Perché – La logica nascosta delle nostre motivazioni

Perché – La logica nascosta delle nostre motivazioni. Un viaggio alla scoperta delle leve nascoste per motivare noi stessi e gli altri.

È più motivante una pizza, un bel complimento o un aumento di stipendio?

Nel lavoro (e non solo) spesso ci illudiamo di sapere come motivare gli altri (e anche noi stessi). Ma a volte sbagliamo. I soldi, per esempio, spesso non sono quello che ci spinge a fare le cose. Creare qualcosa che abbia un significato è più importante.

In questo libro, che riprende e approfondisce il suo celebre discorso TED, Ariely ci fornisce esempi tratti dalla sua esperienza e i risultati di affascinanti esperimenti sociali con strumenti originali come i Lego e gli origami.

Passo dopo passo emerge una chiara evidenza: se riusciamo a mettere in discussione la visione tradizionale del lavoro, un retaggio dell’era industriale ancora considerato da molti come una verità indiscussa, ci renderemo conto che il significato che attribuiamo a ciò che facciamo, l’attaccamento emotivo alle nostre creazioni e il sentimento di realizzazione che ne ricaviamo influiscono sulla motivazione molto più del denaro.

Perché si propone di esplorare una dimensione profonda dell’esistenza gettando luce sulle logiche nascoste dietro un tema universalmente umano, che riscopriremo molto più complesso e affascinante di quanto siamo abituati a considerarlo.

Qualunque sia la nostra professione, siamo tutti dei motivatori part-time Dan Ariely


Leggi un estratto dal libro “Perché – La logica nascosta delle nostre motivazioni” di Dan Ariely

Dal dramma al significato e alla motivazione.

Siamo gli amministratori delegati delle nostre vite.

Lavoriamo sodo per spronare noi stessi, giorno dopo giorno, ad alzarci, andare a lavorare e fare ciò che dobbiamo. Cerchiamo anche di incoraggiare le persone che lavorano per e con noi, coloro che acquistano da noi e fanno affari con noi, e anche le persone che ci amministrano.

Lo facciamo anche nelle nostre vite personali: sin dalla più giovane età, i figli cercano di persuadere i propri genitori a fare cose per loro (“Papà, sono troppo spaventato per farlo!” o “Tutti gli altri bambini sono su Snapchat”), con gradi variabili di successo.

Da adulti cerchiamo di incoraggiare i nostri compagni di vita a fare cose per noi (“Tesoro, ho avuto una giornata così stressante oggi, puoi per favore mettere tu a letto i bambini e lavare i piatti?”). Cerchiamo di convincere i nostri figli a riordinare le loro camere e a fare i compiti. Proviamo a indurre i nostri vicini a tagliare le loro siepi o a dare una mano con la festa di quartiere.

Qualunque sia la descrizione formale del nostro lavoro, siamo tutti motivatori part-time.

Dato che la motivazione è così fondamentale per le nostre vite, che cosa ne sappiamo veramente? Che cosa capiamo veramente di come funziona e del suo ruolo nelle nostre esistenze?

L’assunto sulla motivazione è che sia animata da una positiva ricompensa esterna. Fai questo, ottieni quello. Ma se la storia della motivazione fosse molto più intricata, complessa e interessante di quanto abbiamo finora ipotizzato?

Questo libro esplora la giungla dell’autentica natura della motivazione, così come la nostra insensibilità alla sua stranezza e complessità.

Anziché intendere la motivazione come una semplice equazione cavia-in-cerca-di-ricompensa, la mia speranza è di far luce su questo mondo magnifico, profondamente umano e psicologicamente complesso.

La motivazione è una foresta piena di alberi aggrovigliati, fumi inesplorati, insetti pericolosi, piante strane e uccelli variopinti. Questa foresta ha molti elementi che crediamo importanti, ma che in realtà non lo sono. Ancor di più, è piena di dettagli insoliti che ignoriamo completamente oppure non pensiamo contino, ma che risultano essere particolarmente rilevanti.

Che cos’è esattamente la motivazione? Secondo il dizionario online Merriam-Webster, il significato della parola è “l’atto o il processo di fornire a qualcuno una ragione per fare qualcosa”; e anche “la condizione dell’essere desiderosi di agire o lavorare”.

E quindi questo libro tratta di ciò che ci spinge a sentirci entusiasti di ciò che stiamo facendo. Riguarda il motivo per cui ci sentiamo spronati a sgobbare per compiti che in superficie possono apparire ingrati.

Riguarda anche la disperata necessità dei manager di capire meglio la natura più profonda di ciò che fa sentire i collaboratori coinvolti nel lavoro e come possono operare per far sentire tutti più felici e impegnati. Riguarda l’essere più profondamente in sintonia con ciò che facciamo, con il risultato dei nostri sforzi, gli altri e le nostre relazioni.

Ma, in definitiva, questo libro parla di ciò che vogliamo veramente dalla vita prima di morire.

L’equazione della motivazione

La motivazione – intesa come l’essere positivamente coinvolti nell’espletamento di un compito – è un problema molto più spinoso di quello che sembra dall’esterno.

Per figurarvi la complessità della motivazione, immaginate di provare a scrivere un’equazione che ne catturi tutti gli elementi fondamentali. Può darsi che assomigli a questa:

Motivazione = Denaro + Risultato + Felicità + Scopo + Cognizione di progredire + Certezze per il futuro + Sostegno degli altri + Vostro lascito + Status + Numero di figli piccoli a carico2 + Orgoglio + E + P + X + (Tutti gli elementi di altro genere)

Naturalmente, il denaro è una parte importante di questa equazione, ma essa comprende anche una lunga lista di fattori come risultato, felicità, scopo, cognizione di progredire, relazioni con i nostri colleghi e così via.

Pensate al vostro lavoro per qualche minuto. Se aveste scritto questa equazione per voi, quanto grande sarebbe il ruolo che il denaro gioca nella vostra motivazione rispetto all’influenza di Risultato, Felicità, Scopo, Cognizione di progredire, Certezze per il futuro, Sostegno degli altri, Vostro lascito, Status ecc.?

Come potete vedere l’elenco è lungo, ha molti elementi e noi non comprendiamo appieno le tipologie e la gamma di incentivi che ci motivano, tanto meno capiamo come questi diversi tipi di incentivi interagiscano tra loro o equivalgano a una grande cosa chiamata “Motivazione” con la M maiuscola.

L’equazione della motivazione include anche elementi che sembrano non avere molto a che fare con la gioia. In effetti, uno degli aspetti più affascinanti della motivazione è che spesso ci spinge a conseguire risultati difficili, impegnativi, talvolta dolorosi.

Per me, questo aspetto della motivazione è particolarmente interessante e importante. Perché è stata una delle esperienze più ardue della mia vita che, in definitiva, mi ha aiutato a capire la radice profonda e meravigliosamente complessa della motivazione. Lasciate che vi spieghi…

Estratto dal libro “Perché – La logica nascosta delle nostre motivazioni” di Dan Ariely

Perché
La logica nascosta delle nostre motivazioni

La PNL è in grado di individuare i punti critici del carattere di una persona, le debolezze e gli atteggiamenti sbagliati, che possono rivelarsi dannosi ai fini sociali e lavorativi. Perciò, mettere in atto questa tecnica risulta molto utile per migliorare le proprie abilità. Grazie ad essa, moltissime persone hanno raggiunto degli obiettivi grandiosi, che fino a poco tempo prima sembravano inarrivabili. leggi l’articolo Origine della PNL »

Lascia il tuo commento:
Precedente Comprendere l'intenzione positiva delle emozioni Successivo Parole magiche. Creazioni e modifiche della realtà