Smettere di Lavorare – Cambiare vita – Far fruttare le proprie passioni

Smettere di Lavorare – Cambiare vita – Guadagnare risparmiando – Far fruttare le proprie passioni – Vivere bene con poco – Trasferirsi all’estero.

La strategia del risparmio per una vita più felice, non più schiava del lavoro.

Semplici regole, che l’autore ha messo in pratica per cambiare la propria vita e diventare di nuovo padrone del proprio tempo!

  • Come smettere di acquistare il superfluo
  • Strategie per risparmiare
  • Autoprodursi il necessario
  • Raggiungere l’indipendenza energetica
  • Investire i propri risparmi
  • Vivere delle proprie passioni
  • La riscoperta del baratto
  • Opportunità di vita all’estero

Un manuale concreto e ricco di spunti, frutto dell’esperienza diretta di Francesco Narmenni, che un giorno ha deciso di trasformarsi da impiegato a padrone della propria vita, adottando passo dopo passo tutta una serie di accorgimenti che gli hanno permesso di vivere bene senza il tanto ambito “posto fisso”.

Smettere di lavorare ti insegna come fare per cambiare radicalmente la tua vita e riuscire a liberarti dalla schiavitù del lavoro. Contiene esempi concreti da applicare al quotidiano, conteggi precisi e una tabella di marcia da seguire. È arrivato il momento di dare una scossa alla tua esistenza, di dire addio ai mal di testa da lunedì mattina, al traffico dell’ora di punta, allo stress onnipresente, alle vacanze forzate nella settimana di Ferragosto, ai capi incompetenti che guadagnano alle tue spalle e scaricano su di te le loro responsabilità. Puoi uscire da questo folle meccanismo, tornare a essere libero, sfruttare a pieno il tuo tempo… e vivere senza lavorare.

Il risultato è straordinario: vivere felici con meno di cinquecento euro al mese! Provare per credere.

“Ho lavorato per molti anni come programmatore software con un normale stipendio da 1500 euro al mese, poi, stanco di vivere una vita da schiavo del lavoro, ho deciso di licenziarmi e cercare di realizzare i miei sogni! Non è stata una decisione improvvisa, ma la conclusione di un progetto di cambiamento ben preciso ed organizzato. Dopo esserci riuscito ho scritto questo manuale pratico.” Francesco Narmenni

Estratti dal Libro

Hai mai veramente riflettuto sul fatto che per tutta la vita ti alzerai stanco, guiderai in mezzo al traffico in uno stato di nervosismo perenne, lavorerai finché ci sarà luce e poi tornerai a casa più stanco di prima a sprecare le poche ore del giorno piantato davanti alla televisione?

Hai mai veramente pensato che finisci inevitabilmente per passare il tuo tempo libero chiuso in un centro commerciale, spendendo i soldi che hai duramente guadagnato a comprare cose inutili, che ti servono per far colpo sugli altri, senza renderti conto che gli altri non ti amano di più se hai un nuovo cellulare o una macchina di lusso?

Ti sei mai chiesto se ha veramente senso spendere gran parte di quello che hai guadagnato, obbligato ad andare in vacanza a ferragosto, stritolato tra migliaia di persone, pagando tutto il triplo del normale?

Ti sei infine reso conto che quando il sistema ti lascerà libero, ridandoti un centesimo di quello che tu hai dato a lui, sarai vecchio e stanco, e avrai sprecato la vita a produrre e consumare, produrre e consumare, ogni giorno, ogni mese, ogni anno, in una folle corsa che non porta da nessuna parte?

Io, un giorno, un pensierino su questi temi l’ho fatto ed è per questo che ho scelto di smettere di lavorare…


L’aperitivo post-lavorativo è ormai diventato un rituale consolidato un po’ ovunque: stressate dalla lunga giornata trascorsa a produrre, le persone dedicano parte del loro tempo ai rapporti con colleghi e amici.

Ed è qui che, esaltati e intontiti dai fumi dell’alcol, spesso assistiamo a tristi proclami di progetti che non troveranno mai una realizzazione: “Basta, mollo tutto e vado a vivere su un’isola deserta”, “Ho un amico che ha aperto un baretto in Messico e fa la bella vita”, “Mi prendo un anno sabbatico e faccio il giro del mondo”.

L’ora dell’aperitivo è un momento sociale molto particolare: si pone tra i doveri lavorativi appena trascorsi e quelli familiari che ci attendono. Per questo motivo, nel lasso di tempo che trascorriamo al bar, siamo particolarmente rilassati e positivi, e ci liberiamo temporaneamente dei problemi della vita quotidiana; siamo cioè più propensi a dare sfogo a quelle fantasie che spesso reprimiamo.

Purtroppo, tutti noi scambiamo spesso i sogni per reali intenzioni e i progetti che fioriscono tra uno spritz e l’altro evaporano presto, senza lasciare traccia.

Al mattino torniamo tutti a lavorare, rassegnati all’impossibilità di realizzare progetti così ambiziosi e visionari.

Se scappare via da questa società e vivere più lentamente e in modo meno stressato è il sogno di tutti, per quale motivo quasi nessuno si attiva concretamente per migliorare le proprie condizioni di vita e trovare la felicità che sta cercando? Perché siamo tutti rassegnati a un futuro fatto solo di lavoro e soldi spesi in cose inutili?

Nei prossimi due capitoli, prima di iniziare a delineare la strategia giusta per smettere di lavorare, analizzeremo i motivi per cui oggi siamo tutti convinti che lavorare, produrre e consumare sia il modo “normale” e “giusto” di vivere, e come questa condizione ci impedisca di essere felici.

Contestualmente capiremo quale dovrebbe essere l’approccio mentale da adottare per affrontare un cambiamento tanto radicale.

Smettere di Lavorare
Cambiare vita – Guadagnare risparmiando – Far fruttare le proprie passioni – Vivere bene con poco – Trasferirsi all’estero

Voto medio su 5 recensioni: Buono

Articolo correlato…. Crea il Lavoro che Ami – Motivazione, vocazione, realizzazione.

Articolo correlato….  Smetti di Lavorare – Giovane e Ricco – Libro Come diventare subito ricchi e rimanerlo per sempre.


Mollo Tutto e Vado all’Estero – Guida pratica per crearsi una vita migliore in un altro paese. Un guida per chi ha deciso di iniziare una nuova vita all’estero.

Contiene un percorso a tappe da seguire e anche il riassunto e la traduzione delle leggi di molti tra i paesi più interessanti in cui oggi conviene trasferirsi.

Sulla base della propria esperienza personale, Narmenni, noto blogger, illustra quali sono le strategie e gli accorgimenti da mettere in atto per crearsi una vita migliore in un altro paese, evitando gli errori che molti commettono quando decidono di andarsene dall’Italia.

  • Scegliere un paese in base ai propri mezzi e al costo della vita
  • Reperire utili informazioni sulla destinazione (consolati, siti governativi, normative ecc.)
  • Le mete più interessanti
  • Muovere i primi passi (iscrizione all’AIRE ecc.)
  • Comprare casa all’estero (procedure generali, dritte per evitare le truffe, rapporti con il fisco italiano)
  • Trovare lavoro all’estero (canali adatti, professioni più ricercate)
Mollo Tutto e Vado all'Estero
Guida pratica per crearsi una vita migliore in un altro paese

Come Apprezzare la Propria Vita e il Proprio Lavoro. È facile sentirsi a un punto morto nel proprio lavoro e nella vita in generale. Quando accade, ti accorgi che.. leggi questo articolo »

Avete la certezza che il lavoro dei vostri sogni esista, ma non sapete ancora qual è?… scopri come avviare la propria attività di successo… più informazioni »

Articolo correlato…. Ricco Solo Risparmiando – Come accumulare oltre 250.000 euro con un normale stipendio, risparmiando il giusto e investendo in modo sicuro.

Crediti immagine Fresh Paint

Lascia il tuo commento:
Precedente La dea Successivo L'Esistenza di Dio è Auto-Evidente