Intuizione o consiglio dell’anima ?

Intuizione o consiglio dell’anima ?

L’intuito è l’Anima che ci parla.

“Quando qualcosa viene da dentro, quando fa parte di te, non hai altra scelta se non viverla, esprimerla.” Kamal Ravikant

Mai sentito parlare di vocina interiore?

Su, su, … non fingiamo di non capirne nulla e di non saperne proprio ma proprio niente, … perché tutti  bene o male, prima o poi, dobbiamo e facciamo i conti con lei, che in molti chiamiamo intuizione, ma che di intuizione ha ben poco…

Per Albert Einstein, l’unica cosa davvero importante nell’uomo, era proprio l’intuito.

Ma allora di cosa si tratta??

Non si tratta né di magia né di sortilegi, ma di quella sottile capacità che ci fa inclinare la bilancia verso un lato, quella che ci permette, in un nano secondo, di capire se una persona “viaggia sulle nostre frequenze”, indipendentemente da tutto e dalle motivazioni per cui siamo in contatto con lei, quindi se è adatta a noi o meno,  se ci è congeniale o meglio ancora se sia affidabile o meno.

L’intuito in realtà è il linguaggio dell’Anima,  guidato dal sentiero della nostra esperienza inconscia, che vive  nascosta o meglio seppellita nel nostro cervello.

Questo dell’intuito è un  tema di tutto rispetto, che io non affronterò in maniera canonica, come mio solito, anche se è stato spesso studiato ed analizzato scientificamente.

Ci sono cose che ci appartengono e che i più semplici ed umili, sanno spesso sfruttare meglio di noi, perché non sono “ingabbiati”, come lo siamo noi e io quindi parlerò il loro linguaggio, non quello della scienza, che in questo caso non mi appartiene e dovrei prendere integralmente altrove …

Nessun marinaio consulta un libro per saper affrontare un oceano in tempesta, ma si lascia trasportare dall’intuito, da quella voce interiore che sa leggere i pericoli e prevedere la rotta e di conseguenza la migliore strategia da adottare, partendo dal suo sapere spicciolo.

Sa, che non ci sono regole universali, se non quelle dell’attimo e che il mare nell’emergenza del momento, gli solletica a far scattare …

Quella che trasporta via in pochi secondi e quindi devi attivarti per fare o non fare…

L’intuizione è quindi un qualcosa di vitale, che abbiamo racchiuso dentro, ma di smarrito e quindi ingestibile, per noi “cervelloticamente” riprogrammati a vivere secondo gli schemi mentali.

Se fossimo più immediati, non necessiteremmo di tutti quei corsi che proliferano per le varie strategie di mercato …

In realtà cosa ci spingono a cercare e mettere in pratica lì???

L’intuizione, la strategia che guida gran parte delle nostre decisioni quotidiane.

Intraprendere un cammino piuttosto che un altro, non fidarsi di qualcuno, rifiutare un’offerta di lavoro, accettare un progetto… in pratica giocare con perspicacia e un briciolo di follia la quotidianità e le sue prospettive e possibilità.

C’è chi medita molto sulle cose, mentre altri, al contrario, si lasciano trasportare da altro: l’intuito.
Nessuno, quando optiamo per lui, può garantirci che seguendolo prenderemo la decisione giusta, ma noi lo facciamo, perché siamo intrepidi e vogliamo fare …

Ciò nonostante, qualsiasi sia l’esito del nostro operato, si otterrà un effetto altrettanto importante: agire d’accordo alla propria essenza, ai propri valori, alle proprie emozioni e valutazioni, ottenuti in pieno accordo con le proprie precedenti esperienze.

 Scopri Ho-Oponopono Occidentale
Offerte di oggi, Offerte lampo e Offerte in vetrina Scopri

Lavorare così, significa fare un passo verso il corretto equilibrio interiore, quello che numerosi brokers, uomini che si trovano a lavorare con la vita e la morte, vedi i medici, oppure con una parte di noi sofferente, che attende una risposta, come gli psicologi, o anche con disagi improvvisi, come le casalinghe, che potrebbero generare incidenti fastidiosi, (come un ferro da stiro che  prende fuoco … ) sono capaci di prendere  nel giro di pochi istanti …

Ci troviamo dunque di fronte ad un tipo di potere che va oltre le capacità psichiche consuete …

L’intuito fa parte di quello che  si conosce come “inconscio adattativo”, che TUTTI ABBIAMO. Ogni cosa sentita, a tutti i livelli sensoriali, appresa, interiorizzata, pensata o espressa crea un fondo di saggezza ATAVICA, unica e particolare che ci definisce.

E’ una specie di meraviglioso “capitale mentale”, che vale più del denaro, anzi spesso lo genera ( vedi i brokers),  che usiamo ogni giorno quasi senza rendercene conto.

Il potere delle persone intuitive sta proprio nella loro capacità di saper usare questo capitale come canalizzatore.

Chi possiede un buon intuito sa cosa fare a qualsiasi  bivio la giornata lo conduca o meglio, ci saranno sempre settori nei quali si muove con maggiore maestria, ma comunque lui saprà attivare la sua procedura interiore di SCARTARE, sì, perché fondamentalmente  decidere significa eliminare ciò che non va, per puntare solo sul meglio e massimo per noi.

Ahi, ahi, … qualcuno pensa di esserne sprovvisto???
Non è vero, non ne siamo forse consapevoli, ma qualcosa dentro c’é …
Ma come procedere per sviluppare la nostra intelligenza intuitiva e perché farlo??
Parto dal secondo aspetto, forse perché la nostra vita è un po’ …ehmmm … pasticciona?
Incasinata?
Inconcludente?
Vogliamo altro???

Beh, la prima cosa è che veniamo diseducati e quindi spinti a tralasciare “l’intuito animico”, sul quale lavora poi l’aspetto terreno e quindi utilizziamo solo l’intelligenza tradizionale, vale a dire, la riflessione e il  processo logico.
Questo più questo mi da questo …
Quello più quello da quest’altro …
Niente di più, niente di meno.

Eppure noi sappiamo che esistono molti più tipi di intelligenza e che tutte sono uguali e utili.

Esiste invece anche l’intelligenza intuitiva, che ci permette di far affiorare la nostra coscienza e le nostre emozioni e quindi di  poter prendere decisioni più rapide attingendo dalle informazioni “più intime”, come fa il pescatore o la casalinga a cui brucia il pentolino sul fuoco …

L’intuizione però diciamoci subito che non si pensa, … si SENTE … e per questo motivo, è necessario saper ascoltare le nostre emozioni, capire che cosa succede nel nostro mondo interiore, per trovare la calma e l’equilibrio indispensabili.

Questo spiega perché è molto attiva nei “bambini diversamente bambini”: essi non vivono senza le emozioni …

Ecco perché gli Angeli non mi lasciano abbandonare la scuola: perché dobbiamo insegnare ai ragazzi a cogliere, conoscere, gestire le emozioni … e io in particolare, da bimba diversamente bimba, ora più grande,  tra le altre informazioni devo passare anche questa ( la poesia e l’arte si prestano tantissimo… così come i progetti che a scuola si attivano …); una volta che saremo riusciti a controllarle e a capirle, ci permetteremo di pensare in maniera “Zen”, cioè con calma, con profonda meravigliosa calma e pazienza,  e saremo più più recettivi nei confronti del nostro Io interiore e, di conseguenza, dell’ambiente circostante.

I messaggi che di solito ci vengono inviati dal nostro intuito sono a volte molto complessi: sensazioni, forme, parole…

La nostra intelligenza intuitiva la possiamo e la dobbiamo esercitare con cura ogni giorno,dandoci la libertà di pensare senza ostacoli, per consentire alle emozioni di venire a galla e quindi di essere colte e comprese …

L’intuito non è , come pensa o dice qualcuno una prerogativa nostra femminile, tutti disponiamo di quelle scintille magiche di illuminazione mentale, fanno parte del kit del paracadute, ricordate?

Sono doni fatti sotto forma di presentimenti, che ci guidano verso un qualcosa di concreto che, alla fine, in genere se gestito in maniera libera, si rivela giusto e fondato nel 99,9% dei casi, se non oltre, per qualcuno.

Non serve cercare di capire o darsi una spiegazione logica del perché, del come mai …, perché ci sono verità e realtà che gli occhi non colgono, ma il nostro Essere, la nostra appartenenza sì e … lavorano e agiscono, più di quanto ne possiamo essere consapevoli …

L’intuizione agisce anche con loro, quindi  vale la pena lasciarsi guidare da lei, da questo linguaggio così speciale, quello che non è altro che il il linguaggio dell’Anima, che spesso disconosciamo, non accettiamo, non consideriamo, non calcoliamo, ma c’è e ci appartiene o meglio noi le apparteniamo …
Buon ascolto quindi, a tutti …

Namastè!!! Con Amore ti degli Angeli

Questo articolo è amorevolmente scritto da ti degli Angeli (l’autrice del blog Sotto un Arcobaleno di Luce) con canalizzazione diretta di un Arcangelo o un Angelo quando è specificato, oppure facendosi ispirare da Arcangeli e Angeli.
(Sei libero di condividerlo su un altro sito/blog e mi fa piacere, però per correttezza lascia questa dicitura incluso il collegamento a www.sottounarcobalenodiluce.com . Grazie)

PER SAPERNE ANCORA DI PIU’

  • Intuito quella voce che vuol essere ascoltata. “Eureka!” Esclamò Archimede entrando nella vasca e scoprendo così il principio per cui il volume di acqua spostata era uguale al volume della parte del suo corpo immersa. Quel principio esisteva già da millenni eppure nessuna mente fino a quel momento l’aveva colto. Cosa ascoltò Archimede?… >> Leggi l’articolo

ARTICOLI CORRELATI

  • Intuizia Spiritualità intuitiva – Ci sono due tipi di intuito. L’intuito terreno, e quello spirituale. Quest’ultimo si può sviluppare con gli esercizi …  L’intuizione è un metodo che consente al cuore e all’anima di comunicare con la nostra coscienza, che è oltre la logica.
Lascia il tuo commento:
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

Precedente Reiki Sciamanico Successivo Desidero vivere zen