La Gestione dei Soldi

La Gestione dei Soldi

RICCHEZZA, ABBONDANZA, PROSPERITA’ “

Coltivo in me un senso di Pienezza, Serenità e Prosperità! Utilizzo la Ricchezza materiale ed economica sia per il mio Bene che per il Bene degli altri e del pianeta! Onoro me stesso/a ed ogni Essere Vivente!”

I soldi sono un tema con cui ciascuno di noi deve confrontarsi quotidianamente. Spesso, nel corso dei secoli, sono stati usati male, per fini di potere e manipolazione, ma grazie ad essi sono anche stati realizzati straordinari gesti umanitari ed opere grandiose. I soldi in sé sono neutri – è bene ricordarlo – sono solo uno strumento di scambio che ci semplifica la vita e il cui uso dipende solo dalle persone che li possiedono.

In un’ottica spirituale il denaro può essere visto uno come strumento di amore, in quanto la sua esistenza ci permette di sostenerci dedicandoci a ciò che amiamo fare e questo perché qualunque bene o servizio può essere convertito in denaro e con esso potrò procurarmi qualunque altro bene o servizio necessiti. In una società basata sul baratto, ad esempio, se io non procuro a colui che possiede i beni di cui ho bisogno ciò che esattamente gli serve – e non è detto che sia ciò che posso scambiare – non avrò tali beni e dovrò allora ingegnarmi a fare dei baratti intermedi, con inutile dispendio di tempo e di energia.

Pensare al denaro come veicolo di amore potrà cambiare radicalmente la tua vita!

Euro 1

Nella società odierna per sviluppare il nostro pieno potenziale è indispensabile l’utilizzo dei soldi e dei beni materiali: è una realtà incontestabile e ci offre una buona motivazione per migliorare il rapporto che abbiamo con il denaro. Possiamo pensare ai soldi con gratitudine, in quanto ci permettono di sviluppare i nostri talenti per metterli al servizio degli altri e della società.

“Qualunque cosa si possa dire a encomio della povertà, resta il fatto che non è possibile vivere una vita davvero completa o piena di successo se non si è ricchi. Nessun uomo può elevarsi fino alla massima altezza da lui raggiungibile in termini di talento o di sviluppo spirituale se non ha denaro in abbondanza, poiché per schiudere la propria anima e per sviluppare il proprio talento deve avere molte cose da usare, e non può possedere tali cose se non ha il denaro necessario per acquistarle.” “Un uomo si sviluppa nella mente, nell’anima e nel corpo facendo uso di cose, e la società è organizzata in modo tale che l’uomo deve avere denaro per poter entrare in possesso di tali cose; pertanto, la base di qualsiasi progresso per l’essere umano deve essere la scienza del diventare ricchi.” “L’obiettivo della vita in tutte le sue forme è l’evoluzione e ogni cosa vivente ha l’inalienabile diritto a tutta l’evoluzione che è in grado di raggiungere. Il diritto dell’uomo alla vita comporta il diritto di usare liberamente, senza limitazioni, tutte le cose che possono risultare necessarie al suo più pieno sviluppo mentale, spirituale e fisico; in altre parole, comporta il suo diritto a essere ricco!” Tratto da “La Scienza del Diventare Ricchi” di Wallace D. Wattles – Ed. Borsari

Sebbene ci siano persone arricchite in modo disonesto o persone ricche che sono avide ed egoiste, la ricchezza di cui si parla in questa dispensa è una RICCHEZZA SANA ED ETICA (Robert G. Allen direbbe ILLUMINATA); è in primis una ricchezza interiore e solo dopo esteriore, è un processo che ti porta a crescere, migliorarti e a condividere con gli altri i tuoi successi.

Per prima cosa tieni presente che è indispensabile avere un buon rapporto col denaro per poterne ottenere in abbondanza, i preconcetti negativi sul denaro e sulle persone che ne possiedono tanto ci aiutano solo a coltivare mancanza e povertà. Per sviluppare soldi e abbondanza c’è, quindi, da sintonizzarci sulla prosperità e lasciar andare il gusto di parlare male delle persone ricche. In una frase molto significativa tratta degli “Insegnamenti di Abraham” di Esther Hicks si legge:

“Non puoi ricevere vibrazionalmente qualcosa su cui non sei allineato. E così, benedici chi ha trovato l’abbondanza. E nella benedizione verso di loro e verso la loro abbondanza, anche tu troverai l’abbondanza. Ma nel tuo maledire la loro abbondanza, tu ti mantieni separato da essa. E’ una legge, è una legge potente”.

Molti schemi mentali negativi sui soldi e sulla ricchezza possono essere puliti tramite tecniche di defusione emozionale quali l’EFT (Emotional Freedom Tecniques). Nel caso tu sia consapevole di avere blocchi di questo tipo – e un po’ tutti li abbiamo – sarebbe importante prevedere alcuni cicli di pulizia emotiva ancora prima di lavorare in positivo sulla prosperità!

Un forte ostacolo al conseguimento e al sereno mantenimento della ricchezza è in primis la propria storia familiare. Sia per i problemi che possono esserci stati in casa sullo sfondo dei soldi, sia perché secondo Bert Hellinger, un figlio non può diventare più ricco dei propri genitori senza patire un senso di colpa. Tale senso di colpa può anche essere inconscio, ma in ogni caso lavora o per far perdere la ricchezza acquisita o per compensarla con della sofferenza in un altro ambito (spesso nel campo sentimentale).

La Gestione dei Soldi 1

Per sciogliere questo limite, l’ideale sarebbe fare una Costellazione Familiare ad hoc; la soluzione sistemica è dedicare ai propri genitori tutti i successi da noi conseguiti, soprattutto quando superano il livello da loro raggiunto (nel nostro caso un certo status economico, ma lo stesso concetto vale per il grado di felicità nella relazione, per il livello di istruzione o per qualunque altra cosa, inclusa la morte ad una certa età che noi potremmo aver oltrepassato).

La Gestione dei Soldi 2

Una cosa importante da sapere sui soldi è che, in ambito sociale, possono essere visti come un’energia nutritiva e di scambio (un po’ come il sangue nel nostro organismo) e come tale sottostanno alla seguente legge energetica: se c’è circolazione c’è vitalità, se c’è ristagno c’è malattia.

L’energia-denaro deve poter circolare in modo positivo e creativo. Questo non significa che non possiamo fare delle riserve mirate (vedremo, ad esempio, il concetto dei conti differenziati e del risparmio finalizzato alla libertà finanziaria), in quanto anche in Natura esistono laghi e riserve d’acqua che sostengono l’ecosistema in cui si trovano, ma solo che non dobbiamo accumularli per un accumulo fine a se stesso né dovremmo risparmiare dei soldi se la motivazione è la paura (anche perché chi risparmia per i momenti difficili, in realtà sta lavorando proprio per attrarre tali momenti!).

La Legge di Attrazione ci può tornare utilissima per convertire gli schemi negativi sui soldi e fecondare la nostra esistenza con nuove vibrazioni basate su Ricchezza, Abbondanza e Prosperità.  Per utilizzare al meglio il proprio potenziale mentale sono ottime le Visualizzazioni, le Immedesimazioni Emozionali in stati futuri che andiamo percepire come già presenti, le Affermazioni Positive e la Riformulazione di tutte le frasi negative o limitanti che ci accorgiamo di aver pronunciato… in più c’è un piccolo segreto che potenzia moltissimo l’efficacia dell’Attrazione e che consiste nel reimparare a giocare!

Rifletti su come potresti rapportarti al denaro in modo giocoso. Utilizzare il gioco, infatti, è uno dei mezzi più efficaci per sintonizzarci con la Linea di Vita per noi ideale, dove anche il nostro “Bambino Interiore” è gioioso e felice. Potresti, ad esempio, inventare dei giochi dove immagini di essere ricco, come organizzare delle serate con gli amici in cui vi raccontate a vicenda lo splendore della vostra vita da benestanti e di come siete finalmente felici e sereni.

Rhonda Byrne nel libro: “The Secret” (Ed. Macro) racconta che quando le arrivavano delle fatture faceva finta che fossero assegni e non le apriva fino a che la sensazione non fosse veramente forte in lei. A quel punto le apriva, faceva l’elenco di tutti gli importi, vi aggiungeva un ulteriore zero ed accanto ad ogni importo scriveva “Grazie!”.

Quando apriva le buste faceva salti di gioia dicendo: “Altro denaro per me! Grazie! Grazie!” In questo modo è riuscita ad uscire da una situazione aziendale fallimentare anche quando non aveva i soldi per pagare le fatture e a far tornare la prosperità nella sua vita. Alle persone più razionali può sembrare una cosa sciocca, in realtà non si tratta altro che di sfruttare, con intelligenza, una vera e propria tecnologia della mente.

Nei bambini esiste il “pensiero magico” (cioè l’idea che ciò che essi pensano possa realizzarsi) e lungi dall’essere uno stato psicologico da superare è una concezione da recuperare anche da adulti, inserita però in un contesto più maturo, razionale e scientifico. Noi sappiamo, infatti, che esistono delle leggi specifiche che governano la manifestazione o meno di ciò che pensiamo e che esiste una latenza nella manifestazione degli eventi: l’unione di pensieri ed emozioni è effettivamente un atto di creazione e possiamo sfruttare questo potenziale per attirare ricchezza e prosperità nella nostra vita, così come qualsiasi altra cosa di cui dovessimo aver bisogno. La gioia attrae ciò più amiamo e la paura attrae ciò che più temiamo!

“Il denaro è un’energia e se vuoi attirare quell’energia, dovrai stabilire con essa un legame vibrazionale. Pensare consciamente o inconsciamente che non attirerai mai denaro ti impedirà di sintonizzarti su quell’energia e rimarrai povero.” “La paura di qualcosa è un mezzo sicuro per attirare verso di sé ciò che si teme. L’energia della paura attira un’energia simile e così ciò che si teme diventa ciò di cui realmente si fa esperienza. La paura di rimanere senza soldi ci fa realmente rimanere senza soldi.” David Icke

Comincia da subito a pulire le paure connesse alla mancanza. Esercitati tutti i giorni a visualizzarti in uno stato di benessere economico e prosperità, ed invece di pensare che non puoi permetterti questo o quello, dì interiormente a te stessa/o: “Me lo posso permettere e me lo merito!” (oppure fatti la domanda potenziante: “Come posso permettermelo?”). Ricordati che l’abbondanza è uno stato naturale e legittimo che deriva dalla nostra Natura Divina, un diritto di nascita che appartiene a tutti!

PSICOLOGIA DELLA RICCHEZZA

Come probabilmente avrai già compreso le difficoltà economiche non hanno nulla a che fare con i soldi in sé, tutto dipende dai pensieri e dalle emozioni associate al denaro che creano una non disponibilità a ricevere o una facilità a perderlo. Come affermano Gary Douglas e Dain Heer nel loro libro omonimo: “I soldi non sono un problema, il Problema Sei Tu!”. Avere o meno una disponibilità economica è solo una questione interiore. Questo non significa che non ci sia nulla da fare o niente di nuovo da intraprendere; le azioni sono importanti – anzi, sono essenziali – ma se non sono supportate da un adeguato sistema di credenze interiore porteranno al fallimento.

Lo schema è semplice: chi pensa come un povero rimane povero, chi pensa come un ricco diventa ricco!

La Gestione dei Soldi 3

Sviluppa una mentalità da persona ricca e la ricchezza diventerà il tuo stato naturale!

Capisco che possa dare fastidio leggere un’affermazione così categorica su povertà e ricchezza, ma se lasci un attimo da parte qualsiasi giudizio basato sulle tue esperienze passate potrai renderti conto che ha una profonda base di verità. Di fatto esiste, dentro ciascuno di noi, quello che T. Harv Eker definisce “Indice Finanziario”, cioè l’insieme degli schemi inconsci tramite i quali ci rapportiamo ai soldi e alla ricchezza: se il tuo Indice finanziario è basso non importa quanto tu possa essere esperto e bravo in un campo, non farai mai i soldi, se il tuo indice finanziario è alto non solo potrai arricchirti, ma anche qualora dovessi perdere grossi somme sarai sempre in grado di recuperarle ed arricchirti nuovamente.

Dice Eker: “Tutto ciò che oggi sai su come si accumula e si gestisce il denaro l’hai imparato da qualcuno. Allo stesso modo, puoi imparare nuove abitudini e strategie più efficaci, per eliminare i debiti, aumentare i risparmi e investire con successo!”

T. Harv Eker 1

T. Harv Eker è un plurimilionario americano e una guida motivazionale, è l’autore di uno dei testi più famosi ed interessanti sulla psicologia della ricchezza e sulle attitudini da sviluppare per arrivare alla libertà finanziaria: “I Segreti della Mente Milionaria” (Ed. Gribaudi). Utilizzando gli stessi principi che adesso insegna a migliaia di persone nei suoi seminari, Eker è passato da nullatenente a milionario in soli due anni e mezzo! Ho incontrato Eker al “Millionaire Mind Intensive” a Rimini nell’aprile 2011 ed è stata davvero un’esperienza illuminante, tra le altre cose mi ha fatto comprendere come sviluppare il successo finanziario sia innanzitutto una questione di abitudine. Come esseri umani siamo per natura abitudinari, dobbiamo sradicare le cattive abitudini connesse alla povertà e sostituirle con nuove abitudini connesse alla ricchezza e va fatto con assiduità per almeno 90 giorni.

Molti persone si chiedono: “Come posso guadagnare più soldi?”. Ma riflettiamoci insieme un attimo… da dove arrivano i soldi? I soldi arrivano dalle persone. E perché mai una persona dovrebbe dare a te i suoi soldi? Pensaci un istante, datti una risposta e solo dopo continua la lettura… Ebbene, una persona ti darà i suoi soldi se tu gli offrirai delle soluzioni ai suoi problemi. I problemi degli individui, o le necessità se preferisci, sono molti e di natura estremamente varia: necessità di cibarsi, di vivere in una casa, di comprare cose utili, di comprare cose che le fanno divertire, necessità di intrattenimento, necessità di rilassarsi, necessità di stressarsi con emozioni forti, necessità di spiritualità, di ridere, di apprendere cose nuove, ecc… A questo punto chiediti: “Tu quali problema puoi o potresti risolvere?” – “Quale necessità sei o saresti in grado di soddisfare?”

Le persone ti pagano e ti pagheranno se apporterai dei benefici nella loro esistenza (beni, servizi). Se vuoi fare soldi dovresti non pensare ai soldi, ma pensare a come aiutare le persone! Il modo migliore per aiutare gli altri, di fatto, è seguire la propria missione, sviluppare i propri talenti. Quindi puoi cambiare alcuni schemi interiori ed iniziare a pensare così: “Faccio tanto soldi perché aiuto tante persone, e lo faccio attraverso le attività che amo di più e che mi riescono meglio!”. Provocatoriamente Eker afferma: “Se sei povero è perché sei un egoista, è perché aiuti poche persone!

E’ importante essere consapevoli che:

1) tutti possono diventare ricchi o comunque acquisire il benessere economico che gli corrisponde;

2) si può diventare ricchi in qualsiasi periodo storico, anche in una fase di grande crisi economica globale. Questo perché c’è differenza tra “economia generale” ed “economia personale”. In America, durante la Grande Crisi del 1929, ci sono state persone che sono diventate milionarie più che in qualsiasi altro periodo storico.

D’altronde per ogni flusso di soldi in uscita ce ne deve essere uno anche in entrata, tutto sta da che parte ci mettiamo noi e la differenza la fanno le nostre credenze e le nostre convinzioni su: autostima, denaro, ricchezza, successo. Il visibile nasce dall’invisibile, la prosperità dei rami e dei frutti di un albero (che si vedono) hanno origine nelle radici (che non si vedono); se vuoi cambiare i tuoi frutti devi cambiare le tue radici (convinzioni e credenze), non ci sono alternative! Prendere insegnamenti da persone già ricche e di successo secondo me è segno di intelligenza, e se qualche suggerimento proprio non ti piace… lascialo perdere, senza però precluderti il resto!

Ecco alcune differenze sostanziali che esistono, secondo T. Harv Eker, nella mentalità delle persone povere rispetto alla mentalità delle persone ricche, è chiaro che si tratta di una semplificazione e di una generalizzazione, ma possono offrire grandi spunti di riflessione:

  • Chi è povero è infastidito dalle persone che hanno successo. Freccette Chi è ricco stima ed ammira le persone di successo. (“Se pensi male di un ricco non lo sarai mai: come puoi diventare qualcosa che non ti piace?”)
  • I poveri pagano gli altri prima di se stessi. Freccette I ricchi pagano sé stessi per primi (prima di bollette, spese, ecc.).
  • I poveri non sanno gestire i soldi e i soldi non vanno verso di loro. Freccette I ricchi sanno gestire bene il proprio denaro.
  • I poveri si focalizzano sullo SPENDERE i soldi. Freccette I ricchi si focalizzano su FARE, CONSERVARE e INVESTIRE i soldi.
  • I poveri pensano: “La mia vita mi accade”, “Sono sfortunato”. Freccette I ricchi pensano: “Io creo la mia vita e il mio destino”.
  • I poveri non credono di meritarsi di diventare ricchi. Freccette I ricchi pensano di meritarsi di essere ricchi.
  • Le persone povere pensano in piccolo. Freccette Le persone ricche pensano in grande.
  • Le persone povere preferiscono farsi pagare in base al tempo delle proprie prestazioni. Freccette I ricchi scelgono di farsi pagare in base ai risultati di quello che fanno. (Il tempo è una risorsa limitata, chi è ricco non pone nessun limite alle sue entrate)
  • I poveri sono controllati dal denaro (perché non hanno controllo su di sé). Freccette I ricchi controllano il denaro.
  • I poveri si lasciano bloccare dalla paura. Freccette I ricchi agiscono anche se hanno paura (a dispetto di…).
  • La persona povera non vuole assumersi responsabilità. Freccette La persona ricca è disposta ad assumersi grandi responsabilità.
  • I poveri frequentano persone negative e di scarso successo. Freccette I ricchi frequentano persone positive e di successo. (“Se vuoi volare con le aquile smettila di nuotare con le anatre”) (*)
  • I poveri giocano al gioco dei soldi per non perdere. Freccette I ricchi giocano al gioco dei soldi per vincere.
  • I poveri restano più piccoli dei loro problemi e ne sono schiacciati. Freccette I ricchi crescono fino a diventare più grandi dei loro problemi. (“Se hai un grande problema, non è il problema ad essere grande, ma sei tu che sei piccolo”)
  • La persona povera pensa al denaro come un fine. Freccette La persona ricca pensa al denaro come a un risultato.
  • Le persone povere si concentrano sugli ostacoli. Freccette Le persone ricche si concentrano sulle opportunità.
  • Chi è povero pensa “o questo o quello”. Freccette Chi è ricco pensa “sia questo, sia quello”. (“Puoi essere gentile, affettuoso, spirituale, equilibrato, fare un lavoro che ami ed essere anche molto molto ricco”)
  • I poveri offrono delle RAGIONI del perché non hanno risultati. Freccette I ricchi portano, invece, i RISULTATI. (“Se hai una ragione è perché non hai dei risultati; se hai dei risultati non c’è bisogno di portare delle ragioni”)
  • Chi è povero compra spese che perderanno di valore. Freccette Chi è ricco compra beni che cresceranno di valore.
  • Chi è povero pensa alla gratificazione immediata. Freccette Chi è ricco pensa nel lungo periodo.
  • Chi è povero non sa ricevere. Freccette Chi è ricco è bravo a ricevere.
  • Chi è povero ha un’opinione negativa della vendita e della promozione. Freccette Chi è ricco promuove se stesso e il proprio valore. (“Non favorire la promozione di sé è uno dei più grandi ostacoli al successo”)

(*) Ovviamente non c’è nulla di male a “nuotare con le anatre” basta che una persona non si lamenti di non essere un’aquila! Interessanti, per cogliere questi spunti al volo, quando ne avete voglia durante la giornata, sono: “Le Carte della Mente Milionaria” di T. Harv Eker (Ed. My Life)

Le Carte della Mente Milionaria 1

Le trovi online QUI

Se vuoi accrescere la tua prosperità economica devi valutare bene perché lo vuoi fare. La prima causa di un fallimento sta nel non sapere cosa si vuole, al contrario la chiarezza e la lucidità mentale ti donano potere.

Se la tua motivazione è la rabbia, la paura o il bisogno di dimostrare qualcosa non hai una motivazione sana… se sei spinto a fare soldi dalla rabbia (ad es. verso i genitori o verso la società), più farai soldi e più ti troverai arrabbiato! La tua motivazione deve scaturire dalla gioia! E di motivi che donano gioia ce ne possono essere tanti: innanzitutto la gioia di migliorare la qualità della propria vita e dei propri cari e poi perché si ha la possibilità, concreta, di aiutare moltissime persone e realizzare grandi opere positive.

Eker racconta, ad esempio, di cause costosissime che i suoi avvocati stanno sostenendo contro la Monsanto per ostacolare la creazione di OGM e cibi transgenici; tu saresti in grado di sostenerle e tutelare così la salute tua e dei tuoi cari, senza avere la stessa disponibilità economica? Un’altra motivazione importante per voler diventare ricchi è che significa diventare una persona migliore. Infatti, se vuoi fare soldi devi per forza migliorarti: devi pulire il tuo passato dalle emozioni negative, superare i tuoi vecchi limiti, accrescere la tua cultura, imparare a donare, ecc. Coltivare la ricchezza significa sviluppare in sé integrità, fiducia, positività, tenacia, coraggio, consapevolezza di sé, affidabilità, operosità. Chi pensa che i soldi rovinino le persone provi a pensare, invece, che sono le persone che rovinano i soldi.

Il denaro è un acceleratore: se sei buono da ricco sarai ancora più buono, se sei cattivo sarai ancora più cattivo!

Una frase spesso usata da Eker è che “il denaro è estremamente importante dove serve ed estremamente inutile dove non serve” e per lui non ha senso paragonare i soldi all’amore o alla spiritualità (come fanno alcuni per dimostrare che i soldi non hanno veramente valore) perché sono tutte cose preziose ma ben diverse ed utili in ambiti differenti. Per coltivare la ricchezza devi uscire dalla tua zona di comfort, perché solo così puoi crescere, ma in questo c’è un grande vantaggio che Eker descrive così: “Se sei disposto a fare solo le cose facili, la vita sarà difficile; ma se sei disposto a fare le cose difficili la vita sarà facile!”

Un altro multimilionario i cui libri e seminari hanno permesso il successo finanziario in moltissime persone è Robert Kiyosaki. Nato e cresciuto alle Hawaii, Kiyosaki è autore del bestseller “Padre Ricco, Padre Povero” che è stato definito “USA Today’s n°1 Money Book” (il libro numero uno d’America sul denaro al giorno d’oggi) e di molti altri libri improntati sull’obiettivo della libertà finanziaria, ovvero della possibilità di far lavorare il denaro per sé. La sua esperienza finanziaria si fonda sugli insegnamenti avuti dal padre (ricco) di un suo amico, rapportati a quelli del proprio padre biologico (istruito ma povero).

Ho avuto due Padri: Uno Ricco uno Povero. Un padre era altamente istruito ed intelligente, aveva un dottorato di ricerca ed ha completato i quattro anni di università in meno di due. Successivamente è andato alla Stanford University, the University of Chicago, e Northwestern University per proseguire con studi avanzati, tutto grazie ad una borsa di studio che copriva tutte le spese. L’altro padre non ha mai finito la terza media. Entrambi gli uomini avevano raggiunto il successo nelle loro carriere, lavorando duramente per tutta la loro vita. Entrambi avevano entrate sostanziose. Un padre ha lottato finanziariamente per tutta la sua vita e l’altro padre è diventato uno degli uomini più ricchi delle Hawaii. Uno è morto lasciando decine di milioni di dollari alla sua famiglia, ad opere di carità ed alla sua chiesa, l’altro ha lasciato una eredità di bollette non pagate.

Kim e Robert Kiyosaki 1

Kim e Robert Kiyosaki Kim è autrice di libri sulla ricchezza e gli investimenti dedicati alle donne: “Rich Woman” e “E’ Ora di Agire

Ho incontrato Robert Kiyosaki e sua moglie Kim a Rimini, in occasione del “Padre Ricco Tour e National Achievers Congress” (settembre 2012) organizzato da Risorse della Mente e mi ha colpito, oltre che per la sua preparazione finanziaria, per la sua estrema lucidità sulla situazione economica planetaria. Kiyosaki, infatti, è perfettamente al corrente che esiste una manipolazione economica planetaria a danno delle persone medie e povere e a tutto vantaggio dei ricchissimi, ma sa bene come lamentarsi non serva a nulla e che quello che si può fare è sviluppare un’adeguata educazione finanziaria ed utilizzare a proprio vantaggio gli strumenti che la società e il mercato offrono. (Personalmente ritengo anche che seminando dentro di sé e attorno a sé una nuova visione dell’esistenza, più spirituale e rispettosa della Vita ad ogni livello, progressivamente si potrà scivolare in un nuovo periodo storico dove certi giochi dell’ego apparteranno solo al passato.)

Vediamo quali sono le consapevolezze e gli strumenti che ci offre Kiyosaki, partendo in primis dai Quadranti del Cashflow.

I QUATTRO QUADRANTI DEL CASHFLOW

I QUATTRO QUADRANTI DEL CASHFLOW 1

La libertà finanziaria è possibile solo nei quadranti di destra, non in quelli di sinistra!

Ci sono 4 modi di fare soldi:

  • D – Dipendente: guadagna una cifra, spesso fissa, mensilmente.
  • A – Lavoratore Autonomo (Libero Professionista): è il titolare del proprio lavoro.
  • T – Titolare d’Azienda: ha una sua impresa e delle persone che lavorano per lui.
  • I – Investitore: ha degli investimenti che producono reddito, virtualmente illimitato.

In tutti i quadranti si possono fare soldi, anche parecchi, ma la libertà finanziaria si può avere solo nei quadranti di destra! La Libertà finanziaria dovrebbe essere l’obiettivo di chi lavora sulla ricchezza, avere cioè sufficienti rendite passive (che non implicano la tua diretta presenza ed impegno) a coprire tutte le spese che hai e a permetterti lo stile di vita che desideri.

Nei quadranti di sinistra si scambia il proprio tempo per i soldi, nei quadranti di destra le entrate non richiedono la presenza (nota bene: una persona che investe in borsa, ma che guadagna solo se opera direttamente, mentre se non lavora non guadagna, rientra nel quadrante A non in quello I). Affannarsi quotidianamente per guadagnare qualcosa, pagare molte tasse e rimanere con poco, Kiyosaki lo definisce la “Corsa del Topo”. In tale corsa tutti sono affannati a correre dietro a bollette, tasse, debiti da estinguere. Passare ad una condizione finanziaria dove i soldi lavorano per noi è definita la “Corsia Veloce”. Kiyosaki ha anche inventato un gioco che insegna a sviluppare la mentalità per passare dalla “Corsa del Topo” alla “Corsia Veloce”, si chiama “Cashflow 101” ed è edito da Gribaudi. In Italia, come in altre nazioni del mondo, esistono addirittura dei Club che promuovono le giornate di gioco per crescere assieme verso la libertà finanziaria.

Quando il tuo reddito passivo mensile è uguale o maggiore delle tue spese mensili… sei fuori dalla Corsa dei Topi!!


95% della popolazione – 5% della ricchezza

D – Dipendente Ha un posto di lavoro | TEMPO = €

La persona che sta in questo quadrante cerca un posto fisso, uno stipendio sicuro e non ama rischiare. Vuole un’indennità di lavoro, odia l’incertezza. La sicurezza è più importante del denaro.

Corsa 1

A – Autonomo Possiede un lavoro in proprio | TEMPO = € €

La persona che sta in questo quadrante vuole essere il capo di se stesso, vuole gestire le cose a modo suo. Qui si trovano anche i professionisti di alto livello che guadagnano molto (ad es. medici, avvocati, dentisti). Un motto di questo quadrante potrebbe essere: “Come lo faccio io non lo fa nessuno!”


5% della popolazione – 95% della ricchezza

T – Titolare d’Azienda Possiede un sistema (che lavora per lui) | PERSONE = € € €

La persona che sta in questo quadrante è capace di delegare e di circondarsi di persone intelligenti di tutti i quadranti. Sanno tirare il meglio fuori dagli altri, possiedono un sistema che continua a guadagnare anche se loro non ci sono.

Scopri ↣ Ho-Oponopono Occidentale SCUSA, GRAZIE, TI AMO ❤
SCOPRI I NOSTRI OROLOGI PER PREZZO

cashflow 1

I – Investitore Possiede degli investimenti (che lavorano per lui) | € € € = € € € € €

La persona che sta in questo quadrante fa i soldi con i soldi. Non ha bisogno di lavorare perché sono i soldi a farlo per lui. E’ in questo quadrante che il denaro si converte in vera ricchezza!


Le rendite passive possono venire da varie fonti: investimenti, affari immobiliari, vendita online di prodotti o servizi, brevetti, licenze, diritti d’autore su libri, canzoni, film, produzioni teatrali, show televisivi, franchising, marchi di fabbrica.

Kiyosaki insegna a verificare il proprio cashflow (lett. flusso di cassa) stilando il Conto profitti e perdite (cioè i soldi che arrivano dal reddito e i soldi che se ne vanno con le spese) e lo Stato Patrimoniale (cioè gli attivi = tutto ciò che possiedi che produce o vale denaro – e i passivi = tutto ciò che possiedi e che ti fa uscire il denaro, ad es. il mutuo, i fidi delle carte di credito, i debiti). Sviluppare la propria Intelligenza Finanziaria ha come fine quello di creare un flusso di cassa della ricchezza e non più della povertà; per far questo bisogno prima formarsi ed educarsi e poi applicare con costanza i suggerimenti pratici.

flusso di denaro 1

La differenza tra i due è piuttosto evidente, nel primo caso il lavoro finisce per lo più nel ripagare il mutuo e i debiti vari e se ne va con le spese mensili; nel secondo caso le rendite derivanti dagli attivi superano le spese e generano reddito

CONSIGLI PRATICI PER INIZIARE

Nota: se non hai intenzione di applicarti ti suggerisco di non leggerli fino a che non sarai motivata/o a cambiare realmente la tua situazione economica e a smettere di lamentarti di essa!

1. Stabilisci il tuo obiettivo. Di quanti soldi hai bisogno al mese per sentirti stabile finanziariamente? Fai almeno due previsioni: una a medio termine, realistica, che ritieni effettivamente realizzabile (sii onesta/o con te stessa/o) ed una a lungo termine che corrisponde al tuo pieno sogno finanziario. Per il primo obiettivo stabilisci anche in quanto tempo, realisticamente, vuoi raggiungerlo. E’ importante tenere un diario dove fissare questi obiettivi, da utilizzare per gli altri esercizi di scrittura e per annotarvi gli stati d’animo, le decisioni ed i cambiamenti avvenuti lungo il viaggio.

2. Compra e leggi almeno 10 libri su Ricchezza e Prosperità. In questo modo avrai iniziato ad investire su te stessa/o e avrai sempre con te quei preziosi manuali di vita. Puoi acquistarli uno alla volta o tutti insieme, ma leggine uno solo per volta e dedicagli tutta l’attenzione prima di passare al successivo. Annota sul tuo diario le frasi più significative e le tue eventuali riflessioni.

Eccoti alcuni titoli che ti suggerisco:

Importante: ogni volta che in libri o seminari dovessi trovare dei concetti che già conosci non dire mai: “Ah! Questa cosa la conosco già!”, perché così ti danneggi e, concretamente, impedisci la creazione di nuovi circuiti neuronali che ti porterebbero a nuovi risultati.

3. Se i soldi non fossero un problema nella tua vita, cosa faresti di diverso? Quale sarebbe il tuo tenore di vita? Apri il tuo diario o prendi un foglio e descrivilo nei dettagli, meglio se al presente, come se già lo vivessi. Quando entri in un negozio chiediti sempre: “Se i soldi non fossero un problema cosa sceglierei?” … ti potresti stupire del fatto che non sempre è l’articolo più costoso quello che ti veramente ti corrisponde. Ogni giorno immergiti nella visualizzazione del tuo stato di piena prosperità finanziaria e calati nelle emozioni ad esso corrispondenti.

4. Inizia subito a creare dei conti differenziati. La suddivisione più semplice è quella di avere una cassetta- salvadanaio/un conto corrente/una busta/un barattolo dove mettere a pro della LIBERTA’ FINANZIARIA il 10% degli introiti mensili (al netto delle tasse) oppure il 10% della cifra che al momento senti di voler dedicare a questa gestione (che siano 100 € al mese o 10 € o anche un solo euro mensili). Un altro importantissimo 10% va messo nella BENEFICIENZA. Il restante 80% serve per tutte le altre spese. La prima cifra non va spesa in nessun modo (neppure se mancano dei soldi per affitto o bollette), ma andrà progressivamente investita ai fini di creare, con attenta pianificazione, una rendita passiva. La beneficienza va fatta invece su base regolare tutti i mesi.

Queste sono le suddivisioni indispensabili da fare, ma se vuoi applicare le regole di Eker in modo integrale allora i conti sono di più: 10% Libertà Finanziaria; 10% Risparmi a Lungo termine (per acquisti o spese importanti che vorrai far negli anni); 10% Divertimento (da spendere tutti i mesi); 5% o 10% Donazioni; 10% Educazione e Formazione (è indispensabile investire nella tua formazione e sappi che “Se pensi che la formazione sia costosa, aspetta e vedrai quanto ti costerà l’ignoranza!” – John M. Capozzi); 55% o 50% per le Necessità Quotidiane. In una gestione comune di coppia, ogni partner preleva mensilmente per sé una medesima cifra dal totale netto guadagnato e lo gestisce come preferisce (non importa chi ha guadagnato di più) e il resto va suddiviso come sopra.

conti 1

5. Tieni una nota ordinata e sempre aggiornata di tutte le entrate e le uscite quotidiane (che siano anche di poche decine di centesimi), in modo particolare questo esercizio è importantissimo se non hai mai fatto una cosa del genere; ti obbliga a mettere ordine nella tua gestione dei soldi interiore ed esteriore. Va protratto per diversi mesi. Alla fine di ogni mese fai una valutazione del modo in cui i soldi sono entrati ed usciti, osserva se puoi cambiare qualcosa, prendi atto se c’erano flussi di denaro di cui non eri di fatto ben consapevole. Trova e diminuisci le spese superflue!

6. Usa l’EFT per cambiare le credenze limitanti sui soldi, fai dei cicli di trattamento quotidiani per almeno 30 giorni di lavoro.

EFT 1

A) Identifica il comportamento o la credenza limitante che più ti blocca.

B) Fai la Preparazione picchiettando sul cosiddetto “Punto Karate” ripetendo:

  • “Anche se non riesco ad avere abbastanza soldi perché _______________ io mi accetto lo stesso” –
  • “Anche se non riesco ad avere abbastanza soldi perché _______________ io mi voglio bene lo stesso” –
  • “Anche se non riesco ad avere abbastanza soldi perché _______________ io mi amo e mi accetto completamente e profondamente”.

C) Inizia poi il giro di tapping con l’affermazione limitante: “Non riesco ad avere abbastanza soldi perché _______________” e fai più giri fino a quando senti che il disagio collegato all’affermazione si è un po’ allentato oppure è aumentato troppo e ti da fastidio (è comunque indice che il lavoro è efficace).

D) Poi fai uno o più giri in positivo: “Adesso mi apro a qualcosa di nuovo e differente. Sono pronta/o ad accogliere più soldi nella mia vita!”

E) Una volta finito l’EFT fai un’azione concreta che sia differente dal solito, anche piccola (potrebbe essere chiamare una persona che non senti da molto, passeggiare in una zona della città che non frequenti, leggere un libro che di solito non leggeresti, infrangere una piccola abitudine, ecc.) e resta in ricezione… anche se non sembra accadere nulla, qualcosa si è messo in moto.

A questo link  http://tuseiluce.altervista.org/blog/?p=7293922  trovi ben 86 convinzioni negative sul denaro che puoi trattare con l’EFT.

7. Scrivi una lettera indirizzata ai tuoi genitori (non importa se viventi o meno) da non consegnare. La lettera aiuta a mettere ordine a livello dell’equilibrio sistemico familiare e puoi scrivere qualcosa di analogo a quanto sotto riportato:

Lettera 1

“Caro mamma, caro papà, sono vostro figlio/a < Tuo Nome > e vi scrivo per dirvi che vi sono riconoscente per avermi dato l’opportunità di venire al mondo e di acquisire consapevolezza – nel bene e nel male – tramite le esperienze incarnative che ho fatto, che sto facendo e che farò. Dedico a voi i miei successi e se questi dovessero essere maggiori di quanto voi non abbiate mai raggiunto, sappiate che è solo in virtù dell’opportunità che voi mi avete dato che li ho potuti conseguire. Dedico a voi i miei successi e vi prego di benedirmi. Con Amore e Rispetto, vostro figlio/a < Tuo Nome & Firma >”

Questa lettera non deve essere consegnata. Può essere tenuta sotto un cristallo di quarzo ialino e/o in contatto con un oggetto per te significativo a livello energetico o spirituale, fino a che non senti che il messaggio ha svolto il lavoro che doveva svolgere. A quel punto puoi bruciarla e goderti la percezione di maggior armonia ed equilibrio interiore che si sarà generata. Se hai l’opportunità di fare una Costellazione Familiare su questo tema è ancora meglio e la lettera probabilmente non sarà necessaria (anche se puoi farla lo stesso).

8. Crea la tua personale “Lavagna della Visione” sulla ricchezza! Attacca ad un foglio di grandi dimensioni tutte le immagini che corrispondo agli acquisti che vorresti fare, allo stile di vita che vorresti tenere ed alle emozioni che ritieni che la prosperità ti darà. Soffermati spesso a guardarlo e calatici emozionalmente tutti i giorni.

9. Usa le Affermazioni Positive sulla Ricchezza. Troverai in appendice alla dispensa molte affermazioni positive sui soldi, scegline una decina e riscrivile su un foglio che ti impegnerai a leggere tutti i giorni. Dovrai avere pazienza e tanta costanza: all’inizio non vedrai nulla ma ricordati che ogni seme ha bisogno di un tempo – a volte lungo – di incubazione e solo dopo potrai veder risplendere i risultati. Non mollare e vai avanti con Fiducia anche quando sembra che nulla abbia effetto!

coltiva 1

Identificando i tuoi precisi schemi limitanti puoi creare delle frasi ad hoc per te, ecco qualche suggerimento:

  • Paura di uscire dagli schemi (scarsità, crisi planetaria, ecc…) > “Uscendo dai miei schemi limitanti raggiungo la felicità e sono di esempio agli altri!”
  • Paura che la ricchezza sia sbagliata perché il denaro è sporco > “Il denaro è solo uno strumento ed io lo uso positivamente”
  • Paura di uscire da un senso di vittimismo > “Giorno dopo giorno imparo ad assumermi le mie responsabilità!”
  • Paura della solitudine e di perdere sostegno e affetto dagli altri > “Sono ricca/o e sono circondata/o da vera amicizia. Gioisco in questo!”
  • Paura di non riuscire a mantenere la prosperità e i risultati conseguiti > “La prosperità è uno stato della mente e mi accompagna sempre!”
  • Scarsa autostima, non sentirsi all’altezza di essere prosperi > “Giorno dopo giorno sono sempre più sicura/o di me e ottengo ciò che mi spetta di diritto: Ricchezza e Prosperità!”
  • Paura di essere felice > “La felicità è uno stato naturale dell’essere umano e me la merito!”
  • Paura di essere giudicati dagli altri > “Resto centrata/o di fronte a ogni giudizio e accetto i pareri diversi dai miei!”
  • Senso di colpa e sensazione di doversi punire > “Lascio andare ogni senso di colpa e mi accorgo di stare bene con me stessa/o e con gli altri!”
  • Non avere più scuse per cambiare la propria vita e fare quello che si dice voler fare > “Accetto di cambiare la mia vita e sono in grado di realizzare ciò che ho sempre desiderato!”
  • Paura di diventare troppo materialista > “Mantengo un ottimo equilibrio tra materia e spirito, soldi ed aspirazioni interiori!”
  • Avere schemi familiari di mancanza e di doversi accontentare di ciò che si ha > “Vado al di là degli schemi dei miei genitori e dedico a loro ogni mio successo!”
  • Pensare, sotto sotto, che stia agli altri risolvere i miei problemi > “Giorno dopo giorno divento adulta/o e responsabile e gioisco della mia crescita!”
  • Paura di essere completamente indipendente > “Mi assumo la responsabilità di crescere, credendo in me stessa/o. L’Universo mi sostiene!”
  • Non voler uscire dall’identificazione della mancanza e dell’aver bisogno >  “Sciolgo ogni voto di povertà fatto in passato e consacro la mia ricchezza ad una crescita sia esteriore che interiore!”
  • Pensare che bisogna faticare per guadagnare i soldi > “Attingo all’infinito potenziale creativo dell’Universo e i soldi arrivano a me in abbondanza e con semplicità!”
  • Paura che il non aver più bisogno di lavorare faccia perdere di senso la propria vita > “Nella mia vita realizzo tutto ciò che amo e mi dedico con successo alla mia completa felicità e realizzazione! Mi sento gratificata/o in ogni ambito della mia esistenza!”
  • Paura di non meritarsi il benessere > “Mi merito il Meglio dall’esistenza!”

10. Multati ogni volta che ti trovi a lamentarti della situazione economica (tua o generale). Le tue lamentele e le tue imprecazioni riguardanti la crisi e le difficoltà economiche personali SONO LA TOMBA DELLA TUA PROSPERITA’! Prendi molto seriamente questo punto. L’ideale sarebbe viaggiare sempre con un taccuino appresso e ogni volta che ti trovi a lamentarti, lo segni, annotando ora e data e ti multi (ad es. 1 €). Puoi raccogliere i soldi alla fine della giornata e quando avrai una certa somma dovrai darla in beneficienza.

11. Studia ed approfondisci i concetti fondamentali di economia e finanza. Attraverso riviste di economia, corsi, seminari online, video su youtube, colloqui con persone esperte vedi di familiarizzare con l’universo dell’economia e della finanza. Questo è un requisito indispensabile se vuoi davvero diventare libero finanziariamente.

12. Rifletti sulle persone con cui costituire un team di lavoro sulla prosperità. Non puoi procedere da solo se vuoi ottenere i massimi risultati. Seleziona o attira a te le persone giuste con cui crescere assieme in questo percorso.

ULTERIORI SPUNTI DI RIFLESSIONE

Il denaro è simbolo di energia creativa, di energia scambiata con le altre persone e con l’Universo. Poiché l’energia creativa universale è infinita, potenzialmente è infinito anche il denaro. Soprattutto oggi che il denaro è sempre più virtuale. Arricchirsi non significa affatto gettare qualcuno sul lastrico: c’è più che abbondanza per tutti!

Medita sul “Manifesto della Ricchezza Illuminata” che propone Robert G. Allen e che lui invita a fare proprio (potresti copiarlo a mano, portando a capo ogni paragrafo, e poi firmarlo inserendo la data).

  • “Credo di avere il potenziale per creare una fortuna grande e illuminata.
  •  Credo che la creazione della ricchezza sia un codice che sono destinato a svelare. E’ una capacità che può essere insegnata, imparata e facilmente trasferibile. Da alle altre capacità maggior valore, utilità e profitto.
  • Credo che quasi ogni persona possieda in sé il potenziale di milioni di euro che aspettano lo stimolo necessario per manifestarsi – la scintilla illuminata.  Credo di avere una abbondanza di idee illuminate da un milione di dollari – semi che possono evolversi in fortune finanziarie. Questi semi possono germogliare sotto forma di informazione, libri, diritti d’autore, prodotti, servizi, invenzioni, licenze, produzioni teatrali, brevetti, canzoni, film, franchising, show televisivi, marchi di fabbrica, elaborazioni, ecc.
  • Credo che i miei raccolti più ricchi non possano provenire da semi fatti di opportunità palesi, ma da quelli che sono sotto forma di avversità. Quando risolvo le mie personali sfide della vita, gli altri mi ricompenseranno per l’aiuto datogli nell’estirpare le erbacce dai loro giardini di avversità contenenti ricchezze nascoste.
  • Sono stato codificato nel mio DNA a chiarire e risolvere da me stesso un mio problema e dopo a prosperare con esso risolvendo questo stesso problema a tutti gli altri.
  • Credo che mi siano stati dati dei talenti unici. Utilizzando al massimo e nel migliore dei modi tutti i miei talenti sarò ora più felice, più in salute e più soddisfatto e il mio contributo lascerà un’ eredità duratura.
  •  Credo che i profitti illuminati siano la giusta ricompensa per servire alla grande.
  •  Credo che sia meglio investire il mio tempo nel creare un Reddito Passivo dove lavoro una sola volta per essere poi pagato per sempre.
  • Credo che il mio sogno venga realizzato più velocemente allineandomi con un team illuminato. Come team possiamo creare flussi multipli di guadagno residuo ed illuminato.
  •  Credo che la mia ultima eredità sia di divenire un filantropo illuminato, con i soldi che lavorano per me, dedicato a fare opere di bene durature di filantropia personale.

”Tratto dal libro “Cracking the Millionaire Code” di Robert G. Allen e Mark Victor Hansen

La vera misura della ricchezza è il patrimonio, non il reddito da lavoro. Medita, rifletti, discuti con le persone che fanno il tuo stesso percorso e con esperti del settore, che abbiano loro stessi raggiunto il risultato che tu vuoi raggiungere, sulle modalità con cui concentrarti sul quadrante “Attivi” dello stato patrimoniale. Tutta la tua energia deve essere indirizzata a incrementare i profitti delle rendite passive che da qui originano, perché questa è la via verso la vera Libertà Finanziaria.

Studia il principio della Leva. Non puoi arricchirti veramente senza utilizzare la Leva; ciò significa che se offri un servizio 1:1 (ad es. un massaggio ad una persona) il tuo arricchimento è condizionato dalla disponibilità di energia e tempo che possiedi, ma se scrivi un libro o metti online un “Videocorso di Massaggio” ti impegni una volta e puoi avere 10, 100, 1000 o milioni di acquirenti e andrai a sfruttare una leva di 1:10, 1.100,1:1.000.000 … in pratica un guadagno illimitato!

amo il Denaro 1

Prova a ripetere a te stessa/o: “Io amo il denaro. Il denaro ama me!”. L’affermazione può sembrare un po’ forte e un po’ materialista, ma si basa su un concetto spirituale: “L’Amore è alla base di qualunque cosa grande!” – “L’Amore è la forza creatrice, l’energia capace di costruire, sviluppare: è l’autentico potere!” (Jack Lawson – “La Mistica del Denaro”, Ed. Bis). Inoltre amare il denaro non vuol affatto dire amarlo per se stesso, ma per quello che rappresenta, per le possibilità che offre; significa amare la Forza Universale che sta dietro ad ogni scambio di energia! E’ una Legge Spirituale che noi attraiamo ciò che amiamo e siamo attratti da ciò che ci ama. Impara a rispettare e ad essere gentile con il denaro come lo sei con i tuoi amici più cari e per prima cosa apprendi ad onorare, rispettare ed amare te stessa/o.

“Se vogliamo veramente qualcosa, vuol dire che ce l’abbiamo già; dobbiamo solo cercare di renderlo manifesto!” (Jack Lawson, “La Mistica del Denaro”). In caso contrario il nostro subconscio non ci permettere neppure di pensare di desiderare quella determinata cosa. Rifletti su questo punto e percepisci quanta forza può trasmetterti!

Smetti di rimandare le cose che sai che devono essere fatte!

Sbagliare è normale ed anzi è una cosa istruttiva (se approcciata correttamente). Quando inizi a cambiare gli schemi sul denaro e ad intraprendere delle azioni mirate potrai cadere, fallire degli obiettivi, renderti conto di aver fatto degli sbagli grossolani, ecc. In nessun caso questo deve farti desistere dal tuo obiettivo finale. Come dice Harv Eker: “Ogni maestro un tempo è stato un disastro”. La prima volta che fai una cosa difficilmente ti verrà bene, ma affinando le capacità migliorerai sempre di più. La perseveranza è la chiave del successo!

L’abitudine di gestire il denaro (ad es. con i conti differenziati) conta di per sé più della somma di denaro che puoi gestire. Durante il seminario “The Millionaire Mind Intensive” Eker ha portato la testimonianza di una donna che ha raggiunto il pieno successo economico iniziando a ripartire in barattoli distinti, ogni mese, un solo dollaro:10 centesimi nella libertà finanziaria, 10 nei risparmi a lungo termine, 10 nel conto del divertimento, ecc… nel tempo questa attitudine le ha cambiato la vita! Devi condizionare te stessa/o ad un nuovo rapporto con i soldi e con il successo finanziario.

Dice Eker: «L’unico modo per cambiare la temperatura nella stanza in modo definitivo è quello di reimpostare il termostato. Allo stesso modo, l’unico modo di cambiare il livello del vostro successo finanziario “in modo definitivo” è quello di reimpostare il vostro termostato finanziario.» La crescita del tuo reddito sarà proporzionale alla tua crescita personale come individuo e a quanto saprai ricondizionare i tuoi vecchi schemi limitanti.

“La Scienza del Diventare Ricchi” di Wallace Delois Wattles

RIEPILOGO

Questo libro è stato pubblicato più un secolo fa (nel 1910) ma ritengo che oggi gli siamo tutti un po’ debitori, è stato, infatti, la fonte originaria di ispirazione di Rhonda Byrne e del film “The Secret”, che ha permesso di far conoscere il principio della Legge di Attrazione nel mondo. Wattles è stato uno dei pionieri della diffusione del New Thought (Nuovo Pensiero) ed uno dei primi scrittori motivazionali nel senso moderno del termine, in particolare nell’ambito della Ricchezza. Wallace Delois Wattles (1860 -1911)

“Esiste una Materia Pensante a partire dalla quale tutte le cose vengono create e che, nel suo stato originario, permea, penetra e riempie gli spazi vuoti dell’universo. Un pensiero, in questa Sostanza, produce la cosa immaginata dal pensiero stesso.

L’uomo può formare le cose nel suo pensiero e, imprimendo il suo pensiero sulla Sostanza Informe, può determinare la creazione della cosa da lui pensata.

Per far questo, l’uomo deve passare dalla mentalità competitiva a quella creativa; altrimenti, non può trovarsi in armonia con l’Intelligenza Informe, il cui spirito è sempre creativo e mai competitivo.

L’uomo può arrivare a essere in perfetta armonia con la Sostanza Informe coltivando una viva e sincera gratitudine per le benedizioni che essa gli concede. La gratitudine crea l’unione tra la mente dell’uomo e l’intelligenza della Sostanza, cosicché i pensieri dell’uomo vengono ricevuti dalla Sostanza Informe.

L’uomo può rimanere sul piano creativo soltanto unendosi con l’Intelligenza Informe attraverso un profondo e costante sentimento di gratitudine.

L’uomo deve formarsi un’immagine mentale chiara e definita delle cose che desidera avere, fare o diventare; deve mantenere questa immagine mentale nei suoi pensieri e intanto continuare ad essere profondamente grato al Supremo perché tutti i suoi desideri gli vengono accordati.

L’uomo che desidera diventare ricco deve passare le sue ore libere a contemplare la propria Visione, in uno stato di fervente gratitudine perché essa si sta realizzando. Non è possibile dare troppo risalto all’importanza del contemplare frequentemente la propria immagine mentale, che va abbinato sempre a una fede incrollabile e a una devota gratitudine.

Questo è il processo attraverso cui si imprime il pensiero sulla Sostanza Informe e vengono messe in moto le forze creative. L’energia creativa opera attraverso i canali già istituiti della crescita naturale, nonché dell’ordine industriale e sociale.

L’uomo che segue le istruzioni che ho dato fin qui, e la cui fede non vacilla, riceverà senz’altro tutto ciò che fa parte della sua immagine mentale. Ciò che vuole gli arriverà attraverso le attuali modalità degli affari e del commercio.

Per poter ricevere ciò che gli appartiene, quando gli giungerà, l’uomo deve mantenersi attivo; e questa attività può consistere soltanto nel diventare più grande del posto che occupa attualmente.

Egli deve tenere a mente lo Scopo di diventare ricco attraverso la realizzazione della sua immagine mentale. E deve fare, ogni giorno, tutto ciò che può esser fatto quel giorno, avendo cura di compiere ogni azione in modo ben riuscito. Deve offrire a ogni uomo un valore d’uso che superi il valore in denaro che riceve, in modo da comunicare una sensazione di accrescimento a tutti coloro con cui viene in contatto.

Gli uomini e le donne che metteranno in pratica le suddette istruzioni diverranno sicuramente ricchi e le ricchezze che riceveranno saranno esattamente proporzionali alla nitidezza della loro visione, alla fermezza del loro proposito, alla costanza della loro fede e alla profondità della loro gratitudine!”

Affermazioni Positive su Ricchezza, Abbondanza e Prosperità.

affermazioni ricchezza 1

  • Io sono pronto al manifestarsi della prosperità economica nella mia vita.
  • Accetto di ricevere soldi dall’Universo in abbondanza, in modo sano, piacevole e creativo!
  • La prosperità è un mio Diritto Divino!
  • Attiro Ricchezza, Abbondanza e Prosperità! Sono felice e sereno/a!
  • Tutto nasce con una scelta, ed io ADESSO scelgo per me Benessere, Ricchezza e Abbondanza!
  • La ricchezza è l’espressione della mia creatività e mi rende libero/a!
  • Imparo a dare e a ricevere liberamente e con gioia! Sono degna/o di essere ricca/o!
  • Sciolgo ogni voto di povertà fatto in passato e mi incammino verso una vita ricca e realizzata spiritualmente!
  • Proprio in questo momento nuove banconote nel mondo sono in stampa per arrivare a me!
  • I soldi sono solo uno strumento. Io vi collego un intento positivo e per me diventano strumento di positività, benessere e sostegno al pianeta!
  • Io sono perfettamente in grado di creare la mia ricchezza personale e uno stato di prosperità ad ogni livello!
  • Ogni cosa che voglio mi arriva in abbondanza!
  • Il denaro è energia, l’Universo è ricolmo di energia ed è costantemente a mia disposizione
  • Io ho tutta la prosperità che creo con la mia mente.
  • Sono riconoscente perché tutte le mie esigenze, ogni giorno di più, sono pienamente soddisfatte!
  • La mia mente infinita mi porta verso l’abbondanza infinita.
  • I miei desideri sono soddisfatti ADESSO.
  • Il denaro è Energia e Amore.
  • Io nuoto in un mare di tranquilla abbondanza.
  • Io sono felice perché ho tutto quello di cui ho bisogno senza sforzo e con fluidità.
  • L’Universo è ricolmo di energia ed è a mia disposizione da sempre e per sempre.
  • Io ho tutto il denaro di cui ho bisogno per una vita serena e gioiosa.
  • L’Abbondanza che ricevo dall’Universo mi fa vivere esperienze meravigliose!
  • Io sono una persona che usa la propria ricchezza con Coscienza, Amore e Generosità. Me la merito e ringrazio Dio per questo!
  • L’Amore di Dio elimina tutti gli ostacoli dal mio cammino verso la prosperità.
  • Il mio cuore riceve tutto l’amore, l’abbondanza e l’energia che può contenere per il mio bene e per quello del mondo intero.
  • Sono degna/o di essere ricca/o e felice!
  • Dio è abbondanza, io sono abbondanza.
  • Dio è energia infinita, io sono energia infinita.
  • Io lascio che l’amore di Dio scorra per il mio corpo e mi ricopra dell’abbondanza necessaria per tutti i miei bisogni e per tutti i miei progetti.
  • Tutta la ricchezza di Dio è a mia disposizione perché io sono l’IO SONO.
  • L’Abbondanza dell’Universo è inesauribile, ed io sono inesauribile.
  • Tutte le risorse di cui ho bisogno sono ORA a mia disposizione.
  • Io vivo nell’Abbondanza che mi perviene dall’Universo con sorprendente tempismo.
  • La prosperità economica si manifesta in modo magico, perché la magia è in me.
  • I tesori che sono nel mio cuore sono a mia disposizione ora e vengono liberati con il mio solo intento.
  • La Ricchezza e L’Abbondanza sono un mio Diritto Divino perché IO SONO di Natura Divina.
  • Io so che un grande Flusso di Ricchezza sta per giungere nella mia vita adesso!
  • Io (tuo nome) sono ricca/o ADESSO!
  • I soldi arrivano nella mia vita con semplicità e in abbondanza!
  • Io creo tutta la ricchezza di cui ho bisogno con il mio pensiero, e l’Universo si attiva per procurarmela.
  • L’Universo e infinita energia creatrice ed io utilizzo tutta l’energia che voglio per creare la mia prosperità.
  • L’Energia Universale viene da me utilizzata per creare ricchezze inestimabili.
  • Quando creo ricchezza per me, arricchisco tutto il mondo.
  • Io (tuo nome) ringrazio l’Universo per il grande premio che sta per arrivarmi.
  • Io sono grato a Dio per avermi dato l’abbondanza e la capacità creativa.
  • La materia dell’Universo è infinita ed è a disposizione dei miei pensieri creativi. Io genero Abbondanza.

Dr. Nicola Saltarelli – www.olosintesi.it Distribuito con Licenza Creative Commons BY-SA 3.0

Sei libero di riprodurre questo materiale citando

http://tuseiluce.altervista.org/blog/?p=7470 | Creative Commons BY-SA 3.0

  • Autostrada per la Ricchezza – Decifra il codice della ricchezza e vivi da ricco per sempre.
  • La legge di attrazione del denaro – Migliora il tuo rapporto con la ricchezza per raggiungere la prosperità economica.
  • Trovare Lo Spirito nel Denaro – Il rapporto tra il denaro e lo spirito è un rapporto tra due entità che in realtà sono la stessa cosa. In genere chi ha i soldi non si occupa di spiritualità, e chi si occupa di spiritualità non ha i soldi…

SE TI PIACE L’ARGOMENTO PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

  • La Legge di Attrazione – Il concetto che la nostra mente crea la nostra realtà può essere espresso così: I nostri pensieri attraggono gli eventi su cui si focalizzano! e questa formulazione è nota come Legge di Attrazione. Qualsiasi cosa accada nella tua mente, la attrai a te. Il modo più semplice per concepire la Legge di Attrazione è di pensare a se stessi come ad un magnete e sapere che un altro magnete sarà attratto a noi. Per dirla in modo semplice.. >> continua a leggere
  • Legge di attrazione «Essere – Fare – Avere» – I principi della Legge di Risonanza (o Legge di Attrazione-Repulsione) e del Reality Transurfing si basano sull’allineamento con specifiche sensazioni, emozioni e pensieri al fine di manifestare una realtà corrispondente. La difficoltà che spesso si incontra nell’applicazione della Legge di Attrazione è che siamo abituati a “forzare” gli eventi attraverso il FARE, mentre in questo caso dovremmo prima ESSERE e solo dopo applicarci nell’azione… >> continua a leggere
  • Il Tao dell’ abbondanza – I tempi difficili ci mettono alla prova sul modo in cui gestiamo il denaro – non solo come lo spediamo, ma anche come ce lo procuriamo, come gli permettiamo di influenzare o controllare la nostra vita e quale valore gli attribuiamo.. >> continua a leggere
  • Il Denaro è un grande strumento di Crescita Spirituale. Qualcuno troverà strana questa affermazione… >> continua a leggere
  • Rituali e Incantesimi I rituali e gli incantesimi per ottenere il favore delle forze della natura sono antichi quando la nostra presenza sulla Terra. Se ci credi o meno, se funzionano o no, lo devi scoprire tu stesso… >> continua a leggere
  • I soldi ci rendono cattivi? – Ecco il punto di vista di Paul Piff, psicologo sociale. In base ai suoi studi, le persone che possiedono di più sarebbero più inclini a essere egoiste e a barare pur di ottenere maggiori vantaggi…. >> continua a leggere
Facebook Comments
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie! SOSTIENI TU SEI LUCE!

Lascia un commento