Crea sito

Fiori di Bach e Naturopatia

Fiori di Bach e Naturopatia – I Fiori di Bach sono potenti strumenti di guarigione che, se usati correttamente possono avere effetti straordinari sul corpo e sullo stato emotivo e mentale dell’uomo.

550 paginescritte da Catia Trevisani, la fondatrice della Scuola di Naturopatia SIMO.

L’esperienza di oltre vent’anni di utilizzo di questi rimedi, con effetti talora impensati, l’aver visto malati terminali ottenere grande sollievo gia’ dopo pochi giorni dalla prima assunzione, e l’averli sperimentati a lungo su se stessa, le permettono di esporne il forte potere curativo di queste essenze.


Perche’ questo libro e’ unico

Lo spiega il dottor Ricardo Orozco (dalla prefazione)

Nella letteratura italiana sui Fiori di Bach prevalgono testi divulgativi di base e saggi di speculazione libera e creativa.

Personalmente ritengo che questo libro sia un importantissimo contributo al movimento crescente dei terapeuti professionisti e autodidatti a cui serve una letteratura fondata e responsabile.

Mi sorprende l’intelligente classificazione, la netta distinzione delle tipologie dallo stato. Per esempio, la parte dedicata agli effetti del fiore sul bambino, e’ del tutto chiarificatrice.

L’inserimento della fisiognomica, cosi’ come di alcune considerazioni riguardo agli errori da evitare e i consigli ai terapeuti, sono una vera innovazione che senza dubbio fornisce un supporto considerevole agli specialisti, ai lettori e ai curiosi che aprono il libro. Allo stesso modo, la diffusione del Principio Transpersonale mi soddisfa pienamente.

Ma cio’ che reputo veramente straordinario e’ l’impiego della botanica e la mappa dei fiori, tanto ignorata e sconosciuta dalla maggior parte di terapeuti e autodidatti, tuttavia cosi’ importante se pensiamo che la natura si esprime attraverso analogie e che, in realta’, mente e natura sono la stessa cosa.

A mio modo di vedere il libro della Dottoressa Trevisani rappresenta un solido pilastro per l’adeguata diffusione e formazione della meravigliosa “intelligenza emotiva liquida” che conosciamo con il nome di Fiori di Bach.

Il tocco finale dell’opera e’ dato dalle fotografie e dagli schemi conclusivi, che sono semplicemente magnifici. La mappa mentale con il centro ovale che assomiglia a un seme germogliato non puo’ essere piu’ esaustiva”.

Contenuto

Introduzione sui fondamenti della Floriterapia e dei Fiori di Bach.

Per ogni rimedio floreale: tipo psicologico o rimedio transitorio, fisiognomica, bambini, parole chiave, analisi comparata, principio transpersonale, sintomi fisici, consigli ai terapeuti, botanica e segnatura.

Sezione fotografica a colori con le immagini dei Fiori di Bach.

Mappe mentali e schemi riassuntivi sui Fiori di Bach.

Appendice finale con la relazione tra le caratteristiche botaniche dei Fiori di Bach e i comportamenti umani, un pronto soccorso e l’integrazione tra Floriterapia e Reflessologia.

Fiori di Bach e Naturopatia

Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere

I Fiori di Bach sono considerati, a ragione, come uno dei migliori metodi di terapia “alternativa”.

La floriterapia rientra nella sfera della medicina olistica e riesce a risolvere numerosissime patologie, in particolar modo tutte quelle (e sono la maggioranza) che riconoscono un’origine, o quantomeno una concausa, di origine psicosomatica.

I fiori di Bach non hanno controindicazioni nè effetti collaterali e possono essere usati da tutti, adulti e bambini, ma anche per gli animali e le piante.

I “Dodici guaritori” di Edward Bach, furono da Lui scoperti tra la fine del 1930 e il 1932.

Erano indicati per dodici stati d’animo negativi fondamentali, che era necessario riequilibrare:

Rock Rose per il terrore, Mimulus per la paura, Cerato per la sfiducia in se stessi, Sclerantus per l’indecisione, Gentian per lo scoraggiamento, Centaury per la debolezza, Water Violet per la solitudine, Agrimony per la tortura mentale, Chicory per l’invadenza, Vervain per l’eccessivo entusiasmo, Inpatiens per la tensione, Clemantis per l’indifferenza.

Come funzionano i Fiori di Bach?

Secondo il dottor Bach, la malattia non è nè una crudeltà in sè, nè una punizione, ma solo uno strumento di cui la nostra animasi serve per indicarci i nostri errori, per trattenerci da sbagli più gravi…

Il principio su cui si basa è molto semplice: ognuno di noi non è da vedere come singolo, ma come facente parte di un “tutto cosmico”, non già come un organismo a se, ma come una cellula facente parte di un organismo più ampio, una tessera del mosaico globale. Ognuno di noi è collegato al “tutto” tramite la forza di una vibrazione comune.

In questo contesto ognuno di noi è composto da un’anima immortale e da un corpo mortale (io fenomenico, personalità) il “tramite” tra l’anima immortale e l’io fenomenico è dato dall’io superiore. Soltanto l’anima conosce il compito dell’uomo e cerca di comunicarlo attraverso l’io superiore alla personalità per renderlo concreto.

Secondo Edward Bach se il corpo potesse andare sempre in armonia con l’anima e questa potesse sempre esprimersi (cosa impossibile, purtroppo) saremmo forti, sani e felici, vibranti in sintonia con il campo energetico cosmico.

La malattia insorge là dove manca il collegamento della nostra personalità con il campo energetico cosmico, di solito perché la personalità non vive in armonia con l’anima, ma nell’illusione di un’esistenza separata fino all’estremo in cui la personalità non è più in grado di accettare l’esistenza stessa di un’anima, credendo solo in ciò che può vedere o toccare.

Ognuno dei Fiori di Bach incorpora un determinato concetto spirituale, più precisamente ognuno dei fiori corrisponde a una precisa frequenza di vibrazione, la frequenza della vibrazione della pianta adatta alla cura dei vari casi ristabilisce la vibrazione che era venuta a mancare tra l’anima e la personalità che avevano cessato di comunicare e ristabilendo il flusso dell’energia cosmica riporta lo stato d’animo a positivo e porta alla guarigione.

L’utilizzo dei Fiori di Bach è un metodo ideato da Edward Bach, omeopata inglese, secondo cui la malattia è generata da processi mentalied emotivi e da un difficile dialogo tra l’Io mentale (coscienza), l’Io emozionale (subconscio) e l’Io superiore (anima). Si basa sulla corretta scelta e sulla somministrazione corretta delle essenze più adatte, tra le 38 studiate da Bach, per ristabilire l’equilibrio psicofisico.

Da quando il medico inglese Edward Bach ha soperto il sistema di cura che prende il suo nome, la scienza ha compiuto numerosi progressi, consentendoci di provare definitivamente che i fiori di Bach agiscono su basi scientifiche e che gli effetti non sono frutto di suggestione. In questo video sono mostrati gli studi più importanti e rigorosi.

I Dodici Guaritori – Un prontuario terapeutico realizzato da Bach man mano che scopriva i fiori adatti a guarire gli stati emozionali che sono all’origine di diverse patologie. Ne I Dodici Guaritori puoi scoprire i metodi di preparazione e i dosaggi ideati da Bach e conoscere il segreto del benessere.

I Dodici Guaritori

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

I 38 rimedi della floriterapia del dott. Bach. Come agiscono e come si usano. Come dice Bach, la malattia da un punto di vista spirituale è “il risultato di un conflitto tra l’ Anima e la Mente” e l’ azione dei rimedi floreali è quella di ristabilire il giusto equilibrio fra le istanze dell’ Anima e la vita quotidiana,sbloccando la forza mentale e ristabilendo la naturale capacità del corpo alla guarigione. continua a leggere »

Lascia il tuo commento:
CHIUDI
CHIUDI
shares
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On InstagramVisit Us On Youtube