La Legge di Attrazione: la frequenza dell’universo

La Legge di Attrazione: la frequenza dell’universo. Scopri le tre chiavi della manifestazione per diventare un creatore potente…

La Legge di Attrazione

Ogni singola cosa nell’Universo vibra a una particolare frequenza. I vostri pensieri e sentimenti – incluso tutto ciò che dimora nel subconscio – trasmettono una peculiare vibrazione riversandola nell’Universo, e tali vibrazioni plasmano la vita che state vivendo. Questo è semplicemente il modo in cui l’Universo funziona. La buona notizia è che, una volta appreso il funzionamento dell’Universo, avete il potere di far sì che l’Universo lavori per voi! Se vi sentite in difficoltà, non realizzati o scontenti della vostra vita, la risposta consiste nel modulare la vostra vibrazione personale fino a raggiungere la tonalità perfetta in cui intenzioni e desideri entrano in risonanza con le intenzioni e i desideri dell’Universo.

E ciò che definisco «Frequenza della Creazione». La Frequenza della Creazione è il punto ottimale in cui siete «in armonia» con la vita. Quando vi inserite su tale frequenza, non fate che reclamare quel potere creativo che è vostro per diritto di nascita. Scoprirete di essere in grado di operare in collaborazione con l’Universo per manifestare la vita che avete sempre sognato.

Se tutto nell’Universo è energia, allora le «cose» che vogliamo non sono tanto oggetti solidi quanto correnti di energia che dobbiamo imparare a reindirizzare verso di noi. Come si indirizza l’energia? Creando un’intenzione, e l’intenzione si crea attraverso le vibrazioni dei nostri desideri e pensieri. Ciò su cui ci concentriamo diventa la nostra realtà. Come cita il detto, «l’energia fluisce dove va l’attenzione». Prentice Mulford, un contemporaneo di Emerson, scrisse che il nostro pensiero è «la calamita invisibile che costantemente attrae la sua corrispondenza in cose visibili e tangibili».

Questo principio oggi è noto come «legge di attrazione», ma è in circolazione da centinaia, se non migliaia, di anni. A partire dai primi saggi, come Buddha e Lao-Tzu, agli attuali manuali di auto-aiuto e film come The Secret, è stato un insegnamento perpetuo che ha catturato l’immaginazione dell’uomo.

Persino la Bibbia ce ne parla: «Perciò io vi dico: Tutte le cose che voi domanderete pregando, credete che le avete ricevute, e voi le otterrete» (Marco 11:24). Tale nozione fu ripresa secoli più tardi in termini meno religiosi da precursori motivazionali come Ernest Holmes, autore di I fondamenti della Scienza della Mente, e Napoleon Hill, autore di Pensa e arricchisci te stesso, il quale scrisse: «Ciò che la mente umana può concepire e credere, può ottenere». Molti altri grandi maestri e pensatori seguirono le loro orme. Uno dei sistemi contemporanei tra i miei preferiti è Un corso in Miracoli. L’amico Jack Canfield, creatore della collana Brodo caldo per l’anima, espone il principio in modo semplice e inequivocabile: «La Legge di Attrazione dice che attrarrai nella tua vita qualsiasi cosa su cui concentri l’attenzione».

Data la persistente popolarità di quest’idea, potreste pensare che staremmo tutti vivendo un’esistenza idilliaca, e non ci sarebbe alcun bisogno di un ulteriore libro su come diventare un creatore. Il segreto è svelato. Cercate «legge di attrazione» su Google e troverete centinaia di migliaia di siti Web, testi, corsi e così via con slogan del tipo:

  • «Cambia la tua mente, cambia la tua vita»
  • «I pensieri diventano cose»
  • «Sei ciò che credi di essere»
  • «Quando prendi una decisione, l’Universo cospira perché diventi realtà»
  • «Ciò che trasmetti ti viene restituito»

Sarei d’accordo con la maggior parte di queste linee di pensiero, almeno in via di principio, ma chiaramente non è così semplice.

Troppi tra noi – anche coloro che hanno letto tutti i manuali di auto-aiuto disponibili, hanno frequentato seminari e praticato le tecniche – si sentono ancora insoddisfatti e non realizzati. Ogni giorno incontro persone, giovani e anziane, con quell’espressione familiare di nostalgico desiderio negli occhi. Talvolta è una smania ardente che le vicissitudini della vita non hanno offuscato. Altre volte è appena percepibile, quasi soffocato dalla delusione e dalla disperazione. Sono davvero poche le persone in cui mi imbatto che sembrano essere realmente felici e realizzate.

Secondo gli esperti, la cosa non è affatto sorprendente. I sondaggi mostrano costantemente che la maggioranza delle persone non è contenta o soddisfatta della propria vita. Il più recente sondaggio Harris sull’indice di felicità ha evidenziato che meno di un terzo degli americani riferisce di essere «molto felice» – una cifra in costante declino sin dal principio dell’indagine, iniziata nel 2008. Nonostante la connettività via Internet in costante espansione, molti di noi paradossalmente si sentono più isolati che mai, tant’è che un recente sondaggio dell’AARP ha rilevato che il 35% degli americani al di sopra dei 45 anni è «cronicamente solo».

E il tasso di consumo di antidepressivi è schizzato alle stelle nell’ultimo ventennio: lo confermano le statistiche governative secondo cui un adolescente o adulto americano su dieci, e una donna su quattro nella fascia di età tra i 40 e i 60 anni, assume un antidepressivo. È chiaro che la via verso la felicità non passa solo attraverso la formulazione di qualche pensiero positivo in più. Di fatto, penso che occorra spostare il focus dell’attenzione dalla ricerca della «felicità» alla ricerca dell’appagamento o della soddisfazione, i quali sono stati più profondi di allineamento e congruenza, non solo sentimenti passeggeri.

Tre chiavi per la manifestazione

Non sto cercando di scartare a priori tutti i libri, i corsi, i film e gli esperti che dichiarano di poter insegnare a dare una svolta all’esistenza e attrarre l’amore, la ricchezza, il successo o la felicità desiderati. Alcuni dei loro metodi possono essere efficaci, e le premesse di base sono generalmente solide. Come loro, anch’io credo fermamente che il nostro destino risieda nella nostre mani e che ognuno di noi abbia il potere di co-creare una vita appagante e colma di significato, indipendentemente dalle nostre origini. Tuttavia, so anche che non si tratta di un problema di rapida soluzione che si può risolvere ricorrendo a qualche magico segreto.

In base a ciò che l’uomo del mistero mi insegnò e al mio studio di numerosi altri approcci, credo che occorra includere tre elementi essenziali per una manifestazione efficace. Il motivo per cui molti insegnamenti e tecniche sulla «legge di attrazione» non sono sufficienti a cambiare la vita della gente in modo quantificabile e duraturo è che non riescono a includere tutti e tre gli elementi. Sono convinto che tutti e tre questi fattori debbano essere affrontati affinché ognuno di noi diventi un creatore potente.

1. Scavare a fondo

Gli insegnamenti sulla manifestazione talvolta non riescono a scavare abbastanza a fondo nelle radici subconscie dei nostri attuali schemi di creazione. Se non portiamo effettivamente alla luce le credenze, le abitudini e gli schemi comportamentali nascosti che possono ostacolare la nostra capacità di co-creare, ivi inclusa la programmazione culturale che abbiamo assorbito dal mondo intorno a noi, ci ritroveremo a remare contro.

Non si può trasformare ciò che non si può vedere. E così come la mente subconscia può essere la fonte dei nostri più grandi ostacoli, è altresì la fonte del nostro più grande potere creativo. Incoraggiare semplicemente le persone a «pensare in modo più positivo» non fa altro che coinvolgere la mente conscia. Per diventare un vero e proprio creatore, occorre trovare dei modi per imprimere nuovi schemi e desideri nella mente subconscia. In questo libro vi guiderò verso un rapporto nuovo ed emancipato con ciò che giace sotto la superficie della consapevolezza quotidiana.

2. Essere specifici e concreti

Gli esseri umani sono creature abitudinarie, e i triti e ritriti percorsi delle nostre esistenze sono consuetudini che abbiamo sviluppato nel corso di tutta una vita. Le abitudini non cambiano dall’oggi al domani. Tra noi sono davvero poche le persone in grado semplicemente di decidere di cambiare qualcosa e poi mantenere un nuovo comportamento senza voltarsi indietro. Ci vuole tempo e pazienza per cambiare abitudini di lunga data. E ci vuole pratica. Molti insegnamenti sulla manifestazione non includono pratiche specifiche per aiutare a incorporare le nuove abitudini di pensiero nella mente subconscia. Nei capitoli che seguiranno, vi aiuterò a creare uno strumento personalizzato per trasmettere i vostri desideri in profondità nel subconscio e all’esterno nell’Universo regolando le vibrazioni sulla frequenza perfetta per il successo.

3. Collegare il proposito

L’elemento più importante per creare la vita che desiderate è collegare i sogni e i desideri individuali al bene comune del mondo in cui vivete. Non state creando la vostra vita nell’isolamento, la state co-creando con l’Universo. Proprio così: potete avere la vita che volete e soddisfare tutti i desideri personali ma, se tutto ruota solo intorno a voi, alla fine scoprirete che il potere di recare profonda soddisfazione sarà limitato. Quando sentiamo termini come manifestazione, attrazione e creazione, sovente li associamo all’ottenere.

Ma il vero potere della legge di attrazione si rivela quando spostiamo l’attenzione all’ottenere al dare. La generosità, l’amore e mettersi al servizio altrui non sono ripensamenti – cose per cui pensate di avere tempo, denaro ed energia da dedicare dopo aver ottenuto quello che volete. L’energia della compassione è ciò che muove un impegno realmente co-creativo con l’Universo. Questo libro vi insegnerà un metodo di manifestazione che integra l’elemento del dare fin dall’inizio.

Una volta assicurati questi tre punti essenziali, potete davvero co-creare la vita che sognate. Siete pronti per mettervi al lavoro? Perché di lavoro ce ne sarà parecchio. Se siete pronti a sperimentare un appagamento duraturo in un mondo in cui tutte le probabilità sembrano giocare a sfavore, dovrete scavare in profondità per capire perché i vostri sogni vi eludono. Dovrete studiare come funziona l’Universo e imparare a metterlo al vostro servizio. Dovrete riformulare la vostra definizione di felicità e sradicare le vibrazioni malsane della paura e della programmazione culturale subconscia che potrebbero bloccare la vostra energia creativa.

Dovrete diventare più sensibili alle vibrazioni dei vostri stessi pensieri, sentimenti e intenzioni e a quelle delle persone all’interno della vostra sfera esistenziale. E soprattutto dovrete dedicarvi, non solo alla vostra felicità o successo personale, ma al bene comune del mondo. Perché, se esiste un «segreto» che può cambiare la vostra vita, è questo: siamo tutti connessi – dall’essere vivente più infinitesimale alla stella più lontana del cosmo. Ovviamente, può essere il segreto più antico che esista, ma resta comunque un segreto nel senso che molti di noi vivono l’intera esistenza senza scoprirne il vero potere di trasformazione. Come apprenderete da questo libro, è possibile usare tale segreto per manifestare la vita dei propri sogni, ma esso cambierà anche il significato della vita che sognate.

Sono sempre stato un uomo franco e diretto, e non vi prometterò nulla che non abbia provato e dimostrato in prima persona nella mia vita. Non vi chiederò di fare nulla che non chieda a me stesso. Non dico che sarà facile, perché non lo è. Vi dico, tuttavia, che tutto è possibile. Potete davvero manifestare la vita che tanto desiderate, e gli strumenti racchiusi in questo libro vi aiuteranno a farlo.

Chi ha programmato la vostra vita?

E ora torniamo alla domanda che mi pose l’uomo del mistero: perché non stai già vivendo la vita dei tuoi sogni? Si potrebbe menzionare tutta una serie di motivi – uno stipendio troppo basso e bollette in aumento, le pretese di altre persone, i figli che vivono ancora in casa, il divorzio, problemi cronici di salute, la mancanza di un titolo di studio, scelte professionali poco indovinate, e così via. E tutti questi motivi potrebbero essere validi, fino a un certo punto. Ma sono giunto a credere che esista una ragione più profonda del perché così tanti di noi vivono ciò che Henry David Thoreau definiva un’esistenza di «quieta disperazione».

Perché ci sentiamo insoddisfatti e infelici? Perché stiamo seguendo il programma di qualcun altro. Le nostre abitudini – e le vie neurali che si sono sviluppate – sono state scritte da qualcun altro. In modo subconscio, tutti noi abbiamo assorbito messaggi dall’ambiente in cui siamo cresciuti e dalla cultura in cui siamo immersi, e tali messaggi dirigono la nostra esistenza così come il codice di programmazione non visibile organizza il computer. Questo è uno dei motivi per cui, anche quando pensiamo di voler qualcos’altro, finiamo per creare vite che reiterano gli stessi schemi che osserviamo tutt’intorno a noi. E l’essenza di tutti i messaggi che riceviamo – che provengano dai genitori, dalla società o dai media – è sempre la stessa: la paura. «La vita non è sicura e, quando qualcosa sembra positivo, bisogna diffidare». Scritto da: Mike Murphy

Estratto del libro “La Frequenza della Creazione“. di: Mike Murphy

Sintonizzati al potere dell’universo per avere ciò che vuoi. Un programma di 7 settimane

Ognuno di noi è dotato di una vibrazione personale che cambia ogni singolo momento. Tale vibrazione segnala all’Universo la nostra identità e i nostri desideri… Più informazioni su La Frequenza della Creazione »

Lascia il tuo commento:
Precedente APP di Parole magiche Successivo La Guida Completa ai Chakra

Lascia un commento