Sedurre l’Esistenza

Sedurre l’Esistenza.

Un percorso di vita e di scoperta.

Sedurre l’esistenza per me significa ammaliarla, attrarla a sé, indirizzarla con la nostra volontà verso ciò che auspichiamo, affinché nulla resti intentato e la festa abbia inizio.”

Ancora una volta Armando Jivan Sahi ci prende per mano, conducendoci dove è già stato.

Attraverso episodi del suo personale vissuto e acute riflessioni sulle tematiche cardine dell’esistenza, ogni pagina guida il lettore attraverso il viaggio della vita con tutte le sue emozioni, le sue vette e le sue valli, infondendo coraggio e linfa vitale .

“Sedurre l’esistenza” intende mostrare come la realtà non sia qualcosa di fisso e immutabile ma un’esperienza in continuo divenire che può essere modellata attraverso le nostre scelte, le quali possono oscillare dall’ inconsapevolezza alla saggezza.

L’autore ci invita a incantare l’esistenza, a plasmare passo dopo passo il nostro destino attraverso tecniche e prospettive mentali che bypassano il sentire comune, le quali, se adottate e praticate, condurranno il lettore a una rivitalizzante riconsiderazione dei propri valori e all’ attuazione di scelte consapevoli che andranno a forgiare una diversa e auspicata realtà.

Lontano da concetti assolutistici che pretendono di ridurre il mistero dell’esistenza a formule matematiche, l’opera è un potente tramite alla propria evoluzione e trasformazione personale.

LEGGI ESTRATTO dal libro Sedurre l’esistenza di Armando Jivan Sahi

Non è tutto oro quel che luccica: Le derive della New Age e della Legge dell’attrazione.

È con amarezza che lo dico: il movimento spirituale contemporaneo che sorse dalla New Age ha parzialmente fallito. Esso ha risvegliato molte coscienze ma non è riuscito ad arginare in alcun modo la distruzione del pianeta e la riduzione in schiavitù operata dal sistema politico finanziario globale. Frasi tanto in voga come “il mondo è perfetto”, “il mondo non esiste ed è un’illusione” hanno condotto molte persone ad una modalità individualistica e privatistica di vivere, in cui l’impegno nel sociale è del tutto assente. Il mondo è ben lontano dall’essere perfetto, esso è semplicemente come può essere, ma è un campionario di orrori e sopraffazioni. Tiziano Terzani disse che la terra ha bisogno di ribelli spirituali, ed io concordo appieno, e James Hillman si adoperò tutta la vita per trasformare lo studio dell’analista in una cellula di vera rivoluzione delle coscienze.

Dalle ceneri della New Age è nato il filone della legge dell’attrazione il quale, oltre ai meriti ha seminato svariate storture ed equivoci, alcune assai pericolose a mio modo di vedere.

Ad esempio il concetto secondo cui l’essere contro qualcosa andrà a rafforzare la cosa a cui ci si oppone. In ‘The Secret’ e in buona parte dei libri della stessa corrente usciti sulla sua scia, a sostegno della tesi viene citata una frase di Madre Teresa di Calcutta: “Non andrei ad una manifestazione contro la guerra ma ad una a favore della pace sì”.

Non so se la suindicata abbia pronunciato tale affermazione, ma non è questo il punto: un tale assunto, dato in pasto alle masse con una presentazione così superficiale e fuorviante, procura soltanto danni e contribuisce a lasciare le cose così come stanno, favorendo il potere economico perverso che governa le sorti dell’intero pianeta.

Scopri ↣ Ho-Oponopono Occidentale SCUSA, GRAZIE, TI AMO ❤
SCOPRI I NOSTRI OROLOGI PER PREZZO

Vorrei ricordare a tutti come certe leggi aberranti che alcuni governi europei hanno tentato di far passare, sono state poi ritirate proprio perché in alcune nazioni che hanno ancora un senso di coesione, identità e spirito battagliero, come la Francia ad esempio, sono avvenute lotte feroci, manifestazioni di piazza contro tali progetti, che avrebbero tolto importantissimi diritti ai lavoratori; invece in un paese di rammolliti come l’Italia, ove la maggioranza della gente parla solo di tv e non legge, tali riforme sono legge già da molti anni senza che nessuno abbia aperto bocca. Anche nel 2016 la Francia è riuscita a bloccare il criminale “Job Act” grazie a scontri feroci e un’opposizione dura e compatta che si è protratta per oltre un mese, costringendo il presidente della repubblica Hollande a ritirare il progetto, il quale è già operativo nel nostro paese da almeno tre anni senza aver scatenato alcuna sollevazione popolare.

Mi sembra doveroso ricordare che i diritti delle donne, delle persone di colore, degli omosessuali e dei transessuali, sono stati ottenuti perché qualcuno è sceso in piazza a protestare, pagando anche con la propria vita. Quindi, prima di aderire a slogan semplicistici, riflettiamo.

Anch’io credo che l’essere contro una specifica persona equivalga a dargli energia, ma non è la stessa cosa dell’essere contro una causa, ovvero scendere in campo e opporsi a una legge discriminatoria, alla decisione di un paese di entrare in guerra e invaderne un altro, di approvare la pena di morte! In Italia lo si è visto con molta chiarezza nell’ultimo quarto di secolo, in cui Berlusconi, odiato da metà dei connazionali e amato alla follia dagli altri, di fatto ha continuato a mantenere il suo potere ed è tutt’ora vivo e scalciante.

Trovo assolutamente controproducente e antispirituale mettersi contro qualcuno e dargli la nostra attenzione, ovvero energia, mentre è di fondamentale importanza scendere in piazza e protestare contro un disegno di legge proposto dalla medesima persona, se questo andrà a minare i valori in cui noi crediamo. Sono due cose ben diverse!

Ma tanti adepti del Sentiero proprio non hanno capito la differenza e credono che il mondo cambi soltanto stando chiusi in casa a fare meditazione! E’ ora che qualcuno cominci a prendere posizione in merito alle derive del movimento spirituale/olistico contemporaneo. In esso sono presenti anche rischi assai concreti.

Conosco individui che non hanno mai compiuto un serio percorso di trasformazione, i quali con uno schioccar di dita si sono improvvisati come sciamani, operatori energetici e consulenti solo perché hanno partecipato a un workshop di due giorni! Suvvia, non scherziamo, dare consulenze è un compito delicatissimo e di grande responsabilità, e compiere rituali in cui si viene a contatto con energie ed entità potentissime, è assai pericoloso se non si è davvero esperti, perché tutto va poi gestito.

La vita è comunque un enigma inesplicabile e le conseguenze dei nostri atti potrebbero essere ardue da sostenere anche se ci si affida a qualcuno di famoso, perché esiste il fare il passo più lungo della gamba, anche se nel Sentiero tanti dicono che puoi vedere solo ciò per cui sei pronto e che sapresti sostenere.

Oh sì, è una bellissima frase, ma assolutistica, quindi non posso accollarmela. Conosco una persona che dopo aver partecipato a un seminario sull’albero genealogico, ha poi eseguito alla lettera i rituali suggeriti dall’insegnante, recandosi al cimitero sulla tomba di avi e genitori per compiere certi atti simbolici, i quali hanno smosso un mondo sommerso di energie, al punto che per un anno lei è stata malissimo e ha creduto di impazzire.

Ora sta meglio, ma certo se avesse la possibilità di tornare indietro non ripeterebbe l’esperienza! Lei non ha però accusato l’insegnante, assai professionale e bellissima persona a suo dire, semplicemente la vita è un mistero quindi non esistono certezze in nessun ambito. Ad esempio riguardo i traumi avrei tanto da dire, ma mi limito ad una sola constatazione: una volta che essi si riattivano attraverso pratiche potenti che vanno a scavare nell’inconscio, scatta un clic, si parte per una direzione sconosciuta, e non possiamo avere certezze in merito a cosa accadrà.

Ho visto persone rinascere e riappropriarsi della vita, e ho conosciuto individui che in seguito alla sperimentazione di certe tecniche hanno sofferto in modo indicibile. Io stesso ho molto da raccontare in merito, e lo sto facendo nel mio prossimo e quarto libro, quasi ultimato. Tornando ai professionisti fai da te, io non intendo essere sprezzante, probabilmente fra questi operatori non ci sono soltanto individui interessati unicamente a lucrare, ma anche persone sincere che ci credono veramente, tuttavia sussiste in essi una distorsione percettiva sulle proprie effettive possibilità, dovuta al delirio di onnipotenza innescato da certi libri e seminari, i quali ti fanno credere che sei dio in terra ed ogni cosa è possibile.

Al riguardo ho sentito diversi operatori olistici replicare così: “Le persone che danno consulenze senza avere le necessarie competenze per quel ruolo, comunque per legge di attrazione attireranno coloro che vibrano sulla stessa frequenza e che hanno bisogno di passare da quel tipo di esperienza”. Questa risposta non prende posizione e aderisce a un concetto tanto in voga, ovvero che tutto è perfetto così come è ed il mondo è perfetto.

Eh no miei cari, la società per poter cambiare deve interrogarsi anche sulle cause, è troppo facile e di comodo astenersi dal valutare in nome del “non giudicare. Avere un’opinione non significa giudicare, e fra le derive della New Age c’è anche la tendenza di tanti ricercatori all’aderire a un facile silenzio.

Tratto dal libro Sedurre l’esistenza di Armando Jivan Sahi

Sedurre l'Esistenza

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

  • L’indicibile di me Stesso –  Memorie in corso d’opera del signor nessuno – Spogliandosi di ogni timore e offrendo la propria essenza, l’autore vi trasporterà in un misterioso viaggio nel suo universo interiore, un lancio alla scoperta di se stesso in cui il protagonista si avvale dell’aiuto di terapeuti psico-spirituali e Illuminati senza alcuna appartenenza religiosa.
Facebook Comments
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie! SOSTIENI TU SEI LUCE!

I commenti sono chiusi.