I Sette Tipi di Ego

I Sette Tipi di Ego – Le sette identificazioni della mente.

Ogni centro psicoenergetico è connesso a una precisa struttura mentale che possiamo definire ego.

L’ego, o più comunemente l’io, è il centro della mente e della nostra personalità sociale. Personalità deriva da persona: la maschera che i greci usavano nelle tragedie. La personalità, l’ego, è quindi una maschera sociale in cui ci caliamo per essere accettati e riconosciuti dagli altri.

Ogni persona nella nostra società desidera di possedere un ego forte, ammirato e stimato. Di fatto il livello di evoluzione estremamente basso della nostra “società dello spettacolo” basata sulla divisione e il potere, impone che le persone si selezionino per la loro personalità. E’ un processo narcisistico collettivo che si attua forzando ogni essere umano a rappresentare un personaggio. Essendo identificata con la realtà esteriore, la nostra società crea esseri umani identificati con il lato esteriore del loro essere. Questo capitolo intende fornire una rapida panoramica dei sette livelli o tipi di personalità tipici della nostra società attuale. Queste sette tipologie nascono semplicemente dall’identificazione della mente con l’attività più bassa ed esteriore di uno dei sette chakra. Esistono di fatto anche sette tipi di sé che tuttavia non tratteremo in questa sede data la maggiore complessità.

mappa_chakra

L’ego fisico

Nasce dall’identificazione della mente con il primo chakra.

L’ego di primo chakra è tipico quindi di chi si identifica con il proprio corpo fisico, nel bene e nel male. Atleti, culturisti, sportivi, miss, attrici, modelle spesso sono esempi chiari di questo tipo di ego, identificato in positivo con gli aspetti fisici della forza o della bellezza.

L’ego, ossia la personalità identificata, può anche essere negativa: abbiamo così le persone ossessionate dalla propria magrezza o grassezza, dalla pancia, dalla cellulite o dalle rughe.

L’ego affettivo

Nasce dall’identificazione con il secondo centro.

L’ego di secondo chakra è tipico di tutti coloro che vivono per un altra persona, per cui le relazioni affettive rappresentano il nodo principale della vita. La grande maggioranza delle canzoni, dei film, dei programmi televisivi sono orientati a questo tipo di ego. Una persona che vive la fine di una relazione può entrare in uno stato di estrema depressione e perdita di senso del vivere se il suo ego era fortemente orientato sul secondo. Il senso di abbandono e le ferite infantili da carenza di contatto fisico con la madre e il padre sono responsabili della creazione di un enorme “buco” sul secondo centro che porterà l’individuo a restare ossessivamente orientato su questo livello e quindi schiavo delle relazioni.

L’ego sociale

Nasce dall’identificazione con il terzo chakra che gestisce il potere e la paura. Ogni persona nella società esprime un suo proprio ego, ossia la sua identificazione con il proprio lavoro, posizione, valore, grado, livello o stato. L’ego si identifica con il denaro guadagnato o posseduto dalla famiglia, con le amicizie influenti, con il prestigio e i riconoscimenti ricevuti, con la nobiltà del casato o con qualsiasi altra condizione ritenuta buona a livello di massa. Più la posizione è elevata più l’ego deve essere forte e maggiore sarà la pressione. L’ego di terzo chakra negativo si identifica con la sua debolezza o impotenza di agire o di essere “qualcuno” nella società.

L’ego esteso

Scopri ↣ Ho-Oponopono Occidentale SCUSA, GRAZIE, TI AMO ❤
SCOPRI I NOSTRI OROLOGI PER PREZZO

Nasce dall’identificazione con il centro del cuore, viene chiamato “self-extension”, estensione del self. In questo tipo di ego si ritrovano tutti coloro che si identificano in una squadra, in un club, in un partito, in una religione, in uno stato o razza. C’è un profondo senso di compiacimento in questa identificazione che a volte può portare al fanatismo, ancora comune nelle discussioni politiche e religiose come negli scontri tra tifoserie avversarie.

L’ego creatore

Nasce dall’identificazione con l’attività del quinto centro. E’ caratterizzata dall’identificazione con l’attività creatrice o con l’oggetto creato. Artisti, “creativi”, poeti, scienziati, ma anche semplici pittori, artigiani, agricoltori o casalinghe possono avere questo tipo di ego. Normalmente chi riesce a creare, dal compositore, al grande scienziato o all’eccelso pittore, e a vivere di ciò, sarà ovviamente identificato con la sua scienza o arte. Ma, per quanto riguarda l’ego, non ha la minima importanza che l’oggetto creato sia una crosta o una poesia dozzinale: l’ego non vede e non sente, chi non apprezza la sua creazione non comprende.

L’ego mentale o di comando

Questo tipo di ego nasce dall’identificazione con l’attività del sesto centro.

La caratteristica essenzialmente generale e universale di questo centro, che nella sua reale espressione porta alla coscienza planetaria, nei suoi risvolti inferiori crea una visione mentale allargata e onnicomprensiva, un sistema di pensiero. Sono le doti dei veri statisti, dei grandi filosofi, scienziati, ecologi, umanisti, letterati, psicologi che hanno allargato gli orizzonti del loro lavoro alla massima estensione possibile o ad un livello internazionale. Questa visione spesso contraddistingue i grandi personaggi, così che la loro attività si ripercuote universalmente. Al suo livello inferiore troviamo gli intellettuali, i pensatori, i sognatori, gli idealisti, i teorici, ecc….

L’ego superiore

Nasce dall’identificazione con l’attività del settimo centro. E’ caratterizzato dal desiderio di passare alla storia o comunque di essere ricordati anche dopo la propria morte per le proprie azioni o qualità. E’ quindi un tipo di personalità che confonde l’esperienza di immortalità o sopravvivenza della propria coscienza dopo la morte con la fittizia sopravvivenza del proprio ego nella società futura.

I giochi dell’ego

Un essere umano completo dovrebbe avere tutti e sette i tipi di ego e, nel suo processo di evoluzione e disidentificazione, potrebbe via abbandonare queste identificazioni e questi atteggiamenti esteriori giungendo ad un suo “centro di gravità permanente”, come Gurdjieff chiamava il sé stabilizzato.

Tuttavia osserviamo che spesso le persone si cristallizzano su un particolare tipo di ego e polarizzano lì tutte le loro energie. Si creano così automi che “pensano solo al lavoro”, “che non possono stare senza un uomo”, “che sono tutti per la parrocchia”, “che vivono per lo sport”, “che hanno in mente solo…” Questi sono ego cristallizzati e per questo più difficili da distogliere dalla loro eccessiva polarizzazione e da riorientare verso aspetti più profondi ed evoluti del loro essere. di laura9999 Fonte:  Alkemica.net / CC BY-NC-ND 3.0

Dal film Revolver di Guy Ritchie una scuola transformazionale che vale un’intera esistenza. Ecco il volto del nostro vero nemico, che risiede dentro ognuno di noi… “L’inganno più grande, è stato di farci credere di essere lui…”

SE TI PIACE L’ARGOMENTO LEGGI ANCHE

  • Tipi di personalità: Perchè possiamo essere timidi, ma anche estroversi… e essere socievoli, ma allo stesso tempo introversi? Sembrano delle contraddizioni, anche abbastanza insensate: come possono due atteggiamenti completamente opposti convivere in una stessa persona?
  • BAMBINO INTERIORE ED EGO: SONO LA STESSA COSA? – Il Bambino Interiore è quella parte di noi decisamente viva, libera, energica, creativa e soddisfatta.

ARTICOLI CORRELATI

  • EGO – Come eliminare qualcosa che non esiste.
  • I sette Chakra, CD Audio. Musica che aiuta a rafforzzare, risvegliare e rivitalizzare l’energia espressa dai chakra
  • Speciale Chakra. I Chakra sono i ricevitori, i trasformatori e i conduttori dell’energia, i punti di raccolta e di intercettazione della forza vitale, l’energia biomagnetica, contenuta nell’atmosfera (Prana). Essi rappresentano le porte di accesso per la corrente energetica e vitale nel nostro corpo psichico. …

Credits IMG Fresh Paint

Facebook Comments
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

I commenti sono chiusi.