Lezioni di Meraviglia

Lezioni di Meraviglia – Viaggi tra filosofia e immaginazione

“La filosofia non si pone prima della concretezza del mondo, ma dopo. Non rappresenta un modo per sfuggire alla realtà ma la via per affrontarne l’ultimo lembo possibile. La filosofia, cioè, non è per codardi ma per individui estremamente coraggiosi, pronti ad affrontare ciò che sembra inaffrontabile: l’apparente mancanza di senso dell’esistenza. La filosofia nasce dal θάυμα (thauma), cioè dal terrore, dallo scoramento, dall’apertura nei confronti dell’ignoto. Questa meraviglia estrema è il punto di partenza, il cominciamento del filosofare”.

Questo manuale narrativo aiuterà il lettore ad applicare nella vita di tutti i giorni le grandi scoperte della filosofia e recuperare il grande segreto dell’esistenza: l’arte di meravigliarsi.

Leggi in anteprima il capitolo 5 del libro “Lezioni di Meraviglia” di Maura Gancitano e Andrea Colamedici

Il magico potere della filosofia

La magia è, banalmente, l’arte di modificare la realtà.

Quindi piegare gli avvenimenti ai propri scopi, influenzare il destino, cambiare il corso degli eventi? Non proprio. Il mago è colui che innanzitutto osserva meticolosamente il reale per comprenderne la forma, il senso, le pieghe e le direzioni future. È un fan del mondo, ne è una groupie: il reale è il suo primo pensiero appena sveglio, l’ultimo prima di addormentarsi e il centro di ogni suo sogno.

E così, ossessionato dal funzionamento del mondo, si riscopre innamorato della vita: e se all’inizio intendeva modificare la realtà per raggiungere i propri obiettivi, a forza di osservare il mondo ha finito con l’innamorarsene. Questo “amore” genera una mappa del reale, l’insieme delle “abitudini” che l’amante riconosce all’amato: in che posizione dorme il mondo? Che cibi preferisce? E cosa sogna?

Così, sulla base della mappa dell’amore, sorge in lui un nuovo desiderio: modificare sé stesso in funzione della realtà.

Scopri ↣ Ho-Oponopono Occidentale SCUSA, GRAZIE, TI AMO ❤
SCOPRI I NOSTRI OROLOGI PER PREZZO

Attenzione: il mago non si adegua alla civiltà, alla società o, peggio, all’ideologia: il mago si dispone alla realtà, le si confà, perché comprende quanto possa essere egoisticamente soddisfacente offrirsi al mondo in maniera totalmente altruistica.

Ogni buon mago – quindi ogni buon filosofo – a un certo punto del proprio percorso si accorge che l’atto più utile che può compiere per sé consiste nel rendersi utile agli altri, nel rendersi strumento della realtà. Non c’è nulla che dia più soddisfazione a un ammiratore della realtà che aiutare la realtà a essere sé stessa.

Alcuni maghi hanno bisogno di prendersi in giro: devono raccontarsi la storia secondo la quale hanno imparato a “modificare la realtà attraverso la propria intenzione, facendola aderire ai propri desideri”. In altre parole, non riescono a capire che nessuno cambia la realtà più di quanto lo faccia chiunque altro: siamo tutti agenti del cambiamento.

È, piuttosto, una questione di qualità: il fantomatico cambiamento accade malgrado o attraverso te?

Spesso il mago si convince di dover indirizzare l’agire del mondo e si ritrova a faticare come un pazzo per fame di magia, salvo poi ritrovarsi ad aver servito inconsapevolmente uno scopo superiore che ha usato i suoi sforzi malgrado il suo intento. Il potere magico, quindi, consiste nella capacità di saper indirizzare la propria volontà in quella del mondo: se questo fosse un teatro, il mago, una volta riconosciute le battute del copione, non cercherebbe disperatamente di inventarsene di nuove e di sfuggire alla drammaturgia, ma giocherebbe a muoversi all’interno delle parole, a indovinare la più celata volontà dell’autore.

Il potere magico è il potere di agire creativamente nel mondo, contribuendo attivamente alla creazione.

E la filosofia è l’arte con cui è possibile conoscere, amare e sviluppare questo magico potere, riconoscendosi parte di quel lignaggio ideale che ha unito nei millenni tutti coloro che hanno saputo porre la ricerca della verità come propria stella polare. Anteprima capitolo 5 del libro Lezioni di Meraviglia

Lezioni di Meraviglia
Viaggi tra filosofia e immaginazione

Voto medio su 1 recensioni: Buono

Crediti immagine Fresh Paint

Facebook Comments
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

I commenti sono chiusi.