I Vangeli per guarire

I Vangeli per Guarire – Lo straordinario potere del mito cristiano.

Le storie narrate nei Vangeli rispecchiano esigenze assolute, immutabili del cuore umano. Qualcuno si è appropriato dei Vangeli per svigorirli e alterarli, ma proprio nel mondo di oggi, dominato dall’egoismo, dal materialismo, dalla mancanza di valori, dobbiamo riappropriarci di questi testi, imparare a guardarli con occhi scevri da pregiudizi e restituire loro la purezza originaria e la ricchezza sorgiva.

Questo libro ci insegna a guardare alla Buona Novella con occhi nuovi, e ci spiega come dalla lettura dei Vangeli possa nascere una conoscenza che arricchisce le nostre vite, cambiando ìi nostro modo di vivere, muoverci, pensare, sentire, camminare, invecchiare e morire. Per sempre.

Un compito necessario non solo per i credenti, ma per tutti, purché sappiano ritrovare nel “mito” evangelico il fondamento della società, della verità, della vita emotiva: in una parola dell’essere umano.

“Essere forti non significa dare grandi dimostrazioni di forza, essere forti è mostrare un rispetto per le cose, bilanciare forza e delicatezza”. Alejandro Jodorowsky

Due monaci pregano senza sosta, uno è corrucciato, l’altro sorride. Il primo domanda: Com’è possibile che io viva nell’angoscia e tu nella gioia se entrambi preghiamo per lo stesso numero di ore?.  L’altro risponde: Perché tu preghi sempre per chiedere, e io prego solo per ringraziare. (A. Jodorowsky)

Dietro ogni malattia c’è il divieto di fare qualcosa che desideriamo oppure l’ordine di fare qualcosa che non desideriamo. Ogni cura esige la disobbedienza a questo divieto o a quest’ordine.

E per disobbedire è necessario abbandonare la paura infantile di non essere amati; vale a dire di essere abbandonati. Questa paura provoca una mancanza di coscienza: non ci si rende conto di quello che si è davvero, cercando di essere quello che gli altri si aspettano che noi siamo.

Se si persiste in questa attitudine, si trasforma la propria bellezza interiore in malattia. La salute si trova solo nell’autentico, non c’è bellezza senza autenticità, ma per arrivare a quello che siamo davvero dobbiamo eliminare quello che non siamo. Essere quello che si è: questa è la felicità più grande. Alejandro Jodorowsky

ALEJANDRO JODOROWSKY, nato nel Cile del Nord nel 1929, figlio di immigrati ebreo-ucraini, si è trasferito dal 1953 a Parigi (città dove risiede tuttora), dove ha fondato con Fernando Arrabal e Roland Topor il movimento di teatro “panico”. Artista eclettico, Jodorowsky durante la sua carriera artistica ha toccato vari campi: mimo, attore, regista cinematografico (El Topo (1971) e La Montagna Sacra (1973) sono i suoi capolavori), autore di teatro, poeta, romanziere e sceneggiatore di fumetti. In tutti i suoi lavori l’aspetto visionario ha sempre prevalso, sottolineando così la necessità di rompere le strade note e prosaiche.  Uno degli aspetti più affascinanti di Alejandro Jodorowsky riguarda la sua figura di psicoanalista sui generis. E’ difficile posizionarlo rispetto a una scuola o a una corrente di pensiero, e non a caso si definisce psicomago. In realtà egli ha elaborato un modo nuovo di entrare in contatto con l’inconscio.

I Vangeli per Guarire
Lo straordinario potere del mito cristiano

Scarso

Leggi questo articolo… Non instaurare amicizie inutili – Gli 82 comandamenti di Alejandro Jodorowsky

Precedente Uso Terapeutico dell'Argento Colloidale Successivo Le Carte Medicina