Se qualcuno ti risponde col silenzio … meglio stargli alla larga.


PROVA HYPE. Il nuovo modo di gestire il tuo denaro. Semplice, smart, senza costi! HYPE è in omaggio. Nessun costo di attivazione, ne canone annuo. Hai una Carta Mastercard Contacless con cui pagare online e in tutti i negozi. Registrati gratis online, IBAN e Carta sono attivi in pochi minuti! Canone: 0€  Emissione: 0€  Ricarica: 0€  Prelievi Italia ed Estero: 0€ Riceverai un bonus di 10€ che potrai spendere come vuoi registrandoti tramite questo link » REGISTRATI, È GRATIS

Vetrina Made in Italy - Scopri di più 


Se qualcuno ti risponde col silenzio … meglio stargli alla larga.

Ci sono quelle persone che tu fai una domanda… e loro non ti rispondono; li chiami… e non ti rispondono; gli scrivi… e non ti rispondono.

  • Alcuni sono sordi e vabbè non è colpa loro.
  • Altri sono idioti e vabbè ancora… non è colpa loro.

Poi ci sono quelli che si prendono il tempo per rispondere: qualche minuto, qualche ora magari o qualche giorno… ma prima o poi qualcosa te lo dicono. Persone che usano il cervello di solito, magari un po’ lentamente, d’accordo, però nella gran parte si tratta veramente di un silenzio costruttivo, che uno si prende per pensare (il che è solo segno di equilibrio, di questi tempi davvero difficili) e che prima o poi interrompe.

E poi c’è la categoria di quelli che non ti cagano di striscio. Niente, nada, nicht, no way. E non si parla di gente con l’Alzheimer che quindi si dimentica della tua domanda: no. Parliamo di una categoria di gente che non ti risponde proprio: ne con le parole, ne con i fatti. E non per un periodo definito: non ti risponde e basta. Ecco, da questi è meglio stare alla larga.

Si, perchè se rispondi col silenzio i casi sono tre: o non hai il coraggio di rispondere delle tue azioni, o non te ne frega un cazzo di quello che produci negli altri oppure sai esattamente quello che produci e lo fai apposta.

Il silenzio in risposta ad una domanda o ad una richiesta di contatto produce un vuoto che, non potendo essere riempito da risposte oggettive, viene inevitabilmente saturato dai dubbi di chi ti ha posto la domanda. E’ lo schermo vuoto del cinema mentale del malcapitato, il quale non potrà fare a meno di girare in tondo come un pirla.

E se tu produci questa cosa in modo consapevole allora vuol dire davvero che nella tua testa c’è qualcosa che non funziona. O hai troppa paura delle reazioni dell’altro, o ti reputi così superiore da non dover rispondere, o vuoi produrre qualcosa.

E’ vero: tutti abbiamo il diritto di non rispondere ad una domanda.  Ma non nell’ambito di un rapporto umano, di amicizia o di semplice frequentazione, quando la richiesta rappresenta qualcosa di importante, magari anche solo per chi la pone. In questo caso la risposta non è solo un dovere, è un obbligo.

A questo punto è ovvio che un silenzio può avere solo tre motivazioni.

La prima: sai che la risposta ferirà la persona, oppure produrrà una reazione spiacevole.

C’è modo e modo di rispondere e per quanto difficile possa essere, una risposta prima o poi la devi dare. E la reazione spiacevole ci sarà comunque prima o poi, anche con il silenzio. Quindi delle due l’una: o sei un vigliacco o sei un cretino. Meglio starti alla larga.


Alimentazione e nutrizione » Parafarmacia.

Migliaia di prodotti a prezzi scontati » Outlet Amazon.


La seconda: ti ritieni troppo superiore, o estraneo, o in diritto di farti i cazzi tuoi e sbattertene di quello che accade all’altro.

Allora il rapporto umano di cui sopra non esiste più oppure non è mai esistito, oppure i termini sono cambiati. Meglio starti alla larga.

La terza: vuoi ottenere qualcosa con il tuo silenzio.

Se vuoi qualcosa e non lo chiedi allora hai dei piani, uno scopo che per qualche motivo non vuoi far sapere. Nel migliore dei casi può darsi che tu abbia dei motivi onesti per fare questo ma parliamoci chiaro: qual’è la probabilità che i tuoi scopi siano davvero annoverabili come tali? Bassa, molto bassa. Quindi… Meglio starti alla larga.

Alla fine della fiera, se qualcuno ti risponde troppo col silenzio in assenza di giustificati motivi… meglio stargli alla larga.

E’ una questione di sopravvivenza.

Francesco Franz Amato da Franz’s Blog


Leggi anche questi articoli….

Parlare Meno E Ascoltare Di Più Per Capire Meglio – Parlare meno è il vero atto rivoluzionario in questa società “moderna” dove si parla tanto, si ascolta poco e si capisce ancora meno…. continua a leggere

Ascoltare nel silenzio la Voce Interiore. – Dobbiamo creare il silenzio attorno a noi almeno per un’ora al giorno, durante la quale possiamo ASCOLTARE quanto ci dice il subcosciente per risolvere i nostri problemi, per prendere le decisioni adatte.  Vorrei condividere con voi attraverso questo articolo [ Ascoltare nel silenzio la Voce Interiore ] una riflessione sull’importanza del silenzio.

Silenzio – Spesso il silenzio è una risposta eloquente. A volte sono attratta dalla possibilità che attraverso il silenzio si possano sentire altre voci, altri suoni. Una musica parallela o alternativa. (Milena Vukotic) Citazioni sul silenzio… continua a leggere

Se vuoi approfondire l’argomento ti consigliamo di leggere.. i nostri articoli

Lascia il tuo commento:

Copyright Immagini - Dove non specificato le immagini sono rilasciate sotto Creative Commons CC0 da Pixabay » Più Info


Amazon Prime Spedizioni in 1 Giorno senza costi aggiuntivi » Iscriviti e usalo Gratis per 30 giorni


Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

Precedente Il Mondo dall'Altra Parte Successivo Le affermazioni positive