Fa ciò che vuoi sarà tutta la Legge

Fa ciò che vuoi sarà tutta la Legge.

La Legge di Thelema è un  codice di condotta: FAI CIÒ CHE VUOI

Thelema (Thel-ay-mah) è una parola greca che significa “Volontà” o “Intenzione”.

Thelema è anche il nome di una nuova e antica filosofia spirituale, riemersa negli ultimi cento anni e che sta gradualmente diffondendosi e stabilendosi nel mondo.

Una delle prime menzioni di questa filosofia comparve nel “Gargantua e Pantagruele” di Francois Rabelais e scritto nel 1532. Un episodio di questa avventura epica racconta della fondazione dell'”Abbazia di Thelema” come un istituto per la coltivazione delle virtù umane, che Rabelais identificava come diametralmente opposte alle prevalenti qualità Cristiane del tempo.

La sola regola dell’Abbazia di Thelema era: “Fa ciò che vuoi“. Questa frase è divenuta uno dei principi basilari della filosofia Thelemica moderna.

Sebbene sfiorati da vari e prominenti pensatori visionari nei secoli successivi, i semi di Thelema piantati da Rabelais portarono frutto nella prima parte del secolo scorso, quando furono coltivati dal mago inglese Aleister Crowley, poeta, scrittore, scalatore, magista e membro della società di occultismo conosciuta come Ordine Ermetico della Golden Dawn.

Nel 1904, durante un viaggio in Egitto con sua moglie Rose, Crowley fu coinvolto in una serie inestricabile di eventi per i quali egli affermò di essere l’annunciatore ed il profeta di un nuovo eone di evoluzione umana. Tali esperienze culminarono nel mese di Aprile del 1904, quando Crowley, in stato di trance, scrisse sotto dettatura di Aiwass, suo Santo Angelo-Demone Custode, i tre capitoli di 220 versi che costituirono quello che fu poi chiamato Liber AL vel Legis.

All’interno del sacro testo si dichiarava che “La Parola della Legge è Thelema” e “Fa ciò che vuoi, e sarà tutta la Legge”.

Crowley trascorse il resto della sua vita per sviluppare la filosofia di Thelema come rivelata dal Libro della Legge. Il risultato fu una voluminosa produzione di commentari e lavori relazionati alla Magia, al Misticismo, allo Yoga, alla Qabalah e ad altri soggetti occulti. Virtualmente tutti questi scritti portano l’influenza di Thelema come interpretata e compresa da Crowley nella sua capacità, come profeta del Nuovo Eone.

Ogni capitolo del Libro della Legge è espressione di una particolare divinità.

Il Capitolo Uno è l’espressione di Nuit, in alcuni aspetti simboleggiata dalla dea Iside, il supremo archetipo della divinità femminile, essa rappresenta lo spazio infinito, la Coscienza assoluta e viene rappresentata con il simbolo del cerchio. E’ collegato inoltre all’Eone di Iside, tempo dei culti e delle civiltà matriarcali.

Il Capitolo Due è l’espressione di Hadit, che rappresenta macrocosmicamente il nucleo di ogni stella e microcosmicamente il centro di ogni uomo e di ogni donna. E’ simboleggiato dal punto infinitamente piccolo eppure onnipresente. E’ collegato all’Eone di Osiride, archetipo del dio ucciso, tempo in cui furono stabilite le religioni autoritarie e patriarcali.

Il Capitolo Tre esprime l’unione appassionata di Nuit ed Hadit, Ra-Hoor-Khuit, il figlio Horus, simboleggiato dal punto dentro il cerchio, segno caratteristico del Sole di Tipereth, della Coscienza pienamente manifesta. E’ collegato all’alba di un nuovo eone, l’Eone di Horus. E’ in questo nuovo eone che la filosofia di Thelema sarà pienamente rivelata all’umanità, e sarà stabilita come il paradigma primario per l’evoluzione spirituale delle specie viventi.

Gli essenziali elementi della filosofia di Thelema sono: “Ogni uomo e ogni donna è una stella”

Ogni individuo è unico ed il suo sentiero è all’interno di un universo spazioso in cui potersi muovere liberamente senza collisione.

“Fa ciò che vuoi, e sarà tutta la Legge”

La maggioranza dei Thelemiti sostiene che ogni persona possiede una Vera Volontà, una singola e globale motivazione per la propria esistenza. La Legge di Thelema comanda che ogni persona segua la propria Vera Volontà per ottenere in vita la liberazione dalle restrizioni della propria natura. Dal momento che due Vere Volontà non possono essere in reale conflitto (secondo il principio “Ogni uomo e ogni donna è una stella“) questa Legge proibisce di interferire con la Vera Volontà di qualsiasi altra persona.

La nozione di assoluta libertà individuale di seguire la propria Vera Volontà, sta molto a cuore ai Thelemiti. Questa filosofia riconosce anche che il principale fine di un individuo che percorre il sentiero di Thelema è dall’inizio scoprire la propria Vera Volontà, offrendo a questo fine importanti metodi di auto-esplorazione. Essendo la Vera Volontà differente per ciascun individuo ed essendo ogni persona in possesso di un punto di vista dell’universo assolutamente unico, nessuno può determinare la Vera Volontà di altre persone e ognuno deve arrivare a scoprire la Vera Volontà per sé stesso.

Amore è la Legge, Amore sotto la Volontà

L’essenziale natura della Legge di Thelema è quella dell’Amore. Ogni individuo si unisce con il proprio Vero Sé nell’Amore, e così potenziato, l’intero universo di esseri coscienti si unisce con ogni altro essere nell’Amore. Inevitabilmente, grazie all’enfasi sulla libertà e l’individualità inerente alla filosofia di Thelema, il credo di ogni Thelemita differisce da quello di ogni altro.  Nel Commento in appendice al Libro della Legge è stabilito che: “Tutte le questioni riguardanti la Legge devono essere decise solo appellandosi alle mie scritture, ognuna per sé.”La cosa importante è che ogni persona ha il diritto di realizzare sé stessa attraverso il credo e le azioni che preferisce (senza interferire con la volontà di altri), secondo il proprio personale diritto e qualificazione nel determinare quali esse devono essere. Amore è la Legge, Amore sotto la Volontà. Tratto da: http://www.arcadia93.org

Aleister Crowley e l’uso della Tavoletta Ouija di Sapah Zimii http://www.arcadia93.org/


Magick è il capolavoro di Crowley, l’opera fondamentale in cui questo grande mago dei nostri tempi ha riversato tutte le sue cognizioni sulla magia riportando a nuova vita i principi dello Yoga e dell’Alchimia, assieme ai culti misterici orientali, dando così origine a un nuovo sistema di magia sessuale, la più potente mai praticata.

Magick

Da non perdere

I Tarocchi di Crowley – Il manuale per l’uso delle carte di Aleister Crowley e Lady Frieda Harris. In questo volume tutti questi aspetti vengono spiegati per ogni carta, ponedola inoltre in relazione con archetipi e simboli, numeri, Cabala, I : Ching, Rune, riti, musica, profumi, pietre preziose, pianeti, segni astrologici.

Inoltre, vengono fornite le chiavi interpretative di ciascuna carta, le modalità di interpretazione e, ben 8 sistemi di consultazione dei Tarocchi, per i più diversi problemi, da quelli personali a quelli posti da altri. Tarocchi sono un gioco di carte tramandato dall’antichità che, accanto al suo contenuto spirituale, ha sempre trovato largo uso come oracolo.

L’aspetto spirituale ha avuto un significato importante per coloro i quali, nelle scuole dei misteri e nei circoli segreti, studiavano le antiche tradizioni e i loro simboli, trovando in queste carte la struttura fondamentale dell’iniziazione.

L’origine delle carte non è nota; ma secondo alcuni lo stesso Ermete Trismegisto le ispirò ai saggi che le disegnarono, mentre secondo altri esse racchiudono, nei loro simboli, il libro della conoscenza dei sacerdoti dell’antico Egitto.

I Tarocchi così come sono conosciuti nella forma odierna, risalgono al 1600 circa e consistono in 78 carte divise in due gruppi: 22 carte definite Arcani Maggiori e 56 dette Arcani Minori, divise in quattro serie di “semi” o “colori” diversi.

Tra i mazzi di Tarocchi oggi più noti e diffusi vi sono quello di Oswald Wirth, famoso ermetista del secolo scorso, e quello di Arthur Waite, occultista della Golden Dawn, ma ne esistono anche numerosi altri.

Un posto di particolare rilievo occupano i Tarocchi di Aleister Crowley, mago e occultista inglese (1875-1947). Le carte da lui ideate, di grande significato esoterico e simbolico, pur ispirandosi ai Tarocchi tradizionali, sono il frutto di sue visioni personali. Disegnate, dietro sue istruzioni, dall’artista Lady Frieda Harris, vennero pubblicate sotto il nome di Libro di Toth.

I Tarocchi di Crowley si basano, tra l’altro, sul mondo della magia, dell’astrologia, dell’alchimia, della cabala, delle leggende e della mitologia dell’Antico Egitto.

I Tarocchi di Crowley
Il manuale per l’uso delle carte di Aleister Crowley e Lady Frieda Harris

Da non perdere

Ordina su Il Giardino dei Libri

I Tarocchi di Aleister Crowley – Il libro I misteri del libro di Thoth – Uno studio chiarificatore. Nel 1969 venne stampato per la prima volta il “Libro di Thoth”, un mazzo di tarocchi fatto dipingere dal magista e filosofo Aleister Crowley alla pittrice Frieda Harris, sua discepola. La grafica modernissima, quasi surrealista, ne decretò il successo immediato presso le giovani generazioni.

Ma il testo che doveva spiegare il senso delle 78 misteriose figure era di difficile comprensione interpretativa.

Questo volume, oggi edito in veste rinnovata a un decennio dalla sua prima pubblicazione,rappresenta il primo studio profondo e chiarificatore sul “Libro di Thoth”.

L’opera, redatta da uno storico delle tradizioni esoteriche e folcloriche, da un esoterista esponente della medesima Scuola magica di Crowley e da un abile manipolatore d’interpretazioni oracolari, si apre con una circostanziata biografia di Crowley e prosegue con una dettagliata analisi ermetico-kabbalistica di ogni arcano maggiore del mazzo. Una serie d’indicazioni a sfondo magico e divinatorio per l’utilizzto operativo degli arcani la completano.

Il “Libro di Thoth” ci viene così esplicato come un mezzo per dominare la realtà, uno strumento per esplorare l’avvenire e un gioco che aiuta a scoprire le potenzialità inespresse di chiunque abbia il piacere e la dedizione di consultarlo.

I Tarocchi di Aleister Crowley - Il libro
I misteri del libro di Thoth – Uno studio chiarificatore

Voto medio su 3 recensioni: Buono

Ordina su Il Giardino dei Libri

O.T.O. Formule Magiche. Le formule operative dell’Ordo Templis Orientis di Aleister Crowley: come interpretarle usarle e crearne di nuove. Concretamente parlando i simboli esoterici dell’O.T.O. , tradizionali o rinnovati, sono come i mattoni e la calce per gli edifici, sono formule magiche operative che ci permettono di possedere e manipolare la ricetta scritta “dell’intero processo.

O.T.O. Formule Magiche
Le formule operative dell’Ordo Templis Orientis di Aleister Crowley: come interpretarle usarle e crearne di nuove

Sufficiente

Ordina su Il Giardino dei Libri

Articolo correlato… Aleister Crowley la Bestia 666. L’unica e introvabile biografia definitiva di Aleister Crowley scritta dal suo esecutore letterario…

L’uomo 666. La grande ignoranza per secoli ha condannato questa cifra 666, denigrandola a tal punto che viene usata addirittura come supporto magico per condurre Messe nere o per segnalare nefandezze più brutali. E non solo, ma lo stesso Satana viene evocato con questo numero come se si trattasse di un numero telefonico. Non vi siete mai domandato se tutto ciò non sia soltanto una madornale montatura ? Se non l’avete mai fatto siete degli ingenui o semplicemente dei creduloni. … leggi questo articolo »

Lascia il tuo commento:
Precedente Puoi! Creare il tuo Futuro Successivo Le Costellazioni Familiari