Le 10 Abitudini delle persone sempre infelici. Impara a riconoscerle dietro questi comportamenti

Le 10 Abitudini delle persone sempre infelici. Impara a riconoscerle dietro questi comportamenti.

Avete mai pensato cosa contraddistingue le persone felici da quelle sempre infelici? E quali sono i comportamenti che fanno la differenza?

Qui i 10 più tipici.

Non è una cosa di poco conto considerando che possono completamente influenzare le cose più importanti che caratterizzano la nostra vita. Per aiutarvi a distinguerei felici dagli infelici, o per capire se cono caratteristiche che ci appartengono, andiamo di seguito ad elencare alcuni comportamenti da evitare che portano ad un danneggiamento della qualità della vita.

Andando ad interpretare i pensieri di famosi studiosi di filosofia, possiamo evincere che secondo quanto elaborato da loro,  mondo si divide in due grosse categorie:

  • quelli che pensano che siamo noi siamo gli artefici nostra felicità
  • quelli che pensano che poco si possa fare contro il destino  avverso.

Secondo gli psicologici però, la questione è molto più profonda e riguardano le azioni che ci portano o meno a un determinato stato emotivo, le azioni  sono dei comportamenti che possono essere conseguenza e causa di infelicità al tempo stesso.

Vediamo quali sono i comportamenti che peggiorano lo stato emotivo e cosa fanno le persone infelici:

Si lamentano

Lamentarsi è un altro tipico comportamento di chi è cronicamente legato all’infelicità. Questo è uno dei primissimi segnali che ti consente di riconoscerla. A tutti capita un momento di insoddisfazione. Quello che è un segnale forte e da percepire come un grande ostacolo è la lamentela continua. Secondo uno studio scientifico il piagnisteo spegne i neuroni, e basterebbero 30 minuti di lagna a fare da interruttore per il vostro Ippocampo, l’area del cervello predisposta al problem solving.

Si preoccupano dell’opinione altrui

Le persone infelici si preoccupano dell’opinione altrui al solo scopo di cercar compiacimento, con un faticosissimo tentativo di piacere a tutti, cosa impossibile, che porta appunto all’infelicità.

Evitano paure e problemi

Chi non ha mai provato il sentimento di paura? La paura è insita nell’emotività umana, ma la differenza sta nel modo in cui la si affronta. Una persona infelice crea alibi e deforma qualsiasi situazione per mascherarla e non affrontarla.

Non hanno fiducia negli individui

Le delusioni è la conseguenza di una qualsiasi forma di relazione interpersonale e capitano a tutti, essendo appunto soggetti esposti a contesti sociali, familiari, lavorativi ecc .Le persone infelici, a volte reduci da delusioni , assumono una forma di atteggiamento basato essenzialmente sul sospetto, sullo stare in guardia, sull’autodifesa, questo ovviamente riduce la qualità della relazione, e dello stato emotivo del sospettoso.

Vogliono controllare tutto

Il controllo nelle relazioni è la cosa più stressante che ci possa essere , non soltanto per il controllato, ma sopratutto per il controllore. Lo stato perenne di verifica porta all’infelicità semplicemente perché è impossibile avere il controllo su tutto e tutti. Il fallimento sul totale controllo, porterà il controllore ad una condizione d’infelicità.

Criticano gli altri

Le persone infelici tendono a criticare gli altri, perché non hanno essenzialmente obiettivi che li tengano impegnati e li facciano sognare.

Non hanno obiettivi.

Gli obiettivi sono uno dei motori della vita perché creano aspettativa e l’aspettativa è sempre collegata ad un sogno. Le persone che odiano i sogni certamente possono essere classificate tra la categoria dei negativi. Tendenzialmente , hanno lo stesso atteggiamento nei confronti degli obiettivi altrui, e facilmente da queste vi sentirete dire “Ma chi te lo fa fare?” “E’ troppo complicato per te”. Il successo degli altri è il più grande evidenziatore del proprio fallimento.

Tutto ciò che accade rappresenta una difficoltà

Non bisogna essere degli psicologi per capire che il nostro stato di felicità o infelicità dipende da come affrontiamo e accettiamo il cambiamento. Per le persone infelici il cambiamento è sinonimo di difficoltà. Spesso dalle difficoltà può nascere qualcosa di buono. Non è sempre vero, ma questo è l’atteggiamento migliore per affrontarle.

Fanno paragoni

Il paragone con gli altri è un’altra caratteristica delle persone infelici, il paragone con gli altri ha un solo scopo, quello di convincersi mentalmente della propria superiorità su qualcosa o qualcuno. Altro comportamento caratterizzante delle persone infelici.

Non si assumono la responsabilità della propria infelicità

Le persone infelici tendono a colpevolizzare sempre gli altri dei propri fallimenti, perché , cosa più grave, non riescono ad individuare le cause della propria infelicità, di conseguenza, non sono aperti a ricevere forme di aiuto altrui.

Cosa fare

Evita la negatività.

Non discutere mai con una persona infelice, discutere con loro non fa altro che dargli la benzina per il loro stato d’animo e crogiolarsi nei loro problemi. Non lo sai ma inconsciamente possono diventare anche i tuoi. Se invece ti senti caratterizzato da questi comportamenti, tienili a mente, scrivili su un pezzo di carta e rileggili ogni qual volta pensi stai andando verso la direzione del comportamento sbagliato. Un utile esercizio è quello di iniziare a sperimentare il comportamento opposto sulle situazioni quotidiane correnti, da adesso.

L’articolo proviene da vivosmart ed è rilasciato sotto licenza Creative Commons

Felicità è...
500 modi per vivere la gioia del momento!
Happiness is...
500 cose che ti rendono felice

Leggi anche i seguenti articoli…


Articolo correlato…

Esercizi di Felicità – Allenare il cuore e la mente a essere felici. La felicità è come un muscolo: necessita solo di allenamento. È proprio come in palestra, ci sono pigrizie, fatiche e ostacoli da superare

Crediti immagine Fresh Paint

Lascia il tuo commento:
Precedente Primi Passi nella Wicca Successivo Massaggi fragranti per San Valentino