Crea sito

Guarire se Stessi

Guarire se Stessi – “La ragione principale del fallimento della scienza medica moderna sta nel fatto che si occupa degli effetti e non delle cause”

Secondo Bach nella sua essenza la malattia è il risultato di un conflitto tra Spirito e Mente: noi non potremmo mai guarire senza uno sforzo spirituale e mentale.

In Guarire se Stessi Bach ci guida alla scoperta di questo indissolubile legame, affermando che i due maggiori errori che l’uomo può compiere sono fare dei torti agli altri e favorire la separazione tra anima e personalità.

Guarire se stessi spiega il profondo legame che c’è tra la salute fisica e il benessere interiore, il presupposto alla base della terapia dei Fiori di Bach.

In Guarire se Stessi Bach presenta otto capitoli di fondamentale importanza i cui principi sono alla base della terapia:

  • Il pensiero medico sulla malattia
  • La conoscenza dell’amore attraverso la malattia
  • La settuplice realtà della malattia
  • Il superamento della malattia nel cammino evolutivo verso la libertà
  • L’educazione, una premessa verso la salute e la libertà
  • Il futuro medico
  • La conquista della salute
  • Il campo della guarigione

Edward Bach – Anteprima – Guarire se Stessi

In questo libro non si vuole dimostrare che l’arte medica è inutile; non è affatto questa la nostra intenzione. Ci proponiamo, invece, umilmente, di indicare una via a coloro che soffrono perché ricerchino in se stessi la vera origine della malattia e, conseguentemente, possano favorire la propria guarigione. Si spera inoltre che chi, in qualità di medico o di religioso, ha a cuore il benessere dell’umanità, sia stimolato a raddoppiare i propri sforzi nell’arrecare sollievo alla sofferenza umana, affrettando così il giorno in cui la malattia sarà completamente debellata.

La ragione principale del fallimento della scienza medica moderna sta nel fatto che essa si occupa degli effetti e non delle cause. Per molti secoli la vera natura della malattia è stata mascherata dal materialismo; in tal modo la malattia, non essendo stata aggredita alla sua origine, ha avuto la possibilità di estendersi, provocando ulteriori danni. La situazione è simile a quella di un nemico il quale, solidamente arroccato sopra un colle, intraprende un’incessante azione di guerriglia nella piana circostante, mentre la gente, ignara del presidio, si limita a riparare le abitazioni danneggiate e a seppellire i morti, conseguenze delle scorribande dei predoni. Questa è, in linea generale, la situazione in cui si trova oggi la medicina; nulla di più che un rattoppare coloro che sono stati colpiti o seppellire coloro che sono morti, senza minimamente pensare alla roccaforte, cioè al luogo in cui sta asserragliato il nemico.

La malattia non potrà mai essere curata o sradicata attraverso i metodi materialisti attuali per il semplice fatto che la sua origine non è materiale. Ciò che noi conosciamo come malattia è l’effetto conclusivo, prodotto nel corpo, di forze avverse che hanno agito a lungo e in profondità. Anche se una terapia materiale è di per sé apparentemente positiva, essa non sarà nulla di più di un sollievo temporaneo fino quando non verrà rimossa la vera causa. La tendenza moderna della scienza medica, male interpretando la vera natura della malattia e accentrandola sulla manifestazione materiale del corpo fisico, ne ha enormemente accresciuto la forza. In primo luogo ha allontanato la mente delle persone dalla vera origine della malattia e, di conseguenza, da un metodo efficace per combatterla; in secondo luogo, localizzandone l’origine nel corpo, ha offuscato la speranza della guarigione e ha innescato un forte complesso di paure che non sarebbero mai esistite.

Nella sua essenza la malattia è il risultato di un conflitto tra Spirito e Mente e non sarà mai sradicata senza uno sforzo spirituale e mentale. Sforzo che, se fatto correttamente e consapevolmente come vedremo in seguito, può guarire e prevenire la malattia rimuovendo quei fattori di base che ne costituiscono la causa primaria. Qualunque fatica rivolta solo al corpo non può che porre un rimedio superficiale al danno provocato dalla malattia. Non si tratta perciò di guarigione, poiché la causa del male non è ancora stata sconfitta ed essa potrebbe manifestarsi di nuovo sotto altre forme in qualunque momento. In molti casi una guarigione apparente è addirittura dannosa perché nasconde al malato la vera causa del suo disturbo. Infatti, nella gioia per la salute che il malato ritiene di avere recuperato, la vera causa continua ad agire inosservata e ha possibilità di rafforzarsi.

Valutiamo il caso opposto di un malato che sappia, o che venga informato da un medico prudente, della natura di forze avverse sia spirituali che mentali, che stanno operando in lui e il cui effetto ha scatenato, nel corpo fisico, ciò che noi chiamiamo malattia. Se questa persona tenterà di neutralizzare quelle forze in modo diretto, nel momento in cui affronterà con successo lo sforzo, la sua salute migliorerà. Quando poi sarà riuscito a completare il suo sforzo la malattia sarà scomparsa del tutto. Questa è la vera guarigione: l’attacco alla roccaforte, cioè alla base stessa della sofferenza.

Guarire se Stessi
Versione nuova

I 38 rimedi della floriterapia del dott. Bach. Come agiscono e come si usano. Come dice Bach, la malattia da un punto di vista spirituale è “il risultato di un conflitto tra l’ Anima e la Mente” e l’ azione dei rimedi floreali è quella di ristabilire il giusto equilibrio fra le istanze dell’ Anima e la vita quotidiana,sbloccando la forza mentale e ristabilendo la naturale capacità del corpo alla guarigione. continua a leggere »

Lascia il tuo commento:
CHIUDI
CHIUDI
shares
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On InstagramVisit Us On Youtube