La Via della Forza

La Via della Forza.

Andrea Panatta, con il suo stile diretto e coinvolgente, ci accompagna nelle “guerre stellari” che ciascun individuo vive in prima persona nel corso della sua evoluzione interiore, mostrandoci come siamo tutti chiamati a scegliere, nella vita quotidiana, tra il lato chiaro e il lato oscuro della forza.

La via della forza è quindi la via verso la propria grandezza, lungo la quale le aspirazioni spirituali, la messa in opera dei propri talenti e il servire gli altri si uniscono in un unico percorso ricco di avventure e tranelli.

I maghi erranti, i ricercatori spirituali, i jedi, i supereroi e i protagonisti di innumerevoli libri e fumetti sono simbolicamente lo stesso tipo di figura, la stessa energia: sono persone che cercano di crescere e realizzare qualcosa di più grande nella propria vita, al pari di ogni singolo essere umano che sia ardentemente impegnato nella sfida della propria crescita interiore.

L’epopea eroica di tali personaggi, le loro battaglie, vittorie, sconfitte e paure, si rivelano quindi parte integrante dell’esperienza di vita del singolo lettore, che torna a essere il vero protagonista della saga della sua esistenza, riscoprendo – nell’umana esperienza della vita quotidiana – la sua componente eroica, costantemente e continuamente chiamata a scegliere fra il lato chiaro e il lato oscuro della propria forza.


Il lato oscuro nasce e prospera ogni volta che cerchiamo di tenere legate a noi le persone che amiamo, impedendogli di essere ciò che naturalmente sono, nella convinzione di tutelare così il loro benessere. Nel rapporto genitori-figli questa è probabilmente la prima vera iniziazione che si incontra lungo il cammino verso la propria grandezza. Prima o poi è necessario abbandonare il nido. E per un genitore non è mai facile lasciar andare un figlio verso l’ignoto. La paura del distacco, della perdita, la paura del mondo là fuori e dei rischi che la vita comporta, spinge tante madri e tanti padri a tarpare le ali dei propri figli. Questo finisce per bloccare molti cammini, trattenendo molti padawan dall’abbracciare il proprio sentiero e la propria grandezza. E tra quelli che riescono a volare fuori dal nido, parecchi si portano dietro un grande senso di colpa per aver abbandonato la famiglia, alimentando contratti inconsci con coloro che gli hanno dato la vita, contratti che li manterranno sempre al di sotto del loro potenziale. Alcuni padawan partono con un nefasto ritornello in testa, che dice «Mi sentirò per sempre in colpa per avervi abbandonato» La via della forza. Andrea Panatta


Introduzione – La Via della Forza – Libro di Andrea Panatta di Andrea Panatta

Questo non è un libro su Star Wars. Sì, avete letto bene, non è un libro su Star Wars.

Lo so che il titolo è La via della forza, ma questo libro non parla di Star Wars.

Questo libro parla piuttosto di quello che vedo io nei film di Star Wars, o di quello che ci ho voluto vedere.

Perciò in queste pagine non troverete una disamina puntigliosa di tutte le scene dei film, fotogramma per fotogramma, né una critica cinematografica. Non troverete alcuno studio sul viaggio dell’eroe e nessun riferimento a Joseph Campbell. Non troverete nemmeno i deliri di un fan sfegatato (quale mio malgrado sono).

Quello che troverete, invece, sono un bel po’ di personali teorie sull’esistenza e sulla crescita, una cospicua manciata di racconti, idee, intuizioni e anche parecchie invenzioni su quello che Star Wars ha detto a me, perché non credo che possa aver detto le stesse cose a tutti quelli che lo hanno visto e perché sono convinto che una bella favola parli sempre a ciascuno in maniera differente.

Di certo non troverete analisi filosofiche o letterarie, o altro materiale del genere perché… ehi, è sempre Star Wars!

Ho scoperto negli anni che esiste in verità una “via della forza”, e che questa stranamente coincide con quasi tutto quello che viene raccontato simbolicamente nei primi sei film della saga.

Questa via è tangibile e replicabile. È una via che include la spiritualità, la mistica, la magia, l’arte di cambiare e di crescere, ed è anche quella via che racconta come affrontare e risolvere il proprio lato oscuro.

Ho usato alcune scene dei film come una mappa, seguendo la quale ho provato a rintracciare il percorso che un mago errante si trova a seguire quando abbraccia la via della forza – la strada verso la sua grandezza – e inizia a percorrerla. E ho trovato moltissimi spunti, a volte eclatanti, a volte meno.

A un certo punto della mia vita ho potuto constatare che l’insegnamento che porta alla conoscenza di questa via può arrivare attraverso qualsiasi libro, giornale o film, ed è stato palese che: «Troverai solo ciò che con te porterai» (come dice Yoda nell’episodio V).

Questo libro è ciò che ho portato con me dopo più di vent’anni di studi ed esperienze nel campo della ricerca interiore e della spiritualità, e che ho scelto di raccontare attraverso le avventure di due maghi erranti: Luke Skywalker e suo padre, Anakin Skywalker.

Una piccola precisazione: in questo libro i jedi, i ricercatori spirituali, coloro che cercano il senso della propria esistenza e in generale tutti i maghi erranti (persone che cercano di crescere e di realizzare qualcosa di più grande nella propria vita) sono simbolicamente lo stesso tipo di figura, la stessa energia.

Quindi è possibile che io salti da un termine all’altro senza preavviso e nell’arco della stessa frase ma, che ci volete fare, ve l’avevo detto che non era un libro su Star Wars. Estratto dal libro di Andrea Panatta “La Via della Forza”

La Via della Forza

ANDREA PANATTA, nato a Roma nel 1973, si occupa da anni di ricerca spirituale, sviluppo del potenziale psichico, discipline energetiche e Qigong. Leggi gli articoli di Andrea Panatta   QUI»

Articoli correlati…

Lascia il tuo commento:
Precedente Come Formulare Autosuggestioni Efficaci Successivo Rilasciare le emozioni tossiche