Plotone di Tassazione

Plotone di Tassazione – Cosa è bene sapere per difendersi dalle Tasse

Plotone di Tassazione

L’argomento tasse è complesso e ha molte diverse sfaccettature.

Troppo spesso lo si strumentalizza per dividere le persone in vere e proprie tifoserie, utili a un partito piuttosto che all’altro, ma soprattutto efficaci per un sistema che vuole continuare a fare i propri comodi.

Posto che sarebbe comunque ipotizzabile (e realizzabile) un ordinamento nazionale e internazionale dove gli Stati non fossero preda dell’indebitamento forsennato e non avessero bisogno delle tasse, se non come strumento tecnico per arginare un’eventuale spinta inflazionistica, mi limito a ragionare, in queste conclusioni, sulla base delle attuali strutture che regolano il contratto sociale fra individui e Paese.

L’idea generale che norma la nostra società è la capacità contributiva di ciascuno alle spese dello Stato. 

Come ribadito da Leonardo Facco,”La democrazia è la scusa più ricorrente utilizzata dai sostenitori della tassazione. La maggioranza dei cittadini ritiene la tassazione legittima, e tanto basta: chi non ci sta, che emigri”. Ma come si è visto, le forzature e gli artifici messi in campo per il prelievo fiscale sono molto più consoni a un regime che può definirsi in molti modi, eccetto che democratico.

Per chiarire meglio, io sono assolutamente convinta che, mentre le persone più libere e informate lavorano alla costruzione di una società democratica e proprietaria della moneta, sarebbe cosa buona e giusta pagare tutti per pagare meno, pagare tutti per avere migliori servizi, pagare tutti per godere dei conseguenti vantaggi messi a disposizione dallo Stato.

Ho sempre detestato i furbi e gli approfittatori, quindi figuriamoci cosa posso pensare di chi alloggia denaro e attività in modo illecito o nascosto.

Ma chi liquida tutto il ragionamento sul ritornello del facile e strumentale ‘parassitismo degli evasori’ oggi merita un pari giudizio stroncante.

Lo ammetto. Se lo Stato mi avesse messo in condizioni di avere la capacità contributiva, mi piacerebbe poter pagare le tasse che fossero impiegate nell’ambito dell’educazione, della sanità, della ricerca (solo ed esclusivamente indipendente, ovvero l’opposto di ciò che è oggi), del sostegno alle famiglie, all’impiego, o per ammortizzatori sociali. Sarei responsabilmente convinta della necessità di doverle pagare, se la loro incidenza fosse affrontabile o comunque sopportabile. Sarei serena, se al momento del prelievo (dalle buste paga, alla dichiarazione dei redditi, agli acquisti, ecc.), potessi contare su meccanismi trasparenti, su strumenti efficaci e su riscossori onesti e ‘umani’. Sarei felice di pagare le tasse, se il prelievo fiscale si basasse realmente su presupposti come la lealtà, l’equità, la fiducia, la giustizia.

Ma questa è l’isola (fiscale) che non c’è.

In Italia oggi il prelievo è assolutamente insostenibile, fra tassazione palese, occulta o addirittura doppia (come nelle bollette o sui carburanti). È talmente soffocante da spingere addirittura in diversi casi a dover accendere un mutuo (ammesso che venga concesso) per pagarle. È talmente straziante da arrivare a indurre al suicidio alcuni imprenditori.

In questo paese, oltretutto, i soli interessi su un debito pubblico (che non potrà mai essere estinto) divorano ben oltre la metà dell’intero gettito fiscale. Il resto, fra sprechi, acquisto di armamenti, esportazioni di democrazia (ma quale?!), opere inutili e dannose, si perde nei mille rivoli dell’inutilità.

Non a caso, i servizi pubblici e le infrastrutture, anziché migliorare, vista la continua escalation delle tasse, diminuiscono e peggiorano giorno dopo giorno. Servizi pubblici per cui paghiamo le tasse ma che, come per le accise sulla guerra coloniale in Etiopia, non ci sono più, perché ‘venduti’ in base alle decisioni della troika che ci ha convinti a ‘privatizzare’ o perché divenuti Società per Azioni a maggioranza pubblica (ma basate sulla logica del profitto e sul diritto privatistico).

Il risultato?
Prima si pagavano le tasse per garantire i servizi; ora si pagano le tasse per gli stessi o per minori servizi, più le tariffe richieste dai nuovi gestori privati.

In questa Italia così ‘democratica’, il popolo, anziché governare, subisce le decisioni e gli artifici di chi amministra, con armi sorde, pretestuose, fallaci e irrazionali, che arrivano a utilizzare persino tazzine di caffè, tovaglioli, bottiglie di acqua e casse da morto per imporci il taglieggio delle tasse.

Un conoscente, sapendo del lavoro di analisi che mi accingevo a svolgere per questo libro, mi aveva ironicamente suggerito la produzione di un testo intitolato “Tutto quello che c’è da sapere sulle tasse”, che sarebbe stato pieno di pagine bianche con una sola parola alla fine: paga!

Questa è la percezione del prelievo fiscale oggi: una ghigliottina che ci lascia senza fiato. Una corda che stringe il collo di chi non arriva a fine mese, di chi oggi sceglie di permettersi solo il pane, perché non ci sono i soldi per comprare la pasta. Un cappio che si stringe attorno alla gola di chi pure vorrebbe fare il proprio dovere, ma si dispera perché non ha i soldi per farlo, mentre le ricchezze di branchi di squali s’involano verso qualche paradiso fiscale.

Allora, è questo lo stato democratico che merita il nostro ‘sangue’?

In questo libro ho voluto lasciare, come Pollicino, qualche briciolina qua e là, perché ciascuno decida di compiere la sua battaglia e trovare una via d’uscita.

Ma se a cercare una soluzione fossimo in tanti, potremmo rivolgere il pensiero alla rivoluzione fiscale di Gandhi che dovrebbe pur averci insegnato qualcosa, a cominciare dalla forza di non arrendersi mai. Anteprima di “Plotone di Tassazione” libro di Monia Benini

Plotone di Tassazione – Cosa è bene sapere per difendersi dalle Tasse

Parlare di tasse è ormai come assistere a una partita di calcio con opposte tifoserie: se sei contro l’evasione, allora sei di sinistra; se sei per una riduzione delle tasse, allora sei di destra. In base alla ‘curva’ nella quale si prende posto, si troveranno canti, inni e slogan opposti: ‘parassiti’ contro ‘vessati’, ‘luridi evasori’ contro ‘tasse immonde’.

L’obiettivo di questo testo è analizzare le tasse, la loro morsa, l’impunità dei grandi evasori; dal sistema costituzionale che prevede il pagamento dei tributi sulla base della propria capacità contributiva, al pozzo di San Patrizio dei ‘prelievi forzosi’ nelle nostre tasche.

L’emergere di profonde ingiustizie e l’inefficacia delle tasse si palesano attraverso racconti, testimonianze e interviste che dimostrano quanto sia stretto il cappio attorno al collo dei contribuenti e come si sia ormai raggiunto un livello insostenibile per i cittadini e per le imprese italiane.

Plotone di Tassazione di Monia Benini

Ma questo libro vuole essere anche uno strumento utile per difendersi, per sopravvivere e per abbozzare – per i lettori che osano oltre ogni struttura pre-costituita – un sistema diverso, al di fuori degli schemi mentali e di potere oggi dominanti.

Plotone di Tassazione - Libro
Cosa è bene sapere per difendersi dalle Tasse
Ordina su Il Giardino dei Libri

Intervento di Monia Benini sulle tasse e il fisco

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ

  • Oltre l’Euro – Le ragioni della sovranità monetaria – Un libro che raccoglie le voci “scomode” che nessuno ci fa mai sentire! È possibile uscire dall’Euro?
  • Resistere a Equitalia – Con un manuale operativo per difendersi dalle ingiuste cartelle esattoriali (e non farsi pignorare case, auto e moto)
  • Manuale di Sopravvivenza del Debitore – Questo manuale descrive, in modo semplice e chiaro, il procedimento di riscossione mediante ruolo, evidenziando quali violazioni da parte dell’agente per la riscossione potrebbero comportare il venir meno del debito e gli strumenti di difesa (giudiziari ed amministrativi) di cui il cittadino dispone per difendersi dagli atti della riscossione che siano stati emanati in violazione della legge.
  • La Repubblica dei Mandarini – La lista di imprenditori che si sono uccisi perché ossessionati dalle cartelle di pagamento è lunga, da Nord a Sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *