La Disobbedienza

La Disobbedienza…

Tutto può cambiare, se solo si impara a non rassegnarsi.

Un’altra Annunciazione: un Arcangelo, molto diverso da quello a cui la tradizione ci ha abituati, fa visita a quella dimensione interiore, semplicissima, di ognuno, che gli antichi teologi indicavano come Maria, «la madre di Dio». L’Arcangelo spiega, dimostra, propone, attende risposta. Il suo discorso è ben chiaro.

«Ovunque guardi, manca qualcosa che ti faccia sembrare il mondo un bel posto dove vivere a lungo. Vedi soltanto cose che sai già, o che non ti importano. E la maggior parte delle cose che sai già contengono minacce alla tua identità, o determinano situazioni di oppressione…»

KHÀIRE –  «Ave, Maria».

Cara ragazza, gioisci. È bene che impari a gioire, perché ti servirà. E devi imparare da te, perché non è una cosa che gli altri sanno insegnare.

La gente ha talmente paura della gioia! Immagino che te ne sarai già accorta. Quando vedono la gioia di qualcuno, i più si innervosiscono. Si sentono in qualche modo defraudati. E quando poi provano loro stessi un po’ di gioia, allora fanno di tutto per sbarazzarsene: la sfogano in fretta, come fosse uno starnuto, e intanto, più o meno segretamente, si rattristano, perché tanti gli hanno inculcato che non si meritano cose tanto belle.

Tu invece impara, preparati.

Χαιρε!

«Khaire!» ti avevo detto quella prima volta, ricordi?

A Nazareth.

Parlavamo greco. E khaire! voleva appunto dire «prova gioia!». Quei bigotti dei Romani snobbarono il mio bel saluto, e lo tradussero: Ave. Che è l’imperativo di «avere». Gente avara, in gran parte: cosa credevano? Che fossi venuto a recapitarti un premio, o una nomina? Ah, non farci caso. Hanno prevalso loro, ma lasciamoli pure nel loro brodo.

A me importa che i tuoi occhi si illuminino di meraviglia, come allora; e non di gratitudine, o di soddisfazione, o di umiltà e orgoglio, come piacerebbe a loro.

Una cosa non potevi sapere a quel tempo (e forse non la sai nemmeno oggi): avvenne a un certo punto, nel Medioevo, in una cittadina per metà catalana e per metà ebraica, Gerona, che si cominciò a chiamare una tua immagine «la Madonna dai begli occhi» e a pensare che quell’immagine faccia il miracolo, a coloro che lo chiedono, di aprire i loro occhi a quel che c’è di bello tutt’intorno. A me – e, credimi, posso parlare a nome di tutti gli Arcangeli – non sono mai piaciute né le immagini né tantomeno le immagini miracolose, ma devo ammettere che quella volta gli abitanti di Gerona capirono qualcosa, di te e anche di me, più che in qualsiasi altro luogo.

La Disobbedienza
Ordina su Il Giardino dei Libri
Video Corso - La Disobbedienza
Ordina su Il Giardino dei Libri

ARTICOLI CORRELATI

  • Il Mondo dei Desideri – 101 progetti di libertà. Ti parlerò dei desideri, ma tu, per favore, dammi torto. Ti dimostrerò che senza desiderio non si vive, si finge soltanto di vivere, e che la maggior parte delle persone non lo sa, o l’ha dimenticato. Ma tu convincimi che non è vero.
Lascia il tuo commento:

Scopri il regalo di oggi

All'interno di questo negozio ti proponiamo la nostra vasta selezione di Accessori per cellulari e smartphone e tanto altro

Borse in Canapa Disponibili in diversi colori

Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

Precedente Il potere dell'Intuizione da I 9 Segreti dell'Intuizione Successivo Incantesimo per aprire il cuore