Esercizio vivere nell’adesso

Esercizio vivere nell’adesso. Vivere nell’Adesso, nel momento presente sembra una cosa ovvia ma in realtà non è così semplice come sembra.

Ed è invece realmente importante, perchè la nostra vita è qui, ora, nel presente, non nel futuro o nel passato.“La vita è quella cosa che ci capita addosso quando siamo impegnati a fare altre cose”.

Mi permetto allora di dare qualche suggerimento in merito, si tratta di un semplice esercizio da mettere in pratica quando e come si preferisce. E’ semplice e potente, chiunque può farlo senza alcun impegno, aiuta veramente a rimettere l’attenzione su quello che siamo qui ora ed adesso, ci aiuta insomma a riscoprire la vita proprio nel momento in cui stiamo vivendo.

Esercizio: Dai un nome alle cose

Questo esercizio è molto semplice . Può essere fatto ovunque e in qualsiasi occasione.

Con calma e tranquillità, decidi di fare l’esercizio e fermati, smetti di fare quello che stavi facendo.

Respira profondandamente e guardati attorno.

Guarda le cose per quello che sono e come si presentano.

Guarda ogni singola cosa, ogni oggetto, pianta, animale, persona, immagine, insomma qualsiasi cosa ti capiti di vedere e dalle un nome.

Non fermarti su questa cosa o quell’altra.

Se ti viene in mente qualcosa di importante, di’ a te stesso che ci tornerai dopo, passa alla prossima cosa che vedi e dalle un nome.

Continua così per un paio di minuti o anche più e poi ritorna a fare quello che stavi facendo prima.

Probabilmente noterai che la tua mente è più fresca e presente.

Che cosa è successo?

Semplicemente, hai ripreso contatto con l’universo attorno a te, mettendo l’attenzione sull’ambiente sul quale non avevi.

Questo esercizio ti porta a percepire la realtà per quello che è senza passare per i filtri della mente.

Quando ti fermi e guardi attorno a te in genere la mente può fare due cose: continuare a pensare a quello che stavi facendo (e quindi in realtà non ti sei fermato e la tua attenzione continua ad essere sulla tua attività) oppure rovesciarti addosso una serie di pensieri dei più svariati tipi e sui più svariati argomenti che ugualmente ti distraggono dalla percezione corretta della realtà.

Dare un nome alle cose significa concentrarsi sul singolo oggetto che fa parte della realtà esterna e in qualche modo far star zitta la tua mente e il suo incessante chiacchierare.

Non è una cosa da poco.

Questo esercizio infatti, se praticato regolarmente e con costanza, può diventare una forma di meditazione alquanto potente.

“…E’ la nostra mente a causare i nostri problemi, non le altre persone, non “il mondo esterno”.

E’ la nostra mente, con il suo flusso di pensieri pressoché costante, che pensa al passato e si preoccupa del futuro.

Noi commettiamo il grave errore di identificarci con la nostra mente, pensando che questa sia la nostra identità, mentre in realtà noi siamo esseri ben più grandi.

Se sei in grado di essere totalmente presente, facendo ogni passo nell’Adesso, se sei capace di sentire la realtà di cose tali come “il corpo interiore”, l’”arrendersi”, il “perdono” ed il “non manifestato”, allora ti aprirai all’esperienza di trasformare il potere di Adesso.

(dalla presentazione del libro Il Potere di Adesso)

Per approfondire leggi questi articoli…

Eckhart Tolle – Come si entra nel momento presente Quando vi abbandonate a ciò che esiste e così diventate pienamente presenti, il passato smette di avere ogni potere. Non vi serve più. La chiave è la presenza. La chiave è l’Adesso.

Eckhart Tolle – Praticare la presenza – consigli per raggiungere lo stato di non pensiero e la pace interiore.

Voi non siete la vostra mente – Che cosa intendi esattamente per «osservare colui che pensa»?

Lascia il tuo commento:
Precedente Anima, Mente e Corpo: i sette chakra Successivo Come Conquistare uno Stronzo - Manuale per donne intelligenti.