Ho’ Oponopono come iniziare un processo ho’ oponopono

HO’ OPONOPONO : COME INIZIARE UN PROCESSO HO’OPONOPONO

SCHEMA DI UN PROCESSO HO’OPONOPONO

Come fare la richiesta
.
Semplicemente con una di queste frasi:

  • Divinità, pulisci in me tutto ciò che sta dando luogo a questa situazione spiacevole.

Questo è un esempio. Ma si può dire in molti altri modi:

  • Divinità, rimuovi da me tutti quei pensieri limitanti e quelle memorie erronee che causano questo problema.
  • Divinità, elimina tutte le parti erronee in me che mi fanno accadere questo problema ….
  • Divinità, cancella in me tutto ciò che sta facendo manifestare questa situazione”.

Prima di continuare, vorrei comunque fare un chiarimento. Le dichiarazioni descritte sopra sono le più utilizzate per avviare un processo Ho’oponopono, ma la richiesta iniziale può anche essere fatta in un altro modo che, a mio parere, è anche molto più efficace. Con uno esempio si potrà capire meglio la differenza. Se, mettiamo il caso che, avete un capo che è un tiranno, la frase potrebbe suonare così:

  • Divinità, rimuovi da me tutti i pensieri limitanti e le memorie erronee che mi fanno avere un capo che urla, e si comporta come un tiranno ….”

Ma un altro modo molto migliore di affrontare la situazione potrebbe essere questo:

  •  Divinità, elimina tutti i miei pensieri limitanti e le mie memorie erronee che impediscono che io abbia un capo amabile e gentile”.

FARE RICHIESTE POSITIVE

Nella seconda frase, invece di concentrarci sul problema, chiediamo alla Divinità che siano cancellate tutte le parti errate in noi, che impediscono che abbiamo ciò che vogliamo (in questo caso un buon leader). Cioè, invece di concentrarsi sugli aspetti negativi del capo (il problema), ci si concentrerà sulle qualità positive (come vorremmo fosse il capo). Entrambe le forme sono corrette, ma nella seconda consideriamo gli aspetti positivi e, per me, è sempre meglio di vedere il lato positivo delle cose piuttosto che il negativo. Ma ripeto che in entrambe le due maniere l’Ho’oponopono sarà efficace.

HO’OPONOPONO DEVE RIGUARDARE SOLO NOI STESSI

Devo dire, inoltre, che l’Ho’oponopono non serve per manipolare nessuno e nemmeno per fare in modo che la gente faccia ciò che noi vogliamo, ma serve solo per risolvere problemi che ci riguardano direttamente, e dei quali siamo disposti a riconoscerne la nostra responsabilità.

Bene, una volta dichiarata la richiesta iniziale, ripetere le seguenti frasi come se fossero un Mantra:
.
IL MANTRA HO’OPONOPONO

“Mi dispiace, Perdonami, Ti Amo, Grazie”, più e più volte, per quanto ci è possibile.

Se in qualsiasi momento o per qualsiasi motivo, una frase che non ti lasciasse tranquillo ripetendola, è perché non è più necessario ripeterla. Allo stesso modo, se mai sentiste il bisogno di ripetere soltanto una di esse, potete utilizzarne anche solo una, o anche due, va bene lo stesso. Lasciatevi guidare dal vostro intuito quando pensate che sia il caso di farlo.

Vediamo ora quale è il significato delle frasi:

SIGNIFICATO DEL MANTRA HO’OPONOPONO

Mi Dispiace: qui ci rendiamo conto che c’è qualcosa dentro di noi che è sbagliata e sta dando luogo a qualcosa che non ci piace nella nostra realtà, cioè un problema.

Perdonami: non stiamo chiedendo a nessuno che ci perdoni, neanche alla Divinità. Stiamo solo chiedendo al Divino di aiutarci a perdonare noi stessi. La Divinità non ci giudica mai, quindi non ha bisogno di perdonarci. Siamo noi quelli che facciamo qualche danno a noi stessi, per lo più inconsapevolmente, motivo per cui dobbiamo imparare a perdonarci interiormente.

Ti Amo: trasmuta l’energia erronea del nostro Interiore in Luce Divina. Il luogo che occupava l’energia erronea cancellata, divenuto un Vuoto, lo riempie l’Energia del Divino.

Grazie: è una espressione di gratitudine, confidando che il processo è già iniziato e il problema o la situazione va a risolversi nel modo migliore per tutti.

LASCIARE TUTTO NELLE MANI DEL DIVINO

Da questo momento in poi, si lascia nelle mani della Divinità la risoluzione dei problemi. Ogni frase può essere ripetuta tutte le volte che si desidera, e secondo l’ordine desiderato. Non ci sono un certo numero di volte o di giorni di tempo per farlo. Più volte si ripete, meglio è, e tanto più si staranno ripulendo le memorie erronee depositate nel Subconsco. Forse un problema può essere risolto in una settimana, ma un altro in un mese … o anche più tardi, questo non possiamo saperlo perché non abbiamo idea di quanto abbiamo bisogno di ripulire, né di quanta energia erronea abbiamo immagazzinato nel nostro Subconscio, né della quantità di pensieri limitanti e memorie erronee che stanno manifestando il problema (e, fortunatamente, non abbiamo bisogno di saperlo!), quindi tutto ciò che possiamo fare, è fare Ho’oponopono il più spesso possibile.
.
Le frasi non c’è bisogno di dirle ad alta voce, e meno ancora se c’è gente davanti. Le puoi ripetere mentalmente ogni volta che vuoi. Sebastiano – Condiviso da Scienza new thought

PERCORSO LETTERARIO PER ENTRARE DENTRO HO’OPONOPONO

Per primo leggere I Punti Chiave di Ho-oponopono. Puoi scaricarlo GRATIS QUI

PER APPROFONDIRE L’ARGOMENTO

  • Come fare Ho’ Oponopono  – Chiarimenti su teoria e pratica del Ho’ Oponopono.
  • Mantra Ho-oponopono – Ho’Oponopono insegna a cancellare i pensieri inutili e dannosi, che come nastri si ripetono nella nostra testa e ci impediscono di uscire dal circolo vizioso delle nostre frustrazioni e sofferenze.

Credits IMG iniziale Fresh Paint

Facebook Comments
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

Precedente Esercizio di PNL Creiamo la nostra ancora di fiducia Successivo Amare SE STESSI è il requisito