Cosa significa amare se stessi ?

Cosa significa amare se stessi ? Amare Se Stessi: Guida e Consigli per Riuscirci – L’amore per se stessi è una cosa che sta a cuore a tanta gente forse perché alcune persone nel proprio inconscio sentono che molti dei loro problemi derivano dal fatto che non si amano abbastanza.

E’ vero, quando sentiamo di avere dei problemi, soprattutto nelle relazioni con gli altri, quando ci sentiamo incompresi, isolati, bloccati o abbiamo paura di mostrare la nostra vera natura è perché abbiamo in realtà un unico e grande problema: non ci amiamo.

amare sè stessi

Molti di noi non sono stati “educati” ad amarsi o spesso hanno avuto esempi negativi di amor proprio intorno a sé ma l’amore per sé stessi è di fondamentale importanza in quanto l’accettazione di sé ed il riconoscimento del proprio valore e dei propri bisogni inevitabilmente ci porta a stare bene con noi stessi, ad essere soddisfatti delle nostre scelte e soprattutto a vivere in armonia con il mondo esterno.

Vediamo, allora, in tre passi, come fare per sviluppare questo amore.

  1. Innanzitutto cerchiamo di dare una definizione all’amor proprio:  Cosa significa amare se stessi?
  2. Vediamo quali sono i motivi per cui è importante amarsi: Perché è importante amare se stessi?
  3. Cosa possiamo fare nel quotidiano per amarci di più: 10 consigli per amare se stessi

Imparare ad amare se stessi non è facile, richiede tempo, pazienza e determinazione, ma soprattutto azione! Però nel momento in cui cominceremo ad amarci e a far entrare questo amore nella nostra vita, nulla sarà più come prima!

Amare sè stessi è l’inizio di un idillio che  dura tutta la vita Oscar Wilde

1 Passo. Innanzitutto cerchiamo di dare una definizione all’amor proprio: Cosa significa amare se stessi? E come si fa?

L’amore verso la propria persona è un argomento che sta  a cuore a tanta gente e queste domande ce le siamo poste un po’ tutti, forse perché nel nostro inconscio sentiamo che molti dei nostri problemi derivano dal fatto che non ci amiamo abbastanza.

E’ vero, quando sentiamo di avere dei problemi, soprattutto nelle relazioni con gli altri, quando ci sentiamo incompresi, isolati, bloccati o abbiamo paura di mostrare la nostra vera natura è perché abbiamo in realtà un unico e grande problema: non ci amiamo.

Ma cosa significa in realtà amare se stessi?

Per prima cosa bisogna capire che amare se stessi non vuol dire sbandierare a tutti quanto siamo belli, bravi, capaci e intelligenti; non vuol dire sentirci superiori agli altri e farlo notare in tutti modi possibili. Questo non è amarsi ma, al contrario, dimostra un segno di debolezza, perché così facendo stiamo cercando l’approvazione e l’attenzione altrui.

Chi si ama non ha bisogno di farlo vedere e di vantarsene cercando negli altri una conferma del proprio valore.

Amarsi vuol dire riconoscere il proprio valore

Amare se stessi vuol dire proprio questo, essere consapevoli di avere un valore che niente e nessuno può alterare o sminuire. Non c’è bisogno, quindi, di convincere gli altri del nostro valore, l’importante è accettarsi interiormente indipendentemente dalle opinioni esterne.

La famosa frase “perché io valgo”, al di là della pubblicità, vuole trasmettere proprio questo messaggio. Io esisto, io vivo in questo mondo e come tutti gli altri esseri viventi ho un valore; un valore che riconosco, che coltivo e che difendo in ogni momento della mia vita.

Il problema è che non tutti sono consapevoli di avere questo valore per cui c’è gente priva di amor proprio che pensa di non meritare nulla dalla vita; o c’è qualcuno convinto che il proprio valore sia inferiore a quello degli altri; queste convinzioni, nel tempo, generano meccanismi psicologici che portano a complessi di inferiorità, al vittimismo, ai sensi di colpa ecc ecc fino ad arrivare ad un odio profondo verso sé stessi.

A volte succede che tendiamo a misurare il nostro valore attraverso le opinioni che gli altri hanno di noi; per cui capita che le critiche ci danno fastidio perché ci fanno sentire “sminuiti” e non apprezzati e, al contrario, che un elogio ci fa salire al settimo cielo. In realtà chi ama veramente sé stesso, non lascia che i pareri esterni influenzino la percezione che ha di sé perché è consapevole di ciò che è e di ciò che vale

Un’altra cosa sbagliata è quella di misurare il proprio valore personale sulla base dei risultati e dei rendimenti ottenuti quando si intraprende qualcosa. Così ad esempio se un progetto fallisce, se perdiamo il lavoro oppure se non riteniamo di aver svolto bene un compito la prima cosa che facciamo è dare la colpa a noi stessi pensando di essere privi di valore o di non valere abbastanza.

La persona che nutre amor proprio è in grado di scindere il suo valore intrinseco dai fallimenti o dai successi che ottiene e di non confondere sé stesso con le sue attività esterne.

Quando avremo eliminato questa confusione tra valore personale, opinioni ed approvazione altrui ed esiti delle nostre azioni saremo in grado di provare più amore verso noi stessi.

La verità è che tutti noi, grandi-piccoli, alti-bassi, grassi-magri, uomini-donne abbiamo lo stesso e identico valore; di questo dobbiamo prenderne atto perché è il primo passo per cominciare ad amarsi di più.

Tutti noi abbiamo lo stesso diritto di stare al mondo.. .perché c’è un posto al sole per tutti!

Amarsi vuol dire accettarsi per ciò che si è

Accettare sé stessi significa esprimere liberamente la propria personalità senza temere e farsi influenzare dal giudizio altrui. E’ importante, quindi, non fare qualcosa o comportarsi in certo modo solo perché gli altri vorrebbero così; in questo modo stiamo rifiutando ciò che siamo realmente, nascondendoci dietro comportamenti falsi che non ci appartengono.

Lo stesso vale quando cerchiamo di imitare qualcuno, il suo modo di fare o le sue scelte perché vediamo che sembra essere apprezzato più di noi. La nostra personalità è unica; certo, può capitare di avere lo stesso pensiero di un’altra persona o agire allo stesso modo di altri, ma è un errore cercare di falsificare il nostro vero essere per diventare la fotocopia di qualcun altro.

Accettiamoci, dunque, per quello che siamo, esprimendo sempre liberamente il nostro pensiero, così facendo diamo anche a chi ci sta accanto la possibilità di fare lo stesso. Se accettiamo noi stessi, anche gli altri ci accetteranno per quello che siamo.

Attenzione però, accettarsi non significa rassegnarsi! Non bisogna pensare: io sono fatto così, non ho niente di buono, ma mi accetto lo stesso! No, accettarsi vuol dire prendere consapevolezza dei propri pregi, delle proprie capacità e anche dei propri limiti e difetti e cercare sempre di migliorarsi.

L’accettazione è un atto di comprensione, amorevolezza e accoglienza della propria personalità in tutte le sue sfumature; riconosciamo, quindi, le nostre doti e cerchiamo di esaltarle, ma riconosciamo anche i nostri lati “negativi”, ciò che di noi vorremmo cambiare e proviamo a migliorarli.

Amarsi vuol dire rispettarsi

Il rispetto per sé stessi è un gesto assolutamente necessario che tutti dobbiamo adottare nei nostri confronti perchè ci permette di stare bene con noi stessi. Rispettarsi vuol dire scegliere sempre ciò che riteniamo giusto per il nostro benessere fisico ed emotivo. Questo significa non fare mai qualcosa che possa andare contro di noi, contro il nostro corpo, contro la nostra stabilità emotiva, contro i nostri valori e principi e, quindi, in generale contro la nostra personalità.

Una persona che rispetta sé stessa, e che quindi si ama, effettua anche le più piccole scelte mettendo al primo posto il proprio benessere; ciò non significa essere egoisti, in quanto ognuno di noi ha il sacrosanto diritto di scegliere ciò che più lo fa stare bene.

Molto spesso ci troviamo a fare qualcosa contro la nostra volontà o perché non riusciamo a dire di No oppure perché vogliamo compiacere qualcuno temendo un giudizio negativo su di noi. In entrambi i casi non ci stiamo rispettando, perché mettiamo in secondo piano il nostro benessere. Lo stesso vale anche per la negligenza nei confronti della propria salute; il fumo, l’alcool e tutto ciò che nuoce all’organismo sono gesti che dimostrano una forte mancanza di rispetto verso sé stessi e, conseguentemente, anche verso chi ci sta intorno.

Amarsi vuol dire stimarsi

La stima di sé è legata al modo in cui ciascuno vede, percepisce e giudica sé stesso; in pratica riguarda l’idea che ci facciamo di noi stessi e delle nostre capacità. Ognuno di noi forma il proprio concetto di sé sin da bambino; il tempo e le esperienze lo modificano durante la crescita. Quindi la stima di sé dipende anche molto dalle esperienze dell’infanzia e dalla fiducia nelle personali capacità che abbiamo acquisito nel tempo.

Amarsi significa avere un alto concetto di sé e credere, allo stesso tempo, nelle proprie capacità. Il concetto di sé si forma anche attraverso le opinioni esterne che funzionano come uno specchio nel quale ci vediamo riflessi; quindi spesso giudichiamo noi stessi in base a ciò che gli altri pensano di noi.

Chi ha una bassa autostima, e conseguentemente scarso amor proprio, non ha fiducia in sé stesso e teme costantemente di compiere azioni che posso essere giudicate negativamente dagli altri. Succede, così, che si ha una continua paura di sbagliare nell’esprimere i propri punti di vista o nel fare delle scelte temendo di non essere accettati. L’amore per sé stessi, al contrario, si manifesta quando, abbiamo costruito un’idea positiva della nostra personalità per cui non abbiamo paura di mostraci per quello che siamo.

La stima di sé ci aiuta ad affrontare al meglio tutte le circostanze in cui veniamo a contatto con gli altri come ad esempio un colloquio di lavoro oppure la conoscenza di nuove persone, perché in questi casi siamo consapevoli delle nostre capacità e non temiamo di essere giudicati negativamente; oppure, di fronte ad una critica, reagiamo in modo positivo avendo alla base una forte stima nei nostri confronti.

L’amore verso sé stessi, insomma, è il punto da cui dobbiamo partire per migliorare il rapporto con noi stessi e con gli altri e per affrontare tutti quei problemi che ci fanno sentire bloccati, insicuri e paurosi.

Riconoscere di non amarsi abbastanza è già un inizio, ma ci sono tante altre cose che possiamo fare per innamorarci di noi stessi…ma di questo ne parleremo prossimamente… di Ida Articolo sotto Licenza Creative Commons – Fonte http://vitalibera.it/

Amare Se Stessi: Guida e Consigli per Riuscirci

PER SAPERNE ANCORA DI PIÙ

  • Amare SE STESSI è il requisito L’amore per se stessi è una condizione che molti, soprattutto le persone di fede cristiana, hanno perso.
  • 10 modi per imparare ad amarsi  – Vi illustrerò alcune tecniche per imparare ad amare se stessi sperando di potervi aiutare a migliorare la vostra autostima.
  • Corso per Amare Te Stesso – 130 consigli per evolversi personalmente e accrescere l’autostima giorno per giorno
  • Le 12 regole per imparare ad amare – Un giovane discepolo andò dal saggio e gli disse: “Come si fa ad imparare ad amare?
  • Ama Te Stesso – Una guida pratica per capirsi e accettarsi, per vivere in armonia con se stessi e con gli altri, e riempire d’amore la propria vita.
  • Ti Amo Comunque –  La frase che trasformerà per sempre la tua vita
  • Wabi Sabi Love – Come trovare equilibrio e bellezza nell’amore (im)perfetto
  • Fiducia Totale –  Impara ad amarti per credere in te e trovare la felicità. Un compendio di saggezza antica e moderna per potenziare la nostra intelligenza emotiva.
Facebook Comments

I commenti sono chiusi.