Scienza dello Spirito

Massimo Scaligero. Formatosi agli studi umanistici, li integrò con una conoscenza logico-matematica e filosofica, e con una pratica empirica della fisica. Attraverso studi ed esperienze personali. individuò le linee direttive di una realtà originaria del pensiero, grazie alla quale risultava evidente la inanità discorsiva della dialettica.

Studioso di Nietzsche, di Stirner e di Steiner, approdò attraverso lo Yoga e lo studio delle Dottrine Orientali ad una sintesi personale che gli diede modo di riconoscere in Occidente il senso riposto dell’Ermetismo e il filone aureo di un insegnamento perenne, riconducente alla ” Fraternitas ” dei Rosacroce.

Fu fra i maggiori prosecutori delle idee di Rudolf Steiner e contribuì a far conoscere e diffondere in Italia l’antroposofia.

Elemento essenziale del contributo di Scaligero all’antroposofia è l’indicazione costante della “Via del pensiero” come attitudine teorica e pratica dello sviluppo della personalità di ciascuno – quindi dell’Io – che egli, nell’opera “Tecniche della concentrazione interiore” descrive così:

“L’uomo conosce e in qualche modo domina il mondo, mediante il pensiero. La contraddizione è che egli non conosce nè domina il pensiero. Il pensiero permane un mistero a se stesso. La filosofia, la psicologia, traggono alimento da esso, ma, da quando esistono, non mostrano di aver afferrato il senso del suo movimento, il contenuto ultimo del processo logico, del quale si giovano per le loro strutture dialettiche. Ritengono che il pensiero sia la dialettica, coincida con la dialettica: nasca e finisca come dialettica. Ai fini del Sapere, l’oggettività esteriore sorge come sistema di valori nella coscienza umana, ma questa ignora di istituire il fondamento di quella e di determinare l’oggettività come concetto, prima della consapevolezza dialettica del concetto medesimo. Logicamente, l’uomo sa che cosa è un concetto, ma ignora che cosa esso sia come forza e come nasca e quale il suo potere di compimento nel reale: che è più che il suo apparire dialettico e logico: il potere medesimo della vita”.

Sull’esempio di Rudolf Steiner egli fece della sua esistenza la testimonianza vivente della sua interiore – Cristica – scelta spirituale; consacrandosi all’ascesi del pensiero da un lato ed all’aiuto continuo, costante e discreto di tutti coloro che gli si rivolgevano per i più diversi problemi.

Negli ultimi venti anni della sua vita teneva regolarmente riunioni presso una casa romana. I resoconti di questi incontri, che si sviluppavano su temi posti dalle domande dei presenti, sono pubblicati sulla rivista Graal (ed. Tilopa), e cominciano ad apparire anche sul Web, nei siti come YouTube.

La sua provenienza e la sua iniziale vicinanza all’ambiente della Tradizione – che vedeva Julius Evola animatore di un cenacolo “magico” nella Roma degli anni venti e trenta – furono fonte di fraintendimenti ancora attuali.

Egli ribadì sempre che il contenuto perenne, essenziale, Spirituale della Tradizione non va confuso con la sua forma, che si modifica a di epoca in epoca. A tal riguardo, leggiamo, nell’introduzione alla “Tradizione Solare”:

“L’uomo moderno non può più avvalersi delle tecniche ascetiche del passato, yogiche, esoteriche o mistiche. Quelle tecniche si basavano sulla memoria o nostalgia del Divino che era visto “al di sopra” del mondo, perciò esse aiutavano l’asceta antico a liberarsi dall’esperienza dei sensi. Grazie a un lungo percorso interiore, sorto parallelamente in Oriente con il Buddha e in Occidente con Socrate, fino all’affermazione del pensiero fisico-matematico moderno, oggi l’uomo può sperimentare nella propria interiorità che la forza formatrice del concetto, la stessa che connette pensiero a pensiero, è il principio spirituale della sua autocoscienza. Il riconoscimento del potere di obiettività del pensiero, libero dalle limitazioni dei sensi e dal karma, è il primo passo dell’ascesi dei nuovi tempi.”

Anche il fatto che Scaligero fosse stato, con Evola, collaboratore della rivista “La difesa della razza” di Telesio Interlandi, è diventato pretesto – sopratutto ai giorni nostri – di infiniti e talvolta ricercati equivoci. La collaborazione di allora va intesa nel senso da lui stesso indicato nell’autobiografia “Dallo Yoga alla Rosacroce”:

“Quando scoppiò il razzismo – egli scrive -non nego che fui preoccupato, perchè intravvidi subito gli sviluppi assurdi di simile presa di posizione. Tentai di reagire in modo energico, dando a quell’iniziativa un contenuto che la dominasse, un contenuto etico e simbolico (…) Ma il mio tentativo venne sopraffatto dal solito politicismo fanatico (…) Avvenne persino che un osservatore (…) mi accusasse di “antirazzismo mascherato(..) Quello che pensavo allora del razzismo lo penso tuttora: lo ritengo un errore mentale dovuto alla incapacità di distinguere nella coscienza l’elemento interiore indipendente dalla razza” Inoltre, egli scrisse anche che ” Ogni problematica razziale denuncia un regresso in senso sociale e una mistificazione della cultura che si pretende sociale (…) La disuguaglianza tra uomo e uomo non è un dato esteriore, ma interiore” (Brano tratto da “La destra e gli ebrei”, G.S.Rossi, Rubbettino, 2007).

Sino al 1978 fu direttore responsabile della rivista «East and West», organo dell’Istituto per il Medio ed Estremo Oriente (IsMEO – dal 1996 IsIAO: Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente), fondato dal filosofo Giovanni Gentile e dall’orientalista Giuseppe Tucci.

Pensare sentire volere scienza dello spirito conferenza Massimo Scaligero

Tecniche della Concentrazione Interiore. L’Autore, che per qualche decennio praticò lo Yoga e lo Zen, unitamente all’ascesi del Buddhismo mahayanico e del Vedanta, ha rivolto successivamente la sua ricerca alle caratteristiche occidentali della Tradizione, incontrando, a un determinato momento, il filone facente capo al personaggio considerato l’«Iniziatore degli iniziati», in ogni tempo, presso ogni sistema tradizionale, sotto nomi diversi, e che «appare» in Occidente tra il XIII e il XIV secolo, sotto il nome di Cristiano Rosenkreuz.

Tecniche della Concentrazione Interiore - Libro

L’Uomo Interiore. Trovare in sé il punto in cui si comincia finalmente a essere, a superare la psiche, a creare; passare decisamente all’azione facendo scattare l’elemento immediato dell’azione cosciente; superare le illusone, anche se dialetticamente smaglianti, vie allo Spirituale, pervenire come cercatori a una reale sincerità con se stessi, che dia modo di ritrovare in sé il principio della Forza: tale è la proposta del discorso sull’uomo interiore.

Il senso del libro è appunto questo: mostrare come, grazie all’idonea disciplina, scatti nella coscienza l’elemento originario dell’azione interiore, la forza-pensiero.

L’opera si svolge intorno a tre temi principali: l’immaginazione creatrice, alla quale si perviene mediante la pratica della concentrazione e della meditazione; l’ascesi della percezione sensibile, che permette di sperimentare il sovrasensibile nel mondo della percezione; infine, la contemplazione, arte della quale è data una dettagliata descrizione pratica nei suoi diversi momenti.

L'uomo Interiore - Libro

Reincarnazione e Karma. Siamo tutti dei reincarnati. In ogni cuore umano pulsano secoli di vita. In ogni nostro simile, che vediamo giornalmente circolare, agire, esprimere la propria personalità, possiamo ravvisare un reincarnato: un essere che ha già vissuto altre volte sulla Terra.

Avviene raramente che qualcuno lo sappia. Molti giungono soltanto a supporlo: si trovano dinanzi all’idea della Reincarnazione, come dinanzi a una fascinosa ipotesi, ma non vanno oltre questa, si arrestano dinanzi al compito di una verifica. Ma è possibile? Quale senso ha per l’uomo contemporaneo?

A tali interrogativi risponde questo libro di Massimo Scaligero, che esamina il tema della Reincarnazione in rapporto alle esigenze umane, morali e sociali: esigenze urgenti, attualissime, ma purtroppo non sempre consapevoli del loro oggetto.

Reincarnazione e Karma - Libro
Lascia il tuo commento:
Precedente Il segreto di Nikola Tesla Successivo Mindfulness e Cervello