10 comportamenti tipici delle persone miserabili

10 comportamenti tipici delle persone miserabili

Paul Watzlawick, uno psicologo austriaco, affermava che gli esseri umani hanno un talento innato per la tragedia. Lo dimostra nel suo libro “L’arte di amareggiarsi la vita“, nel quale illustra che trasformare la vita in una esperienza miserabile per noi e per chi ci sta intorno, è un duro lavoro a tempo pieno.

L’arte di rovinanrsi la vita è a portata di tutti

Attualmente esiste un imperativo che si può incontrare ovunque: godi. L’ansia per raggiungere la felicità ha raggiunto limiti insospettabili. Ma nonostante ciò, ci sono ancora persone che fanno di tutto per essere miserabili e amareggiarsi la vita. Infatti, se prestiamo loro attenzione noteremo che dedicano una quantità enorme d’energia per trasformarsi nei carnefici di se stessi.

L’immaginazione è il loro strumento più potente per trasformare la loro vita in un calvario. Tuttavia, dobbiamo prestare attenzione a questi comportamenti perché nessuno è esente dal cadere nella loro rete o iniziare ad amareggiarsi la vita senza rendersene conto.

1. Avere paura, di tutto il possibile e dell’impossibile

La paura è un sentimento normale che ha un ruolo adattativo perché ci protegge dal pericolo. Ma quando eleviamo il livello della paura smettiamo di vivere. Vivere costantemente nella paura non è vivere, è morire lentamente. Le persone miserabili si assicurano che tutto diventi una minaccia, così finiscono per vivere in una zona di comfort sempre più piccola.

2. Annoiarsi, fino alla nausea e oltre

Se vuoi che il tempo trascorra più lentamente e che ogni giorno conti, fai qualcosa di nuovo ogni giorno. Se desideri che le pagine del calendario volino, lasciati consumare dalla routine. La scelta migliore per rendere la vita miserabile è quella di fare sempre le stesse cose nello stesso modo, seguire la stesse routine anno dopo anno e chiudersi a tutto ciò che è nuovo. Queste persone hanno tutte le ragioni per lamentarsi, ma non si rendono conto che il muro intorno a loro l’hanno costruito esse stesse.

3. Deportare lo “stupirsi” e il “meravigliarsi” nel “paese del mai”

Non c’è niente che ci faccia sentire più vivi che la scoperta continua. Quando scopriamo qualcosa di nuovo il nostro cervello si attiva e siamo felici, soddisfatti ed euforici. Al contrario, le persone miserabili si circondano di un alone da “tuttologi”: nulla li stupisce, e ciò che stupisce gli altri è classificato come plagio di qualcosa che già esiste. Così, nella loro vita tutto diventa prevedibile, la loro esistenza è piena di noia perché hanno chiuso le porte per evitare che qualcosa di meraviglioso accada, per quanto piccolo.

4. Discutere per cose stupide, per il solo “piacere” di discutere

Per le persone miserabili, aver ragione è più importante che dialogare per trovare un accordo. È un problema difficile da gestire, soprattutto nei rapporti di coppia, perché queste persone si fissano nei dettagli per rovinarsi la giornata e, di conseguenza, rovinarla al partner. Il problema è che queste persone non discutono per cose importanti, né per difendere certi valori, ma si fanno prendere dall’euforia, aggrediscono ed è impossibile mantenere una discussione civile con loro.

5. Eliminare la parola “gratitudine” dal vocabolario

Queste persone hanno sviluppato una visione molto negativa del mondo, quindi non trovano alcun motivo per provare gratitudine. Non sono capaci di trovare qualcosa di positivo in ogni situazione, non si rendono conto di tutte le cose buone che hanno perché si concentrano solo sui fallimenti, gli errori e le debolezze. Pensano spesso che solo gli “stupidi” possano provare gratitudine e che il mondo è una valle di lacrime in cui non succede mai nulla di buono.

6. Lamentarsi di tutto e tutti

Dal momento che le persone miserabili non hanno motivo di sentirsi felici o grate, di solito si lamentano di tutto, diventano dei lamentatori cronici. Tanto la conversazione come il loro dialogo interiore si concentrano solo sulle cose negative che gli accadono. Si lamentano quando piove, ma anche quando c’è il sole, quando hanno un lavoro e quando lo perdono, quando vince la destra e quando vince la sinistra… In questo modo perdono molte buone opportunità perché vedono solo il lato negativo delle situazioni.

7. Il passato determina il presente, ad infinitum

Ciò che è successo in passato, si trascina tuttora nel presente. Queste persone riescono a fare l’impossibile per portare con sé il peso delle occasioni mancate, sprecate o ignorate. Ricordano addirittura i brutti voti ricevuti a scuola, anche se sono già passati 30 anni. Pensano che i “brutti ricordi sono per sempre”. Tuttavia, se il passato è stato migliore, allora pensano che non saranno mai più felici e si rassegnano a morire un po’ ogni giorno.

 Scopri Ho-Oponopono Occidentale
Offerte di oggi, Offerte lampo e Offerte in vetrina Scopri

8. Scegliere la versione peggiore di se stessi

Tutti noi abbiamo determinate caratteristiche della personalità che non ci facilitano la vita. Alcune persone hanno la tendenza ad essere ansiose, altre all’ossessività, la paranoia o l’ipocondria. Sono ciò che si conosce come “personalità accentuate”. La maggior parte delle persone cercano di compensare questi tratti e limitare i loro effetti, migliorando le altre caratteristiche positive. Le persone infelici, al contrario, le accentuano. Fanno di tutto per essere la versione peggiore di se stesse e lasciano che queste caratteristiche determinino la loro esistenza. Così possono dare per scontato che tutti i giorni della loro vita saranno negativi.

9. Diffidare degli altri come farebbe un “agente segreto” paranoico

“Nessun uomo è un’isola completa in se stesso”, disse Eduardo Galeano. Abbiamo bisogno degli altri, il contatto con gli altri ci apporta molti benefici, ma solo quando siamo in grado di mantenere relazioni interpersonali assertive. Le persone miserabili si assicurano che ciò non accada. Diffidano continuamente delle intenzioni degli altri e se si fa loro un favore o un complimento, pensano subito che ci sia una seconda intenzione, che vogliamo qualcosa o che si tratti di una forma velata di umiliazione. Le persone miserabili dipendono sempre da ciò che gli altri non dicono, piuttosto che da quello che dicono effettivamente. Ovviamente, in questo modo finiscono per restare sole. Così hanno un altro motivo per lamentarsi di quanto miserabile sia la loro vita.

10. Se tutto va male, la colpa è degli altri

Per vivere infelici, c’è un modo che non sbaglia mai: dare la colpa agli altri. Il problema è che se assumiamo la responsabilità significa che abbiamo anche la capacità di essere felici e di cambiare. Al contrario, le persone miserabili puntano il dito accusatore contro gli altri. Tutte le loro disgrazie sono sempre colpa degli altri: i genitori che non gli diedero la corretta educazione, aver avuto un figlio troppo presto, un padrone-despota sul lavoro, un partner sconsiderato o il politico di turno. Ogni capro espiatorio è buono. Ma non c’è niente di meglio per essere miserabili che l’odio gratuito.

Art. di Jennifer Delgado Suárez  – Condiviso da  Angolo della Psicologia

Jennifer Delgado Suárez. Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i libri di Jennifer Delgado Suárez

ARTICOLO CONSIGLIATO

L’arte di non Amareggiarsi La Vita  – Spesso ciò che ci fa stare male non sono gli avvenimenti esterni, ma il nostro modo di interpretare e giudicare quello che ci succede.

Dietro ogni emozione troppo negativa c’è un pensiero catastrofista che porta a drammatizzare e a considerare terribili anche cose che si potrebbero affrontare con serenità: soffriamo di “terribilite”.

I pensieri negativi sono spesso frutto di credenze irrazionali, prima fra tutte quella che per essere felici “abbiamo bisogno” di soddisfare una serie di requisiti: avere un partner, un lavoro, una casa di proprietà, una vita comoda, godere di buona salute…

Siamo esigenti con noi stessi, con gli altri e con la vita: soffriamo di “necessitite”.

Ricorrendo ad aneddoti ricavati dalla propria storia personale e dall’esperienza terapeutica, Rafael Santandreu ci mostra come, con l’aiuto della psicologia cognitiva, si può imparare a contrastare la “necessitite” e la “terribilite”, smettere di angosciarsi e raggiungere una soddisfacente stabilità emotiva.

L'arte di non Amareggiarsi La Vita
eBook - L'Arte di Non Amareggiarsi la Vita
Le chiavi del cambiamento psicologico attraverso la Terapia Cognitiva

RAFAEL SANTANDREU si è formato come psicologo alla scuola di Giorgio Nardone, nel Centro di Terapia Strategica di Arezzo. E’ impegnato nella formazione di medici e psicologi e nella divulgazione delle sue teorie attraverso media come la televisione e la rivista “Mente Sana”, della quale è stato caporedattore.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

Felice Se lo Vuoi – Scopri la tua forza emotiva. Per essere felici basta poco, occorre godere di ciò che si ha, evitando di crearsi falsi bisogni; l’importante è capire come si fa, e l’autore ce lo spiega passo per passo. Inutile negarlo, gli avvenimenti negativi esistono ma non bisogna farne una tragedia …

100 Modi per Cambiare Vita ed Essere Felici – Proposte, esperienze, riflessioni, link e contatti per un’esistenza più felice e a impatto zero. Per avere un punto di riferimento agile e pratico sulle diverse opzioni ed esperienze in grado di cambiare in meglio la nostra vita…

Liberati dai Manipolatori – Come disinnescare la loro influenza negativa e riconquistare l’indipendenza emotiva…

Lascia il tuo commento:
Ogni donazione ci sostiene nel nostro impegno di condivisione della conoscenza! Grazie per il tuo gesto d'amore.

Precedente Lavorare sulle emozioni Successivo Come Essere Felice nei Momenti Più Difficili