Nutrirsi di luce

Nutrirsi di luce Come rigenerarsi in 21 giorni. Alimentazione pranica e immortalità fisica

Nota a livello internazionale per l’adesione ai “Breatharians” – un gruppo dell’area oceanica che per primo ha intrapreso l'”alimentazione pranica” attraverso una particolare forma di respirazione, e che ha ispirato la sua scelta – Jasmuheen da oltre 25 anni pratica la meditazione e la ricerca metafisica; attualmente, si nutre di “luce liquida”, ottenendo da ciò un potere rigenerativo delle cellule.

A partire dal 1993, l’asceta australiana ha sperimentato e realizzato il processo che consente al proprio corpo di venire “alimentato pranicamente”. Illuminata da una “guida interiore”, decise di non mangiare né bere per sette giorni, di bere solo acqua nella seconda settimana e di rimanere a riposo nella terza. In questo modo si è assuefatta al digiuno, nutrendo di luce i centri pranici.

Da allora Jasmuheen segue con costanza questa pratica di digiuno.

Scopo dell’astinenza sistematica dal cibo è quello di raggiungere l’immortalità: l’invecchiamento e la morte, secondo Jasmuheen, infatti, non sono eventi assolutamente necessari, ma costituiscono una convinzione, la quale determina a sua volta una sorta di convinzione cellulare che conduce alla degenerazione e alle morte; teorie, queste, già diffuse e messe in pratica sia tra gli yogi indiani, sia tra gli “immortalisti” d’Occidente.

Jasmuheen fonda le proprie affermazioni sulle conoscenze tantriche e sulla tradizione teosofico-evoluzionistica, in base alla quale l’esistenza corporea costituisce una semplice fase di passaggio proiettata verso forme più elevate.

Attualmente è ambasciatrice del “Movement of a Positive Awakened Society”, un gruppo che si impegna attivamente, a tutti i livelli, per la “trasformazione personale e planetaria” e che diffonde il proprio pensiero attraverso la rivista “The Erlaanis Voice”.

Jasmuheen promuove il proprio programma-consulenza mediante i suoi libri, seminari e conferenze in ogni parte del mondo. Nel volume, le teorie, i principi e la pratica della alimentazione pranica sono descritti dettagliatamente.

Jasmuheen è balzata alla ribalta internazionale nel 2001, quando ha reso pubblico il suo percorso di ricerca spirituale e la scelta di nutrirsi solo di aria e luce (dieta molto speciale che segue dal 1993).
La cosa più sorprendente è che non stiamo parlando di un asceta che vive in ritiro, ma di una bellissima e dinamica donna, spesso in giro per il mondo a raccontare la sua fantastica esperienza.

Nutrirsi di luce
Come rigenerarsi in 21 giorni. Alimentazione pranica e immortalità fisica

Da non perdere

Ordina su Il Giardino dei Libri

Contenuti da leggere…

Vivere di Prana per la Pace permanente. Jasmuheen. Il prana è stato chiamato il micro-cibo della vita o l’aria vitale, o respiro, del corpo umano, così come visualizzato nell’induismo. È anche interpretato come la forza vitale che sostiene la vita sia del corpo individuale che dell’universo. Viene spiegato per la prima volta nelle Upanishad, in cui è parte del regno mondano fisico, sostiene il corpo e si affida alla mente. L’idea di prana come nutrimento esiste fin dalla notte dei tempi… » continua a leggere 

Vedere e percepire L’Energia PRANA – Conforme agli vecchi testi hindu e buddhisti, intorno a noi esiste una forma di energia sottile chiamata ”Prana”, che sta allimentando il nostro corpo ennergetico (aura), proprio comme il cibo allimenta il corpo fisico e gli assicura il buon funzionamento. Il seguente esperimento sara fatto all aria aperta, prefferabilmente in un giorno con molto sole… » continua a leggere


Articolo correlato…

Alimentazione pranica – Il processo dei 21 giorni. Undici persone, che non si conoscono tra loro, descrivono le proprie esperienze vissute durante il processo di trasformazione dei 21 giorni che ha come scopo l’introduzione all’alimentazione pranica e l’affrancamento del corpo dalla dipendenza dal cibo.

Lascia il tuo commento:
Precedente Malattia e destino Successivo Pensieri per una Vita Serena