Preghiera. L’Arte del Credere

Preghiera. L’Arte del Credere – Questo potente libro rivela come e perchè un modo particolare di pregare, con la Fede nel Cuore, FUNZIONA in maniera molto reale. Può essere la risposta ai problemi del mondo e alla nostra vita in particolare…

Indice

  • Legge della Reversibilità
  • Duplice Natura della Coscienza
  • Immaginazione e Fede
  • Sogno ad Occhi Aperti Controllato
  • La Legge della Trasmissione del Pensiero
  • Lieti Annunci
  • La Preghiera più Grande

Prefazione

La preghiera è il passepartout. Una chiave può andar bene per una casa, ma quando va bene per tutte le porte può essere ben definita un passepartout. La preghiera è tale chiave, e niente di meno, per tutti i problemi terreni.

Capitolo 7

LA PREGHIERA PIÙ GRANDE

L’immaginazione è l’inizio della creazione. Tu immagini quello che desideri e  poi credi che sia vero. Ogni sogno può essere realizzato da coloro abbastanza  disciplinati da crederlo. Le persone sono ciò che tu scegli di fare loro; un uomo è in  accordo al modo in cui lo guardi. Devi guardarlo con occhi diversi prima che cambi  oggettivamente.

“Due uomini guardavano dalle sbarre della prigione, uno vedeva il fango e  l’altro vedeva le stelle”.

Secoli fa Isaia pose la domanda: “Chi è cieco tranne il mio servo o sordo  come il messaggero che ho inviato? Chi è cieco come colui che è perfetto, cieco  come il servo del Signore?” [Isaia 42:19].

L’uomo perfetto non giudica dalle apparenze, ma giudica correttamente. Egli  vede gli altri come desidera che siano; egli ascolta solo ciò che vuole sentire. Egli  vede solo il buono negli altri. In lui non c’è condanna [Romani 8:1], perché lui  trasforma il mondo con la sua vista e il suo udito.

“Il re che siede sul trono spaventa il male con il suo occhio” [Proverbi 20:8].

La simpatia per le cose viventi — l’accordo con le limitazioni umane — non è  nella coscienza del re, perché egli ha imparato a separare le loro false concezioni dal  loro vero essere. Per lui la povertà è solo il sonno del benessere. Egli non vede larve,  ma future farfalle variopinte; non vede inverni ma estati sopite [Mary Webb,  Preziosa sventura]; non vede uomo in necessità ma Gesù addormentato. Gesù di  Nazareth, che spaventò il male con il suo occhio, è assopito nell’immaginazione di  ogni uomo, e dalla propria immaginazione ogni uomo deve risvegliarlo affermando  soggettivamente “IO SONO Gesù”.

Allora e solo allora egli vedrà Gesù, perché l’uomo può vedere solo ciò che è  sveglio in lui. Il sacro ventre è l’immaginazione dell’uomo. Il bambino santo è quella  concezione di sé stessi che combacia con la definizione di Isaia della perfezione.

Ascolta le parole di S. Agostino: “Troppo tardi io ti ho amato, perché tu dimoravi  all’interno ed era fuori che io ti cercavo”. È alla tua stessa coscienza che devi  rivolgerti come all’unica realtà. Lì, e solo lì, tu risvegli ciò che è dormiente.

“Sebbene Cristo è nato migliaia di volte a Betlemme, se Egli non è nato in te,  la tua anima è ancora disperata” [poema medievale natalizio].

La creazione è finita. Tu chiami la tua creazione all’esistenza sentendo la realtà  dello stato che richiami.

Uno stato d’animo attrae i suoi affini ma non crea ciò che attrae. Come il  sonno è chiamato con il sentimento “Io sono assonnato”, allo stesso modo Gesù  Cristo è chiamato con il sentimento “Io sono Gesù Cristo”. L’uomo vede solo sé  stesso. Niente accade all’uomo che non sia della sua stessa natura. Le persone  emergono dalla massa, tradendo la loro stretta affinità con i tuoi stati d’animo quando vengono generati. Le incontri apparentemente per caso ma scopri che sono in intimità con i tuoi stati d’animo. Poiché i tuoi stati d’animo esteriorizzano  continuamente loro stessi, tu puoi profetizzare dai tuoi stati d’animo che tu, senza  bisogno di cercare, incontrerai presto determinate persone e determinate condizioni.

Quindi chiama in esistenza il perfetto, vivendo nel sentimento “Io sono  Cristo”, perché Cristo è l’unica concezione di sé attraverso cui può essere vista la realtà non svelata dell’eternità.

Il nostro comportamento è influenzato dalla nostra assunzione inconscia  rispetto al nostro grado sociale ed intellettuale e a quello di colui a cui ci rivolgiamo.

Ricerchiamo ed evochiamo il grado più elevato, e il più nobile di tutti è quello che spoglia l’uomo della sua moralità e lo veste con illimitata gloria immortale.

Assumiamo il sentimento “Io sono Cristo”, ed il nostro intero comportamento  cambierà sottilmente e inconsciamente in accordo a questa assunzione.

Le nostre assunzioni inconsce si esteriorizzano continuamente in modo che gli  altri ci possano vedere consapevolmente come noi ci vediamo inconsciamente, e  dirci con le loro azioni cosa noi abbiamo inconsciamente assunto di essere.

Quindi assumiamo il sentimento “IO SONO Cristo” fino a che la nostra  affermazione conscia diventa la nostra assunzione inconscia che “Noi tutti a faccia  aperta guardando come in un vetro la gloria del Signore, siamo cambiati nella  stessa immagine da gloria a gloria” [2 Corinzi 3:18]. Lasciamo risvegliare Dio ed i suoi nemici saranno distrutti. Non c’è preghiera più grande per un uomo.

eBook - Preghiera. L'Arte del Credere
Ordina su Il Giardino dei Libri

Preghiera l’arte di credere – La preghiera è il passepartout. Una chiave può andar bene per una casa, ma quando va bene per tutte le porte può essere ben definita un passepartout. La preghiera è tale chiave, e niente di meno, per tutti i problemi terreni. continua a leggere Preghiera. L’Arte del Credere »

Contenuti da leggere per approfondire…. ⤵

Come manifestare attraverso la preghiera  »

Hai già provato a praticare con costanza, come la maggior parte delle persone, il pensiero positivo, la meditazione o la preghiera, senza risultati benefici tangibili? Leggi In che modo creiamo la nostra realtà.


Articoli correlati… ⤵

L’Arte di Credere – L’azione scientifica della preghiera… La preghiera, cioè l’arte di credere ciò che è negato dai sensi, è il fondamentale strumento per realizzare concretamente ciò che si desidera.

La Chiave d’Oro – La preghiera scientifica è la chiave d’Oro per l’armonia e la felicità. Leggi questo scritto varie volte, fa esattamente ciò che dice e se sei perseverante, vincerai qualunque difficoltà.

 Al Tuo Comando – Come comandare e ottenere qualsiasi cosa…

Lascia il tuo commento:
Precedente Inglese in 21 Giorni Successivo Al tuo comando