Crea sito

La crisi come opportunità

La crisi come opportunità –  Succede spesso che ci sentiamo vittime di situazioni dolorose a cui non possiamo opporre alcuna resistenza.

E succede spesso che quelle situazioni si ripetano nel tempo, e tornino a ostacolare il nostro cammino più e più volte. Sembrava le avessimo superate, e invece sono tornate! Oppure si ripresentano a noi con un nuovo vestito, attori e setting diversi, ma stesso copione. Ci capita a lavoro, o in famiglia, o sul fronte delle relazioni sentimentali, o ancora nell’ambito della salute e della forma fisica.

E noi lì che ci lamentiamo, arranchiamo, ci disperiamo, ci guardiamo intorno smarriti e ci chiediamo disperatamente perché. Perché proprio a noi, perché proprio in questo momento, perché sempre così.

Mettiamo in atto le strategie più complesse e ragionate, impieghiamo tutte le nostre energie, oppure ci autocommiseriamo. Facciamo di tutto, tranne ciò che davvero dovremmo fare: accettare. Accettare ciò che è stato e ciò che è, e accettare anche noi stessi, le nostre reazioni, le nostre emozioni.

Le difficoltà, di qualsiasi genere esse siano, arrivano sempre nella nostra vita con uno scopo ben preciso. Niente caso, nessuna sfortuna. Il dolore e la sofferenza sono lì di fronte a noi per dirci che abbiamo bisogno di imparare una lezione.

E fino a quando non la impareremo quella difficoltà tornerà a ripresentarsi di fronte a noi, apparentemente diversa ma in fondo sempre uguale a se stessa. Solo così potremo attrarre finalmente gioia e serenità, chiudere il cerchio, crescere, compiere quel salto di ottava che ci permetterà di essere più consapevoli, e quindi più felici.

E’ questo il significato più autentico e profondo di “libero arbitrio”. Abbandonare le maschere della vittima e del carnefice, dimenticare il caso e la fortuna, e diventare davvero responsabili del nostro destino.

La donna bloccata all’interno di una relazione violenta, dopo l’infanzia con un padre violento, ha due scelte: opporsi, lamentarsi, cercare di fuggire questo dolore senza affrontarlo; oppure accettare profondamente ciò che è, assumersi la responsabilità della propria vita, cogliere e raccogliere la lezione.

Può diventare consapevole, ad esempio, che forse la sua mente, condizionata da un passato doloroso ma rassicurante, cerca di ricreare ciò che conosce e con cui ha familiarità, perché la mente sceglie sempre ciò che è noto, e fugge dalla novità. Questo è il motivo per cui odia il presente e lo ignora. Ecco, allora, che per trasformare la sofferenza in un’opportunità di crescita e di benessere dobbiamo diventare prima di tutto consapevoli.

Acquisendo consapevolezza del presente smettiamo così di relegare la responsabilità della nostra vita all’esterno, e finalmente ne diventiamo padroni e protagonisti. Ma solo la nostra essenza più profonda, il nostro sé autentico può compiere questo salto. La mente vive nel passato e nel futuro, nell’ansia e nella rabbia, e ha paura di ciò che non conosce. Cerca sempre di ricreare gli stessi schemi, le stesse situazioni dolorose. Sono il suo unico strumento per sopravvivere: il presente è ignoto, non può esercitarvi alcun controllo, per questo lo teme e lo fugge.

Quindi fino a che facciamo affidamento sulla nostra mente non potremo che perpetuare la sofferenza. La consapevolezza spezza le catene della schiavitù dalla mente e da tutto ciò che non è presente. Certo, non è sempre immediato vedere cosa ci aspetta una volta rotte queste catene, ma di sicuro qualsiasi cosa accadrà arriverà finalmente dal nostro sé più profondo, un sé che per sua natura vive nel presente, e dunque è in grado di trasformare il male in bene, il dolore in opportunità.

Così saremo in grado di ringraziare anche per quel dolore, per quella sofferenza, per quell’apparente difficoltà, e farne lo strumento per vivere un’esistenza finalmente gioiosa e gratificante.

In Scegli di splendere Catia Trevisani ci aiuta a cogliere la magia dell’adesso, il valore immenso del presente. Ci insegna ad accettare sempre ciò che accade fuori e dentro di noi, con serenità e fiducia, perché solo in questo modo possiamo diventare davvero capitani della nostra nave.

Catia Trevisani, autrice del libro, è un medico che da oltre vent’anni si occupa della formazione di naturopati, cura i suoi pazienti e promuove la medicina olistica attraverso libri e corsi. Nasce proprio così Scegli di splendere: inizialmente un corso, un seminario in cinque giornate che in cinque anni ha raggiunto centinaia di persone. E ora un libro, una guida che non può mancare accanto a quanti di noi decidono di intraprendere il cammino verso l’autoconsapevolezza e l’autoguarigione. Edizioni Enea – Fonte QUI

Ti consigliamo…

Scegli di Splendere

Catia Trevisani

Scegli di splendere è un viaggio meraviglioso in ascolto della nostra voce profonda, la voce dell’anima che ci parla dei nostri reali bisogni e desideri, del nostro compito di vita, dello scopo della nostra esistenza…  Più informazioni su Scegli di Splendere »

Leggi anche …. Chi è il capitano della nostra nave.

Lascia il tuo commento:
CHIUDI
CHIUDI
shares
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On InstagramVisit Us On Youtube