1080 Om Namah Shivaya

1080 Om Namah Shivaya – OM Namah Shivaya e’ il mantra che rimuove tutti gli ostacoli e le sofferenze e da’ eterna beatitudine. Viene qui proposto nella versione Japa cioe’ ripetuto 1080 volte.

Marco Milone nasce nel 1968. Insegnante di discipline spirituali sia orientali che occidentali con esperienza ventennale. Di fede cristiana ha studiato con Padre Antony Elenjimittam, discepolo diretto del Mahatma Gandhi.

Iniziato alla Meditazione Vipassana dal Console Generale dell’India OM Prakas Pandeji, e’ stato iniziato nel 2003 alla Shaktipat ed al Kriya Yoga dallo Guru himalayano Yogiraj Satgurunath Siddhanath e nel 2005 autorizzato all’impartizione della Oneness Blessing™ Diksha in India presso la Oneness University dagli Avatar Sri Kalki Bhagavan e Sri Padmavathi Amma.

Spirito libero, ama meditare in India, nel Sacro Silenzio della grotta di Vasishtha o alle sorgenti del Gange, al sorgere del sole, ascoltando le voci dei Sadhu che recitano le loro preghiere. Marco Milone e’ uno dei primi Reiki Master italiani ed operatore P.M.T.

Trasmutazione Piramidale delle Memorie di Joel Ducatillon, musicista-compositore di CD best-sellers internazionali, ricordiamo “Karuna Reiki Vol.1 e 2″, “Reiki Master Meditation” e “Reiki Dimensions

1080 Om Namah Shivaya - CD Audio
Collezione meditazioni audio – Oltre il 2012
Ordina su Il Giardino dei Libri

Om Namah Shivaya – CD Meditazioni Guidate Vol. 6 – Colui che fa Japa con questo Mantra viene liberato dal ciclo di nascite e morti e ottiene l’eterna beatitudine. Questa è l’enfatica dichiarazione dei Veda.

Om Namah Shivaya e’ uno dei Mantra piu’ celebri e recitati, nonche’ il Mantra per eccellenza. Questa formula sacra sanscrita ha diversi significati; essa si appella a Dio e puo’ essere tradotta come “Signore, sia fatta la Tua Volonta‘”, oppure “Mi arrendo a Te, Dio”. E’ considerato uno dei mantra piu’ completi e potenti.

La sacra sillaba Om è il suono primordiale e viene usato come prefisso nella maggior parte dei Mantra per potenziarne gli effetti benefici. In sanscrito, namah significa letteralmente “arrendersi”, “abbandonarsi”; indica in senso lato l’atteggiamento di resa totale del devoto nei confronti della Divina Volontà.

Nell’articolato pantheon induista, Shiva e’ la terza Persona della Trimurti, il triplice aspetto del Divino: creazione, preservazione e dissoluzione, all’interno della quale si distingue per essere il distruttore del falso, dell’ignoranza, dell’ego, delle cattive tendenze.

Namah Shivaya è il mantra che rimuove tutti gli ostacoli e le sofferenze e da’ eterna beatitudine. Viene qui proposto nella versione Japa cioe’ ripetuto 108 volte.

“Om Namah Shivaya è il Maha Mantra più potente della bomba atomica, ripetetelo sempre e vi salvera’ dalla distruzione.” Shree Babaji

Om Namah Shivaya - CD
Meditazioni Guidate Vol. 6

Da non perdere

Ordina su Il Giardino dei Libri

Mantra Buon Mantra a tutti – Dedica pochi minuti alla lettura di questo Kharma. Sono semplici regole che dovremmo osservare nella vita e ripetere con cadenza costante per ottenere benefici. E’ necessario liberare la mente dai pensieri negativi che ostacolano il procedere della nostra esistenza e che inducono a vivere nella sofferenza. Bastano pochi gesti o pensieri positivi rituali per rigenerarsi ed essere in pace con il Mondo.  » continua a leggere


Articoli correlati…

Bliss Om Namah Shivaya – Da più di 20 anni il best seller di Robert Gass “Om Namah Shivaya” tocca profondamente il cuore di milioni di persone che hanno potuto apprezzare la sua capacità di creare una calma atmosfera rilassante.

Ganapati Upanishad – Sri Ganesha Stotramni – Il Libro della Fortuna Ganapati Upanishad e Sri Ganesha Stotram sono due antichi testi vedici che promettono di dissolvere gli ostacoli che si incontrano nel proprio cammino e di trasformare la sfortuna in fortuna.

Om Mani Padme Hum – Nel Tibet, Om Mani Padme Hum è il mantra più usato, recitato dai buddisti, inciso e dipinto nelle rocce e sulle ruote da preghiera, lo si vede ovunque. I Buddisti credono negli effetti benefici che si producono recitando il mantra, per alleviare il karma negativo, per accrescere e accumulare meriti, per sfuggire alle sofferenze e per consentire il raggiungimento dello stato di Illuminazione del Buddha.

Lascia il tuo commento:
Precedente DHAMMAPADA. Il libro più amato del canone Buddista Successivo Che cos'è la Meditazione