La formula infallibile per perdonare davvero

La formula infallibile per perdonare davvero.

Formula n. 5

Diamo ora la formula infallibile per perdonare e al tempo stesso dimenticare.

Ciò è positivo per la nostra coscienza in quanto, essendo questo uno sforzo d’amore, ci pone nel punto centrale dell’equilibrio, della tolleranza e della buona volontà.

Nel Vangelo di Giovanni possiamo leggere queste parole di Gesù: “Vi do un Comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13:34-35). E San Paolo, in una lettera ai Romani, dice: “L’amore è l’adempimento della legge” (Rm. 13:10).

Agire secondo la legge dell’amore è agire secondo tutte le leggi; è stare con Dio, in Dio, ed essere gioiosi, soddisfatti e completi in tutte le nostre esperienze. Il mio maestro diceva: “L’uomo che ama davvero è l’uomo più forte del mondo”.

Ecco qui la ricetta per un perdono completo ed amorevole: ogni volta che senti qualcosa di sgradevole nei confronti di qualcuno, riconosci in te un desiderio di vendetta, oppure provi rancore o risentimento per qualcosa che ti hanno fatto, mettiti deliberatamente a ricordare tutte le buone qualità che riesci a trovare in quella persona. Cerca di rivivere i momenti gradevoli che hai condiviso con lei, magari molti anni prima del momento in cui ti fece del male. Insisti nel ricordare il bene, le sue buone qualità, la tua antica opinione su di lei. Se riesci a ridere di qualche sua frase o di qualcosa di divertente che avete vissuto insieme, il miracolo è fatto.

Se non ti basta un solo trattamento, ripetilo tante volte quanto è necessario per cancellare il rancore e il risentimento. Ti conviene farlo, comunque, anche se lo dovessi ripetere “fino a settantavolte sette” (Mt 18:22). Questo è il compimento della legge data da Gesù: “Non lasciatevi vincere dal male, bensì vincete il male col bene” (Rm. 12:21).

Questo è porgere l’altra guancia, è amare i nemici, benedire coloro che ci maledicono, fare del bene a quelli che ci detestano, e pregare per quelli che ci oltraggiano e ci perseguitano, il tutto senza esporci apertamente a chi ci maltratta. Se lo farai sinceramente, ti accorgerai di qualcosa di molto strano; ti sentirai, innanzitutto, liberato e poi vedrai che molti inconvenienti che turbavano la tua vita (e non sapevi a cosa attribuire), spariranno come per incanto.

Il PERDONO – Bisognerebbe evitare di pensare alle persone verso cui si provano odio o rancore. Esse, se non le perdoniamo, diventano i nostri padroni, ci vengono in mente quando mangiamo, rovinandoci il pasto; quando siamo a letto guastandoci il sonno; quando ci rilassiamo, riportandoci ansia e agitazione. Mario Rizzi

Un pensiero del maestro Omraam Mikhael Aivanhov (2)

Chi è povero e debole spiritualmente non è capace di perdonare ma cerca di vendicarsi. Per perdonare chi vi ha fatto del male dovete diventare grandi, ricchi, forti, luminosi; dovete dirvi: “Devo perdonarlo perché, poveretto, è privo di luce, di conoscenza, di nobiltà… E non sa neppure in quale situazione si mette facendomi del male, perché le leggi divine sono inesorabili e dovrà soffrire per il male che mi ha fatto. Io invece, anche se ne sono la vittima, ho il privilegio di lavorare per il bene, per il Regno di Dio, per la luce”.

Pensando così e paragonando lo splendore in cui vivete, per aver scelto il cammino del bene, alla miseria e all’oscurità di coloro che sono ingiusti e cattivi, un sentimento di pietà, di indulgenza e d’amore s’impadronirà di voi, Questa generosità, che non avreste potuto raggiungere con nessun altro mezzo, è facilmente raggiungibile in questo modo. Quando noi odiamo una persona siamo legati a lei da un legame emozionale più forte dell’acciaio. Il perdono è l’unico modo per rompere tale legame e ritornare liberi.

La persona odiata diventa, pian, piano, il nostro padrone; ci viene in mente di giorno e di notte; ci toglie sonno e serenità e ci priva della gioia di vivere. Se consideriamo coloro che ci hanno fatto del male come delle persone che (in un momento particolare) hanno agito male nei nostri confronti ma sono pur sempre dei figli di Dio, il perdono non ci sarà difficile. Esse hanno attraversato il nostro cammino per un appuntamento fissato dal Creatore. Dobbiamo ricordare che quando qualcuno ci ferisce lo fa perchè la sua anima stà cercando di accaparrarsi la nostra divina attenzione e la nostra benedizione. Se gliela offriamo cesserà di intralciare il nostro cammino.

Qualcuno può pensare di non aver nulla da perdonare. Se nella sua vita compaiono però: confusione, sofferenza, infelicità, miseria, o dei bisogni di qualunque tipo egli è nella necessità di dover perdonare. Vi è un vecchio proverbio che dice: “Colui che non riesce a perdonare agli altri rompe il ponte su cui lui stesso deve passare”. Quando la nostra salute od il nostro benessere, tardano ad arrivare, è necessario concedere il nostro perdono. “Il perdono può spazzare via tutti gli ostacoli che hanno impedito al benessere e alla salute di arrivare fino a voi. Il perdono è un potente magnete da cui nessun bene può evitare di essere attratto”.

Un rimedio sicuro (3)

Il perdono può spazzare via tutti gli ostacoli che hanno impedito al benessere e alla salute di arrivare fino a voi. Il perdono è un potente magnete da cui nessun bene può evitare di essere attratto. Oltre a perdonare gli altri dobbiamo anche imparare a perdonare noi stessi. L’autocondanna ci priva della salute e ci può causare problemi di tutti i tipi, compresi quelli finanziari. Charles Fillmore fondatore del movimento spirituale: “Unity” propone questa formula di perdono dicendo che questo è un trattamento mentale garantito per curare ogni tipo di malattia:

1. Ogni sera, prima del sonno, siediti per circa 30 minuti e chiedi perdono, mentalmente, a tutti quelli verso cui hai avuto un atteggiamento negativo o antipatia. Se hai dei pregiudizi contro un animale, o ne temi la presenza, chiedi perdono pure a lui e mandagli il tuo amore.

2. Se hai accusato qualcuno; hai discusso duramente; hai criticato o fatto pettegolezzi; ritira le tue parole chiedendo (mentalmente) perdono alle persone offese.

3. Se le circostanze ti hanno portato a delle rotture con parenti (o amici) fai tutto ciò che ti è possibile per sistemare le cose.

4. Cerca di vedere tutte le persone come dei figli di Dio che stanno facendo delle penose esperienze nella vita terrena. Offri loro la tua incondizionata comprensione e i più intensi pensieri d’amore.

5. Non coricarti mai con la sensazione che vi siano nel mondo persone, animali, cose o situazioni, che ritieni essere tuoi nemici. Una formula per un perdono completo potrebbe essere:

Formula n. 6

Io perdono ogni cosa, ogni persona, ogni esperienza, e ogni memoria del passato, o del presente, che necessita il mio perdono. Io perdono tutti con piena intenzione. Dio è amore e, come io ho perdonato agli altri, così io ora sono perdonato e governato soltanto dall’amore di Dio. L’amore di Dio sta sistemando la mia vita e i miei problemi. Realizzando tutto questo io abito nella pace.

È provato che il perdono guarisce le malattie; fa’ diventare forti i deboli; trasforma i codardi in coraggiosi; muta gli ignoranti in saggi, e fa’ degli scontenti delle persone felici. Ricordate che il perdono può eliminare ciò che si era messo come ostacolo tra voi e il vostro benessere.

Perdono e comprensione sono strettamente collegati (4)

Il precetto di perdonare fu dato per evitare che le persone, proiettando sentimenti ostili e negativi, danneggiassero se stesse perché la Legge di Causa ed Effetto dice chiaramente che quello che una persona semina è ciò che raccoglierà. Perdonare significa agire con volontà in modo da chiudere definitivamente ogni conto aperto con altri; è saldare coscientemente ogni pendenza aperta con amici, parenti o conoscenti.. Se il conto rimanesse aperto, senza il perdono, prima o dopo la Legge di Causa ed Effetto creerebbe le condizioni adatte per la sua chiusura definitiva.

 Scopri Ho-Oponopono Occidentale
Offerte di oggi, Offerte lampo e Offerte in vetrina Scopri

Questa è una Legge inesorabile, che opera automaticamente a danno di chi poteva farlo di sua volontà e si è rifiutato di farlo. Vi è pure una ragione logica per perdonare ed è questa. Chi ti ha fatto del male, ha agito secondo il suo gradino evolutivo. Se fosse più evoluto, non si sarebbe comportato in quel modo, è stata infatti l’ignoranza che lo ha fatto agire in quel modo.

Ognuno agisce in conformità del suo livello evolutivo, infatti non ti meraviglia il fatto che un bimbo non sappia risolvere un problema di analisi matematica. Egli fa quello può e non può fare ciò che non rientra nelle sue capacità.

Chi ti ha fatto del male, il delinquente che ha commesso un delitto, colui ti ha detto offeso con le sue parole, sta facendo la sua esperienza di vita e le sue azioni esprimono ciò che è capace di fare. Egli potrà fare delle esperienze buone e migliori solo quando supererà il livello di coscienza di cui è attualmente capace. Cerca di comprendere le ragioni e i moventi delle azioni altrui: ti accorgerai che la maggior parte crede di agire bene facendo ciò che fa.

Mettiti nei panni di coloro che agiscono in un dato modo: questo significa comprendere gli altri, e com-prendere significa “prendere con sé”. Perdono e comprensione sono strettamente collegati. Quando ripensi ai tuoi antichi errori, ti rivolgi a te stesso con comprensione. Pensi, infatti: “Ho fatto quella cosa perché non capivo.

Ora non la rifarei”. Perché non adoperi lo stesso metro per misurare gli errori degli altri? La comprensione è questo penetrare le ragioni di ogni operato, e non solo per le tue azioni, anche per quelle degli altri. Con la comprensione si evita ogni condanna, perché essa permette di penetrare nell’animo altrui e comprendere le ragioni che lo hanno motivato a agire in quel modo.

Certo, non si tratta di approvare, non si dice di plaudire, ma soltanto di comprendere perché si è agito in quel modo. La comprensione è un’espressione dell’amore. E poiché si devono amare tutti, così si devono comprendere pure tutti nel loro agire.

Chi comprende gli altri perdona naturalmente. Non sorridi se un bambino ti batte con la manina e talvolta ti fa perfino male? Dovremmo perdonare come ha fatto Gesù, che seguendo questo modo di vedere le cose, mentre era sulla Croce ha detto: “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”. Gli uomini generalmente non si rendono conto del male che fanno con le loro azioni anzi i più credono di far bene, di avere ragione e che devono agire in quella maniera. La limitata visione e lo scarso discernimento non permettono loro di vedere meglio. È necessario perdonare, non solo per le ragioni dette, ma perché tu stesso hai bisogno di essere perdonato.

Chi fosse tanto cieco da non riconoscersi colpevole di qualche cosa, e si ritenesse, invece, innocente e immune da ogni colpa, come il fariseo che si riteneva diverso da tutti gli altri uomini, allora la sua cecità gli impedirebbe di vedere, rischiando di farlo precipitare in chissà quale baratro. Se sapesse ciò che fa, cioè male a se stesso, il malvagio non si comporterebbe in quella maniera; ignora le leggi della vita e quindi ritiene di realizzare il proprio bene danneggiando altri.

Quando arriverà a capire, e sarà attraverso il dolore che gli aprirà gli occhi, si pentirà per quello che ha fatto; imparerà dal dolore, il suo vero maestro, che soltanto il bene vale. Perdona e prega le guide perché sia illuminato. Allora cambierà. E sarà una situazione nuova. Soltanto il radicale mutamento del nostro mondo interiore, anche se difficile da realizzare, può renderci invulnerabili agli attacchi occulti che altri volessero operare contro di noi.

La più grande opera di difesa dalle influenze malefiche (4)

Non è facile mettere a tacere certi sentimenti che sentiamo ribollire dentro con veemenza. Ma tu devi saper perdonare chi ti ha fatto del male, chi ti odia e chi invia verso di te radiazioni malevole. Queste onde ti sono nocive soltanto se tu le ricambi facendo del male a chi le invia. L’unico modo per renderle innocue, neutralizzarle e dissolverle prima che giungano a nuocerti, è proprio quello di emanare onde di amore verso chi ti ha fatto del male, oppure nutre verso di te odio o rancore.

Le tue radiazioni distruggeranno le sue, impedendo che esse arrivino a te recandoti il male di cui sono cariche. Se quelle onde giungessero a te e ti colpissero, e tu a tua volta le ricambiassi, il danno reciproco sarebbe enorme. Devi arrivare a detestare il modo ancora selvaggio col quale molti, troppi, credono ancora di dovere amministrare la propria vita, attraverso vendette, faide e rancori.

Sono metodi barbari che purtroppo sono ritenuti ancora validi da qualcuno e da certe famiglie. Ciò è indegno di uomini civili e soprattutto di chi conosce l’insegnamento dell’amore cristiano. È un sottosviluppo morale di cui molti non si vergognano neppure. Se eviterai di pensare in maniera ostile a chi ti ha recato dolore, spezzerai il filo sul quale possono scorrere le due correnti malefiche formate dai tuoi e dai suoi pensieri, e questa è già per se stessa una cosa molto positiva.

Se per umana debolezza qualche pensiero negativo tornasse, sostituiscilo subito con un pensiero di amore. Se sarai capace di mandare pensieri di bene a chi ti vuol male, e pregare per lui, avrai già compiuta la più grande opera di difesa da tutte le influenze malefiche.

Chiedi a Dio la luce per coloro che ritieni autori dei tuoi mali affinché siano illuminati. Cesseranno come per prodigio di nuocerti. Vendicarsi è indice di povertà e di debolezza interiore. Chi è ricco interiormente perdona, non cerca di vendicarsi. Perdona, allora, perché chi ti offende, chi ti fa del male, non è consapevole che offendendoti e facendoti del male, procura del male a se stesso, e dovrà soffrire per riparare il male che ha fatto. È come un cieco che non sa dove andrà a finire quando muove i piedi. Offri compassione, pietà, e una generosa comprensione a chi non comprende, e dona loro il tuo amore per aiutarli a comprendere.

Non serbare ombra di rancore per nessuno, anche se ti costa sacrificio. Perdona a chi ti ha fatto del male e l’aiuterai a salire verso il bene. Ama chi ti vuol nuocere: lo renderai impotente a nuocerti. Auguragli di comprendere la verità e lo bloccherai in ogni iniziativa malevola. Amare i propri nemici è un alto insegnamento iniziatico rivolto a tutti quelli che sanno comprendere. Tu finora avevi considerato coloro che ti ostacolano come tuoi nemici mentre sono proprio essi a cui devi ogni tuo progresso.

A loro infatti siamo debitori di ogni nostro avanzamento nelle vie dello spirito. L’amore ti è comandato proprio per loro. Verso quelli che ti amano e ti fanno del bene sarebbe stato inutile perché ricambiare amore a chi ti ama è istintivo e naturale.

Estratto da La Metafisica per tutti di Conny Mendez. Un programma per la realizzazione personale – Scritto da Mario Rizzi per www.viveremeglio.org/ con licenza Creative Commons

TESTI CONSIGLIATI

Conny Mendez Metafisica – 4 in 1

Metafisica alla portata di tutti

Come in Alto cosi in Basso… In questo libro troverai delle verità della vita profonde spiegate in maniera molto semplice, Conny Mèndez parla direttamente al cuore del lettore che attraverso questo manuale ha l’opportunità di prendere in mano le redini della propria vita e gestire il proprio immenso potere interiore guidandolo attraverso canali costruttivi. Questo libro ha catturato i cuore e le anime di milioni di lettori … >> continua a leggere


I 7 Passi del Perdono

La Scienza della Felicità.

Un metodo rivoluzionario per guarire e realizzarsi.Il perdono è in grado di modificare profondamente la struttura della materia, della vita, delle emozioni e dei pensieri, sia nostri sia delle persone che ci circondano. Un vero e proprio balsamo che crea le condizioni per un approccio positivo alla vita e permette di recuperare e conservare una buona salute…. >>continua a leggere

POTREBBE PIACERTI ANCHE

  • Come eliminare i legami con altre persone – Se vi sembra di essere legati ad un’altra persona, perché essa vi ha fatto del male o voi lo avete fatto a lei, questa tecnica, magari ripetuta per un certo numero di giorni, vi può certamente aiutare….>> continua a leggere
  • La DIPENDENZA economica è un MANCATO PERDONO. Dipendi economicamente da qualcuno e per quanti sforzi tu faccia non riesci a trovare la tua indipendenza? Oppure sei costretto a mantenere qualcuno che non riesce a pensare a sè nonostante sia adulto e capace? Lì c’è un MANCATO PERDONO … >> continua a leggere

Crediti foto diwero – Pixabay

Lascia il tuo commento:
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

Precedente Il risveglio della Kundalini Successivo Magia Bianca e antichi riti Voodoo, Vudù e Hoodoo