I Bambini Indaco

I Bambini Indaco – Una nuova evoluzione della razza umana

La maggior parte delle persone tende a considerare l’essere umano e l’umanità nel suo insieme come un modello statico e non in evoluzione. Nei bambini di oggi invece, stanno emergendo in misura sempre più frequente nuove caratteristiche e modelli di comportamento. Il fenomeno è in continua espansione e questi bambini veramente speciali rappresentano una grande percentuale di quelli che attualmente nascono in tutti i paesi del mondo.

I Bambini Indaco sembrano dotati di un nuovo patrimonio genetico, di straordinari e rari attributi psicologici molto diversi da quelli riscontrati fino ad ora e potrebbero realmente rappresentare il prossimo livello dell’evoluzione umana.

I Bambini Indaco sono anticonformisti rispetto ad ogni sistema, precoci, intuitivi, creativi, innovatori, sensitivi. Faticano ad accettare metodi educativi tradizionali e rifiutano a priori l’autorità di genitori e insegnanti. Troppo spesso a questi bambini vengono diagnosticati disturbi dell’apprendimento e dell’attenzione e iperattivismo. A volte vengono narcotizzati con psicofarmaci come il Ritalin per frenare la loro esuberante energia, giudicata eccessiva.

Per aiutarli a raggiungere l’equilibrio e l’armonia, è necessario che genitori e insegnanti diventino consapevoli delle loro eccezionali caratteristiche e instaurino un rapporto basato su amore, rispetto e benevolenza; infatti atteggiamenti rigidi e repressivi possono provocare reazioni imprevedibili, talvolta anche molto violente, e causare gravi danni psicologici.

Medici, educatori, psicologi, spiegano il fenomeno dei Bambini Indaco per aiutare a identificare le strategie utili e proporre ai genitori alternative naturali agli psicofarmaci. Metodi, resoconti, commenti, storie di esperti qualificati che si occupano dell’infanzia.

La nostra cultura è basata sul concetto di evoluzione, che però si riferisce solo al passato: l’idea dell’arrivo, sul pianeta, di una nuova coscienza umana, non è facilmente ammissibile.

BRANI SCELTI.

Cogliere il tutto e cogliere i dettagli
La corteccia cerebrale è suddivisa in due parti, gli emisferi, collegate tra loro da un fascio di nervi con milioni di singole fibre nervose, chiamato corpo calloso. I due emisferi cerebrali sono simmetrici esternamente, ma le loro funzioni sono
diverse.

L’emisfero sinistro. Il pensiero analitico
L’emisfero cerebrale sinistro è la sede del centro del linguaggio. Le facoltà attribuite all’emisfero sinistro sono: osservare e analizzare, pensare in modo analitico, l’analisi progressiva, il trarre conseguenze logiche, la comprensione matematica, parlare, leggere, scrivere, definire oggetti, interpretare storie, spiegare in modo razionale le proprie motivazioni, la comunicazione digitale. L’emisfero sinistro ama cogliere dettagli.

L’emisfero destro. Il pensiero sintetico
L’emisfero destro elabora il materiale grezzo dei pensieri, le idee balenanti, le immagini, fondamentalmente tutte le impressioni dei sensi. Pensa in modo sintetico, intuitivo. Le facoltà attribuite all’emisfero sinistro sono: registrare, comprendere e sviluppare storie; il linguaggio immaginifico; cogliere immagini, modelli e strutture; la geometria, la comprensione delle dimensioni spaziali; la rielaborazione sintetica delle informazioni, la loro successione temporale e il loro accordo reciproco; la comunicazione analogica, la comunicazione attraverso simboli; è il luogo dei sogni, dell’intuizione, del ritmo e della musica. L’emisfero destro ama cogliere il tutto.

Il mindmapping
Il lavoro di ricerca moderno ha cercato di ricopiare gli impulsi e le vie di pensiero del cervello. L’inglese Tony Buzan ha elaborato, a partire dalle conoscenze relative agli emisferi destro e sinistro, l’idea di una mappa della mente (in inglese mindmap). Questa può essere visualizzata molto bene con le strutture collegate in rete della tecnica denominata mindmapping, grazie alla quale si utilizza il potenziale di entrambi gli emisferi e i processi di apprendimento possono essere notevolmente abbreviati.

Se desiderate costruire con i vostri figli una mindmap, prendete un foglio bianco formato A3. Disegnate l’argomento principale nel mezzo. Da questo centro cominciate a disegnare dei rami di un certo spessore, poi da lì dei rami più sottili ed eventualmente ancora dei rametti più sottili. Potete immaginare questa mappa mentale come un albero (sicuramente una delle mappe più antiche di questo genere è l’albero della vita della cabala, la dottrina mistica ebraica). L’importante è che tutte le linee siano pienamente sviluppate e collegate tra loro, altrimenti il cervello registra dei vuoti. Su ogni linea (tronchi o rami) scrivete delle parole chiave che rappresentano dei temi collaterali. I colori possono sottolineare dei concetti. Potete colorare vivacemente sia i rami sia le parole chiave e i singoli argomenti. L’importante è collegare le parole alle immagini e ai simboli. Se li scegliete in modo intuitivo, fate attenzione però che i segni siano comprensibili chiaramente. Infine, mettete i rami nel giusto ordine sequenziale numerandoli. Potete poi trasferire il vostro progetto lungo i rami. Sentitevi liberi di collegare con delle frecce o con delle linee colorate i rami che sono connessi tra loro e di aggiungere simboli, immagini, colori e altro. Una mindmap non è mai completa del tutto, vive, può essere completata oppure trasformata.

Le mappe mentali con i bambini indaco
Le possibilità di impiego delle mappe mentali sono tante. Potete preparare con i vostri figli delle materie di studio, potete aiutarli a preparare degli esami o a imparare dei testi a memoria. Se vostro figlio deve presentare una relazione o preparare uno spettacolo, potete aiutarlo a preparare una mappa mentale che lo aiuti a memorizzare. Mentre vostro figlio ascolta, può aggiungere dei concetti nella mappa e in questo modo avere uno sguardo d’insieme sulla materia.

Questo metodo aiuta in modo straordinario ad allenare la memoria. Inoltre, può essere divertente anche per i genitori riassumere in modo nuovo e creativo i compiti quotidiani. Possono imparare molte cose. Potreste, per esempio, provare a preparare una mappa mentale per programmare le vostre vacanze oppure le feste famigliari, per aiutarvi a semplificare l’organizzazione.

I Bambini Indaco – Un libro fondamentale per i genitori e gli educatori di bambini particolarmente intelligenti e attivi e di Bambini Indaco!

I Bambini Indaco - Libro
Una nuova evoluzione della razza umana

Voto medio su 20 recensioni: Buono

Ordina su Il Giardino dei Libri

  • E’ in arrivo una nuova razza umana? – Nel sud della Cina vive un bambino, di nome Nong Usui, che potrebbe ritenersi il primo rappresentante di una nuova “razza” umana. Ha gli occhi celesti, quasi fluorescenti, che brillano al buio, come gli occhi dei gatti…. >> continua a leggere

ARTICOLI CORRELATI

  • Bambini Cristallo – Da Indaco a Cristallo per un mondo migliore…
  • Educare con Gioia – Come aiutare i ragazzi di oggi a scoprire i veri valori della vita…
  • Gioìa e i Bambini della Nuova Era – Leggere questo libro è come un impronta di speranza per un Nuovo Mondo, dove regna pace e serenità …
  • I bambini – Evoluzione Spirituale – I genitori hanno sicuramente  una certa influenza sui figli, nell’incamminarli sulla via della crescita personale; è vero anche il contrario? Anche il bambino, seppure piccolissimo, influenza l’evoluzione dei genitori…
  • I Bambini Pionieri di un Nuovo Mondo – I bambini di oggi nascono con un destino speciale: quello di salvare la terra. Dobbiamo aiutarli in questa loro opera, non contrastarli, non costringerli nei confini di una riduttiva ‘normalità’ sociale.
Lascia il tuo commento:
Precedente Il Soffio che Guarisce Successivo Le 12 regole per imparare ad amare