Crea sito

La Vera Essenza della Vita

“La capacità di esprimere sé stessi si chiama libertà.
Le tenebre non sono libertà, come non è libertà l’invisibilità, che è l’ostacolo più terribile da affrontare, per superare il quale è necessario l’entusiastico fervore del germoglio dentro il seme, del fiore dentro il bocciolo”. Rabindranath Tagore

Tra il 1912 e il 1913 Rabindranath Tagore pronunciò per gli studenti di Harvard, rappresentanti ideali dell’Occidente, le otto conferenze basate sugli insegnamenti della sua scuola di Santiniketan qui presentate nella traduzione di Brunilde Neroni dall’originale bengali.

Questo libro ha il significato di un incontro: il grande poeta indiano si fa interprete della propria civiltà e della propria cultura, isolando alcuni temi fondamentali ed eterni (l’amore, il lavoro, la bellezza) ed esplorando l’importanza che essi hanno avuto per i due mondi: quello in cui è nato e quello a cui si presenta.

Lo fa con una prosa che ha la semplicità dei suoi versi, e che ci offre considerazioni di straordinaria attualità, affidate indifferentemente a una citazione di sant’Agostino o a un versetto delle Upanisad.

La sua voce è quella di una civiltà antica e affascinante, che si è posta le stesse eterne domande dell’Occidente e ha dato risposte complesse e suggestive: nessuno poteva illustrarcele con più suadente autorità di Tagore.

La Vera Essenza della Vita (sâdhanâ)

Lascia il tuo commento:
CHIUDI
CHIUDI
shares
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On InstagramVisit Us On Youtube