La Disobbedienza

La Disobbedienza…

Tutto può cambiare, se solo si impara a non rassegnarsi.

Un’altra Annunciazione: un Arcangelo, molto diverso da quello a cui la tradizione ci ha abituati, fa visita a quella dimensione interiore, semplicissima, di ognuno, che gli antichi teologi indicavano come Maria, «la madre di Dio». L’Arcangelo spiega, dimostra, propone, attende risposta. Il suo discorso è ben chiaro.

«Ovunque guardi, manca qualcosa che ti faccia sembrare il mondo un bel posto dove vivere a lungo. Vedi soltanto cose che sai già, o che non ti importano. E la maggior parte delle cose che sai già contengono minacce alla tua identità, o determinano situazioni di oppressione…»

KHÀIRE –  «Ave, Maria».

Cara ragazza, gioisci. È bene che impari a gioire, perché ti servirà. E devi imparare da te, perché non è una cosa che gli altri sanno insegnare.

La gente ha talmente paura della gioia! Immagino che te ne sarai già accorta. Quando vedono la gioia di qualcuno, i più si innervosiscono. Si sentono in qualche modo defraudati. E quando poi provano loro stessi un po’ di gioia, allora fanno di tutto per sbarazzarsene: la sfogano in fretta, come fosse uno starnuto, e intanto, più o meno segretamente, si rattristano, perché tanti gli hanno inculcato che non si meritano cose tanto belle.

Tu invece impara, preparati.

Χαιρε!

«Khaire!» ti avevo detto quella prima volta, ricordi?

A Nazareth.

Parlavamo greco. E khaire! voleva appunto dire «prova gioia!». Quei bigotti dei Romani snobbarono il mio bel saluto, e lo tradussero: Ave. Che è l’imperativo di «avere». Gente avara, in gran parte: cosa credevano? Che fossi venuto a recapitarti un premio, o una nomina? Ah, non farci caso. Hanno prevalso loro, ma lasciamoli pure nel loro brodo.

A me importa che i tuoi occhi si illuminino di meraviglia, come allora; e non di gratitudine, o di soddisfazione, o di umiltà e orgoglio, come piacerebbe a loro.

Una cosa non potevi sapere a quel tempo (e forse non la sai nemmeno oggi): avvenne a un certo punto, nel Medioevo, in una cittadina per metà catalana e per metà ebraica, Gerona, che si cominciò a chiamare una tua immagine «la Madonna dai begli occhi» e a pensare che quell’immagine faccia il miracolo, a coloro che lo chiedono, di aprire i loro occhi a quel che c’è di bello tutt’intorno. A me – e, credimi, posso parlare a nome di tutti gli Arcangeli – non sono mai piaciute né le immagini né tantomeno le immagini miracolose, ma devo ammettere che quella volta gli abitanti di Gerona capirono qualcosa, di te e anche di me, più che in qualsiasi altro luogo.

La Disobbedienza
Ordina su Il Giardino dei Libri
Video Corso - La Disobbedienza
Ordina su Il Giardino dei Libri

ARTICOLI CORRELATI

  • Il Mondo dei Desideri – 101 progetti di libertà. Ti parlerò dei desideri, ma tu, per favore, dammi torto. Ti dimostrerò che senza desiderio non si vive, si finge soltanto di vivere, e che la maggior parte delle persone non lo sa, o l’ha dimenticato. Ma tu convincimi che non è vero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *