Il Manoscritto Ritrovato ad Accra

Il Manoscritto Ritrovato ad Accra – 14 luglio 1099. Mentre Gerusalemme si prepara ali invasione dei crociati, un uomo greco, conosciuto come II Copto, raccoglie tutti gli abitanti della città, giovani e vecchi, donne e bambini, nella piazza dove Pilato aveva consegnato Gesù alla sua fine.

frasi-vita-il-manoscritto-ritrovato-ad-accra

La folla è formata da cristiani, ebrei e mussulmani, e tutti si radunano in attesa di un discorso che li prepari per la battaglia imminente, ma non è di questo che parla loro il Copto: il vecchio saggio, infatti, li invita a rivolgere la loro attenzione agli insegnamenti che provengono dalla vita di tutti i giorni, dalle sfide e dalle difficoltà che si devono affrontare.

Secondo il Copto, la vera saggezza viene dall’amore, dalle perdite sofferte, dai momenti di crisi come da quelli di gloria, e dalla coesistenza quotidiana con l’ineluttabilità della morte.

Il Manoscritto Ritrovato ad Accra

“Il manoscritto ritrovato ad Accra” è un invito a riflettere sui nostri princìpi e sulla nostra umanità; è un inno alla vita, al cogliere l’attimo presente contro la morte dell’anima.

Più il cuore si avvicina alla semplicità, più è capace di amare liberamente e profondamente senza riserve nè paure. E quanto più ama senza riserve nè paure, tanto più sa rendere elegante ogni piccolo gesto. Il Manoscritto Ritrovato ad Accra.

Il Manoscritto Ritrovato ad Accra

Voto medio su 4 recensioni: Buono

 ARTICOLI CORRELATI

  • Lo Zahir – Come dice un saggio persiano “l’amore è una malattia dalla quale nessuno riesce a liberarsi”. Chi ne è stato colpito, non cerca di ristabilirsi; e chi ne soffre, non desidera essere curato. L’amore si scopre soltanto amando. Paulo Coelho

Crediti immagine Fresh Paint

Lascia il tuo commento:
Precedente Vipassana è per Tutti Successivo Ho'oponopono Cristiano