Il Parto della Vergine

Il Parto della Vergine – Lo studio di Giuliana Conforto spazia dalla fisica all’ermeneutica, abbiamo trovato molto interessante il suo contributo, sempre memore della parte più saliente del gioco cosmico dell’uomo: la vita.

In questa intervista, infatti, è stata prestata grande attenzione alla differenza fra pensiero e vita. Grazie a questa prospettiva diviene più chiara la relazione dell’uomo nella matrix e della sua funzione di specchio.

Guardarsi allo specchio è come sostiene Giuliana Conforto il periodo che stiamo attraversando, un periodo in cui la materia si trasforma e l’osservazione dell’uomo passa dalla conoscenza alla coscienza.

La Crisi?

Si, di una vita uterina, circoscritta da orizzonti angusti, nebulosi e limitati.

La nascita della libertà dal tiranno che ha dominato la storia: il tempo.

Poco diffusa dai media, una profonda “crisi” agita le scienze che osservano mutamenti inaspettati e ultra rapidi. Considerando la loro protagonista – la materia nucleare – riconosciamo che si tratta di un Parto: la Nascita dell’Universo Bambino di cui oggi cogliamo le immagini e, da due secoli, sentiamo il Canto.

Il Parto sta spogliando la materiavergine“, dissolvendo il velo che l’ha avvolta finora, il campo elettromagnetico. Il processo, passato alla storia come “resurrezione del corpo”, è una mutazione nucleare naturale, con conseguenze benefiche quali la prosperità e il benessere.

Tutto si spiega riconoscendo l’Opera intelligente del campo debole e sfidando una tirannia millenaria: il falso credo nel tempo lineare. Se il ciclo delle macchie solari mantenesse il suo ritmo abituale, il Parto si potrebbe concludere nel 2012 o 2013.

Non sarà la fine del mondo, ma la liberazione da tutti gli inganni che lo hanno reso così folle e ingiusto.

Il Parto della Vergine
Versione nuova

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

Universo Organico e l’Utopia Reale –  C’è un “vento” possente che oggi soffia sempre più forte. È il campo nucleare che la fisica chiama “debole“, le altre scienze trascurano e le religioni nascondono

Lascia il tuo commento:
Precedente Al di là del velo Successivo Cosa pensiamo quando votiamo?