno dei peggiori difetti della Legge dell’Attrazione, poiché automaticamente, o come direbbero certi trainer “by default”, siamo portati a pensare che una cosa così facile, in grado di portare questi grandi benefici sarà una fesseria, e pertanto non val la pena nemmeno prenderla in considerazione. Sai cosa dico alle persone in questi casi? “Peccato per te che non vuoi migliorare.” Mi piacerebbe che la Legge dell’Attrazione fosse più difficile da mettere in pratica. Forse le persone gli darebbero più credito e vivrebbero più felici, ma purtroppo non lo è. E’ davvero facilissima, e se hai capito tutto il discorso che ti ho fatto su quanto sia importante liberarsi una volta per tutte da certi dogmi, allora sei davvero pronto/a ad accettarla e a cominciare a creare!

E’ il momento di incominciare allora. Sei pronto/a?

DIVENTA UN CREATORE CONSAPEVOLE. Tutto ciò che è accaduto, accade e accadrà, è la manife-stazione esterna dei vostri pensieri, scelte, idee e convin-zioni riguardo a Chi Siete e Chi Scegliete di Essere. – Neale Donald Walsh

1° Passo: Convinciti che sei Energia

Il modo più semplice di utilizzare la Legge dell‟Attrazione, è di vedere te stesso/a come un Potente Magnete. Se ti convincerai di essere un Potente Magnete saprai già in automatico che sarai uno strumento predisposto ad attrarre. Attrarre che cosa? Tutto. Non c‟è limite, basta usare la tua infinita immaginazione. Tu sei davvero un Potente Magnete. Convinciti di esserlo. Tu contieni dentro di te un potere magnetico che è il più potente mai conosciuto nell’intero Universo. Questo potere è il Pensiero.Il Pensiero, come tutto il resto, non è altro che Energia, e come l’Energia attrae l‟Energia, il Pensiero attrae a sé tutto ciò che vuole. Convinciti di questo. Se vuoi che questo potere ti aiuti a manifestare ciò che desideri, smetti di pensare al mondo in cui vivi solo nei termini di Solido e Liquido, di Spazio e di Tempo, ma comincia a pensare in termini di Energia! Una cosa che mi ha aiutato molto a plasmare dentro di me questo concetto, è stata una forma di “auto-ipnosi” molto leggera. Auto ipnotizzarsi, non significa estraniarsi dalla realtà, anzi, dopo averlo fatto riuscirai meglio a comprenderla! Perciò per un certo periodo di tempo, qualche settimana prima di incominciare l’applicazione di quello che è divenuto il mio “programma d‟addestramento”, ho cominciato a ripetere a me stesso queste cose per ore ed ore, tutti i giorni:

Io sono un Potente Magnete. Io mi muovo dentro l’Energia. Io sono parte integrante dell’Energia. Io interagisco con l’Energia. Perché io sono Energia.

Se innesterai questo concetto fisso dentro di te, arriverai ben presto a capire che non esistono limiti a ciò che potrai fare e sperimentare nella tua vita. Conosci per caso una fonte d‟’Energia con dei limiti? Io no, ma gli esseri umani hanno scoperto il modo di intrappolare l’Energia ed utilizzarla a loro vantaggio (vedi l’Energia Elettrica). Ma è mai possibile che gli esseri umani siano l’unica fonte d‟Energia che pensa di avere dei limiti?E‟ semplicemente pazzesco! Perciò, se instaurerai dentro di te un rapporto di consapevolezza e amore totale sul fatto tu sei un Potente Magnete, ti sarà più facile approfondire meglio la conoscenza che hai di te stesso, e utilizzare il tuo potenziale energetico per ma-gnetizzare tutto ciò che desideri. Un altro piccolo suggerimento. Io, avevo registrato questa sessione di frasi nel mio lettore mp3 e avevo messo in loop (ciclo continuo) la traccia, e l‟ascoltavo perfino la notte per far si che, dormendo, anche il mio subconscio afferrasse bene il concetto. Impara a registrare e ad ascoltare i tuoi intenti. Se puoi, fallo su base quotidiana. Aiuta moltissimo.

2° Passo: Iniziare ad essere Infinitamente Riconoscenti

Una cosa davvero importante da capire, nella Legge dell’Attrazione, è che essa dà il meglio di sé sotto l’influsso di un umore positivo. Devi sapere che i tuoi pensieri purtroppo sono anche in grado di attrarre stati emozionali specifici. Ad esempio, se penserai a qualcosa di triste, anche se per un breve periodo di tempo di tempo, automaticamente comincerai a sperimentare nella tua vita più sentimenti ed eventi tristi. Ora, è provato scientificamente, che un‟affermazione positiva è migliaia di volte più potente di un affermazione negativa. Quindi, mentre sperimenti la Legge dell’Attrazione, è importante sentirti davvero felice e immerso in uno stato di eterna gratitudine.

Come si raggiunge questo stato facilmente? Durante un training che feci in Inghilterra a riguardo, mi venne indicato questo metodo, ma ognuno di noi può trovare facilmente il suo, una volta capito come funziona. Io utilizzo quella che chiamo la “Conchiglia della Riconoscenza”. Immagino ti starai chiedendo di cosa si tratta. La “Conchiglia della Riconoscenza” non è altro che una conchiglia che puoi trovare su qualsiasi spiaggia al mare. Non importa se grande o piccola, purché sia una semplice conchiglia. Ciò che importa davvero invece è il valore affettivo che gli attribuirai in seguito. Io ho scelto la mia e da quel giorno, ogni volta che la prendo in mano penso a qualcosa per cui essere Riconoscente e Grato. Questo farà sì che col tempo si vengano a formare nuove associazioni neuronali dentro il tuo cervello, che assegneranno automaticamente il pensiero delle cose per cui sei Infinitamente Riconoscente e Grato/a, alla semplice visione della “Conchiglia della Riconoscenza”. Le cose per cui puoi essere Riconoscente, sono a tua completa discrezione, poi-ché Tu sai che cosa ti rende grato/a e felice nella tua vita. Il mio consiglio spassionato è quello di: non sentirti mai frustrato/a per le cose che non hai, ma im-para ad essere grato/a per le cose che hai già e per quelle che attrarrai nella tua vita. Di cosa puoi essere grato/a? Può essere anche solo il tuo animale domestico; il tuo nuovo amore; la tua famiglia o un piccolo o grande successo che hai ottenuto di recente. Insomma qualsiasi cosa ti faccia sentire bene, grato/a e in pace con te stesso/a.

Perché utilizzare una conchiglia? Ricordo che mi fu indicata la conchiglia per una semplice ragione: perché è un oggetto insolito da tenere in una tasca. Se provi a farlo con qualcosa a cui sei abituato, tipo le chiavi dell’auto o una moneta, difficilmente ti ricorderai di pensare alle cose per cui sei grato/a. Questi oggetti potrebbero passarti del tutto inosservati poiché sei già abituato/a a tenerli nelle tasche. Ma quando arrivato/a a casa, svuoterai le tasche per tirarne fuori il contenuto e appoggiarlo sul tuo mobile portaoggetti, la tua “Conchiglia della Riconoscenza” sarà lì e ti ricorderà che cosa devi fare. Come metodo per raggiungere lo stato di gratitudine esiste solo quello della Conchiglia? No, puoi anche semplicemente utilizzare i “tempi morti” della tua giornata, per ricordare a te stesso le cose per cui sei davvero grato/a, come ad esempio mentre ti lavi i denti alla mattina presto; mentre fai il bucato o stiri i tuoi panni o mentre sei fermo/a in mezzo al traffico, invece di imprecare contro chi sta fermo mentre il semaforo è verde. A parer mio il metodo della visione di un oggetto specifico ti porterà automaticamente a ricordare cosa devi fare, per cui ti suggerisco la Conchiglia. Un altro metodo, se proprio non vuoi avere oggetti da portare con te nella tasca, è quello di scrivere su un foglio, meglio se un post-it, tutte le cose per cui sei grato/a, e metti questo post-it in alcuni punti chiave della tua casa, in modo da poterlo vedere quando cammini nei pressi delle sue vicinanze.

Io personalmente l’ho attaccato sul soffitto della mia mansarda, sopra il mio letto, e quando mi sveglio la mattina lui è lì a ricordarmi che cosa devo fare. Vivere in uno stato di eterna gratitudine, migliorerà non solo il tuo umore ogni giorno di più, ma persino i tuoi rapporti con gli altri. Devi solo prendere una piccola abitudine, e se mi ascolti e comincerai a farlo, vedrai la vita intorno a te cambiare come mai avresti sperato, o anche solo minimamente immaginato. Tu puoi vivere meglio di come pensi che sia “normale” vivere. Se pensi che lamentandoti di qualcosa, porterai qualcosa di positivo dentro la tua vita, sappi che ti sbagli di grosso. Tutto, intorno a noi è influenzato dai nostri pensieri. Se vuoi migliorare il tuo stato di benessere, devi imparare a controllare i tuoi pensieri, poiché col tempo essi diverrebbero la classica “pallina di neve”. La pallina di neve parte a ruzzolare innocua dalla vetta della montagna, ma quando arriverà a fondovalle, con tutta probabilità sarà divenuta una valanga! I pensieri negativi, fanno la stessa cosa. Partono molto blandi e innocenti in principio, perché è divenuto normale lamentarsi di tutto e di tutti oramai, ma poi finiscono per trasportare il tuo stato cosciente in uno stato di buio perenne, da cui è davvero difficile uscirne. I pensieri negativi sono come le sabbie mobili: una volta che sei caduto/a dentro, hai bisogno che qualcuno ti allunghi una mano per salvarti la vita. Invece, i sintomi di uno di una Infinita Gratitudine, si riconoscono da uno stato di leggerezza che ci pervade per tutto il giorno, un grosso sorriso spensierato e uno stato di stress pressoché azzerato.

Come sopra, così sotto. Come dentro, così fuori.

Questa frase, significa che i tuoi pensieri sono in grado mutare il tuo organismo dall’interno, per far fronte alle esigenze del tuo nuovo stato emozionale e che i risultati di questo processo saranno visibili all’esterno del tuo corpo fisico! Ciò che immagini o senti dentro si manifesta fuori! Se ti metti davanti allo specchio e ti vedi grasso/a, e questo ti fa odiare il tuo corpo, sappi che stai facendo una delle peggiori cose che tu possa fare a te stesso/a! Il tuo corpo risponde ai tuoi pensieri, per cui sei ti vedi grasso/a, non lamentarti se ingrasserai ancora di più e potrai avere perfino dei problemi di salute! Il nostro corpo si adatta e si modella interiormente, a livello chimico, a seconda di come i nostri pensieri e le nostre emozioni si rapportano a lui! Vuoi fare qualcosa di veramente importante? AMATI! come non hai mai AMATO nessuno in vita tua! Tu crei te stesso e hai il controllo dei tuoi stati emozionali! Usalo! Non persistere col farti del male!

3° Passo: Ricordati Sempre che Tu Sei ciò che Crei

Ora ti insegno due formule estremamente importanti prima di passare alla creazione.

La prima formula da stampare indelebilmente nella tua mente è la seguente:

“Nella vita PENSA solo a ciò che vuoi e smetti fin d’ora di PENSARE a ciò che non vuoi.”

Che cosa significa questo? Come ti ho già accennato e ripetuto, forse perfino allo sfinimento ma è importante che ti entri nella testa, nella vita Attrai e Sperimenti le cose a cui pensi di più ma, paradossalmente, la gente tende invece a pensare proprio alle cose che non vuole! Quando focalizzi i tuoi pensieri su qualcosa che vuoi, ed esprimi certezza in questo, sei in quel preciso momento in cui si sommano tutti i poteri che hanno maggiore effetto nell’Universo. La LDA però non sa riconoscere parole di negazione come “no” o “non” eccetera, pertanto questo è ciò che la Legge riceve se non controlli bene i tuoi pensieri:

Quello che tu pensi: La Legge riceve:

“Non voglio fare tardi!” “Voglio fare tardi”

” Non voglio altri debiti!” “Voglio altri debiti”

“Non voglio prendere l’influenza!” “Voglio prendere l’influenza!”

“Non voglio discutere.” “Voglio discutere.”

“Non voglio avere un incidente “Voglio avere un incidente!”

Ora, ti è mai successo di trovarti per strada, dentro la tua automobile, con la paura e la tensione di fare tardi a un appuntamento per te molto importante? Hai mai notato che proprio quel giorno ti capitano quasi tutti i semafori rossi o ingorghi di qualche tipo? Bene sono sicuro che almeno una volta ti sarai detto/a “Caspita! Ma ce l‟hanno con me?!? Possibile?” Questo è un esempio in cui la Legge dell’Attrazione sta manifestando esattamente ciò che hai chiesto, e cioè: “Voglio fare tardi!” attraverso il tuo pensiero di “Non voglio fare tardi!” Hai capito quindi? Basta pensare a ciò che non vuoi! Pensa solo a quello che vuoi! Se hai dei debiti smetti di pensare ai debiti! Pensa solo di vederli già estinti e lascia che la LDA ti aiuti a farlo!

Se cerchi l’anima gemella, smetti di pensare che non l’avrai mai, che nessuno ti vuole e che non esiste la donna o l’uomo giusti per te! Sono tutti pensieri limitanti per non usare il termine volgare “stronzate”. Pensa invece all’abbondanza di potenziali partners che sono già lì per te, di cui uno (o anche più di uno) è già il compagno o la compagna che desideri e con cui vuoi stare! Se per tutta la vita hai pensato anche a ciò che non volevi, non lamentarti se poi adesso le cose non ti girano per il verso giusto, poiché stai vivendo l’esperienza che hai contribuito a creare con tutti i pensieri negativi che hai formulato in passato. I tuoi problemi attuali sono il residuato di anni e anni di creazioni Inconsapevoli attraverso la Legge dell’Attrazione. Se nella vita quindi vuoi Attrarre e Sperimentare le cose che desideri, allora devi concentrarti SOLO e UNICAMENTE su quello che desideri e MAI su quello che NON desideri, è chiaro? 🙂

La seconda formula, anche questa molto importante da te-nere bene a mente, è la seguente:

La Legge dell’Attrazione se ne frega se tu credi in lei o meno; se sei una persona buona o malvagia poiché è sempre attiva, anche adesso. La Legge dell’Attrazione è come un lettore DVD, con il difetto che non puoi metterlo in pausa o spegnerlo. Ogni pensiero che pronunci, che riguardi il tuo futuro, il tuo passato o il tuo presente, è un meccanismo continuo di sola andata! Perciò scegli bene ogni tuo pensiero … poiché nella vita…

ATTRAI CIO’ CHE PENSI!

4° Passo: Esprimi il tuo desiderio

Finalmente siamo arrivati al culmine della Legge dell’Attrazione. Dopo aver capito le due formule appena descritte, è arrivato il momento in cui chiedi all’Universo ciò che vuoi attrarre e sperimentare nella tua vita. Hai capito come convincerti di essere un magnete, attraverso il passo uno; hai capito come puoi raggiungere quello stato di gratitudine ottimale, attraverso il passo due e hai capito persino con quali attitudini motivare i tuoi pensieri, attraverso il passo tre. Ora ti chiederò probabilmente la cosa più difficile di tutte: scollegare la mente per almeno dieci minuti prima di esprimere ogni tuo desiderio. Ora ti spiego il perché, e per farlo mi servirò di un esempio che uso con tutte le persone durante alcune sessioni di training che organizzo nella mia zona. Se afferri una tazza di latte con la mano, e alzi il braccio che la regge, di sicuro la tazza non peserà tantissimo in principio, ma cosa accadrà se terrai sollevato il braccio per un certo periodo di tempo? Accadrà che la tazza diverrà sempre più pesante. Dopo venti minuti sono quasi certo che il braccio ti farà male. Come si può risolvere quindi il problema della pesantezza al braccio? Sarà sufficiente posare di nuovo la tazza per tre o quattro minuti, così potrai tornare a sollevare il braccio nuovamente e senza fastidi. Bene la mente umana è la stessa cosa, con l’unica differenza che non c’è modo di “posare la tazza” per evitarne la pesantezza. L’unico metodo veramente efficace è una forma leggera di meditazione.

Perché è necessario imparare a scollegare la mente? Scollegare la mente è davvero importante per acquisire una cosa che nella nostra vita frenetica è sempre meno presente: La Lucidità. Prima di esprimere un desiderio o in qualsiasi altro momento della giornata, è importante scollegare la mente poiché essa è abituata a “vagare” da sola. Ti sarà capitato almeno una volta nella vita, di avere la mente che vuole pensare a tutti costi a qualcosa a cui tu non vuoi pensare?Ciò accade perché essa non ha un interruttore che puoi spegnere o accendere, così dopo un certo periodo diventa iperattiva a causa di tutte le nuove connessioni neuronali che si sono venute a formare. Se nella vita può esserti capitato qualcosa che non desideravi, sappi che potresti averlo attratto inconsapevolmente proprio grazie al fatto che la mente vive di “vita propria” e a volte sembra essere del tutto incontrollabile. Per aiutarti a cominciare a “controllarla”, posso indicarti una forma leggera di meditazione, non troppo invasiva e soprattutto non troppo noiosa: la Meditazione Tabor.

Fase Uno della Meditazione Tabor: Respirazione Semplice Abbassa lo sguardo e fissa un punto al di sopra dell’ombelico o nei pressi. Inspira in modo uniforme e delicato, più profondamente che puoi, ma senza sforzarti. Se la mente vaga, riportala gentilmente ma con fermezza a focalizzarsi sulla respirazione. Respira ed Inspira, e ogni volta che esegui questo semplice movimento naturale, seguilo con la mente. Non c‟è un limite di tempo preciso da dedicare a questa fase. Tu conosci quanto puoi portarla avanti, ma personalmente consiglio sempre di non stare sotto i dieci minuti. Praticala tutti i giorni e ti accorgerai che permettere alla tua mente di scollegarsi e di non “vagare” a vuoto diverrà più semplice ogni giorno che passa, e riuscirai così a controllare anche quei pensieri che potrebbero manifestare nella tua vita le cose che non desideri. Ora, dopo la meditazione Tabor, rilassati e finalmente scegli il tuo desiderio. Scrivilo su un foglio di carta, o il classico post-it, in modo da imprimerlo chiaro nella tua mente e da averlo davanti agli occhi durante tutta la giornata. Se ti trovi in un ufficio, attaccalo al monitor del computer.

Cerca di averlo davanti agli occhi il più che puoi, e mentre lo guardi devi provare le medesime sensazioni, come se quel desiderio si fosse già avverato. E’ importante questo. Forza prova a chiedertelo: “Quali sensazioni proverei se il mio desiderio si fosse avverato?” Hai solo una vaga idea di come ti potresti sentire se ciò accadesse? Coraggio chiudi gli occhi, fallo adesso, procurati questo magico momento e domandati quali sensazioni proveresti se qualcuno in questo momento ti desse la notizia che ciò che desideravi più di tutto nella tua vita si è manifestato. Prenditi tutto il tempo che vuoi e assapora ogni singolo istante di quel momento. Forza fallo. Vedilo! Fatto? Sinceramente, ti ha fatto sentire meglio pensare a questa cosa? Anche se io non posso udire la tua risposta in questo momento, so già come ci si sente. 🙂 Benvenuto/a! Hai finalmente scoperto e sperimentato il magico potere del Pensiero sul tuo corpo!

Quindi come ti ho detto, quando avrai davanti il post-it, focalizzandoti su ciò che hai scritto sopra, è importante che tu senta per davvero quelle sensazioni di gioia e felicità, come se il tuo intento ti avesse già procurato ciò di cui hai bisogno. E’ estremamente importante. Ricordi quando nella mia esperienza ti ho raccontato che immaginavo di suonare ad un party organizzato da quella radio? Ricordi che ti ho parlato di sudore, odori, energia e atmosfera di festa? Bene, questi sono gli elementi base per focalizzarti sul tuo desiderio e attrarre a te le cose che vuoi. Se vuoi andare in vacanza alle Maldive, allora pensa all’azzurro chiarore delle sue acque, al sole, all’ananas con dentro il tuo drink, alle discoteche, al divertimento sfrenato e a tutto quello che è l’immagine visiva, olfattiva e gustativa di ciò fa parte del tuo desiderio. Usa i tuoi cinque sensi e usali più che puoi! Per quanto non mi piaccia usare questa parola, purtroppo è una delle poche che renda veramente l’idea: il tuo desiderio deve diventare la tua piccola dolce ossessione! Più sei ossessionato da esso, e prima l‟otterrai.

Nella formulazione del tuo intento, sii specifico/a. Se vuoi attirare a te del denaro scrivilo chiaro e preciso, con la cifra che vuoi manifestare ed entro quale periodo vuoi che questo accada, nei limiti in cui tu lo credi possibile:

“Io desidero attrarre e sperimentare senza alcuna difficoltà euro […] entro il […] tranquillamente e felicemente. Io sono un magnete che attrae benessere e molto altro ancora.”

Quello che ho appena riportato, è solo un esempio, anche se è già funzionale e puoi usarlo tranquillamente, ma tu puoi esprimere il tuo.

Quello che ti chiedo è di non usare mai all’interno delle parole che lasciano sfuggire il tuo senso di bisogno nei confronti di qualcosa che ti manca. Ad esempio:

“Io desidero attrarre e sperimentare euro […] entro il […] perché ne ho davvero bisogno. Sono disperato/a e non so come fare a pagare la rata del prossimo mutuo.”

Questo desiderio è sbagliato, perché dimostra che tu hai bisogno di qualcosa che ti manca, e ciò significa focalizzare il tuo desiderio su una mancanza. Inoltre ricordati che la Legge dell’Attrazione non riconosce le parole di negazione, quindi sappi che gli hai appena detto che sei disperato/a e che (…) sai come fare a pagare la rata del mutuo, quindi lei ti darà modo di sperimentare più disperazione per lo stesso motivo. E sai una cosa? Puoi pure scordati la grana.

Ogni desiderio deve essere assolutamente specifico, e il suo significato deve essere tutto focalizzato solo su quello che vuoi attrarre davvero nella tua vita. Nella sua formulazione devi dare per scontato che ciò che chiedi è già tuo! Là fuori esiste già una Fonte di Energia da cui attingere, che puoi definire in termini di Denaro, Amore, Felicità, Benessere, Salute e quant’altro; e la quantità di ciò che chiedi è già tua! E’ già lì per te! Perciò, ragiona sempre come se quello che chiedi è già là fuori, da qualche parte solo per te. Al termine di questo, continua la tua vita, facendo quello che hai sempre fatto, ma non dimenticarti mai qual’ é il tuo obbiettivo finale! Davvero più semplice di così, si muore!

5° Passo: Visualizza i tuoi desideri

Bene, adesso hai imparato come formulare il tuo desiderio, in maniera chiara ed efficace. Ora ti insegno un altro trucco fondamentale che ti aiuterà tantissimo a raggiungere i tuoi obbiettivi, e si tratta forse della fase più divertente della Legge dell’Attrazione. Ti chiederò pertanto di procurarti una “Tavola dei Desideri”. So già cosa ti sta passando per la testa, quindi ti dico subito che la “Tavola dei Desideri” non altro che una di quelle tavole di legno che si appendono al muro, dove con delle puntine puoi attaccare le tue fotografie o i tuoi appunti. Perché è così importante “visualizzare”? Quello che ti sto per fare, non è molto diverso dal discorso che ti stavo facendo prima sul provare la sensazione di realizzazione del tuo desiderio, ma differisce in paio di punti. Ricordi quando ti ho accennato agli adesivi della radio, con cui avevo tappezzato tutta la mia valigia dei dischi? Ricordi che ti ho detto passavo molto tempo a guardarla e a sognare di fare già parte di quella radio?Bene, a questo serve la Tavola dei Desideri, ad avere sempre di fronte agli occhi qualcosa che ti ricordi il tuo obbiettivo finale.

Se è una nuova auto che desideri, sfoglia una rivista, scegli quella che più ti piace, ritagliala e attaccala sulla Tavola dei Desideri. Se è una nuova casa che desideri, ritaglia la foto di quella casa e attaccala sulla Tavola dei Desideri; insomma fai questo con tutto quello che desideri attrarre a te. Io ad esempio lo faccio spesso con le classifiche. Come? Prendo una chart da Internet, una che davvero mi interessa andare a “colpire” e poi con Photoshop sostituisco il nome di un artista con il mio, in una determinata posizione della classifica che m’interessa. La stampo e me la guardo tutto il tempo fino a quando il brano che ho realizzato, non entra dentro quella classifica e ne occupa la posizione che io ho scelto.

Potrà sembrare una cosa da ebeti, ma ti assicuro che funziona. Ora con questo non voglio eliminare del tutto il concetto di talento. E’ chiaro che ad ogni intento espresso deve seguire un azione, o una serie di azioni, ed è quella di continuare a fare il tuo lavoro al meglio delle tue possibilità, raccogliendo ogni occasione che ti capita a tiro. Quando ti si presenta un occasione che avrai contribuito ad attrarre con il tuo intento e il tuo lavoro, non dubitare, non pensarci due volte! Prendi e vai! Costi quel che costi! Tutto dipenderà da quanto sarai davvero allineato/a con ciò che chiedi. E’ una cosa davvero importante, una volta scelto le cose che vuoi attrarre, guarda la tua Tavola dei Desideri più che puoi. Cerca di posizionarla in modo da poterla osservare ogni giorno, senza difficoltà. Mentre fai ginnastica; mentre sei davanti al computer a navigare in internet; mentre prepari da mangiare. Ti ricordo che sognare ad occhi aperti, è la chiave per attrarre a te tutto ciò che vuoi! La tua più dolce ossessione.

6° Passo: Attendi che la Legge ti faccia avere ciò che hai chiesto

La Legge dell’Attrazione è davvero obbediente, e ti farà avere tutto ciò che desideri, ma c’è un tempo di attesa per questo, per un semplice motivo. Immagini cosa potrebbe accadere se la Legge dell’Attrazione ti desse modo di sperimentare quello che hai chiesto istantaneamente. Prova ad immaginarlo. Sei lì sulla poltrona che stai visualizzando un catalogo di viaggi. Ad un certo punto soffermi il tuo sguardo sulla foto di un Leone nella Savana, ed esprimi il desiderio di vederne uno dal vivo. Cosa succederebbe se il leone comparisse di colpo nel salotto di casa tua? Non sarebbe di certo una sorpresa gradita. La Legge dell’Attrazione invece fortunatamente ha un tempo di attesa, durante il quale potrai decidere di cambiare il desiderio che avevi espresso, e magari formularlo con più precisione, in un momento di assoluta perfezione.Purtroppo, non è ancora chiaro quanto tempo c’è da attendere perché il desiderio si manifesti nella tua vita. Quello che posso dirti è che una Manifestazione più Rapida richiede il tuo impegno ad eseguire tutti i giorni, i quattro passi che ti ho descritto nei precedenti paragrafi, trasformando ogni tuo intento in quella piccola dolce ossessione. Con più sarai allineato energeticamente con le cose che hai chiesto, con più la Legge dell’Attrazione ti darà ciò che chiedi. Normalmente, se eseguirai il programma, tutti i giorni, potrai arrivare ad ottenere ciò che hai chiesto in circa 6/7 settimane, ma ricordati che più desideri ardentemente qualcosa, prima l’otterrai. Esegui questo processo creativo tutti i giorni, divertendoti, e ripetilo fino a quando non otterrai ciò che chiedi. E attenzione, non ti ho detto SE l’otterrai, ma fino a QUANDO non l’otterrai!

Ancora un piccolo suggerimento. Ovviamente, nella stragrande maggioranza dei casi, le persone usano la Legge dell’Attrazione solo per attrarre denaro. Non c’è nulla di male in questo, sia chiaro, però lasciami dire qualcosa in merito. E’ davvero importante che i tuoi intenti siano diretti anche ad un discorso più generale della vita. Se hai capito finalmente che tu sei il creatore della tua realtà, avrai cer-tamente capito che potrai condizionare moltissimo non solo la tua ma anche la vita delle persone che gravitano dentro il tuo raggio d’azione. Non ti sto dicendo che tu potrai controllare gli altri. Questo è impossibile attraverso la Legge essa ha un suo equilibrio specifico e ha una sua funzione bilanciata con tutto l’Universo. Potrai comunque influenzare la realtà degli elementi, e creare così degli scompensi alle altre persone che potrebbero soffrire per questi cambiamenti. Usa quindi la Legge dell’Attrazione con saggezza e rispetto, poiché una volta appurato che l’origine umana è divina, cerca di assumere il controllo della tua vita in modo da dare e ricevere, e provare gioia in questo. Bilancia quindi tutte le cose.

Un‟altro piccolo accorgimento. Le convinzioni delle persone che ti circondano, possono limitare parecchio i tuoi pensieri e i tuoi intenti. Quindi, se puoi, evita di parlare della Legge dell’Attrazione agli altri e non dire a nessuno che ne fai uso, a meno che tu non sia certo/a che si tratta di persone aperte mentalmente e pronte a far scorrere dentro di loro il fiume della conoscenza.I comportamenti di coloro che sono schiavi dei “blocchi emozionali”, tendono spesso a sentirsi negativi rispetto a queste cose, e a rigettarle alla fonte. Non è lontano il giorno in cui le persone apriranno i loro cuori alla saggezza, alla conoscenza (quella vera) e all’Amore Infinito, ma nel frattempo possiamo cominciare noi a dar vita a questo movimento positivo, fatto di persone che finalmente realizzano il loro infinito potenziale e che le nostre piccole dolci ossessioni ci donino la felicità che tutti ci meritiamo.

Buona Creazione.

Riassunto

01. Tu sei un Potente Magnete che attrae Energia, ricordalo!

02. Nella vita pensa solo a ciò che desideri sperimentare e MAI a ciò che non vuoi sperimentare

03. Migliora il tuo stato di Gratitudine pensando alle cose per cui sei Grato/a; sentirsi felici e leggeri è importante per creare consapevolmente

04. Svuota la mente per dieci minuti prima di esprimere il tuo Desiderio; questo ti darà modo di pensare in maniera più lucida quando l’esprimerai

05. Rilassati ed esprimi il tuo Desiderio

06. Visualizzalo più e più volte al giorno tutti i giorni finché questo non si manifesta

07. Attendi che la Legge ti faccia avere ciò che hai chiesto e preparati ad ottenerlo nel modo più inaspettato, attraverso una telefonata, una vincita o quant’altro

08. Ricordati che non vi sono limiti a ciò che chiedi; l’unico limite è quello che ci imponiamo da soli

09. Tu crei te stesso/a ogni giorno della tua vita

Tratto dal Manuale di Andrea Doria – Fine

La storia dell’Umanita’ e’ raccontata nelle Tavole di Smeraldo di Thoth, l’Atlantideo.

Per approfondire a livello storico la legge di attrazione >>

Forme pensiero e Legge di attrazione. 🙂

Le forme-pensiero sono delle manifestazioni energetiche che hanno vita lunga o breve in base all’energia di cui vengono nutrite. Tutti noi ne emettiamo, tutti ne siamo circondati e a volte interferiscono con la nostra vita. Ne percepiamo gli effetti, spesso dannosi per il nostro benessere psicofisico… Le numerosissime forme-pensiero che ci gravitano intorno condizionano e paralizzano le nostre scelte, attirano la collera e l’impulsività, rinforzando le nostre paure. Le forme-pensiero sono all’origine delle malattie e di comportamenti nocivi per noi e per gli altri. Mentre la legge di attrazione ci permette di attrarre a noi cio’ che e’ simile. La legge di attrazione dice che i simili si attraggono, ma in realtà si sta parlando a livello di pensiero. “Quando lo vedi nella tua mente, ce l’hai a portata di mano” L’effetto placebo è un esempio di legge di attrazione: quando un paziente crede veramente che la pastiglia costituisca una cura, riceve quello che crede e viene curato! La legge di attrazione è una legge di Natura; è impersonale e non fa distinzione tra cose buone e cattive: capta i nostri pensieri e li trasmette come esperienze di vita.

Quello che noi pensiamo poi lo viviamo! E’ l’anteprima delle attrazioni che la vita ci riserva” Albert Einstein (1879-1955) Bisogna riconoscere una semplice ed autentica verità: il mondo esterno è solo uno specchio in cui vengono proiettate le nostre forme-pensiero. Dipende solo da noi, e dal modo in cui usiamo la mente, la possibilità di diventare sereni e felici acquisendo la capacità di strutturare immagini e pensieri positivi. Dobbiamo assumerci la responsabilità della nostra vita, ovvero della sua regia e della sua proiezione, modificando i nostri fotogrammi mentali. Quando abbiamo conflitti interni, il mondo diventa un campo di battaglia e ci disperiamo perché, continuando a cercare soluzioni di forza, finiamo col rompere il nostro specchio. Quando, viceversa, siamo in pace con noi stessi, percepiamo sempre una realtà armoniosa.

Chiunque voglia migliorare il mondo deve, dunque, cominciare a migliorare se stesso. A fronte di questa verità, ricorrono spesso, nella nostra cultura, alcune obiezioni. Una fra queste è che le difficoltà della vita sono oggettive e che la realtà materiale va ben distinta da quella mentale, che è priva di supporti e dimostrazioni scientifiche. Eppure proprio gli studi condotti dalla scienza sull’attività cerebrale durante il sogno hanno messo in luce uno stretto collegamento mente-corpo. Le immagini del sogno determinano intensi effetti fisici: il panico, il terrore o il piacere vissuti in queste circostanze sono talmente reali da provocare sudorazione, alterazione del battito cardiaco, urla, sorrisi e tutta una gamma di altre manifestazioni fisiche. Si può concludere affermando che, se la mente è responsabile dei nostri incubi, lo è, a maggior ragione, della nostra serenità. Il nostro pensiero positivo è il fulcro del nostro benessere. Attrarre il bene con il pensiero è una cosa che si acquisisce proprio pensando positivamente .Se ami una persona le dedichi pensieri belli, d’ amore e l’attiri a te. Se al contrario, detesti una persona, fai del male a te stessa, perchè il tuo pensiero ti corrode l’anima.

W. Clement Stone: «Siete una mente con un corpo. Potete orientare i vostri pensieri, controllare le vostre emozioni e plasmare il vostro destino».

Ricordatevi sempre che potete raggiungere qualsiasi cosa ed ogni cosa a condizione che ciò che desiderate o fate non violi le leggi divine e non leda i diritti altrui.

Sulla Visualizzazione…. la chiave per realizzare i sogni ... 🙂

Desiderate con convinzione e sicurezza. L’energia emotiva che usate è importante quanto le parole stesse. In pratica, state riprogrammando il subcosciente, la mente programmata. I vostri desideri si materializzeranno se mostrerete al subcosciente l’immagine di ciò che volete. Potete farlo con immagini vere, concrete, ma é molto meglio formare le immagini nella mente. E quella che si chiama visualizzazione. Per essere efficace, la visualizzazione deve comprendere tutti i sensi, non solo la vista. Immaginate la cosa o la situazione che desiderate. Che sensazioni vi darà? Voi come sarete? Cosa proverete? Quali suoni accompagneranno il possesso dell’oggetto dei vostri desideri? Quali sapori, odori, eccetera? Coinvolgete tutti i sensi in una chiara immagine di ciò che volete, e il subcosciente non potrà sbagliare.

Comunque sia andata finora la vostra vita, voi avete il potere e la capacità di usare gli strumenti della vostra mente in modo efficace ed efficiente. Potete governarli, padroneggiarli, neutralizzarli ed armonizzarli, purché assumiate un Atteggiamento Mentale Positivo.

Chiunque cerchi una via per migliorare se stesso troverà entusiasmante, accessibile ed estremamente efficacele proposte di Napoleon Hill. Il Potere Invisibile della Visualizzazione è un’efficace quanto semplice guida, un best-seller di fama mondiale fin dalla sua prima edizione che continua a essere considerato una lettura indispensabile per tutti coloro che desiderano ottenere il meglio dalla propria vita. Visualizzazione Creativa Usa il potere dell’immaginazione per ottenere ciò che vuoi dalla vita. Visualizzazione positiva Prevedere e immaginare cose buone significa farle accadere. La Facoltà Creativa dell’Immaginazione. La legge e la promessa Manifestazione per mezzo della preghiera

Libro consigliatissimo – Il messaggio di un grande Maestro 🙂

La mente umana può REALIZZARE tutto quanto può CONCEPIRE e CREDERE.

Messaggio di un grande maestro Un classico sulla ricchezza, saggezza e il segreto del successo.“Niente al mondo può impedire al vostro obiettivo di concretizzarsi…” C’è qualcosa di inspiegabile in queste pagine che ha il potere meraviglioso di prestare aiuto, che ricolma il lettore di un convincimento dinamico. È la storia del cambiamento meraviglioso che si verifica in un uomo dopo il suo incontro con un vero maestro di vita. Ci mostra infatti in modo chiaro, semplice e comprensibile come sviluppare le nostre forze interiori per ottenere salute, vitalità e prosperità. Grazie agli insegnamenti che vengono rivelati in questo libricino, che non fornisce solo teoria ma anche la pratica necessaria per realizzare i nostri desideri, sapremo diventare veri maestri della nostra vita. Classico motivazionale.

Qualunque immagine contenuta durevolmente in una mente, sotto qualunque forma, è destinata a emergere. Questa è la grande e immutabile legge universale che ci rende padroni delle condizioni e situazioni della nostra vita, quando cooperiamo con essa in modo intelligente. Messaggio di un grande maestro

Pensiero positivo 🙂

Il Pensiero positivo rappresenta la chiave per scardinare gli schemi mentali negativi che sono tra le cause sia delle malattie che ci affliggono che della nostra infelicità in generale. Le tecniche proposte dal pensiero positivo funzionano perché portano la nostra attenzione ai nostri processi mentali negativi, alle nostre affermazioni inconsapevoli che programmano e rafforzano nostro malgrado la realtà di ogni giorno. Piccoli meccanismi a cui non poniamo attenzione che tuttavia ripetuti nel tempo creano i condizionamenti a cui finiamo con il sottostare, arrivando a considerarli anche parte integrante del nostro carattere e anche fino a provocare patologie e disturbi fisici come risultato della cristallizzazione di pensieri negativi.

La casistica di come le nostre emozioni represse e le false credenze si traducano in sintomi è ampia e precisa. Per questo le nostre malattie sono un utile strumento per capire meglio noi stessi. Per riprogrammare la nostra mente occorre innanzi tutto prestare attenzione ai nostri pensieri, ma esistono anche stratagemmi per “sovrascrivere” il programma negativo, che intendiamo cancellare, con uno nuovo, positivo, che ci aiuterà a cambiare in meglio la nostra vita. Il pensiero positivo potrà operare veri e propri piccoli miracoli. Libri sul Pensiero Positivo 🙂

Se desideri approfondire questo tema ti consigliamo di visitare anche le pagine dedicate a: Vera Peiffer Louise Hay Anthony De Mello

Successo e Ricchezza. 🙂

Quante volte vi siete trovati a sognare ad occhi aperti di raggiungere il successo e realizzare così i vostri desideri? Di certo aspirare ad una maggiore ricchezza non è immorale nè tantomeno da reprimere. Ma qual’è la strada per arrivare a questo? E’ semplice…forse molto più di quanto immaginiate! E’ sufficiente lasciare che si liberi l’ energia vitale del successo e che si manifesti pienamente lo Spirito in quelle forme che noi chiamiamo buon esito, vittoria, realizzazione e abbondanza. Il modo per farlo ce lo insegnano autori, psicologi ed esperti, e a noi non resta che Volerlo! Wallace D.Wattles René Egli N. Hill/W.C. Stone Roberto ReDeepak ChopraDaniel GolemanRichard BoyatzisAnnie McKee Zig Ziglar  – Spencer Johnson Jack Lawson Jack Canfield Mark Victor Hansen Og Mandino – Se desideri approfondire questo tema ti consigliamo di visitare anche le pagine dedicate a: Roy Martina Anthony Robbins Gregg Braden

Argomenti correlati : Antroposofia Affermazioni Meditazione – Percorsi di consapevolezza

La Legge di Attrazione 🙂

La Legge di Attrazione è la più potente legge dell’Universo, secondo cui si attira ciò che è simile a sé. Ogni elemento della tua vita e di chi ti circonda è influenzato dalla Legge dell’Attrazione. Questa sta alla base di tutto ciò che vedi manifestarsi nel mondo fisico, di tutto ciò che entra nella tua esperienza. Esiste una correlazione che intercorre tra ciò che pensi e ciò che effettivamente sta entrando nella tua esperienza. Nulla di ciò che ti accade appare dal nulla. Sei tu ad attrarlo, ad attrarre tutto. Senza eccezioni. Poiché la Legge di Attrazione risponde sempre ai pensieri, è appropriato dire che ciascuno crea la propria realtà. Qualunque cosa vivi, viene a te perché la Legge dell’Attrazione sta rispondendo ai pensieri che stai facendo. Il pensiero su cui sei concentrato nel tuo potente « ora » attiva dentro di te una vibrazione alla quale la Legge dell’Attrazione risponde immediatamente.

ARTICOLI CORRELATI

  • La Legge d’Attrazione – Quando e come funziona e perché a volte non funziona…
  • La Chiave Suprema – The Master Key System – Il Master Key System è il più grande libro mai scritto.  Il Master Key è stato tra i primi libri scritti su come utilizzare la Legge di Attrazione, la forza più potente dell’universo.  Il libro è stato vietato dalla Chiesa nel 1933 ed è stato nascosto per decenni. The Master Key System è stato ANCHE UNO dei Principali ispiratori “The Secret” Tutti i nuovi pseudo maestri che insegnano la legge di attrazione si basano principalmente sugli insegnamenti de “La chiave suprema di Charles Haanel” che è stato il primo negli anni 30 a parlare di legge di attrazione.
  • COME USARE LA LEGGE D’ATTRAZIONE  IL SEGRETO DI RHONDA BYRNE.
  • La Legge d’Attrazione – Quando e come funziona e perché a volte non funziona…
  • La Legge di Attrazione in 7 Passi –  Come manifestare il meglio partendo dall’amore
  • Come Sfruttare al Massimo la Legge dell’Attrazione. Trasforma la tua vita in 11 mosse. Ecco i primi due passi importanti per cambiare la tua vita…
  • 15 Lezioni Del Processo Creativo. Sono le emozioni associate alle credenze inconsce a determinare la Legge di Attrazione.
  • Manifestare abbondanza, successo, benessere, salute, relazioni. Desideri mettere in pratica nella vita quotidiana i principi della Legge di Attrazione? Hai letto “The Secret”, ma incontri difficoltà a rendere manifesti i tuoi sogni o desideri, pur continuando a sentire molto forte dentro di te che quella è la strada giusta per loro?
  • Abbondanza e manifestazione Theta Healing. Tutti gli strumenti per generare abbondanza e prosperità modificanto il tuo modo di pensare. La parola è il pensiero che diventa realtà e, al tempo stesso, il mezzo con cui raggiungere i propri traguardi.

Crediti immagini Fresh Paint

Lascia il tuo commento:

Lascia un commento