Buddha – La vita e gli insegnamenti

Buddha – La vita e gli insegnamenti.

“L’insegnamento del Buddha è uno stile di vita, non un sistema di credenze. Ciò che ha trasmesso è estremamente scientifico, assolutamente empirico, molto pratico. Egli non è un filosofo, né un metafisico. È un uomo molto concreto, che afferma: «Puoi cambiare la tua vita, le credenze non sono necessarie».

Anzi, qualsiasi credo è un ostacolo al reale cambiamento. Inizia libero da qualsiasi credo, senza alcuna metafisica, senza nessun dogma. Inizia assolutamente nudo e spoglio, libero da qualsiasi teologia, senza ideologie. Inizia vuoto! Quello è l’unico modo per conseguire la verità”. OSHO

Il Buddha è uno scienziato del mondo interiore. la meditazione è il suo contributo fondamentale per spostare la consapevolezza dal mondo esteriore a quello dentro di noi.

Osho è uno dei mistici del ventesimo secolo più famosi e più provocatori. La sua saggezza è leggendaria, come pure la sua abilità nel condurre il lettore a una comprensione dei concetti filosofici più complessi utilizzando l’umorismo e l’arte del cantastorie. In queste pagine Osho ci accompagna in un viaggio di comprensione che non può essere insegnato ma che può solo essere sperimentato.

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO – PAG 60 SEMI DI SALVEZZA A una donna, già vedova, morì il figlioletto al quale aveva dedicato la vita: il bambino era tutto per lei, era la sua unica speranza e non le restava altra ragione di vita. Quando il bambino morì, la donna giunse sull’orlo della pazzia: non permetteva che le venisse portato via per la cremazione, e continuava a stringerlo a sé con la speranza che ricominciasse a respirare. Era pronta a dare la propria vita in cambio di quella di lui.

La gente le diceva: «Questo non potrà mai accadere, va contro la legge di natura». Ma la donna era talmente disperata che non dava ascolto a nessuno. Alla fine a qualcuno venne l’idea di portarla da Gautama il Buddha, il quale, per caso, si trovava in quello stesso villaggio.

La donna acconsentì, sperava che un uomo come il Buddha potesse fare qualcosa: pensava che in fondo si trattava solo di un piccolo miracolo, niente di così difficile, bastava solo che il bambino ricominciasse a respirare. Andò dal Buddha singhiozzando e, posando il corpo del bambino ai suoi piedi gli disse: «Tu sei un grande Maestro, conosci i segreti della vita e della morte; ebbene, io sono venuta da te con la speranza che tu possa ridare la vita al mio bambino»

Il Buddha disse: «Lo farò, ma prima devi promettermi di fare una cosa». Lei rispose: «Sono pronta a fare qualunque cosa, persino a dare la mia vita, per far tornare a vivere il mio bambino».

Il Buddha le disse: «No, la cosa che devi fare è molto più semplice: va’ al villaggio e trova dei semi di senape in una casa che non sia mai stata visitata dalla morte».

La donna era proprio disperata, per cui andò di casa in casa, e tutti le dicevano: «Possiamo darti tutti i semi di senape che vuoi, ma non ti serviranno perché nella nostra famiglia sono morte molte persone… se consideriamo tutta la nostra stirpe, forse ne sono morte migliaia».

Quando giunse la sera, nella donna si era verificato un incredibile risveglio: aveva visitato tutte le famiglie del suo villaggio e da tutte aveva ricevuto la stessa risposta… erano tutti desiderosi di aiutarla, ma tutti le dicevano che i loro semi erano inutili, poiché il Buddha aveva detto chiaramente: «Trova i semi nella casa di una famiglia dove non sia mai morto nessuno».

Quella sera, quando tornò dal Buddha, era una donna completamente diversa, non era più la stessa che era andata da lui al mattino: era diventata profondamente consapevole che la morte è una realtà della vita, non può essere cambiata… non avrebbe senso.

Pensava: «Comunque mio figlio dovrebbe morire, anche se potesse vivere ancora qualche anno. Innanzitutto questo rinvio non è possibile e, in secondo luogo, se anche lo fosse, non avrebbe alcun senso».

Adesso non c’erano più lacrime nei suoi occhi, era del tutto tranquilla e serena. Aveva avuto una straordinaria comprensione: ciò che aveva chiesto era impossibile.

Abbandonato quel desiderio insensato, andò a sedersi ai piedi del Buddha, che le chiese: «Dove sono i semi di senape? Ho aspettato per tutto il giorno…».

La donna, anziché piangere, scoppiò a ridere, e gli disse: «Mi hai fatto un bello scherzo! Lascia perdere la morte del bambino, appartiene al passato; adesso sono qui per essere iniziata e diventare una sannyasin. Desidero trovare anch’io la verità immortale; non penso più al bambino né a qualcun altro: adesso il mio unico interesse è trovare la verità immortale, la verità che è la vita stessa».

Il Buddha le disse: «Perdonami se ti ho chiesto di fare qualcosa che sapevo impossibile; ma era il solo modo per riportarti alla ragione, e ha funzionato»

Buddha
La vita e gli insegnamenti

Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere

Ordina su Il Giardino dei Libri

Leggi questi articoli…


Articoli correlati…

Dhammapada Il libro più amato dal canone Buddhista – La via del Buddha. È cosa buona dominare la mente, inafferrabile, veloce, che vola. La mente domata porta felicità.

Siddhartha il Buddha – Il maestro dei maestri. Il maestro dei maestri. Sicuramente il più famoso tra i maestri spirituali dell’intero Oriente, Siddhartha Gautama nacque a Lumbini nel V secolo a.C. da una famiglia di stirpe reale. Un asceta profetò che sarebbe stato un grande mistico.

Crediti immagine Fresh Paint

Lascia il tuo commento:
Precedente Regala un libro - Una nuova IDEA REGALO Successivo Il Corpo Umano - Blu-ray Disc