Il potere della preghiera

Il potere della preghiera

Sappiamo realmente pregare? Riusciamo ad ottenere ciò a cui teniamo tramite la preghiera?

Pregare è qualcosa che molti hanno appreso sin da piccoli e in maniera diversa a seconda  della religione di appartenenza. Ognuno di noi acquisisce, col passare del tempo, un personale modo di pregare in base al proprio sentire ma, spesso, il semplice pregare non ci permette di ottenere ciò che chiediamo quando preghiamo.

Vedremo adesso il motivo per cui ciò accade.

Se è vero che pregare è abitudine comune, raramente però si prega con consapevolezza; molte volte lo si fa in modo automatico, come quando ci si rade o si va a fare la spesa. Pochi comprendono in realtà la funzione e l’importanza che la preghiera può rivestire all’interno della vita di una persona e come spesso possa cambiargliela in meglio, se riuscirà, attraverso di essa, ad entrare in connessione con il Tutto.

(Immagine presa dal web)

I nostri genitori, insegnanti e precettori, sin dall’età scolare, ci hanno insegnato a pregare nel modo in cui loro stessi usavano fare ma nessuno mai, ne loro ne noi, si è chiesto quale fosse il potere e il significato racchiuso nella preghiera e nelle sue parole. Pregare è, secondo me, un gesto di grande consapevolezza che va fatto in maniera cosciente, riservandosi degli spazi nel corso della giornata, allo scopo di potersi concentrare meglio e riuscire a comunicare in maniera diretta con Dio.

preghiera-3

Ora, a prescindere dal tipo di preghiera che si deciderà di recitare, imparata a scuola o improvvisata allo scopo di chiedere il cambiamento di una situazione che non va nella nostra vita, occorre metterci l’intenzione, capendo che, dal momento in cui si inizia a pregare, ci si mette in contatto con Dio, e si realizza l’Unità col suo Spirito, perché noi siamo parte di Lui e, attraverso la preghiera, abbiamo la possibilità di poterci comunicare e chiedere il Suo aiuto.

Affinché possa realizzarsi nella nostra vita ciò che avremo richiesto attraverso la preghiera, occorrerà innanzitutto la Fede. Bisogna infatti credere in un’esistenza superiore che potrà essere Dio per i cattolici, Allah per i musulmani, la Matrix Divina per i fisici quantistici ma il risultato sarà sempre uguale, a patto che si preghi col cuore, eliminando la mente. Infatti, solo eliminando la mente coi suoi schemi sarà possibile pregare col cuore e mettersi, di conseguenza, in connessione con Dio.

E’ attraverso il linguaggio del cuore che Dio ascolta le nostre preghiere, ciò a prescindere dalla bellezza delle parole pronunciate. In questo caso, infatti, occorrerà solo essere connessi; la forma espressiva verbale sarà di secondaria importanza. Si sarà sicuri di essere connessi con Dio quando si inizierà a pregare con il cuore. Qualora si continuasse, invece, a pregare solo con la mente si correrà il rischio di non vedere realizzate le proprie richieste in quanto si rimarrà, così facendo, radicati nelle proprie paure.

E’ solo dopo aver aperto il cuore, quindi, che si avrà l’opportunità di poter comunicare con Dio. Da quel momento, il nostro cuore diventerà come un’antenna che trasmetterà le nostre preghiere alla Fonte e ne riceverà sempre risposta. Impariamo quindi a vedere nella preghiera una forma di unione col Tutto, un po’ come avviene con la meditazione, ma con una differenza sostanziale: se, per un verso, sia la meditazione che la preghiera vengono fatte col cuore e hanno come scopo di annullare la mente, la meditazione avviene in maniera silenziosa, guardando al nostro interno, a volte pronunciando dei mantra, mentre, invece, con la preghiera si pronunciano determinate parole allo scopo di connettersi con Dio, rimanendo peraltro in uno stato vigile.

Tipico esempio di preghiera dagli effetti prodigiosi è quella recitata dagli indiani d’America quando danzano per la pioggia o chiedono un raccolto ricco. In quel momento chi prega diventa un tutt’uno con la divinità pregata ma non solo; mentre prega, immagina già ciò che ha richiesto come realizzato, vivendo da quel momento in poi con quel sentimento di appagamento nel cuore, che, oltre a cambiare il suo stato d’animo, farà avvenire il miracolo richiesto alla divinità stessa.

 Scopri Ho-Oponopono Occidentale
Offerte di oggi, Offerte lampo e Offerte in vetrina Scopri

In poche parole, tutto avviene, oltre che per la preghiera, ovviamente anche per la Fede che si ha nel formulare la preghiera stessa, perché, se davvero si vuole una determinata cosa e la si chiede attraverso la preghiera, bisogna porsi con Fede nei confronti di Dio affinché ce la conceda, aspettando poi, dopo aver pregato, che si realizzi nella nostra vita. Essa non tarderà a verificarsi, realizzando sempre le richieste fatte con il cuore.

Quando, invece, non si riesce a sgombrare la mente coi suoi schemi, per quanto si possa pregare col massimo fervore religioso, in questo caso il miracolo non avverrà perché non si sarà riusciti ad aprire i nostri cuori a Dio. Infatti, solo aprendo i nostri cuori a Dio, durante quel momento di unità con l’assoluto che è la preghiera, avremo la possibilità di potere comunicare direttamente con Lui ed ottenere quanto chiederemo.

Sostituiamo alla mente il cuore e alla paura la fede e, a prescindere dalle parole utilizzate nelle nostre preghiere, potremo fare accadere i miracoli nella nostra vita, facendo nascere fiori perfino laddove pensavamo potessero esistere solo rovi. Infatti le parole possono avere degli effetti che la maggior parte delle persone non conosce perché è talmente abituata a pronunciarle che ha perso ormai l’essenza del loro significato.

Chi volesse approfondire queste come altre tematiche, vi consigliamo il libro L’arte della Consapevolezza di Vincenzo Bilotta e Metamorfosi Spirituale.

 

ALTRI TESTI SULL’ARGOMENTO

     

La preghiera ha anche il potere di modificare l’acqua delle nostre cellule. Questo lo si deduce dagli esperimenti condotti dallo scienziato giapponese Masaru Emoto, il quale ha fotografato dei cristalli di acqua congelati dopo che erano state recitate delle preghiere da persone appartenenti a differenti culti religiosi. Il risultato, a prescindere dalla preghiera recitata o dalla religione di appartenenza, è stato la formazione, da parte dell’acqua, di cristalli di rara bellezza.

Quindi un motivo in più per pregare, facendolo in modo corretto in quanto, il solo pronunciare le parole contenute nella preghiera che si reciterà, darà ad ognuno di noi la possibilità di migliorare il proprio stato di salute, entrando in risonanza con esse a livello cellulare. Questo sarà il primo miracolo che avverrà ancor prima di essersi connessi con Dio e di ottenere da Lui risposta alle nostre richieste!  Articolo tratto dal Blog Personale dell’autore: Vincenzo Bilotta

Masaru Emoto: il potere delle parole – Una delle ultime interviste rilasciate in Italia da Masaru Emoto, il grande ricercatore giapponese, scomparso due anni fa e noto in tutto il mondo per i suoi studi sulla memoria e la coscienza dell’acqua. Ecco il suo pensiero sulla creazione, sull’amore, sulla gratitudine, sulla comunicazione con Dio e sulla pace del mondo che verrà.

(Immagine presa dal web)

Masaru Emoto: il potere delle parole

PER APPROFONDIRE

  • Esperimenti sugli effetti della preghiera – Il premio Nobel Prof. Med. Alexis Carrel ha denominato la preghiera come la più potente forma di energia… Un ricercatore di fama, lo scienziato americano Dr. N.J. Stowel, ha misurato l’effetto della preghiera. Egli racconta: “Ero un cinico, un ateo e credevo che Dio fosse solo un’immaginazione della mente umana. Un giorno…. >> continua a leggere
  • La fisica della preghiera – Le recenti scoperte della fisica quantistica rendono ragione di quanto professato dalle dottrine spirituali da migliaia di anni: esiste un Principio Primo dal quale tutto ha origine, si chiami Dio o Campo Quantistico. Quando preghiamo, cosa facciamo realmente? Per rispondere, dobbiamo innanzitutto fare un po’ di chiarezza su cosa sia la preghiera e su chi – o cosa – pregare. Recitare meccanicamente il Padre Nostro o l’Ave Maria, anche cento volte, anche mettendoci in ginocchio e con le mani giunte, mentre però pensiamo a cosa faremo appena finito, non è preghiera. Riusciamo invece a stare concentrati? Bene. «Dio, dammi» non è preghiera. «Dio, fammi» non è preghiera. «Se mi darai… prometto che…» tanto meno è preghiera. Chiedere non è sbagliato, anzi … >> continua a leggere
  • Preghiera – Dio… Insegnami a piangere davanti agli sconosciuti. Insegnami a piangere quando mi viene voglia di farlo. A piangere di dolore, di gioia, di ispirazione. Soprattutto di ispirazione. Che l’acqua scorra senza inondarmi. Insegnami a sopportare il dolore. Grande, piccolo, qualsiasi. Voglio attraversarlo e lasciarlo andare…. >> continua a leggere

Crediti immagine Fresh Paint

Lascia il tuo commento:
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.