I Poteri Curativi della Vitamina D

I Poteri Curativi della Vitamina D – Vitamin D Revolution – Come prevenire e curare: osteoporosi, diabete, rachitismo, sclerosi multipla, influenza, cancro, dolore cronico, asma, deterioramento cognitivo senile, fibromialgia… e molto altro

Hai gia’ fatto il Pieno di Vitamina D?

A cosa serve la Vitamina D? Se non vivi ai Tropici e se non passi la maggior parte delle tue giornate nudo sotto il sole e’ pressoche’ impossibile cha il tuo organismo produca abbastanza vitamina D per tutte le tue necessita’.

Meno del 5% dei pazienti raggiunge i livelli di 40-50 ng/ml oggi considerati ideali, mentre la maggior parte e’ collocata fra i 5 ed i 20 ng/ml. La Vitamina D e’ di importanza vitale per la nostra salute e per prevenire o curare gravi malattie come osteoporosi, diabete, rachitismo, sclerosi multipla, influenza, cancro, dolore cronico, asma, deterioramento cognitivo senile, fibromialgia… e molto altro…

Soram Khalsa e’ una vera autorita’ in materia e ci spiega come fornire al nostro organismo una quantita’ di Vitamina D ideale per ottimizzare la qualita’ e la stabilita’ del nostro benessere a 360 gradi.

I Poteri Curativi della Vitamina D –  Sta per verificarsi una rivoluzione nella medicina. È cominciata in sordina più di dieci anni fa nei laboratori di ricerca più nascosti. Poi, nei sei mesi che hanno preceduto la realizzazione di questo libro, la consapevolezza del fenomeno ha iniziato ad approdare su tutti i giornali, le riviste e i siti web del mondo. E io vi dico che non passerà molto tempo prima che tutti sulla Terra divengano consapevoli e comprendano la potenza di questa rivoluzione e come potrà cambiare il mondo.

Questa rivoluzione è il risultato di nuove ricerche sulla potenza della vitamina D che ci consente di migliorare la nostra salute e favorisce la longevità. La carenza di vitamina D è stata collegata a diciassette tipi di cancro, oltre che a 13 malattie cardiache, pressione alta, ictus, malattie autoimmuni, diabete, dolore cronico e osteoporosi. In una prima fase gli studi hanno dimostrato come esistesse una forte correlazione tra la vitamina D e queste malattie. Ora si è arrivati ai cosiddetti studi clinici randomizzati, molto più significativi e che rappresentano lo standard di riferimento per la ricerca medica, anche sulla vitamina D. E già intuisco che tutto ciò trasformerà il modo in cui la medicina viene praticata.

Questa rivoluzione è il risultato di nuove ricerche sulla potenza della vitamina D che ci consente di migliorare la nostra salute e favorisce la longevità. La carenza di vitamina D è stata collegata a diciassette tipi di cancro, oltre che a ma13 lattie cardiache, pressione alta, ictus, malattie autoimmuni, diabete, dolore cronico e osteoporosi. In una prima fase gli studi hanno dimostrato come esistesse una forte correlazione tra la vitamina D e queste malattie. Ora si è arrivati ai cosiddetti studi clinici randomizzati, molto più significativi e che rappresentano lo standard di riferimento per la ricerca medica, anche sulla vitamina D. E già intuisco che tutto ciò trasformerà il modo in cui la medicina viene praticata.

Ho lavorato per oltre trent’anni come medico internista, con un’attenzione particolare alla medicina integrata, e ho potuto osservare diversi orientamenti. Negli anni Settanta del secolo scorso tutti erano ipoglicemici. Negli anni Ottanta c’era la sindrome da fatica cronica, negli anni Novanta tutti avevano la fibromialgia. Tutte queste diagnosi erano reali e anche oggi ho in cura molti pazienti in queste condizioni. Ma, in tutto questo arco di tempo, non ho mai visto diagnosi medica così diffusa 14 e con così pesanti effetti sulla salute della gente come l’attuale epidemica carenza di vitamina D.

Mi sono reso conto per la prima volta cinque anni fa del ruolo fondamentale che ha la vitamina D sulla salute umana. È successo mentre ascoltavo il CD audio realizzato dal mio collega e amico, il dottor Jeffrey Bland; fu lì che appresi l’importanza della vitamina D per il sistema immunitario.

Poco dopo, a un seminario all’Institute for Functional Medicine, mi capitò di ascoltare una lettura del dottor Michael Holick della Boston University. La sua relazione iniziò con un video di forte impatto dove c’era un sole che sorgeva e la musica, regolata ad alto volume, di Così parlò Zarathustra. Sentii i brividi percorrermi la spina dorsale e capii che ero lì per qualcosa di sensazionale. Era diverso da ogni altro intervento cui avessi mai assistito. Il dottor Holick spiegò che il dosaggio raccomandato di routine (RDA) per la vitamina D si basava su ricerche ormai datate in tema di rachitismo e che era necessario aggiornarlo sulla base degli studi più recenti. Spiegò anche la ragione per la quale la quantità di vitamina D nel sangue che gli era stata indicata come normale alla facoltà di medicina – all’incirca 20 nanogrammi per millilitro (ng/ml) – era da ritenersi insufficiente, stando alle ricerche più aggiornate.

Tornai a casa da quel seminario e iniziai a leggere tutto quello che riuscii a trovare sulla vitamina D, riviste mediche e libri. Partecipai ad altri seminari sullo stesso argomento che aumentarono la mia consapevolezza e il mio apprezzamento riguardo la potenza di questa cosiddetta vitamina. Mi sottoposi anche all’analisi del sangue per misurare i miei livelli di questa sostanza e scoprii – io, con la mia pelle chiara e i miei abiti sikh che mi ricoprivano 15 pressoché totalmente – di essere incredibilmente carente di vitamina D.

Iniziai quindi a sottoporre al test anche i miei pazienti. Mi trovavo a Los Angeles (più di recente, mi sono spostato a Beverly Hills), la “terra del sole”, e pensavo che tutti i miei pazienti, che non indossavano gli abiti coprenti che usavo invece io, avessero livelli normali. Wow! Quanto mi sbagliavo! Da quel momento, ho continuato a misurare i livelli di vitamina D su tutte le persone che prendevo in cura, oltre che sui pazienti che già avevo, prescrivendo l’esame di prassi ogni anno. Secondo i dati raccolti in questi anni, posso dire che il 75% di tutti i miei nuovi pazienti aveva livelli insufficienti di vitamina D.

Siccome il sole è la nostra fonte principale di questa vitamina e nel sud della California ce n’è in abbondanza, avevo supposto che la gente avrebbe potuto appunto ottenere tale vitamina grazie al sole. Ma poi mi sono ricordato che molti dei miei pazienti si sottopongono regolarmente a visite dermatologiche e questi specialisti, ormai da anni, continuano a mettere tutti in guardia dai pericoli dell’esposizione al sole e dal rischio di cancro alla pelle. Ci hanno abituato a coprirci prima di uscire all’aperto. Persino alcuni cosmetici per uso femminile oggi hanno una protezione solare. E ho scoperto che molti dei miei pazienti, che avevano bassi livelli di vitamina D, facevano uso di prodotti per proteggersi dal sole.

Mi sono reso conto che dobbiamo creare una nuova relazione con il sole. Valutando prima a quale dei sei tipi di pelle esistenti ciascuno di noi corrisponde, è comunque importante esporsi al sole con regolarità (su questo imparerete molto altro continuando a leggere). Inoltre, ho capito quan16 to sia cruciale sottoporsi all’analisi che misura i livelli ematici di vitamina D. Infatti, chi li ha molto bassi, potrà esporsi intensamente per un breve periodo in modo da riportarli alla normalità, per poi assumere solo dosi di mantenimento.

Sto seguendo proprio questo principio, ormai da cinque anni, e sono stato testimone di risultati miracolosi ottenuti semplicemente normalizzando i livelli di vitamina D. Mi dilungherò su questo più avanti.

Un po’ di tempo fa, mi sono imbattuto nella pubblicità di un apparecchio che effettuava la misurazione tramite un ago che pungeva il dito per estrarre una goccia di sangue; era di un laboratorio con il quale avevo collaborato strettamente per altre analisi. I test potevano essere eseguiti a casa dai pazienti, che poi li inviavano direttamente al laboratorio. Siccome nel mio ambulatorio maneggiamo sangue ogni giorno, non mi ero soffermato più di tanti a pensarci.

Poi un giorno, durante la mia meditazione, mi sovvenne che in effetti un test domestico sarebbe stato perfetto per i milioni di pazienti che non vanno regolarmente dal medico o i cui medici non effettuano normalmente tali test. Realizzai anche che avrei potuto mettere a disposizione della gente questi kit a prezzi ragionevoli. Ma poi mi chiesi: Come faranno i pazienti a sapere cosa fare dei loro risultati?

Ecco che allora è diventato assolutamente indispensabile per me scrivere questo libro. Sapevo che avrei dovuto scriverlo con un linguaggio adatto ai profani, semplice e che andasse dritto al punto, garantendo anche una lettura piacevole e veloce. In un libro, pensai, avrei dovuto spiegare ai miei lettori come correggo nei pazienti i livelli di vitamina D e li riporto a valori ottimali, secondo la loro personale condizione di salute e le loro specifiche neces17 sità. Permettere alle persone di avere accesso a un kit per l’esame, le mette in grado di prendere il controllo della loro salute e accertare la loro situazione riguardo la vitamina D.

Ebbene, da questo libro si possono trarre informazioni sui dosaggi che io raccomando ai miei pazienti per raggiungere valori normali e ottimali. E grazie al kit con il test, si può ripetere l’esame dopo un certo periodo di tempo in modo da tenere una tabella sui progressi compiuti.

Mi si presentò però anche il problema di come ottenere capsule a base di vitamina D di qualità. Uno studio recente comparso in letteratura scientifica, condotto dal dottor Holick, parlava di un paziente che aveva acquistato un integratore di vitamina D in un negozio di alimenti naturali; sull’etichetta non erano riportate informazioni corrette. La quantità di principio attivo presente nelle pillole era all’incirca 100 volte quanto era dichiarato in etichetta!

Poiché la vitamina D in eccesso può rivelarsi tossica, questo paziente aveva sviluppato sintomi dovuti proprio a questa tossicità ed ebbe bisogno del ricovero in ospedale, malgrado si sia poi ripreso. Questa è una delle ragioni per cui è così importante misurare il proprio livello di vitamina D – non solo potete riportarlo a un livello ottimale, ma potete farlo senza rischiare un sovradosaggio.

Voglio comunque chiarire che non è così facile arrivare al sovradosaggio tossico. In questi ultimi anni, diversi miei pazienti hanno assunto dosi più alte di quelle che avevo raccomandato loro e, malgrado avessero livelli riconducibili al range più elevato, nessuno ha mai mostrato sintomi di intossicazione.

Per ovviare al problema della possibile inaffidabilità della vitamina D che si trova nei negozi, ho contattato un’azienda 18 che si occupa di integratori nutrizionali e che rifornisce esclusivamente professionisti. Quest’azienda effettua controlli di qualità estremamente rigorosi, segue le “norme di buona fabbricazione” (regole imposte dalla Fda*) e ha al proprio interno laboratori in cui gli scienziati controllano ogni lotto e confermano la dose con il cosiddetto “certificato di analisi”. Hanno accettato di collaborare con me per mettere a disposizione integratori di vitamina D di elevata qualità, a un prezzo ragionevole e con dosaggio garantito; in questo modo il lettore di questo libro potrà essere certo che il dosaggio del prodotto che si procurerà sarà preciso. – Dottor Soram Khalsa Beverly Hills, California.

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: I Poteri Curativi della Vitamina D

La vitamina D è una sconosciuta, ma presto nessuno vorrà farne a meno.

La carenza di vitamina D è stata collegata a 17 tipi di cancro, oltre che a malattie cardiache, pressione alta, ictus, malattie autoimmuni, diabete, dolore cronico e osteoporosi.

In questo straordinario libro Soram Khalsa analizza, in tutte le sue sfumature, l’incredibile potere curativo della vitamina D:

  • da dove proviene
  • il ruolo che la vitamina ha nel nostro corpo
  • carenze, disturbi e malattie correlate
  • esami e test di accertamento per individuare i livelli ottimali
  • trattamenti di integrazione e dosi
  • livelli tossici e controindicazioni.

Le informazioni contenute in questo libro sono essenziali per chi vuole prendere decisioni positive in materia di salute e sopperire alle carenze di vitamina D dovute principalmente allo stile di vita moderno e alla mancanza di esposizione al sole.

“Sta per verificarsi una rivoluzione nella medicina. È cominciata diversi anni fa in laboratori di ricerca nascosti. Nell’ultimo periodo, però, la consapevolezza del fenomeno ha iniziato ad approdare su tutti i giornali, le riviste e i siti web del mondo. E io vi dico che non passerà molto tempo prima che tutti sulla terra divengano consapevoli e comprendano la potenza di questa trasformazione e di come potrà cambiare il mondo”.

Conosci la vitamina D con i video di Dottor D

Questa rivoluzione è il risultato di nuove ricerche sulla potenza della vitamina D: consente di migliorare la nostra salute e favorisce la longevità.

I Poteri Curativi della Vitamina D - Libro
Vitamin D Revolution – Come prevenire e curare: osteoporosi, diabete, rachitismo, sclerosi multipla, influenza, cancro, dolore cronico, asma, deterioramento cognitivo senile, fibromialgia… e molto altro
Ordina su Il Giardino dei Libri

Alimenti ricchi di vitamina D

  • Pesci grassi (salmone, sardine, sgombro, tonno) – Olio di fegato di merluzzo – Uova
  • Vegetali ( le verdure a foglia scura)
  • Integratori

Lo sapevate che in America la carenza di vitamina D ha dimensioni epidemiche? Lo sapevate che la mancanza di un adeguato apporto di vitamina D è stato scientificamente correlato a diciassette tipi di cancro, oltre che a molte altre malattie potenzialmente mortali?Continua a leggere >>  Lode ai poteri curativi della Vitamina D

Prodotti correlati

A & D 10000/400 – Fish Liver Oil – Fish Liver Oil A e D è ricchissimo di vitamine A e D contenute naturalmente nell’olio di fegato di pesce.

La vitamina A aiuta la crescita e la riparazione dei tessuti del corpo. Contribuisce a mantenere la pelle morbida, liscia e sana. La vitamina è attiva nella calcificazione delle ossa e dei denti.

Una perla contiene 10.000 U.I. di vitamina A e 400 U.I. di vitamina D.

Ingredienti: farina di riso, vitamina A e vitamina D3. Capsule in vitamina alimentare

A & D 10.000/400
Ordina su Il Giardino dei Libri

Integratori

Approfondisci…

I benefici dell’esposizione al sole – Sole sì, ma con i giusti accorgimenti! Ogni anno in questo periodo iniziano i confronti di chi sostiene che l’esposizione al sole faccia bene e di coloro che sostengono che il sole crei grossi problemi alla pelle. La verità qual è?… continua a leggere

Articoli correlati…

  • Il Sole che Guarisce – Le incredibili Proprietà Terapeutiche della Vitamina D – Un’efficace protezione contro tumori, diabete e malattie cardiache…
  • La Luce che cura. I sorprendenti effetti terapeutici del Sole. Perchè il sole ti fa bene e perchè non si vuole che tu lo sappiaRigorose ricerche scientifiche hanno dimostrato che il sole e i raggi ultravioletti riducono il colesterolo e le carie dentali, migliorano il sistema immunitario, libido e fertilità e prevengono i tumori. Sono un nutriente indispensabile alla salute dell’uomo.  Il libro rivela al lettore verità tanto insospettabili quanto sconcertanti.
Precedente Il Sole che Guarisce - Le incredibili Proprietà Terapeutiche della Vitamina D Successivo Pronto Soccorso Emozionale